Lunedì , 18 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
17 Gennaio 2009
 

È trascorso del tempo dall’ultima volta che vi ho scritto. Eppure mi sembra ieri quando vi ho lasciato per dedicarmi al mio libro che tra pochi mesi, forse entro marzo-aprile, vedrà la luce sulle stampe.

È un libro che non ha ancora un titolo definitivo perché non sappiamo ancora, con l’editore Gabrielli di Verona, quale sia quello più adatto a questo tempo. La mia proposta è quella che ho scritto sull’anteprima che è uscita su questa rubrica qualche mese fa: “La casta ecclesiastica”. Ricordate? Parla proprio della gerarchia cattolica e del suo potere con il quale sta consumando da anni e anni ‘scismi silenziosi’ con i propri fedeli. Praticamente sono delle ‘separazioni’ dei ‘distacchi’ su alcune questioni – soprattutto etiche e politiche –, che fanno divaricare quanto il magistero della Chiesa cattolica dice e quanto invece i fedeli condividono e fanno nella loro vita. Praticamente i ‘pastori’ del gregge cattolico danno delle indicazioni, dei comandi alle proprie pecorelle, ma queste non vanno ‘dove’ le loro guide le vorrebbero far camminare. Se ne vanno altrove. Sperimentano nuove strade. Nuovi percorsi, nuove realtà concrete della vita. A volte con begli ‘incontri’ e a volte no. A volte pentendosi di aver deviato e a volte invece ne sono fiere, perché, nonostante tutto, hanno sperimentato un nuova vita: si sono sentite più libere, più autonome, più capaci di scegliere e di camminare con le proprie gambe. Insomma si sono sentite delle ‘pecorelle’ non smarrite ma adulte e quindi nella condizione di saper ‘peccare’ anche, ma senza per questo abbandonare il riferimento d’eccellenza come lo è l’insegnamento evangelico: “saper amare l’Amore”. Era questa l’angoscia maggiore della mistica carmelitana santa Teresina del Bambin Gesù. Si rammaricava perché vedeva come il Signore Dio ci donava così tante belle cose nella vita e noi – compreso lei stessa – non riusciamo a saper apprezzare, a saper ‘amare’ questo Amore che ci arriva nella nostra vita così gratuitamente da non saper chi a volte ringraziare…! Possiamo dire il caso, il fato, il destino, i genitori? Possiamo dire quel che vogliamo ma qualcuno lo dovremmo pur ringraziare di questa bellissima esperienza che è la vita?! E se anche un giorno bestemmiassimo la vita, sarebbe anche questa una ‘preghiera’ che domanda ancora vita, ancora amore, ancora speranza…

 

E tornando al mio libro devo dire che con questo testo ho analizzato fin nelle viscere dell’essere chiesa-casta come lo sono certe eminenze grigie della gerarchia cattolica. Il popolo, il làos, da cui deriva poi anche il nome di laico, e che ne fa parte, non è altro che la più bella figura laica della Chiesa: colui che incarna nella sua vita la dimensione spirituale senza clericalismi, senza ripiegamenti introversi di ordine ecclesiastico, ma sta dritto – in senso di responsabilità –, ma con la testa china in segno di umiltà. È da qui che passa e dovrà passare la svolta di una Chiesa cattolica del Terzo Millennio. Non una Chiesa populista, ma una Chiesa dove la condivisione e l’amore non siano altro che quello che servirà per riconoscervi “…da come vi amerete”. E non da come vi vestirete o da cosa direte o da cosa scriverete, ma da come vi amerete. Tutto qui. Sarà questo il ‘segno’ di riconoscimento. Nient’altro. Il resto è folklore, politica, immagine. Niente più. Quindi la Chiesa di Gesù Cristo, nella quale “sussiste” anche quella cattolica – ma non solo –, sarà la Chiesa dell’Amore, del rispetto e della diversità nella pluralità, dell’accoglienza. Non un ‘paradiso in terra’, ma una ‘terra del paradiso’, dove non mancheranno né il dolore, né gli errori umani.

 

Tutto questo non sarà che un’esperienza vissuta in maniera diversa e più congeniale al riconoscere l’altro, proprio da “come vi amerete” anche e soprattutto in queste difficoltà, in questo ‘dolore’. Perché non bisogna essere cristiani per essere lieti e felici quando le cose vanno bene… quel che conta è da come sapremmo “porgere l’altra guancia”, quella che nessuno vorrebbe porgere al mondo, né tanto meno al ‘dolore della vita’. Ma né il mondo né la vita ce lo risparmieranno. Quindi forza e coraggio e proseguiamo in quel cammino che non tarderà di finire né di concludersi perché ciò che ci attende è l’eternità eterna, quella senza fine. Perché l’uomo e la donna non potranno mai smettere di vivere. L’altra dimensione della nostra esistenza ci permetterà tutto questo: un vero mistero verso il quale dovremmo saperci preparare ad affrontarlo andandogli incontro fin da ora nel saperci far “riconoscere”, da subito, amando la Vita sapendo amare l’Amore.

 

Buon cammino e buona Vita! È così che saprete aver cura di voi stessi e dell’Altro

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy