Domenica , 08 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gino Songini. Una gita con Berlusconi 
Dove si racconta di una traversata avventurosa tra le cime delle Alpi Retiche, tra barzellette e strapiombi. Con incubo finale
01 Luglio 2011
 

Finalmente il macchinone blindato arrivò sulla piazza del paese, senza altre auto al seguito. L'illustre personaggio aveva scelto di viaggiare in incognito per compiere finalmente quella grande camminata tra le Alpi Retiche per la quale si stava preparando da tempo. Si trattava di percorrere il famoso “sentiero Roma”, una marcia di due o tre giorni da un rifugio all'altro a una quota tra i duemilacinquecento e i tremila metri, camminando, come dice la canzone, “tra le rocce e tra i ghiacciai”. Berlusconi si era allenato con cura per affrontare l'impegnativo percorso, e a tale scopo si era recato nei fine settimana in Val d'Aosta, dove le guide locali lo avevano accompagnato in lunghe scarpinate intorno al massiccio del Monte Bianco. Nessun problema di allenamento dunque, nonostante l'età avanzata e le notti di Arcore movimentate dal bunga bunga.

Io rimanevo scettico e non ero affatto convinto che quell'uomo anziano e sovrappeso riuscisse a effettuare un percorso così duro, che oltretutto presenta anche qualche passaggio piuttosto pericoloso. Ma perché il Comune aveva designato proprio me come accompagnatore? Non c'erano le guide, locali e non, che avrebbero ben potuto assolvere a tale compito?

Devi andare tu, per diverse ragioni – mi aveva detto il Sindaco. – Intanto conosci il percorso quanto le guide e poi sei in grado di rappresentare la Valle nel migliore dei modi, dal momento che ne conosci le caratteristiche ambientali, storiche e geografiche. Tu tra queste montagne sei nato e cresciuto.

Su quest'ultimo punto non c'era da obiettare, mentre sul resto della sviolinata si poteva discutere.

Guarda Sindaco, il Popi Miotti, il Merizzi Jacopo e il Rampichino conoscono la Valle metro per metro e sono guide alpine di assoluto valore. Manda uno di loro ad accompagnare il Presidente del Consiglio. Io non me la sento.

Mi dispiace, ma ho già dato il tuo nome, quindi il discorso è chiuso. Il Presidente vuole viaggiare in incognito, accompagnato da una sola persona, e quella persona sei tu. Sono certo che non ci farai fare brutta figura.

Di fronte a tali perentorie affermazioni non me la sentii di discutere ancora.

Quel giorno dunque Berlusconi arrivò, salutò velocemente il Sindaco e i pochi presenti sulla piazza e senza perdere tempo ordinò all'autista di avviarsi nella direzione indicata dall'accompagnatore-guida (cioè il sottoscritto). Con la potente Audi blindata raggiungemmo Valbiore, dove la grande frana interrompe da decenni la strada, e di lì proseguimmo a piedi verso Predarossa. Con mia grande sorpresa vidi che Berlusconi, nonostante l'età e il fisico sovrappeso, camminava spedito, soltanto lamentandosi di tanto in tanto delle asperità del sentiero che in effetti appariva disastrato in molti punti. Da parte mia pensavo che mi era toccato un compito assai sgradevole (dico la verità: avrei accompagnato più volentieri Monica Bellucci), vista la mia antipatia per il personaggio. Un'antipatia di vecchia data, nota e dichiarata urbi et orbi, che precede qualsiasi valutazione politica o ideologica, un'antipatia ad personam consolidata e accresciuta nel tempo e che ha la sua origine, almeno così penso, in una totale incompatibilità di carattere tra me e l'uomo di Arcore. Ben presto mi accorsi che la cosa era reciproca perché Berlusconi non tardò a manifestare insofferenza nei miei confronti. Sia che parlassi sia che tacessi capivo di non andargli proprio a genio, almeno quanto lui non andava a genio a me. Questione di pelle, si suol dire. Tuttavia si trattava, da parte mia, di fare buon viso a cattivo gioco, dal momento che mi ero assunto la responsabilità di guidarlo attraverso le montagne della Valle, e poi, pensavo, un ospite va sempre trattato con rispetto e cortesia. E lui da parte sua mascherava egregiamente il disagio raccontandomi ogni tanto qualcuna delle sue barzellette che più che procurarmi buonumore producevano in me rabbia e dispetto. Ma perché quell'uomo raccontava tante cavolate? Oltretutto a noi valligiani le barzellette non piacciono un granché anche perché la nostra tradizione orale più autentica, nata d'inverno intorno ai camini in pietra delle vecchie case e d'estate tra i muri delle baite disperse sulle montagne è fatta di aneddoti, di memorie, di racconti d'amore e di dolore, di storie allegre e di storie paurose, ma non di barzellette.

Dico questo per rimarcare quanto mi desse fastidio quell'uomo anziano, per di più capo del Governo di uno paese tra i più importanti d'Europa, che invece di avvertire il peso delle sue responsabilità o almeno di ammirare il paesaggio che gli si apriva davanti, si divertiva a raccontare le sue storielle, alcune anche piuttosto indecorose per non dire indecenti.

Il mio ruolo di accompagnatore mi impediva in ogni caso manifestazioni di insofferenza o parole meno che garbate.

Gino, abbi pazienza, – dicevo a me stesso – ricorda che l'ospite va trattato con rispetto e cortesia.

Tuttavia sentivo che la rabbia cresceva dentro di me. E poi mi infastidì non poco la sua inattesa richiesta, fatta in maniera apparentemente cortese ma sostanzialmente insolente, di cambiare percorso e di aggirare la montagna dalla parte opposta rispetto a quella verso la quale eravamo diretti. Mi rassegnai ad acconsentire non senza avvisarlo che da quella parte avremmo incontrato difficoltà impreviste e forse saremmo andati incontro a spiacevoli sorprese. Niente da fare: bisognava fare come voleva lui. Non potevo dire di no a un Presidente del Consiglio, ma a quel punto mi accorsi che l'antipatia si stava trasformando in qualcosa di peggio, in un sentimento tenebroso di avversione che fino a quel momento non avevo provato ma che saliva dentro di me come una nebbia che mi offuscava la vista e mi impediva di vedere lo splendore della montagna.

Ormai avevamo raggiunto le baite abbandonate della Piezza e fu lì che l'ometto di Arcore attaccò con l'ennesima barzelletta.

Lascialo dire, – dicevo a me stesso – anche questa Via Crucis finirà. Tra qualche giorno avrai dimenticato tutto.

Camminando tra le sterpaglie eravamo giunti sopra le pareti che dalla Piezza cadono perpendicolari fino a Visido di Dentro, pareti sulle quali Bartolomeo Sertori, la famosa guida alpina di Filorera, andava e veniva ai suoi tempi sospeso nel vuoto come un aquilone. Di lassù una volta un asino, che si era spinto troppo avanti per brucare un ciuffo di erba tormentina, era precipitato nell'abisso volando nell'aria come volerebbe un tavolo caduto da un grattacielo. La povera bestia si era trovata nel vuoto con la schiena in basso e le zampe rivolte verso l'altro e le donne che falciavano l'erba sulle cenge vicine l'avevano visto precipitare sfiorando appena le rocce della grande parete. Volando nel cielo della Valle il povero asino aveva ragliato sonoramente – Hi-oh!, hi-ho!, hi-oh! – prima di sfracellarsi in basso, sui massi di Visido di Dentro. Forse quei ragli erano il suo saluto alla vita che stava lasciando.

Dicevo che eravamo giunti sopra le pareti dove un tempo andava e veniva a piedi nudi Bartolomeo Sertori e il Berlusca stava appunto raccontando la sua centesima barzelletta. Si trattava di una storiella che sulla bocca di quel vecchio stonava come una campana rotta.

Basta, – dissi tra me – è il momento di rompere gli indugi. Questo è il punto migliore per buttarlo di sotto e mettere fine a questo incubo.

Ma un'altra voce si fece subito sentire dentro di me: – Ricorda che tradire l'ospite è l'azione più indegna che un uomo possa compiere. Se sei un uomo non puoi fare questo.

Tanto bastò per ridurmi a più miti consigli. Ricordai che anche Dante aveva posto i traditori dell'ospite sul fondo dell'inferno, proprio vicino al principe delle tenebre. No, non avrei mai potuto compiere un simile delitto.

Camminavamo dunque proprio sopra lo strapiombo. Un'aria fredda saliva dal basso e ci avvolgeva come un turbine. Sta scritto nella Bibbia: l'abisso chiama l'abisso. Improvvisamente, senza che ne avessi intuito le intenzioni, il Berlusca mi diede una spinta violenta per farmi cadere nel baratro. Istintivamente mi afferrai a lui trascinandolo con me nel precipizio. E mentre andavamo giù in quel vuoto che non finiva mai, pensavo che non mi dispiaceva tanto morire quanto morire in sua compagnia. Così abbandonai la presa sforzandomi di andare a cadere lontano da lui che invece era finito proprio nel punto dove si era una volta sfracellato l'asino troppo goloso di erba tormentina. Se non altro avevo la soddisfazione di morire un po' distante da quell'indisponente narratore di barzellette e, credetemi, non era una soddisfazione da poco.

Allorché andai a mia volta a sbattere contro le rocce mi svegliai di colpo, non senza dare un involontario calcio a mia moglie che dormiva tranquilla al mio fianco.

Che c'è? – mi disse svegliandosi.

Niente, stavo sognando una bella donna – le dissi tanto per dire qualcosa.

E dai, sei sempre il solito – rispose lei sorridendo (ma non più di tanto).


Gino Songini

(da 'l Gazetin, maggio 2011)


Foto allegate

Articoli correlati

  Renato Pierri. Rassegnazione nel Dna
  Gigi Fioravanti / Marco Lombardi. Una ballata e una nenia per questi nostri tristi giorni
  Valter Vecellio. Berlusconi al “Foglio”. C’è qualcosa di più grave del “reato di cena privata”...
  Lidia Menapace. Quel benefattore di Berlusconi
  Carlo Forin. Il porcile
  Rosario Amico Roxas. Avvertimento al PD
  Elsa Morante. Come ogni mimo, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare
  Primo Mastrantoni. Tasse e Berlusconi al Parlamento
  Caso Ruby. Uovo di Colombo: Perché non abbassare la maggiore età?
  Luigi Fioravanti. Il vero scandalo
  Rosario Amico Roxas. Due discorsi per due uomini
  Gianni Somigli. La international pole position di sua poca altezza e quasi santità (santo subito!) con raccolta di firme incorporata
  Claudia Osmetti. Processo Mediaset: Non si vive di solo (anti)berlusconismo
  History of Italy (opinione inglese)
  Veronica Tussi. Un sogno 'originato' da recenti scandalose vicende
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Gino Songini. Mentre i cardinali tacciono
  Rosario Amico Roxas. La vittoria di Pirro
  Rosario Amico Roxas. Il cavaliere e “La Perdonanza”
  Paolo Diodati. La solitudine del numero uno
  Valter Vecellio. Pensieri “spettinati”. Tra indecenza e volgarità
  Marco Pannella. La mia lettera a Beppe Grillo
  Proprio l’8 Marzo?
  Un appello dei “ragazzi di don Milani”
  Martina Simonini. Tre o quattro pillole per il 2013
  Martina Simonini. È tempo che ciascuno ci metta del suo
  Valter Vecellio. Berlusconi, il paese di “merda” e tutti gli altri...
  Veronica Tussi. Le amare considerazioni di Alessio
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Jardim. Il gondoliere ('El Nuevo Herald', Miami 04/02/2011)
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  “Papi” sul Gazetin di giugno
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  Rosario Amico Roxas. Nel pieno della simonia
  Valter Vecellio. La situazione: calma. È caos
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Lidia Menapace. Mai sopravvalutare Berlusconi...
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Renato Pierri. Il senso del ridicolo
  Valter Vecellio. Berlusconi in pensione? Chissà. Forse
  Alessandra Borsetti Venier. Lettera di Elvira Dones a Berlusconi
  Garrincha. Berluscó
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
  Nicola Vacca. Il basso impero del berlusconismo
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Renato Pierri. Una cosa mi consola
  Maria G. Di Rienzo. Differenze
  Rosario Amico Roxas. Le forze del male e il cavaliere
  Marco Cipollini: E diamoglielo il Nobel per la pace a Berlusconi!
  Giannelli. Settennato
  Enrico Peyretti. Va cacciato
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 7
  Rosario Amico Roxas. Ma non è un purosangue, è solo un brocco in disarmo
  Maria G. Di Rienzo: C'è riscatto nella voce
  Paolo Farinella. Senza la profezia, rimane la complicità
  Valter Vecellio. “Il baratto” di Michele De Lucia
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Maolori
  Claudio Forleo. Le dame e il Cavaliere
  “Noi Siamo Chiesa” sul profondo malessere determinato dal nuovo scandalo
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Annapaola Laldi. Il dito di Bossi, le corna e le carinerie di Berlusconi e il 5 in condotta
  Valter Vecellio. Più che le parole di Berlusconi, quello che “pesa” è il silenzio di tanti alleati
  Rosario Amico Roxas. Quanto costa il Nobel per la Pace?
  Valter Vecellio. Può essere che Berlusconi invecchi male… ma forse c’è un metodo nella sua “follia”
  Gino Songini. L'abbiamo scampata bella
  Gino Songini. Non ci resta che piangere
  Gino Songini. Una guerra mondiale “a pezzi”
  Gino Songini. «Somos todos americanos»
  Gino Songini. Brevi note sulla pittura e sulla musica.
  Gino Songini. Zibaldone estivo
  Scuola e Diritti. “Se i meccanici sabotano i motori, l’aereo precipita!”
  Gino Songini. Elogio del lavoro manuale
  Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare
  Vetrina/ Gino Songini. Lettera al “Che”
  Gino Songini. “Se un paese è l'aereo, la scuola è il suo motore”*
  Vetrina/ Gino Songini. In morte di Nelson Mandela
  Gino Songini. Gli esami non finiscono mai
  Gino Songini. A cosa può servire una interminabile crisi
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Gino Songini. Nella giungla informatica, tra felici scoperte e trappole insidiose
  Gino Songini. NO e ancora NO ai reati di opinione
  Gino Songini. Dalla villa di Arcore a quella di Sant'Ilario, da un pifferaio a un altro
  Gino Songini. Beati coloro che possiedono certezze e verità
  Gino Songini. Le crisi come le ciliegie: una tira l'altra
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy