Lunedì , 18 Dicembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Cuba prima della rivoluzione
17 Agosto 2012
 

Cuba è la zuccheriera del mondo, come disse Cristoforo Colombo è “la terra più bella che occhio umano abbia mai contemplato”, dal suolo fertile con i sigari fantastici, uno dei luoghi migliori per vivere. Cuba è stata un possedimento spagnolo per quattrocento lunghi anni, caratterizzati da malgoverno, ruberie e violenza. I conquistatori hanno sterminato gli indios al punto che oggi i cubani sono soltanto spagnoli, neri, creoli o mulatti. I cubani lottano da sempre per la loro indipendenza, le tappe fondamentali sono state la guerra dei dieci anni (1868 - 1878), l’insurrezione di José Martí (1895) e la guerra ispano - americana (1898). L’aiuto dei nordamericani contro gli spagnoli viene ritenuto determinante da molti storici, ma Castro ha sempre sostenuto che non servirono a niente, vennero soltanto a raccogliere i manghi maturi. Il trattato di pace di Parigi (1898) segnò la nascita della nuova Cuba, ma l’emendamento Platt (1901) - che sanciva il diritto dei nordamericani di intervenire a Cuba a tutela dei loro interessi - trasformò per quasi mezzo secolo l’isola in una colonia economica degli Stati Uniti. Il fattore più umiliante fu che l’emendamento Platt venne inserito nella Costituzione cubana, che riconosceva il diritto di intervento nordamericano a tutela dell’indipendenza cubana (art. 3). L’art. 7 della Costituzione sancì la nascita della base navale di Guantanamo come enclave statunitense sull’isola, che venne affittata agli Stati Uniti per le loro necessità. L’emendamento Platt è stato abrogato nel 1934, ma la base di Guantanamo è ancora nordamericana ed è stata utilizzata spesso come prigione politica. Gli Stati Uniti sono sempre stati contrari a una vera e propria indipendenza cubana, anche se non hanno mai voluto annettere l’isola.

José Martí predicava una politica di indipendenza sia dalla Spagna che dagli Stati Uniti ed è soltanto per questo elemento che le sue idee assomigliano a quelle di Fidel Castro. Martí è stato il Lincoln cubano, l’apostolo dell’indipendenza, come idee politiche molto vicino al nostro Giuseppe Mazzini. Martí era riuscito a unire i cubani, impresa oltremodo difficile, vista la perenne litigiosità di questo popolo, non era un leader politico, ma un letterato che divenne un simbolo dopo la morte in battaglia, il 19 maggio 1895, contro gli spagnoli.

Fidel Castro si iscrisse all’università in un periodo storico caratterizzato dalla rilettura delle opere di Martí e fu lui il primo ad affermare di essersi formato al suo idealismo. Fidel non leggeva Marx e Lenin, ma i libri di Martí, pure se dal suo insegnamento ha appreso solo gli elementi formali non certo la sostanza politica. La Cuba di oggi non ha niente a che spartire con il popolo colto e libero che l’apostolo aveva idealizzato. Fidel ha sempre avuto in comune con Martí l’odio nei confronti dei nordamericani, perché il padre della patria diceva: “Sono stato nel mostro e ne conosco le viscere”, riferendosi agli Stati Uniti. In tutto questo giocava un ruolo importante l’atteggiamento nordamericano che ha sempre considerato Cuba e buona parte del Caribe come una sua estrema propaggine. Cuba era un’appendice naturale, un mare nostrum da sfruttare, un’idea che i cubani non potevano sopportare. Gli Stati Uniti pensavano di aver sottratto l’isola alla dominazione spagnola per poterla assoggettare ai loro scopi economici. I presidenti della Repubblica Cubana sono stati sempre fantocci nelle mani dei nordamericani. Gerardo Machado ricoprì la carica dal 1924 al 1928, non fu né peggiore né migliore di altri, ma alla fine del mandato instaurò una dittatura sotto la protezione statunitense. Machado fu deposto dall’esercito nel 1932 e dopo questa ribellione salì al potere il sergente Fulgencio Batista, che diventò prima colonnello, poi capo di stato maggiore e infine Presidente della Repubblica Cubana dal 1940 al 1944. Fu sotto il suo governo che Cuba divenne il regno della corruzione e la mecca del gangsterismo.

La politica cubana era diretta da una classe dirigente composta da ex combattenti, banchieri, proprietari terrieri, militari, uomini d’affari e professionisti. La politica era strutturata come un sistema di favoritismi, pensata come un modo per arricchirsi e per guadagnare potere personale, non certo per fare gli interessi del popolo. Agli Stati Uniti stava bene così, perché il ruolo dei politici era quello di proteggere i loro interessi, permettendo il sistematico arricchimento delle imprese nordamericane. Il regime imposto da Fulgencio Batista generò una reazione rivoluzionaria diffusa, sia per l’ingordigia dei governanti che per la violenza della polizia. Il governo era indifferente alle necessità della popolazione che chiedeva istruzione, sanità, case e giustizia sociale. Le sole aperture democratiche si erano avute con Grau San Martín e Prío Socarrás, ma sia Machado che Batista avevano dato vita a regimi illiberali e dispotici. L’economia cubana era saldamente nelle mani di imprenditori statunitensi che possedevano enormi latifondi e grandi piantagioni di canna da zucchero. Lo zucchero - monocoltura dell’isola saldamente in mani statunitensi - creò sfruttatori e sfruttati, schiavi e padroni, proprietari e massari, ma anche lo schiavismo negro. Il tabacco era la ricchezza della classe borghese, ma era nelle mani di grandi proprietari che venivano dagli Stati Uniti oppure di ricchi cubani. Il problema di Cuba era la sua non indipendenza economica, visto che poteva dirsi soltanto la zuccheriera e il luogo di vacanza degli statunitensi. Cuba non era un paese sottosviluppato, ma era economicamente dipendente dal capitale straniero. “Il mostruoso vicino” non era ben visto dai cubani che volevano essere davvero indipendenti invece di farsi governare da uomini corrotti.

La rivoluzione cubana si inserì in un substrato sociale antiyankee che chiedeva giustizia, fine del razzismo e attenzione alle istanze popolari. L’anticomunismo nordamericano fece il resto quando trionfò la rivoluzione e Fidel Castro scelse il marxismo - leninismo.

La rivoluzione cubana nacque da un sentimento antibatistiano diffuso in ogni strato della popolazione e fu proprio il golpe dell’ex sergente mulatto a fornire il pretesto per l’azione di Fidel. La ribellione sfociò nell’assalto alla Caserma Moncada del 26 luglio 1953, primo sollevamento popolare contro un regime corrotto e marcio che aveva prodotto un capo di Stato golpista come Batista. Fidel era l’uomo adatto per incarnare tutte le istanze rivoluzionarie.

Prima della rivoluzione a Cuba c’erano le classi sociali, esistevano borghesia, aristocrazia terriera e popolo minuto. La rivoluzione spazzò via tutto, sostituendo alle classi sociali i membri del partito e il popolo, sotto il partito esisteva soltanto una classe bassa. La classe alta del passato era composta per lo più da bianchi, proprietari terrieri, uomini d’affari, funzionari del governo, militari, politici e professionisti. Neri e mulatti non sono stati segregati e limitati, ma non hanno mai ricoperto incarichi di responsabilità. A Cuba non c’è mai stato un razzismo di tipo nordamericano e sudafricano, ma solo un sentimento razzista strisciante. Gli abitanti delle campagne tiravano avanti in condizioni misere, guajiros o campesinos che fossero, le loro case erano bohíos, capanne con tetti di foglie di palma e pavimenti in terra. I segnali di progresso economico erano inesistenti e l’analfabetismo toccava livelli di guardia. Il reddito medio pro capite era di cinquecento dollari all’anno, una media non cattiva rispetto al resto dell’America centro-meridionale, ma il livello di disoccupazione era piuttosto alto. In campagna si mangiavano riso, piselli, banane e radici, senza carne, uova, pesce e latte, mentre le condizioni igieniche erano pessime, le case prive di luce e con pochissimi servizi sanitari. In città abbondavano le bidonvilles, la piaga del sottoproletariato era una triste realtà, il popolo mancava di cibo e lavoro, ma in compenso la terra era inutilizzata e non si costruivano fabbriche. La rivoluzione venne fatta dal ceto medio, come sempre accade non sono le masse a dettare cambiamenti radicali e a sollevarsi, ma la borghesia, le classi colte che incarnano le esigenze di rivolta. Adesso le condizioni cubane sono simili, ma non esiste una classe media, perché Fidel Castro l’ha distrutta, i borghesi sono all’estero o in condizione di non nuocere.

Nel 1944 Batista si fece da parte, perché era giunta la fine del mandato. Presero il suo posto Ramon Grau San Martín e Carlos Prío Socarrás, esponenti del Partito Autentico, il Partito della Rivoluzione Cubana, che promise la riforma agraria ma non provò neppure a farla. Otto anni di Partito Autentico al potere produssero un aumento della corruzione e della concussione. Eduardo Chibás uscì dal Partito Autentico e fondò il Partito del Popolo Cubano, detto Partito Ortodosso, che poco a poco divenne un’importante forza politica. Nel 1951 Chibás si suicidò in diretta radiofonica sparandosi un colpo di pistola allo stomaco e denunciando la corruzione dilagante. Era il 1952 quando Fidel Castro si presentò alle elezioni nelle liste del Partito Ortodosso, ma il 10 marzo 1953 arrivò il colpo di Stato di Batista che mise da parte Prío Socarrás. Fu dopo questo rapido susseguirsi di eventi che Fidel Castro organizzò l’assalto alla caserma Moncada messo in atto il 26 luglio 1956.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Miami. Muore suicida lo storico cubano Carlos Ripoll
  Gordiano Lupi. Omaggio per i Centosessanta anni dalla nascita di José Martí
  LE POESIE DI UN UOMO SINCERO
  José Martí. Il gambero incantato
  José Martí. Bebé e il signor Don Pomposo
  Rinasce il Partito Rivoluzionario Cubano?
  Fidel Castro non scrive e non parla
  Garrincha. Frode accademica
  Wendy Guerra. La letteratura cubana è una sola
  Gordiano Lupi. Cuba realizza il primo cartone animato in 3D
  Ad agosto in uscita un nuovo libro di Fidel Castro
  Leonardo Antonio Mesa Suero. La voglia di essere cubano
  A. Torreguitart Ruiz. Buon compleanno, Fidel!
  “Fidel Castro in fin di vita”. Ma è solo una voce diffusa su Twitter...
  Gordiano Lupi. Fidel Castro è vivo
  Gordiano Lupi. Muore Juan Almeida. Fidel Castro è ancora più solo
  Reinaldo Escobar. Il testamento politico di Fidel Castro
  Cuba. Riappare in pubblico Fidel Castro
  Yoani Sánchez. Cuba sopravvive a Fidel Castro
  “Fidel Castro vivrà 140 anni, nonostante la malattia”
  Fidel Castro compie 85 anni
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Fonti cubane parlano di Fidel Castro in fin di vita
  Reinaldo Escobar. L’ultima morte di Fidel Castro
  Fidel Castro è vivo e posa accanto a Lula
  Orlando Luís Pardo Lazo. Non siamo niente
  Carlos Alberto Montaner. Un anno senza Fidel
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il vecchio non tira il calzino
  Fidel Castro tra cinema e realtà
  Gordiano Lupi. Fidel Castro e le “Riflessioni” bonsai
  CubaDebate pubblica foto recenti di Fidel Castro per smentire voci sulla sua morte
  Yoani Sánchez. Materia da cartomanti
  Miami. Feste per la morte di Castro?
  Garrincha. Castroriflessioni
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Ottantasette e non li dimostra
  Pedro Argüelles Morán. León Profeta
  Fidel Castro? “È lucido e sta lavorando molto”
  Wendy Guerra. Benvenuti nel capitalismo selvaggio
  Fidel Castro moribondo?
  Gordiano Lupi. Della morte di Fidel
  Dissidenti cubani e mistificazioni italiane
  Fidel Castro presenta le sue memorie
  Fidel vota alle elezioni cubane
  Wendy Guerra. Vivo all’Avana
  Gordiano Lupi. Maledetto sigaro (2000)
  Gordiano Lupi. Fidel Castro è vivo e vegeto
  Gordiano Lupi. Fidel Castro in delicato stato di salute: non tornerà ad apparire in pubblico
  Carlos Alberto Montaner. La nuova morte di Fidel Castro
  L'Avana. Fidel in pubblico
  Messaggi in bottiglia dall’isola dei non connessi
  Omar Santana. “Vado a tagliare la torta!”
  Yoani Sánchez. Populismo alla cubana: conquiste, minacce e leadership
  Omar Santana. Voci sulle condizioni di Fidel Castro
  Buon compleanno, Fidel!
  Jardim. Halloween 2012
  Rafael Alcides. Teatro
  Omar Santana. Ottantotto
  Aspettando il 26 luglio. Parlerà Fidel o Raúl?
  Smentite nuove voci sulla morte di Fidel Castro
  Gordiano Lupi. Perché scrivo poco di Cuba
  “Focus Cuba”. Al Carnevale di Castrovillari con William Navarrete e Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Altoforno spento
  Gordiano Lupi
  Federico Fellini by Mediane. L'ultimo lavoro di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi su Radio Rai Tre con “Cuba Magica”
  Almeno il pane, Fidel
  Gordiano Lupi. Per non spegnere il nostro futuro
  “Yoani Sánchez. In attesa della primavera” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Lettera da lontano
  Marisa Cecchetti. Del “Miracolo a Piombino” di Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. Il mio triste mondiale
  Gordiano Lupi. Storia della commedia sexy all'italiana
  Vetrina/ Gordiano Lupi. Il sogno d’una cosa
  Gordiano Lupi al Camaiore 2014 (XXVI Premio letterario) con Stefania Sandrelli
  Gordiano Lupi domani al Liceo Leonardo di Milano
  I libri di Gordiano Lupi su Cuba a Miami
  Gordiano Lupi allo Speciale TG1 su Cuba. Domenica 23 alle ore 23
  Patrizia Garofalo. Le segrete del castello
  In libreria Pierino contro tutti
  Gordiano Lupi. Il viaggio è un’avventura bianca e blu
  Gordiano Lupi presenta Yoani Sánchez all'Università di Pisa
  Caffè Letterari a Reggio Emilia. Baraghini, Bianciardi, Lupi, Anelli e Bucciarelli
  Gordiano Lupi, por la democracia para Cuba
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino
  Alberto Figliolia. Calcio e acciaio di Gordiano Lupi
  Lettera di Yoani Sánchez, “intrappolata nella rete”, agli studenti di Cuneo
  Il cielo sopra Piombino
  Gordiano Lupi. Fernando di Leo e il suo cinema nero e perverso. Novità in libreria
  Gordiano Lupi. Lo scrittore sfigato
  Gordiano Lupi a Caserta per parlare di Cuba
  Gordiano Lupi. Ancora una volta febbraio
  La situazione a Cuba e i blogger alternativi
  Gordiano Lupi. Sogno di primavera
  Gordiano Lupi. Piombino Leggendaria
  Gordiano Lupi. Avana Killing
  Gordiano Lupi. Una terribile eredità
  Patrizia Garofalo. Sono al fianco di chi si batte per la democrazia e la libertà
  Due, anzi tre, appuntamenti con Gordiano Lupi
  Gordiano Lupi. LA MIA AVANA
  Gordiano Lupi. Domani e Empoli, con Giusti e Guerri
  Una terribile eredità. Gordiano Lupi in Campidoglio con Giovanni De Ficchy
  Spazio libreria, con Lupi e Micheletti, alla Festa Pd di Piombino
  Veleno. Dieci storie per non dormire
  Gordiano Lupi. I miei Mondiali
  Gordiano Lupi. Velina o Calciatore, altro che scrittore!
  Lupi su Cuba a Bologna. Aperitivo letterario venerdì alle 18
  “La nostra iniziativa è per una Cuba democratica, pluralista e libera”
  Patrizia Garofalo e Gordiano Lupi. A proposito di Cuba. A Ferrara, Venerdì 19 settembre
  Yoani Sánchez. Lady, I love you
  Oltre i muri: da Cuba al Medio Oriente. La sfida per la democrazia
  Cor(ro)sivoTV/ Gordiano Lupi. Un tuttologo di nome Saviano
  Gordiano Lupi. San Giuseppe Artigiano
  Gordiano Lupi. L’Avana letteraria di un Infante defunto
  Gordiano Lupi. La morte di un padre
  “El otro paredón”, L’altro muro. Assassinio della reputazione a Cuba
  Lo scrittore toscano dell'anno 2011. Gordiano Lupi tra i vincitori
  Gordiano Lupi. Miracolo a Piombino. Storia di Marco e di un gabbiano
  Gordiano Lupi. Comunista? No, grazie
  Un Cappuccetto rosso sangue. Un film che ricorda Joe D’Amato
  Marsiglia e L'Avana: luoghi dell'anima per due scrittori
  Gordiano Lupi. Un reduce, L'Avana, l'ambiguità del male
  Carlos Alberto Montaner. HAVANA REAL di Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, in attesa della primavera
  Gordiano Lupi. Cattive storie di provincia
  Gordiano Lupi e Sabina Marchesi. Coppie diaboliche
  Gordiano Lupi. Confesso che ho sbagliato
  Stefano Pacini e Gordiano Lupi. Mi Cuba
  Marcello Rotili. Autentico elegante romanzo della memoria
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.9%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy