Domenica , 09 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Può essere che Berlusconi invecchi male… ma forse c’è un metodo nella sua “follia”
07 Dicembre 2012
 

Può benissimo essere, come dicono ormai apertamente tanti esponenti del PdL, che Silvio Berlusconi sia invecchiato male. Anzi è probabile, potremmo dire quasi certo. Ormai non si contano più le “bizzarrie” berlusconesche, e se per un primo momento potevano divertire qualcuno, ed essere accolte con bonaria condiscendenza, ora non v’è nessuno che non ammetta che si tratta di un qualcosa a cavallo tra il patetico e il ridicolo.

Può benissimo essere, anzi è probabile; quasi certo. Del resto se uno si fa “consigliare” da una corte dei miracoli in cui spicca per acume e senso politico un personaggio come Daniela Santanchè; se accade che un Guido Crosetto ammetta tutto il suo scoramento, e sconsolato riconosca di non saper più cosa si può dire fare; se gli zelanti e solerti impiegati dell’“autentica interpretazione” del dire e del fare del “Capo” non sanno letteralmente che pesci pigliare, perché il “Capo” li contraddice e smentisce se stesso sette volte settanta al giorno…; se tutto questo è vero, come è vero, e accade come accade, allora molto se non tutto si spiega.

È vero: i sondaggi, anche quelli personali e ritenuti “sicuri”, diagnosticano per il PdL una sorta di accanimento terapeutico; se il gradimento nei confronti della persona Berlusconi cala a picco; se ormai “meno male che Silvio c’è” viene percepito come lo spot ridicolo che è, una via di mezzo tra le celebrazioni ai vari rais prima che fossero spazzati dalle primavere arabe, e un omaggio che forse viene tributato ai dignitari del regime solo in Corea del Nord…; tutto questo è vero… Però è altrettanto vero che Berlusconi non ne può più di quel cascame ex Alleanza Nazionale che si ritrova tra i piedi. Non sa che farsene, e anzi li detesta di tutto cuore i vari Maurizio Gasparri e Ignazio La Russa: che si tolgano dai piedi, che spariscano, è il sogno di queste settimane… C’è poi il lavoro ai fianchi che gli fa la Lega di Roberto Maroni alleata nientemeno che con l’odiato ex ministro delle Finanze Giulio Tremonti; ci sono i vecchi democristiani che mordono il freno… C’è Alfano, e ormai da un momento all’altro si attende il grido: “Tu quoque Angiolino, fili mi”…

Se questa è la situazione, si capisce allora che Berlusconi a un certo punto abbia pensato che l’unica carta in mano sia quella di fare strike, e far saltare il banco: in modo, per esempio, che la legge elettorale resti la maialata concepita da Roberto Calderoli; cosicché un sinedrio di qualche decina di persone abbia di nuovo la possibilità di “nominare” deputati e senatori; e questo sta bene a tutti, e il presidente Napolitano se ne faccia una ragione, che oltretutto non è neppure affar suo…

Insomma, possono esserci tanti buoni (si fa per dire: buoni per lui) motivi per aver indotto Berlusconi a giocare la carta calata in queste ore. Forse, il tutto, si tradurrà in un semplice ridurre il danno; forse così riuscirà a raccogliere parte dello scontento moderato che il governo Monti produce e alimenta… Forse ci crede veramente, e non si rende conto che se per i tecnici il momento magico è finito, per lui la campana è suonata da tempo, e farebbe bene a seguire i consigli dell’amico Flavio Briatore…

Resta il regime: che non è solo Berlusconi (ne è “semplicemente” uno degli anelli, l’ultimo, che morde e stringe, ma è una catena); resta l’analisi radicale: il libro “giallo” sulla peste italiana che inquina e avvelena l’Italia e l’Europa; c’è una continuità, garantita anche – e grazie – ai sedicenti “discontinui”. Restano temi come giustizia e legalità, con i loro nodi irrisolti, e le questioni lasciate colpevolmente incancrenire. Un regime che soffoca, produce violenza e morti. È da qui che tocca partire e cominciare. Ma per tornare al fango e alla melma: chissà, forse c’è del metodo nella follia berlusconesca. Forse la ciambella non verrà col proverbiale buco, ma non è detto che non ne esca qualcosa di commestibile (per lui, beninteso).

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 7 dicembre 2012)


Articoli correlati

  Rosario Amico Roxas. Avvertimento al PD
  Valter Vecellio. Pensieri “spettinati”. Tra indecenza e volgarità
  Gianni Somigli. La international pole position di sua poca altezza e quasi santità (santo subito!) con raccolta di firme incorporata
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Primo Mastrantoni. Tasse e Berlusconi al Parlamento
  Valter Vecellio. Berlusconi in pensione? Chissà. Forse
  Claudia Osmetti. Processo Mediaset: Non si vive di solo (anti)berlusconismo
  Renato Pierri. Il senso del ridicolo
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Valter Vecellio. “Il baratto” di Michele De Lucia
  Carlo Forin. Il porcile
  Marco Pannella. La mia lettera a Beppe Grillo
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Lidia Menapace. Mai sopravvalutare Berlusconi...
  Valter Vecellio. Più che le parole di Berlusconi, quello che “pesa” è il silenzio di tanti alleati
  Un appello dei “ragazzi di don Milani”
  “Noi Siamo Chiesa” sul profondo malessere determinato dal nuovo scandalo
  Claudio Forleo. Le dame e il Cavaliere
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Maria G. Di Rienzo. Differenze
  History of Italy (opinione inglese)
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  “Papi” sul Gazetin di giugno
  Elsa Morante. Come ogni mimo, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare
  Rosario Amico Roxas. Nel pieno della simonia
  Proprio l’8 Marzo?
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Renato Pierri. Una cosa mi consola
  Lidia Menapace. Quel benefattore di Berlusconi
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 7
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
  Veronica Tussi. Le amare considerazioni di Alessio
  Martina Simonini. Tre o quattro pillole per il 2013
  Annapaola Laldi. Il dito di Bossi, le corna e le carinerie di Berlusconi e il 5 in condotta
  Valter Vecellio. Berlusconi al “Foglio”. C’è qualcosa di più grave del “reato di cena privata”...
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Paolo Diodati. La solitudine del numero uno
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Garrincha. Berluscó
  Rosario Amico Roxas. Il cavaliere e “La Perdonanza”
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Valter Vecellio. La situazione: calma. È caos
  Gigi Fioravanti / Marco Lombardi. Una ballata e una nenia per questi nostri tristi giorni
  Rosario Amico Roxas. Due discorsi per due uomini
  Luigi Fioravanti. Il vero scandalo
  Nicola Vacca. Il basso impero del berlusconismo
  Marco Cipollini: E diamoglielo il Nobel per la pace a Berlusconi!
  Valter Vecellio. Berlusconi, il paese di “merda” e tutti gli altri...
  Rosario Amico Roxas. Le forze del male e il cavaliere
  Giannelli. Settennato
  Martina Simonini. È tempo che ciascuno ci metta del suo
  Rosario Amico Roxas. Ma non è un purosangue, è solo un brocco in disarmo
  Caso Ruby. Uovo di Colombo: Perché non abbassare la maggiore età?
  Maria G. Di Rienzo: C'è riscatto nella voce
  Veronica Tussi. Un sogno 'originato' da recenti scandalose vicende
  Enrico Peyretti. Va cacciato
  Jardim. Il gondoliere ('El Nuevo Herald', Miami 04/02/2011)
  Renato Pierri. Rassegnazione nel Dna
  Maolori
  Alessandra Borsetti Venier. Lettera di Elvira Dones a Berlusconi
  Gino Songini. Mentre i cardinali tacciono
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Rosario Amico Roxas. Quanto costa il Nobel per la Pace?
  Rosario Amico Roxas. La vittoria di Pirro
  Paolo Farinella. Senza la profezia, rimane la complicità
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy