Domenica , 17 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Fidel Castro compie 85 anni 
È in uscita una sua 'biografia non consentita' scritta da Gordiano Lupi
12 Agosto 2011
 

Cinque giorni di festa per le strade dell’Avana, piene di eventi artistici per celebrare - sabato 13 agosto - gli 85 anni di Fidel Castro, al centro della scena politica cubana nonostante l’età e l’operazione subita nel 2006. «Rendiamo omaggio alla vita di un uomo, di un popolo e della Revolución, che ha regalato dignità, solidarietà alla storia dell’umanità», ha detto Alfredo Vera, direttore della fondazione responsabile degli eventi. Grande attesa domani per il concerto serenata de la fidelidad.

 

La rivoluzione cubana è la rivoluzione di Fidel Castro, un uomo che è stato capace di trasformare il suo paese in maniera radicale.

I cubani lo chiamano semplicemente Fidel, ma anche El Comandante, El Jefe Máximo, spesso utilizzano appellativi ironici come El Barba, El Fifo, El Caballo, El Uno, El Vianda, Esteban Dido, Armando Guerra, Luyanó, Migdalla, Obdulla, Maritza, El Coma Andante e Papá Noel

La vita privata di Fidel è un segreto per tutti, dicono che abbia avuto tante donne, che ami la buona tavola, che viva in una villa lussuosa superprotetta, che possieda isole private, barche e capitali custoditi all’estero. Fidel Castro, nel bene o nel male, resta un mito, l’incarnazione del ribelle anticonformista che con la sua barba incolta e il sigaro in bocca ha creato un’icona. Fidel Castro è un personaggio importante dell’America Latina, uno dei pochi ad aver resistito per cinquant’anni al potere, un uomo amato e odiato con la stessa forza, ma che ha lasciato un’impronta indelebile su Cuba, plasmandola a sua immagine e somiglianza.

Va chiarito però che Fidel Castro non è il prodotto delle guerre d’indipendenza e che la sua figura non rappresenta la prosecuzione delle idee di José Martí. Le lotte per la libertà di Cuba furono combattute per costruire un mondo diverso, non un regime guidato da un caudillo accentratore. José Martí era un democratico idealista, un intellettuale che amava ripetere il motto “essere colti per essere liberi”, un uomo che faceva dell’antiamericanismo la sua bandiera, ma solo per scopi libertari.

Fidel è sempre stato un brillante parlatore, un uomo erudito e colto. Oratore spigliato che esprimeva concetti importanti con proprietà di linguaggio, travolgente e coinvolgente con i suoi interlocutori. Un vero e proprio capo di grande personalità e magnetismo capace di ipnotizzare le masse e ricevere consensi. Possiamo avere opinioni negative o positive su di lui, ma sta di fatto che è un uomo carismatico dal coraggio non comune che ha compiuto imprese disperate e imprudenti. Non ha mai accettato la sconfitta, è sempre stato testardo fino alle estreme conseguenze e non si è mai dato per vinto. Non ha mai amato la disciplina, si è sempre sentito padrone di se stesso, non si è mai iscritto a un partito e non ha mai voluto sottostare a regole gerarchiche e formalismi. La sola persona che ha influenzato la sua indipendenza è stata Celia Sánchez, consulente rivoluzionaria, donna fidata e amante sulla Sierra. Fidel ha fatto innamorare di sé molti giornalisti e commentatori politici, fin dal 1959. Herbert Matthews ha scritto persino che Fidel disprezzava il denaro, non aveva capitali all’estero ed era il primo governatore onesto di Cuba. Niente di tutto questo è vero, come purtroppo sappiamo, ma forse era la speranza di un commentatore politico progressista che scriveva nel 1968. Fidel ha avuto un’educazione cattolica, ma in vita sua si è comportato nei modi più assurdi nei confronti dei culti religiosi, arrivando a vietarli dopo il trionfo della rivoluzione e rinchiudendo preti e santéros nelle famigerate UMAP (veri e propri lager per antisociali). In tempi recenti Fidel si è riavvicinato alla religione e la visita di Papa Giovanni Paolo II all’Avana ha rappresentato un evento storico. Fidel è sempre stato un pragmatico, ha sempre fatto ciò che più gli conveniva, plasmando idee e rapporti secondo le necessità del momento. Non è mai stato razzista, anzi ha contribuito a smussare il razzismo strisciante presente a Cuba. Fidel è sempre stato un grande fumatore di sigari e un uomo disordinato, anche se il rapporto con Celia ha contribuito a migliorarlo e l’ha portato a tenere comportamenti più ordinati. Non è mai stato un marxista ortodosso, la rivoluzione cubana è la sua rivoluzione, il movimento di pensiero nato dalla sua forte personalità di caudillo latinoamericano.

 

Gordiano Lupi

 

 

(tratto dal mio Fidel Castro. Biografia non autorizzata, A.Car, 2011 – in uscita a ottobre)


Articoli correlati

  Fonti cubane parlano di Fidel Castro in fin di vita
  A. Torreguitart Ruiz. Buon compleanno, Fidel!
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  “Fidel Castro vivrà 140 anni, nonostante la malattia”
  Fidel Castro? “È lucido e sta lavorando molto”
  L'Avana. Fidel in pubblico
  Gordiano Lupi. Muore Juan Almeida. Fidel Castro è ancora più solo
  Reinaldo Escobar. Il testamento politico di Fidel Castro
  Garrincha. Castroriflessioni
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  Fidel Castro moribondo?
  Reinaldo Escobar. L’ultima morte di Fidel Castro
  Carlos Alberto Montaner. Un anno senza Fidel
  Gordiano Lupi. Fidel Castro è vivo
  Gordiano Lupi. Della morte di Fidel
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il vecchio non tira il calzino
  Fidel Castro tra cinema e realtà
  Gordiano Lupi. Fidel Castro e le “Riflessioni” bonsai
  Ad agosto in uscita un nuovo libro di Fidel Castro
  CubaDebate pubblica foto recenti di Fidel Castro per smentire voci sulla sua morte
  Yoani Sánchez. Materia da cartomanti
  Miami. Feste per la morte di Castro?
  “Fidel Castro in fin di vita”. Ma è solo una voce diffusa su Twitter...
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Ottantasette e non li dimostra
  Pedro Argüelles Morán. León Profeta
  Wendy Guerra. Benvenuti nel capitalismo selvaggio
  Cuba. Riappare in pubblico Fidel Castro
  Dissidenti cubani e mistificazioni italiane
  Fidel Castro presenta le sue memorie
  Fidel vota alle elezioni cubane
  Wendy Guerra. Vivo all’Avana
  Gordiano Lupi. Maledetto sigaro (2000)
  Gordiano Lupi. Fidel Castro è vivo e vegeto
  Gordiano Lupi. Fidel Castro in delicato stato di salute: non tornerà ad apparire in pubblico
  Carlos Alberto Montaner. La nuova morte di Fidel Castro
  Omar Santana. Voci sulle condizioni di Fidel Castro
  Messaggi in bottiglia dall’isola dei non connessi
  Omar Santana. “Vado a tagliare la torta!”
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Fidel Castro è vivo e posa accanto a Lula
  Buon compleanno, Fidel!
  Fidel Castro non scrive e non parla
  Jardim. Halloween 2012
  Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
  Rafael Alcides. Teatro
  Omar Santana. Ottantotto
  Aspettando il 26 luglio. Parlerà Fidel o Raúl?
  Smentite nuove voci sulla morte di Fidel Castro
  Orlando Luís Pardo Lazo. Non siamo niente
  Gordiano Lupi. Perché scrivo poco di Cuba
  Gordiano Lupi. Altoforno spento
  Gordiano Lupi domani al Liceo Leonardo di Milano
  Gordiano Lupi presenta Yoani Sánchez all'Università di Pisa
  Gordiano Lupi
  Federico Fellini by Mediane. L'ultimo lavoro di Gordiano Lupi
  Lo scrittore toscano dell'anno 2011. Gordiano Lupi tra i vincitori
  Almeno il pane, Fidel
  Gordiano Lupi. Per non spegnere il nostro futuro
  “Yoani Sánchez. In attesa della primavera” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Lettera da lontano
  Marisa Cecchetti. Del “Miracolo a Piombino” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Il mio triste mondiale
  Gordiano Lupi. Storia della commedia sexy all'italiana
  I libri di Gordiano Lupi su Cuba a Miami
  Gordiano Lupi allo Speciale TG1 su Cuba. Domenica 23 alle ore 23
  Gordiano Lupi. Avana Killing
  Patrizia Garofalo. Le segrete del castello
  Gordiano Lupi. LA MIA AVANA
  In libreria Pierino contro tutti
  Gordiano Lupi. Il viaggio è un’avventura bianca e blu
  Gordiano Lupi. Piombino Leggendaria
  “Focus Cuba”. Al Carnevale di Castrovillari con William Navarrete e Gordiano Lupi
  Caffè Letterari a Reggio Emilia. Baraghini, Bianciardi, Lupi, Anelli e Bucciarelli
  Due, anzi tre, appuntamenti con Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino
  Alberto Figliolia. Calcio e acciaio di Gordiano Lupi
  Lettera di Yoani Sánchez, “intrappolata nella rete”, agli studenti di Cuneo
  Il cielo sopra Piombino
  Gordiano Lupi. Fernando di Leo e il suo cinema nero e perverso. Novità in libreria
  Gordiano Lupi. Lo scrittore sfigato
  Gordiano Lupi a Caserta per parlare di Cuba
  La situazione a Cuba e i blogger alternativi
  Gordiano Lupi. Sogno di primavera
  Vetrina/ Gordiano Lupi. Il sogno d’una cosa
  Gordiano Lupi al Camaiore 2014 (XXVI Premio letterario) con Stefania Sandrelli
  Gordiano Lupi. Una terribile eredità
  Patrizia Garofalo. Sono al fianco di chi si batte per la democrazia e la libertà
  Una terribile eredità. Gordiano Lupi in Campidoglio con Giovanni De Ficchy
  Spazio libreria, con Lupi e Micheletti, alla Festa Pd di Piombino
  Veleno. Dieci storie per non dormire
  Gordiano Lupi. I miei Mondiali
  Gordiano Lupi. Velina o Calciatore, altro che scrittore!
  Lupi su Cuba a Bologna. Aperitivo letterario venerdì alle 18
  “La nostra iniziativa è per una Cuba democratica, pluralista e libera”
  Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi. A proposito di Cuba. A Ferrara, Venerdì 19 settembre
  Yoani Sánchez. Lady, I love you
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Cor(ro)sivoTV/ Gordiano Lupi. Un tuttologo di nome Saviano
  Gordiano Lupi. San Giuseppe Artigiano
  Gordiano Lupi. L’Avana letteraria di un Infante defunto
  Gordiano Lupi. La morte di un padre
  “El otro paredón”, L’altro muro. Assassinio della reputazione a Cuba
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino. Storia di Marco e di un gabbiano
  Gordiano Lupi. Comunista? No, grazie
  Gordiano Lupi su Radio Rai Tre con “Cuba Magica”
  Un Cappuccetto rosso sangue. Un film che ricorda Joe D’Amato
  Marsiglia e L'Avana: luoghi dell'anima per due scrittori
  Gordiano Lupi. Un reduce, L'Avana, l'ambiguità del male
  Carlos Alberto Montaner. HAVANA REAL di Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, in attesa della primavera
  Gordiano Lupi. Cattive storie di provincia
  Gordiano Lupi e Sabina Marchesi. Coppie diaboliche
  Gordiano Lupi. Domani e Empoli, con Giusti e Guerri
  Gordiano Lupi. Ancora una volta febbraio
  Gordiano Lupi. Confesso che ho sbagliato
  Stefano Pacini e Gordiano Lupi. Mi Cuba
  Marcello Rotili. Autentico elegante romanzo della memoria
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy