Mercoledì , 29 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianni Somigli. La international pole position di sua poca altezza e quasi santità (santo subito!) con raccolta di firme incorporata
24 Luglio 2009
 

È complicato, qualche volta, ammettere la verità. Perché spesso, nella nostra misera condizione umana, le riflessioni e ciò che pensiamo, diciamo, crediamo (e in qualche caso, scriviamo) partono da posizioni date, precostituite.

È complicato spogliarsi di tali gabbie concettuali e ammettere la verità. Ma, anche se con giganteschi sforzi, possiamo provarci. Ci possiamo riuscire, soprattutto quando la verità, una e mai trina, è sotto gli occhi di tutti. Facciamo un esempio.


Da anni, circa quindici, ci sentiamo dire che grazie a Berlusconi la politica estera dell’Italia è indiscutibilmente... Indiscutibilmente... Indiscutibilmente. Punto. Quando ascoltiamo queste cose, ci sono quelli che dicono che è vero e quelli che dicono che non è vero. E nella quasi totalità dei casi, lo dicono a prescindere. Chi lo ama, lo segue; chi lo odia, lo insegue.

L’ultimo G8, dicono, è servito a rilanciare l’Italia nel mondo dopo un piccolo “stop”, causato solo da campagne diffamatorie di giornali eversivi. Il G8 un gran successo. L’avrete sentito dire da qualche parte.

L’internazionale rilancio immaginario, nel senso dell’immagine (ci mancherebbe) di Silvio Berlusconi (che non è “il Paese”, dovremmo chiarire questo punto una volta per tutte, a meno che Berlusconi non abbia rubato il borsellino al premier giapponese ultimamente viste le reazioni) viene consacrato in modo ufficiale nientemeno che da uno dei blog più seguiti e importanti del mondo:l'Huffington Post.

Il blog rilancia la fulgida immagine di Silvio Berlusconi, avvalorando così ciò che, fino ad ora, era stato sostenuto con forza soprattutto da due persone: Silvio Berlusconi e un ubriaco che ho conosciuto due giorni fa a un bar di periferia. Sul secondo però non potrei giurarci, ero cotto anche io sapete.

Il glorioso e influente Huffington Post non solo consacra il livello mondiale di Berlusconi. Non si limita a questo, nient’affatto. Infatti, il sito mi inserisce il Berlusconi nella top ten dei leader di tutti i paesi del pianeta Terra.

Solo che la top ten riguarda i peggiori leader del mondo.


Questa specialissima Hall of INFAME annovera persone simpatiche et amabilissime nonché modelli di democraticità. Vi si trovano personaggi come Omar Al Bashir, dittatore sudanese ricercato per crimini di guerra e contro l’umanità nel Darfur; l’Ayatollah Ali Khameini, tanto di moda finché non ha vietato ogni tipo di comunicazione col mondo esterno al fine di sterminare chiunque chieda un refolo appena accennato di libertà in Iran; il bellicoso Kim Jong II, coreano del nord che ce l’ha contro il sud e contro il mondo intero (modello politico in voga anche da noi, anche se Jong evita di evocare riti celtici e dei fiumi. La serietà è importante in politica. Là.); il vecchio ma sempre valido evergreen Gheddafi; quel simpaticone di Mugabe. Insomma, la crema della crema. E in mezzo alla crema, Berlusconi.

L’Huffington Post in Italia lo leggeranno, che so, dieci persone. Nel resto del mondo svariati milioni. Quindi, questa notizia non apparirà mai sui vostri schermi e, praticamente, non esisterà mai. Ma quando vi verranno a raccontare che “a Silvio ci vogliono tutti tanto bene”, che “hai visto a Silvio che lo scherzano tutti perché sono tutti amici”, che i giornali mondiali sono strumentalizzati. Che la stella italiana brilla nel panorama internazionale. Ecco: credeteci, perché è così. È tutto vero. Parlano tutti di noi.


PS: si ricorda ai signori lettori che abbiamo anche un ministro degli Esteri, noto per la tempestività con cui annuncia notizie importantissime che puntualmente nel giro di due giorni avvengono, ma al contrario, e per le sue “donne” dalla discutibile strapponeria. Invidioso del successo del suo Capo, non si sa a quale titolo, il ministro ha parlato di giornalisti che hanno pagato le prostitute per dire bugie. Bisogna pensare, quindi, che il ministro sia a conoscenza di argomenti che ai più sfuggono. No! Non ho detto che conosce bene gli argomenti “prostitute” e “bugie”. Screanzati e malpensanti che non siete altro.


PS’: pe’ esse’ santi, prima si deve schiantà. Santo subito!


PS”: si raccolgono firme per avviare e accelerare la causa di santificazione presso le sedi opportune. aderisci anche tu... è una giusta causa!!!


Gianni Somigli


Articoli correlati

  Gigi Fioravanti / Marco Lombardi. Una ballata e una nenia per questi nostri tristi giorni
  Luigi Fioravanti. Il vero scandalo
  Valter Vecellio. “Il baratto” di Michele De Lucia
  Un appello dei “ragazzi di don Milani”
  Caso Ruby. Uovo di Colombo: Perché non abbassare la maggiore età?
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 7
  Alessandra Borsetti Venier. Lettera di Elvira Dones a Berlusconi
  Proprio l’8 Marzo?
  Renato Pierri. Una cosa mi consola
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Claudia Osmetti. Processo Mediaset: Non si vive di solo (anti)berlusconismo
  History of Italy (opinione inglese)
  Renato Pierri. Il senso del ridicolo
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Valter Vecellio. Berlusconi al “Foglio”. C’è qualcosa di più grave del “reato di cena privata”...
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
  Paolo Diodati. La solitudine del numero uno
  Gino Songini. Mentre i cardinali tacciono
  Valter Vecellio. Pensieri “spettinati”. Tra indecenza e volgarità
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
  “Noi Siamo Chiesa” sul profondo malessere determinato dal nuovo scandalo
  Martina Simonini. Tre o quattro pillole per il 2013
  Martina Simonini. È tempo che ciascuno ci metta del suo
  Valter Vecellio. Berlusconi, il paese di “merda” e tutti gli altri...
  Lidia Menapace. Mai sopravvalutare Berlusconi...
  Rosario Amico Roxas. Il cavaliere e “La Perdonanza”
  Lidia Menapace. Quel benefattore di Berlusconi
  Veronica Tussi. Le amare considerazioni di Alessio
  Rosario Amico Roxas. La vittoria di Pirro
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  “Papi” sul Gazetin di giugno
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Primo Mastrantoni. Tasse e Berlusconi al Parlamento
  Rosario Amico Roxas. Due discorsi per due uomini
  Veronica Tussi. Un sogno 'originato' da recenti scandalose vicende
  Maria G. Di Rienzo. Differenze
  Valter Vecellio. La situazione: calma. È caos
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Garrincha. Berluscó
  Valter Vecellio. Berlusconi in pensione? Chissà. Forse
  Nicola Vacca. Il basso impero del berlusconismo
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Rosario Amico Roxas. Le forze del male e il cavaliere
  Marco Cipollini: E diamoglielo il Nobel per la pace a Berlusconi!
  Giannelli. Settennato
  Enrico Peyretti. Va cacciato
  Rosario Amico Roxas. Ma non è un purosangue, è solo un brocco in disarmo
  Renato Pierri. Rassegnazione nel Dna
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Maria G. Di Rienzo: C'è riscatto nella voce
  Maolori
  Claudio Forleo. Le dame e il Cavaliere
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Annapaola Laldi. Il dito di Bossi, le corna e le carinerie di Berlusconi e il 5 in condotta
  Valter Vecellio. Più che le parole di Berlusconi, quello che “pesa” è il silenzio di tanti alleati
  Rosario Amico Roxas. Quanto costa il Nobel per la Pace?
  Carlo Forin. Il porcile
  Paolo Farinella. Senza la profezia, rimane la complicità
  Rosario Amico Roxas. Avvertimento al PD
  Valter Vecellio. Può essere che Berlusconi invecchi male… ma forse c’è un metodo nella sua “follia”
  Jardim. Il gondoliere ('El Nuevo Herald', Miami 04/02/2011)
  Marco Pannella. La mia lettera a Beppe Grillo
  Elsa Morante. Come ogni mimo, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare
  Rosario Amico Roxas. Nel pieno della simonia
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy