Sabato , 14 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. La situazione: calma. È caos
07 Novembre 2009
 

Il presidente del Consiglio, pare, risponde finalmente alle “dieci” domande. Lo fa, come d’abitudine, nel “salotto”, questa volta di carta, di Bruno Vespa, del cui libro non si sa più cos’altro ci sia da leggere, centellinato com’è stato via agenzia di stampa, giorno dopo giorno, per un mese. Come usa dire il fidato Nicolò Ghedini? “Mavalà!”. Ci ha messo tutti questi mesi per venirci a dire, nuovamente, che con la minorenne Noemi non ha avuto rapporti? Bene, se Berlusconi lo dice, per un attimo crediamolo. I rapporti, inevitabilmente, si spostano sul padre. Dal momento che sulla natura di questa conoscenza e di questa amicalità si sono lette una quantità di versioni, tra loro opposte e contrastanti, toccherà ora capire come mai il signor Letizia fosse nella disponibilità del numero di portatile privato del presidente del Consiglio; come mai discutesse con lui di possibili candidature; come ne fosse diventato amico; perché, come mai si sia precipitato alla festa della figlia…

 

Raccontano che il sorriso del presidente del Consiglio sia sempre più forzato e tirato. Si capisce: non si può comportare come vorrebbe, e si trova imbrigliato da mille fili che lo paralizzano: un Gulliver della politica ostaggio dei suoi stessi amici e alleati. Non che spiaccia questa sua paralisi: ogni volta che Berlusconi ha avuto le mani libere è stato un disastro per il paese. Fatto è che Umberto Bossi pensa alla sua bottega; sono tutt’altro che spuntate le unghie di Giulio Tremonti, che silenzioso continua a tessere la sua tela, e mantiene buoni rapporti con Bossi da sempre, ma anche con Gianfranco Fini; quest’ultimo è sempre più irritato, per le campagne del Giornale, e hai voglia a dissociarti da quello che Vittorio Feltri scrive e fa pubblicare; e anche in quella che un tempo era Forza Italia sono molti a pensare al “dopo”. Berlusconi inoltre deve fare i conti con un Quirinale accigliato, che attende non troppo paziente sulla riva del fiume. Il nodo delle regionali è tutt’altro che risolto: certamente la tavolata è ampia e posti a tavola se ne possono aggiungere; ma sono tanti i famelici pretendenti, persone che non hanno l’abitudine di salvare le apparenze usando le posate. È possibile che molti che aspirano ad entrare siano impresentabili al pari dei destinati ad uscire. Ci sono poi i rapporti con il Vaticano, ricuciti solo perché al momento al Segretario di Stato Vaticano così conviene, ma quello che oltretevere serve oggi, non è detto sia ritenuto utile domani. Per non parlare del quadro internazionale: gli Stati Uniti osservano diffidenti e preoccupati; gli altri divertiti per le gaffes e le boutades, ma al momento buono si riveleranno amicizie che sciolgono come neve al sole. Per Giuliano Ferrara Berlusconi anticipa le mosse del presidente americano e di altri leader “rispettabili”. È stata scritta solo qualche giorno fa, la nota per Panorama dove si sostiene che «il rapporto privilegiato con la Russia, poi le trattative con Gheddafi, ora l’appoggio a Blair in Europa. Tutto ciò mette l’Italia al crocevia dove si decide il futuro…». Washington, Berlino e Parigi però non sembrano condividere questa opinione.

 

Francesco Rutelli saluta e se ne va dal PD, un addio sancito con una lettera ad Europa. C’è chi lo segue, ma non è questo il problema maggiore con cui dovrà fare i conti il neo-segretario Pierluigi Bersani, anche se terrà banco per qualche giorno. Ora che ha finito il suo primo giro d’orizzonte, Bersani dovrà cominciare a sciogliere qualcuno dei tanti nodi, dentro e fuori il partito, che si è trovato sulla scrivania. Rinnovati i capigruppo: Dario Franceschini alla Camera, Rosy Bindi al Senato. Difficilmente chi verrà potrà far peggio di chi l’ha preceduto. Ora però è tempo di qualche risposta politica, di uscire dal vago e dai silenzi. È tempo di qualche indicazione sul comportamento da assumere in Parlamento, e più in generale di prospettiva.

 

Per quel che si comprende, non ci si è mossi molto da quella sfida che vide opposti, cinquant’anni fa, da una parte Marco Pannella e dall'altra Palmiro Togliatti, il “duello” dalle colonne di Paese Sera. Certo, la situazione è completamente diversa; e diversissimi sono gli “attori”, le loro esperienze, culture, percorsi; tuttavia torna in mente lo slogan (che non era un semplice slogan, era politica nel senso più alto), coniato da Franco Roccella: no all’unità delle sinistre laiche, sì all’unità laica delle sinistre. Se è consentito un azzardo, siamo ancora qui.

 

Ne avremo da discutere, al prossimo congresso di Chianciano.


Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 6 novembre 2009)


Articoli correlati

  Gigi Fioravanti / Marco Lombardi. Una ballata e una nenia per questi nostri tristi giorni
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
  Rosario Amico Roxas. Nel pieno della simonia
  “Noi Siamo Chiesa” sul profondo malessere determinato dal nuovo scandalo
  Rosario Amico Roxas. Due discorsi per due uomini
  Gianni Somigli. La international pole position di sua poca altezza e quasi santità (santo subito!) con raccolta di firme incorporata
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
  Claudia Osmetti. Processo Mediaset: Non si vive di solo (anti)berlusconismo
  Veronica Tussi. Un sogno 'originato' da recenti scandalose vicende
  History of Italy (opinione inglese)
  Rosario Amico Roxas. Avvertimento al PD
  Valter Vecellio. Berlusconi al “Foglio”. C’è qualcosa di più grave del “reato di cena privata”...
  Gino Songini. Mentre i cardinali tacciono
  Primo Mastrantoni. Tasse e Berlusconi al Parlamento
  Paolo Diodati. La solitudine del numero uno
  Caso Ruby. Uovo di Colombo: Perché non abbassare la maggiore età?
  Lidia Menapace. Quel benefattore di Berlusconi
  Valter Vecellio. Pensieri “spettinati”. Tra indecenza e volgarità
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Rosario Amico Roxas. Il cavaliere e “La Perdonanza”
  Un appello dei “ragazzi di don Milani”
  Martina Simonini. Tre o quattro pillole per il 2013
  Martina Simonini. È tempo che ciascuno ci metta del suo
  Valter Vecellio. Berlusconi, il paese di “merda” e tutti gli altri...
  Veronica Tussi. Le amare considerazioni di Alessio
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Proprio l’8 Marzo?
  “Papi” sul Gazetin di giugno
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  Renato Pierri. Rassegnazione nel Dna
  Rosario Amico Roxas. La vittoria di Pirro
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Elsa Morante. Come ogni mimo, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare
  Valter Vecellio. Berlusconi in pensione? Chissà. Forse
  Alessandra Borsetti Venier. Lettera di Elvira Dones a Berlusconi
  Garrincha. Berluscó
  Lidia Menapace. Mai sopravvalutare Berlusconi...
  Nicola Vacca. Il basso impero del berlusconismo
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Rosario Amico Roxas. Le forze del male e il cavaliere
  Marco Cipollini: E diamoglielo il Nobel per la pace a Berlusconi!
  Enrico Peyretti. Va cacciato
  Giannelli. Settennato
  Rosario Amico Roxas. Ma non è un purosangue, è solo un brocco in disarmo
  Maria G. Di Rienzo: C'è riscatto nella voce
  Paolo Farinella. Senza la profezia, rimane la complicità
  Valter Vecellio. “Il baratto” di Michele De Lucia
  Maolori
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 7
  Luigi Fioravanti. Il vero scandalo
  Claudio Forleo. Le dame e il Cavaliere
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Annapaola Laldi. Il dito di Bossi, le corna e le carinerie di Berlusconi e il 5 in condotta
  Valter Vecellio. Più che le parole di Berlusconi, quello che “pesa” è il silenzio di tanti alleati
  Rosario Amico Roxas. Quanto costa il Nobel per la Pace?
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Renato Pierri. Una cosa mi consola
  Carlo Forin. Il porcile
  Renato Pierri. Il senso del ridicolo
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Valter Vecellio. Può essere che Berlusconi invecchi male… ma forse c’è un metodo nella sua “follia”
  Jardim. Il gondoliere ('El Nuevo Herald', Miami 04/02/2011)
  Marco Pannella. La mia lettera a Beppe Grillo
  Maria G. Di Rienzo. Differenze
  Francesco Pullia. Bersani e i radicali
  Piero Cappelli. Dopo il successo di Bersani&D’Alema
  Roberto Fasoli. Proposta di scaletta per la presentazione della mozione di Pier Luigi Bersani
  Valter Vecellio. Qui ci sono i radicali, e qui Bersani dovrà saltare…
  L'asse Berlusconi-D'Alema è quello della mozione Pd-Pdl al Parlamento europeo
  VIII Congresso di Radicali Italiani: Relazione della segretaria Antonella Casu
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy