Lunedì , 18 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. Calcio e acciaio di Gordiano Lupi
09 Marzo 2014
 

Campionato di calcio di serie B 1951-52, Piombino-Roma 3-1. La piccola città batte la capitale (per la prima e unica sua volta nella seconda divisione del football) o la provincia sconfigge l'impero. Fu l'apice di quella che era nata nel 1921 come Unione Sportiva Piombinese e che ora come Atletico Piombino milita nel torneo di Promozione. Alla fine di quella stagione il Piombino arrivò sesto, un risultato di tutto rispetto. Furono tre in totale i campionati disputati dall'équipe toscana fra i cadetti, poi la caduta o, meglio, un susseguirsi di discese, fino agli inferi della Seconda Categoria, e risalite.

Nerazzurri i colori del Piombino: neri come la notte, azzurri come il cielo. Nerazzurri come quelli da sempre indossati dall'Inter, in cui giocò da protagonista il piombinese Lido Vieri, classe 1939, un portiere di gran classe, prima al Toro del dopo Superga, poi alla Beneamata di Milano con la quale vinse lo scudetto Anno Domini 1971. E di Piombino era Aldo Agroppi, mediano del Torino e anche azzurro, giocatore di cuore e opinionista TV sanguigno, verace e onesto, forse troppo per l'ipocrita, talora, calcio nostrano.

Del luogo che fu pure Principato, della Piccola Populonia, della scaglia urbana che si protende nel Tirreno di fronte all'Elba e all'immenso blu, fra cielo e onde, della città che contiene nei suoi scrigni tesori quali la duecentesca Casa delle Bifore, la Concattedrale di Sant'Antimo, il Palazzo Comunale, la scenografia di Piazza Bovio et alia, è anche Gordiano Lupi, editore e scrittore di gran vaglia e talento, uno cui non fa certo difetto la facilità di scrittura e che, tuttavia, non è mai banale in ciò che concretizza e fa. Tutt'altro... Ne è prova e dimostrazione l'ultimo suo romanzo – il nostro spazia fra saggistica, narrativa, traduzioni e produzioni editoriali (con gran fiuto per la poesia ed estrema attenzione al tema dei diritti umani) – ossia Calcio e acciaio (pp. 196, Acar Edizioni, euro 12,50, 2014), sottotitolo Dimenticare Piombino. Ma dimenticare Piombino non si può... e Gordiano Lupi non lo fa confezionando una storia che è anche un genuino atto d'amore verso la propria città, di cui richiama situazioni emotive, siti e ricordi, dagli antichi e nostalgici riti dell'adolescenza, dalle fughe verso la spiaggia, alla durezza del lavoro nelle acciaierie, che stroncavano e, nel contempo, distribuivano occupazione nell'ambito della comunità. Dimenticare Piombino non è possibile neppure per Giovanni, il protagonista della vicenda, già calciatore di successo nell'Internazionale, partito dallo Stadio Magona per approdare al grande calcio e infine tornare, per amore e per scelta, ad allenare la squadra della sua città, quella degli esordi, quella del sentimento più profondo, quella delle radici.

Calcio e acciaio si dipana fra le urgenze e necessità del presente, stasi e stagnazioni comprese, e il carico dei ricordi, dolente e malinconico talvolta e talaltra rassicurante. C'è il centravanti marocchino Tarik, afflitto dalla nostalgia per la famiglia lontana, e Cinzia dalle occasioni perdute, il cinema Metropol e la poesia della ruggine dei cancelli del vecchio stadio, e ci sono le scogliere, il fumo, «gabbiani e colata continua, navi che attraversano il canale e finti tramonti dell'acciaieria», la calda frustata del vento, l'acqua che scivola sulla pelle al pari di impreviste memorie e scene ritornanti, i vuoti e i rimpianti, i gol fatti e quelli sbagliati, proprio come nella vita. «Pensieri che si rincorrono mentre lo scirocco devasta il promontorio. Soffia dal golfo di Follonica, investe Punta Falcone, lingua di diavolo adirato tra le scogliere. Giovanni scorge in lontananza lo sperone di roccia che ricorda la prua d'una nave. La scogliera impassibile di piazza Bovio, sconvolta dallo scirocco, come un volto invecchiato che sorride e dipinge visioni di case popolari affacciate sul mare. Giovanni si lascia spingere dal vento, scruta la quiete del borgo marinaro. Mentre il pensiero vola lontano, raccoglie il profumo del mirto e della felce, si posa sul lentisco e sui teneri cespugli di San Giuseppe. Sono le ferite del passato che non fanno dormire, gli anni lasciati al loro destino, le sconfitte. Quella di oggi non è la più bruciante, ma fa venire a galla le sconfitte di un'intera esistenza. Il calcio metafora della vita, vecchio discorso...» Un calciatore che pensa, ce n'è sempre bisogno.

Calcio e acciaio è un libro che piacerà a chi ama il calcio, ma non solo; sarà graditissimo a chi è di Piombino, ma non solo. Esso si muove fra più livelli, fra particolare e universale, fra locale e globale, in quell'intrico e intrigo che le nostre esistenze sono, pagine scritte e ancora e sempre da riempire, fra stupore e meraviglia, fra dedizione e rispetto.

Il volume è, inoltre, corredato da una serie di splendide foto in bianco e nero, opera di Riccardo, fratello di Gordiano. Ciminiere e fughe di nubi, pini marittimi e tramonti che accendono il cuore, vecchie case e verdi campi di gioco, polvere e scintillii, ombre e riflessi, geometrie architettoniche e profili di isole come volti perduti nella galleria del tempo, edifici industriali e onde...

«Un gabbiano ritardatario si ricongiunge col branco che sta volando sopra il mare, mentre la sirena dello stabilimento chiama gli operai al lavoro e apre il turno pomeridiano. Giovanni sa che le acciaierie sono in crisi, uomini e donne rischiano di restare senza lavoro, senza una speranza per il futuro, privi di quel posto fisso che è stato il sogno del nonno e del padre. Il mondo che il vecchio allenatore ha conosciuto sta scomparendo giorno dopo giorno. Il calcio è l'ultima certezza della sua vita, non è più il calcio che l'ha convinto a sfidare l'ignoto, ma in fondo la lotta domenicale è scontro fisico, agonismo, rabbia, persino commozione. Tutto questo fa parte della sua passione, immodificabile, eterna, indistruttibile, che l'ha portato a credere di poter continuare a sognare, proprio come diceva il nonno». Credere di poter continuare a sognare... la chiave di volta, forse, dei nostri giorni.

 

Alberto Figliolia



Articoli correlati

  Gordiano Lupi. Altoforno spento
  Il Foglio letterario, Estate 2016
  Gordiano Lupi. Per non spegnere il nostro futuro
  Gordiano Lupi. Piombino Leggendaria
  Raccontare Piombino
  Gordiano Lupi. Perché scrivo poco di Cuba
  “Focus Cuba”. Al Carnevale di Castrovillari con William Navarrete e Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi
  Federico Fellini by Mediane. L'ultimo lavoro di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi su Radio Rai Tre con “Cuba Magica”
  Almeno il pane, Fidel
  “Yoani Sánchez. In attesa della primavera” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Lettera da lontano
  Marisa Cecchetti. Del “Miracolo a Piombino” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Il mio triste mondiale
  Gordiano Lupi. Storia della commedia sexy all'italiana
  Gordiano Lupi al Camaiore 2014 (XXVI Premio letterario) con Stefania Sandrelli
  Gordiano Lupi domani al Liceo Leonardo di Milano
  I libri di Gordiano Lupi su Cuba a Miami
  Gordiano Lupi allo Speciale TG1 su Cuba. Domenica 23 alle ore 23
  Patrizia Garofalo. Le segrete del castello
  Fidel Castro compie 85 anni
  In libreria Pierino contro tutti
  Gordiano Lupi. Il viaggio è un’avventura bianca e blu
  Gordiano Lupi presenta Yoani Sánchez all'Università di Pisa
  Caffè Letterari a Reggio Emilia. Baraghini, Bianciardi, Lupi, Anelli e Bucciarelli
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino
  Lettera di Yoani Sánchez, “intrappolata nella rete”, agli studenti di Cuneo
  Il cielo sopra Piombino
  Gordiano Lupi. Fernando di Leo e il suo cinema nero e perverso. Novità in libreria
  Gordiano Lupi. Lo scrittore sfigato
  Gordiano Lupi a Caserta per parlare di Cuba
  Gordiano Lupi. Ancora una volta febbraio
  La situazione a Cuba e i blogger alternativi
  Gordiano Lupi. Sogno di primavera
  Gordiano Lupi. Avana Killing
  Gordiano Lupi. Una terribile eredità
  Patrizia Garofalo. Sono al fianco di chi si batte per la democrazia e la libertà
  Due, anzi tre, appuntamenti con Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Domani e Empoli, con Giusti e Guerri
  Una terribile eredità. Gordiano Lupi in Campidoglio con Giovanni De Ficchy
  Spazio libreria, con Lupi e Micheletti, alla Festa Pd di Piombino
  Veleno. Dieci storie per non dormire
  Gordiano Lupi. I miei Mondiali
  Vetrina/ Gordiano Lupi. Il sogno d’una cosa
  Gordiano Lupi. LA MIA AVANA
  Gordiano Lupi. Velina o Calciatore, altro che scrittore!
  Lupi su Cuba a Bologna. Aperitivo letterario venerdì alle 18
  “La nostra iniziativa è per una Cuba democratica, pluralista e libera”
  Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi. A proposito di Cuba. A Ferrara, Venerdì 19 settembre
  Yoani Sánchez. Lady, I love you
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Cor(ro)sivoTV/ Gordiano Lupi. Un tuttologo di nome Saviano
  Gordiano Lupi. San Giuseppe Artigiano
  Gordiano Lupi. L’Avana letteraria di un Infante defunto
  Gordiano Lupi. La morte di un padre
  “El otro paredón”, L’altro muro. Assassinio della reputazione a Cuba
  Lo scrittore toscano dell'anno 2011. Gordiano Lupi tra i vincitori
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino. Storia di Marco e di un gabbiano
  Gordiano Lupi. Comunista? No, grazie
  Un Cappuccetto rosso sangue. Un film che ricorda Joe D’Amato
  Marsiglia e L'Avana: luoghi dell'anima per due scrittori
  Gordiano Lupi. Un reduce, L'Avana, l'ambiguità del male
  Omar Santana. Voci sulle condizioni di Fidel Castro
  Carlos Alberto Montaner. HAVANA REAL di Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, in attesa della primavera
  Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
  Gordiano Lupi. Cattive storie di provincia
  Gordiano Lupi e Sabina Marchesi. Coppie diaboliche
  Gordiano Lupi. Confesso che ho sbagliato
  Stefano Pacini e Gordiano Lupi. Mi Cuba
  Marcello Rotili. Autentico elegante romanzo della memoria
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy