Giovedì , 02 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
19 Maggio 2008
 

Partendo dall’assunto che “i cuori stanno a sinistra e le tasche stanno a destra” il discorso diventa più facile, ma non semplice.

Roma, dopo 15 anni e quasi 4 legislature all’insegna del Rutellismo-Weltroniano i romani hanno deciso di affidare il governo della ‘Città Eterna’ al Centro-Destra con sindaco Alemanno.

Intanto si è aperta la XVI legislatura con Silvio Berlusconi Presidente e “l’ex fascista” Gianfranco Fini, come l’ha definito berlusconamente l’Unità, sullo scranno più alto della Camera dei Deputati; mentre al Senato è andata allo stakanovista Renato Schifani del Popolo della Libertà, siciliano.

Di fronte ad una sconfitta così dura e pesante, Veltroni continua a sventolare l’aumento dei deputati alla Camera, quando invece non è così. Lo è solo cumulando il PD con l’Italia dei Valori di Di Pietro per di più divisi dai rispettivi gruppi distinti. Quando invece da solo il partito di Veltroni non aumenta voti rispetto a quelli presi da Prodi due anni fa. Di fronte a questa realtà il segretario di un partito dovrebbe dimettersi e rimettere il proprio mandato agli organi statuari. Ma questo, però, non avverrà. Perché in realtà Veltroni ha rilanciato il ‘piatto’ chiedendo di svolgere il congresso del PD al prossimo ottobre ed anche una sua possibile sostituzione. Tale decisione-proposta-provocatoria è sorta sotto la spinta dei ‘prodiani’ Parisi e Letta (ex-democristiani), ma subito stoppata dai dalemiani (ex-comunisti) che vogliono aspettare al ‘varco’ il Walter in un momento più idoneo ad un possibile blitz, di cui ‘baffino’ è artista nel pensarli e un fallito nel realizzarli.

Il PD, ancora, come partito vero e proprio non esiste: è solo una costruzione strategica e che oggi non ha ricevuto il gradimento degli elettori italiani né come Nazione, né come città capitale. Non solo. In questa ultima tornata elettorale su 70 grandi comuni ben 46 sono andati al PDL e solo 24 al PD.

Cosa può pretendere il centro-sinistra dagli elettori romani, quando dopo quindici anni, tra Cicciobello e Topogigio, non si sono visti grandi cambiamenti nella città e specie nelle periferie. Senza pensare a come Roma non riesca ad avere che solo due linee di metropolitana rispetto alle altre grandi capitali mondiali; come neppure sia mai stata pensata una soluzione radicale per il traffico che affoga e avvelena la capitale e che appare agli occhi del mondo come una vera fesseria: migliaia e migliaia di auto che girano intorno ogni giorno alle più grandi e importanti opere d’arte dell’Impero Romano.

Ma il vero problema è quello della resa dei conti dentro il PD. I dalemiani – che per lo più hanno il controllo del partito – stanno acquattati intorno al segretario per cogliere il momento migliore del grande-piccolo Walter. D’Alema sa cosa è già successo ad Occhetto quando trasformò alla Bolognina il PCI nel PDS ricevendo, nelle lacrime, un battesimo di fuoco fatto di dubbi e scissioni varie. Anche oggi Veltroni sta – in forma aggiornata - rivivendo con il PD quel momento difficile, con i suoi prodi guerrieri divenuti oramai taciturni, confusi e per lo più scomparsi dal palcoscenico dei mass-media. Però per vincere il Centro-sinistra dovrà aspettare dei gravi e pesanti errori di Berlusconi in questo quinquennio. E che ciò avvenga sarà molto difficile visto che il Cavaliere ha come prospettiva il Quirinale. Anche se è più facile avere una crisi come nel 1994 con la fuoriuscita della Lega dalla compagine governativa per scontri intestini.

Quel che veramente necessità è guardare al dopo-Berlusconi e trovare un nuovo soggetto che lo possa affrontare e vincere. Ma non potrà certamente essere un uomo di struttura e di partito. E dovrà essere uno diverso da Veltroni, per due motivi: uno perché chi sostituirà il Berlusca, benché sia difficile dirlo oggi, non sarà comunque certo un personaggio del vecchio partitismo di centro-destra, come invece voleva Casini, cioè lui stesso; secondo, se il Centro-sinistra non deciderà di uscire dalla maglia stretta degli uomini ex-Pci o ex-Dc non riuscirà mai più a vincere. Dovrà quindi trovare un personaggio al di sopra delle parti che possa confrontarsi – senza scheletri nell’armadio – con il futuro Berlusconi del Centro-destra. Per poter far questo e aspettare una personalità – che è difficile vedere all’orizzonte, oggi come oggi, in questo centro e in questa sinistra del PD , che accetti e decida di portare il Centro-sinistra al governo del Paese, pretenderà un PD non diviso da correnti interne e organizzato in maniera pluralista e trasparente. Un qualcosa di nuovo…

Per far questo occorre che già oggi questo PD lavori per creare il nuovo PD fatto di uomini e donne nuove, con mentalità nuove e fuori dagli schemi tardo-partitici. Occorre che passi questa generazione di politici ex-dc ed ex-pci che sono nel PD, perché ormai la loro mentalità non è né sviluppabile né trasformabile: quello che hanno raggiunto oggi è il top, non possono andare oltre. Per cui se avessero un po’ di buon senso e volessero qualcosa di buono per il futuro del PD e dell’Italia, e fossero meno attaccati ai loro posticini, farebbero tutti un passo indietro lasciando che le nuove generazioni possano fare un passo in avanti. Rimanendo loro come dei veri ‘consiglieri-formatori’ per la nuova classe politica di Centro-sinistra che dovrebbero allevare. Solo così e con una legislatura davanti sarà possibile scommettere su un futuro successo del nuovo partito PD. Altrimenti ci toccheranno ancora altri cinque anni di Centro-destra con un ‘nuovo’ Berlusconi...

E per far sì di non rimpiangere il Centro-sinistra– come in questo decennio – quando non è al potere, ma nemmeno di compiangerlo quando c’è, occorre guardare oltre, alto e con coraggio. Oppure – a mio modesto avviso ,sarà difficile vederla stabilmente al governo nella nostra Italia.

 

Piero Cappelli

cappellipiero@virgilio.it


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy