Domenica , 24 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
17 Aprile 2008
 

La Sinistra istituzionale italiana ha fallito e ha perso. Tutta. Da quella fuori dal Pd a quella dentro. È finita. E deve ripensarsi. Ma i ‘democristiani’ sopravvivono e restano in più schieramenti, di cui l’Udc ne è la manifestazione più conservatrice dei ‘cattolici’ targati in politica e sui quali il card. Ruini ha riposto le sue speranze e oggi Veltroni dice di voler allacciare con Casini una nuova collaborazione. Non più appropriato in questo momento e in questa situazione del famoso detto andreottiano: “il potere logora chi non ce l’ha”. Veltroni, con solo 180.000 voti in più rispetto a quelli di Prodi di due anni fa, ha distrutto svuotando si senso e di significato la Sinistra e non ha conquistato il Centro. E come dice Beppe Grillo, che ha pure lui una grave responsabilità in merito, ha “fatto risuscitare Berlusconi”.

Però, dopo il flop del governo Prodi e senza la nascita del Pd ci sarebbe stato certamente un fine molto peggiore del 33% per il centro-sinistra che non ha raggiunto quel 35% soglia minima posta da Veltroni come ‘consolazione’. Se, patrimonio dei fessi, Veltroni avesse avuto modo di gestire il suo nuovo ruolo di segretario Pd con Prodi e il suo governo, forse non saremmo andati così presto alle elezioni cumulando quindi più tempo per rafforzare il nuovo Pd e logorare la sempre impellente spallata berlusconiana. Pensando comunque che Prodi ha battuto due volte il Berlusca senza però mai riuscire a portare a termine la legislatura per la litigiosità interna della coalizione, mentre Occhetto, Rutelli e Veltroni no. E ora si sa che Romano, prima di Pasqua, aveva già rassegnato le sue dimissioni da Presidente del Pd certamente amareggiato dal trattamento veltroniano sul suo esecutivo rifiutandolo come colpevole e altro da lui.

Intanto Roma va al ballottaggio e Rutelli fa rischiare addirittura al Pd di perdere anche la Capitale e ciò sarebbe la ciliegina sulla torta di questa débâcle veltroniana. Non solo, ma anche Di Pietro – e ciò sarebbe molto interessante – non andrebbe a fare gruppo unico parlamentare nel Pd, ma rimarrebbe autonomo, contrariamente a quanto annunciato. Nello stesso momento ha bruciato sulla scena siciliana, sapendone già l’insuccesso seppur oggi con un insuccesso così negativo come quello del 30%, della migliore espressione femminile della politica italiana, la Anna Finocchiaro. Lì ‘vicino’, invece, e precisamente in Campania e a Napoli in particolare, per la questione rifiuti, Veltroni non ha avuto né coraggio, né volontà di chiedere a gran voce e in modo determinato la cacciata di Bassolino e della Jervolino: infatti ha perso alla grande anche la Campania. 

Ma tra le tante voci di questo dopo-elezioni ce ne sono alcune che ‘puzzano’ per il loro silenzio, almeno nei primi momenti dei risultati. E una di queste voci è quella dei dalemiani, i veri ‘controllori maggioritari’ di Walter e del Pd attraverso i segretari e le assemblee regionali e la nazionale. Questo silenzio del ‘marxista-leninista pratico’ come Cossiga chiama D’Alema, la dice lunga e può essere inquietante per il Pd. Fatto sta che fuori dalle classiche 4 regioni rosse, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche con l’aggiunta extra della Basilicata, la Sinistra non riesce a vincere e a mantenere quelle regioni che invece aveva conquistato in passato come Puglia, Calabria, Liguria, Campania, Friuli Venezia Giulia e Sardegna. Se poi si va a vedere bene si nota come la Lega sia entrata nel ‘salotto buono’, la sancta sanctorum della Sinistra italiana. Lo rivela la percentuale in Emilia con il 7 e l’elezione per la prima volta di due deputato in Toscana e nelle Marche: un segnale che fa pensare a quale futuro potranno avere le ‘regioni rosse’ nel giro di altre poche altre legislature.

Il programma elettorale veltroniano all’insegna di mancate risposte (come da noi denunciate con la ns. Lettera aperta) sui problemi cruciali con soluzioni concrete e chiare e con la volontà di portare in lista ‘falsi specchietti per le allodole’ generali, prefetti, industriali, il tutto condito in ‘salsa ambigua’, è la ragione del fallimento. Senza contare che il signor Veltroni aveva anche promesso la presentazione della squadra di governo prima del voto ma non è mai arrivata, lo stesso per Berlusconi: la differenza è che Veltroni ha perso e il Berlusca ha stravinto con 9 punti in % in entrambe le Camere grazie a tre milioni di voti in più. Ma se la perdita è di pura marca veltroniana, ciò è dovuta anche grazie a tutti quei collaboratori del Walter che lo hanno lasciato percorrere strade ambigue e non chiare, adeguandosi al suo sistema. Senza contare tutto l’entourage intellettualoide e giornalistico che ha girato a favore del Walter e che non è poco. Le componenti del Pd debbono ripensare l’essere partito proprio per dare spazio a metodi di dialogo e pluralismo interno più evoluti e rispettosi, come pure trovare sistemi di selezione della classe dirigente e delle candidature del partito, non in virtù dell’appoggio delle varie consorterie (diessine o popolari), ma per una meritocrazia necessarissima basata su qualità umane e politiche verificabili non per cordate e gruppi di potere, ma per manifestazioni di chiara, severa trasparenza e verificabilità sul campo della vita e non delle ‘scuole’ di partito.

Intanto però sono scomparsi i socialisti e i comunisti. Per chi c’era dentro non abbiamo perso proprio niente, anzi bene: guardateli in faccia questi ex-parlamentari da Bertinotti, a Mussi a Salvi, a De Michelis a Boselli a Giordano a Pecorario Scanio e così via. Sono inaciditi, stizziti e incavolati con il mondo. Ma se la debbono prendere con se stessi che ancora non hanno capito non solo dove sta andando il nostro Paese, ma neppure di cosa sia la crisi internazionale del Socialismo e della fine del Comunismo. Però alcuni di loro sono ancora ancorati alle falci e martello oltre ad una politica riformista fuori tempo e fuori luogo in un società capitalistica che invece richiederebbe nuove prospettive anche tenendo conto di un contesto mondiale molto complesso e problematicizzato.

E se con queste elezioni – grazie alla nascita solo sei mesi fa del Pd e grazie anche a Berlusconi per la nascita del Pdl (con la fagocitazione di AN), quattro mesi fa, – si è raggiunto uno sfoltimento dello zoo partitico andando verso il bipartitismo (Terza Repubblica), con il prossimo traguardo dovranno essere le Grandi Riforme da quelle costituzionali alle parlamentari a quelle elettorali (Quarta Repubblica).

Questa legislatura dà a Berlusconi e al Centro-destra l’opportunità di dimostrare se in queste tre legislature (dal 1994), abbiano maturato una nuova cultura di governo e di soluzione dei problemi italiani all’altezza delle sfide nazionali e della globalizzazione. Berlusconi cercherà di muoversi bene, da statista maturo come ha voluto dimostrare alla sua prima conferenza stampa, perché ha nel cassetto un ultimo sogno da raggiungere: ‘da grande’ vorrà abitare il palazzo del Quirinale e concludere così al top il suo percorso politico. 

 

Piero Cappelli

cappellipiero@virgilio.it


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy