Mercoledì , 05 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paolo Diodati. La solitudine del numero uno 
Al nostro Presidente, moderno Re Mida: invito all’autoironia
07 Settembre 2009
 

Caro Presidente,

in tutta sincerità: di fronte alla tanto discussa solitudine dei numeri primi gemelli, a cui si è ispirato Paolo Giordano, la sua solitudine in questo periodo spingerebbe a parlare di solitudine assoluta del numero uno. In solitudine in una certa sfera affettiva, forse la più importante, la si vorrebbe rattristato e casto. Un suo incontro galante o amoroso spinge anche i ghibellini a chiedere interventi del Vaticano ancora più chiari nel condannarla. Braccato, spiato, contattato, illuso e raggirato da chi sfrutta un suo contatto, per averne un ritorno in danaro o in immagine. Insomma, attualmente credo che nessuno vorrebbe trovarsi nella situazione in cui si trova lei.

Sono tra gli italiani che le riconoscono, a prescindere dalla condivisibilità delle sue idee e azioni, i pregi della comunicativa, del calore umano e della simpatia. Sappia che sostenere questa innocente ovvietà mi procura, nell’ambiente iper-intellettuale in cui lavoro, oltre ai comuni inviti ad andare a fare quella cosa là, i più virulenti accidenti, accomunandomi a lei, nell’augurio di passare al più presto possibile a miglior vita. Migliore, si fa per dire, perché è ovvio dove: all’inferno.

Tra le doti che riconosco lei abbia spesso, sempre tra tante contestazioni, c’è quella dell’auto-ironia.

Ebbene, veniamo al dunque. Leggendo le dichiarazioni dell’avv. Ghedini sul Corriere, come strascico anche della famosa e incredibile esternazione (per quel che ne penso, veda Veronica e l’astronave, su TF), ci accingeremmo ad avere i resoconti di un processo in cui si dovrà dimostrare che lei è perfettamente funzionante dal punto di vista sessuale. Lei avrà tutte le attenuanti per reagire alle informazioni pecorecce di alcuni giornali, ma la prego: risparmi a lei, a noi tutti, un simile processo. Diventerebbe uno dei più famosi e ridicoli della storia. L’accusa e la difesa potrebbero esibire centinaia di escort disposte a dire tutto e il contrario di tutto. Con il rischio concreto di tirare in ballo la rigidometria.

Ricordo che in una classifica sul rendimento sessuale, al primo posto c’erano i macellai, all’ultimo gli universitari che non avevano fatto carriera. Lei se la batterà ancora con i macellai ma, signor Presidente, magari a 100 anni, si troverà a dover rispondere ancora una volta alla domanda: “Come va con le donne?” Mi permetto di consigliarle di prevenire sarcasmi, battute e nuovi processi, senza aspettare i 100 anni, ricorrendo all’autoironia. Ecco il consiglio.

 

«Come va con le donne? Se proprio vuole saperlo» dovrebbe spiegare «mi consenta una risposta non secca e un po’ velata, dato l’argomento. Al termine di una delle famose cene di lavoro, musica e poesia, dopo l’ultimo brindisi, mi avvicino alla donna, in genere la più bella, con cui ho già stabilito quel particolare feeling, quel intesa ambigua ed eccitante fatta di sorrisi, occhiate, splendidi preliminari anticamera di una delle più grandi gioie che ci ha regalato la Natura, e le chiedo, con aria ammiccante: “Gradisce un po’ di stracchino?” E lei, sbalordita: “Come, Presidente, dopo questa abboffata storica, i digestivi messicani e i superdigestivi dei frati camaldolesi, Lei mi offre lo stracchino?” E io, sfoderando uno dei miei migliori e famosi sorrisi, con l’aggiunta d’un malandrino occhiolino: “Alludo al mio stracchino…”. “Certosa?” “A volte… - con aria contrita - Certosino…”.* “Ah, che sogno, Presidente, allora certo che sì!” E qui, il culmine dell’autoironia. “Se le piace lo stracchino, ma veramente stracchino… la farò morire!”»


Questa la risposta da dare, spiritosa e, prima o poi, assolutamente realistica.

Oggi, domenica 6 settembre 2009, il Corriere riporta la sua speranza di essere ricordato come giusto e bravo. Nell’essere giusto, dovrebbe rientrarci anche l’essere saggio… Sia saggio. Questa auto-ironia o simili, Presidente, dovrebbe usarla adesso, subito, chiudendo per sempre un argomento al quale dovrebbe essere riservata la maggiore riservatezza, evitando un processo boccaccesco, pecoreccio, surreale, umiliante, degradante.


Paolo Diodati



* Curiosità su Certosa e Certosino.


Articoli correlati

  Lidia Menapace. Quel benefattore di Berlusconi
  Renato Pierri. Una cosa mi consola
  Lidia Menapace. Mai sopravvalutare Berlusconi...
  Veronica Tussi. Un sogno 'originato' da recenti scandalose vicende
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Carlo Forin. Il porcile
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Rosario Amico Roxas. La vittoria di Pirro
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Renato Pierri. Rassegnazione nel Dna
  Rosario Amico Roxas. Il cavaliere e “La Perdonanza”
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Gianni Somigli. La international pole position di sua poca altezza e quasi santità (santo subito!) con raccolta di firme incorporata
  Valter Vecellio. Berlusconi in pensione? Chissà. Forse
  Claudia Osmetti. Processo Mediaset: Non si vive di solo (anti)berlusconismo
  Valter Vecellio. “Il baratto” di Michele De Lucia
  Renato Pierri. Il senso del ridicolo
  Marco Pannella. La mia lettera a Beppe Grillo
  Caso Ruby. Uovo di Colombo: Perché non abbassare la maggiore età?
  Valter Vecellio. Più che le parole di Berlusconi, quello che “pesa” è il silenzio di tanti alleati
  Un appello dei “ragazzi di don Milani”
  “Noi Siamo Chiesa” sul profondo malessere determinato dal nuovo scandalo
  Claudio Forleo. Le dame e il Cavaliere
  History of Italy (opinione inglese)
  “Papi” sul Gazetin di giugno
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Rosario Amico Roxas. Nel pieno della simonia
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 7
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
  Elsa Morante. Come ogni mimo, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare
  Veronica Tussi. Le amare considerazioni di Alessio
  Martina Simonini. Tre o quattro pillole per il 2013
  Annapaola Laldi. Il dito di Bossi, le corna e le carinerie di Berlusconi e il 5 in condotta
  Valter Vecellio. Berlusconi al “Foglio”. C’è qualcosa di più grave del “reato di cena privata”...
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Valter Vecellio. Pensieri “spettinati”. Tra indecenza e volgarità
  Garrincha. Berluscó
  Maria G. Di Rienzo. Differenze
  Valter Vecellio. La situazione: calma. È caos
  Gigi Fioravanti / Marco Lombardi. Una ballata e una nenia per questi nostri tristi giorni
  Rosario Amico Roxas. Due discorsi per due uomini
  Primo Mastrantoni. Tasse e Berlusconi al Parlamento
  Nicola Vacca. Il basso impero del berlusconismo
  Marco Cipollini: E diamoglielo il Nobel per la pace a Berlusconi!
  Valter Vecellio. Berlusconi, il paese di “merda” e tutti gli altri...
  Proprio l’8 Marzo?
  Rosario Amico Roxas. Le forze del male e il cavaliere
  Giannelli. Settennato
  Martina Simonini. È tempo che ciascuno ci metta del suo
  Rosario Amico Roxas. Ma non è un purosangue, è solo un brocco in disarmo
  Maria G. Di Rienzo: C'è riscatto nella voce
  Enrico Peyretti. Va cacciato
  Jardim. Il gondoliere ('El Nuevo Herald', Miami 04/02/2011)
  Maolori
  Rosario Amico Roxas. Avvertimento al PD
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Alessandra Borsetti Venier. Lettera di Elvira Dones a Berlusconi
  Gino Songini. Mentre i cardinali tacciono
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Rosario Amico Roxas. Quanto costa il Nobel per la Pace?
  Valter Vecellio. Può essere che Berlusconi invecchi male… ma forse c’è un metodo nella sua “follia”
  Luigi Fioravanti. Il vero scandalo
  Paolo Farinella. Senza la profezia, rimane la complicità
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 35 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy