Lunedì , 18 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
19 Giugno 2009
 

Quando le informazioni che alcuni esponenti politici che sono a ‘governare’ questi nostri mondi ci dicono che tutto sembra andare verso il meglio, verso la soluzione dei nostri problemi economici mondiali e nazionali dobbiamo fermarci un poco a riflettere, visto che le loro affermazioni sono contraddette da altre informazioni negative che non possono che aprire in noi leciti dubbi. È una situazione completamente sfasata. I governanti cercano di non dire ‘tutta’ la verità altrimenti saremmo con il morale sottoterra e la voglia di andare avanti non ci sarebbe più: occorre dare anche notizie positive per riprendere un po di carica ottimistica per immaginarsi l’uscita dal tunnel. Sì, immaginarsi ho scritto. No, vedere. Perché l’immaginazione spesso ha un forte effetto sulle nostre menti sui nostri comportamenti ad un patto però… a patto che il tempo che ci vuole per dare ragione reale di cosa ci immaginiamo non sia troppo lungo altrimenti cade l’immagine di speranza inventato e prospettato in forma ipotetica e futuribile e ci si ritrova nella più desolante delle situazioni: la fine di un mondo. In questo tempo in cui i nostri governanti stanno prendendo ‘tempo’ per sistemare le cose che si lanciano messaggi di soluzione dei problemi economici mondiali e quindi anche i nostri qui in Italia.

  

I catastrofisti della sinistra cosiddetta ‘radicale’ (che poi di radicale cosa hanno se non solo le loro visioni lugubri e desolanti solo per gli altri…) lanciano messaggi di paura e devastazione e dicono che il capitalismo è finito, ma non sanno dire una parola di alternativo e di nuovo: il comunismo e il socialismo internazionali sono oramai distrutti da se stessi imborghesiti e annientati dai loro stessi pensieri negativi e implosi dalle loro stesse mancate speranze e mancati ideali di un nuovo mondo oltre, al di là del capitalismo. Altri, come certi economisti fautori del ‘mercato per il mercato’ e del ‘capitalismo per il capitalismo’ ci dicono invece che niente è perduto se non il bisogno di ricominciare con nuovi metodi con nuovi sistemi con nuove regole. Ma dove sono tutte queste novità? Si è parlato di tante proposte e idee. In realtà si è solo fatto quello che riusciva più facile: buttare dentro il pozzo senza fondo dei sistemi i soldi pubblici. E così le banche come certe industrie hanno ricevuto somme di denaro da far sbalordire chiunque che sono come state risucchiate in un buco nero dell’universo. Si dice di voler battere nuova carta moneta ma poi ci si ripensa per timore che poi per comprare un pezzo di pane ci voglia un sacco – fisicamente parlando - di euro. Così come accadeva in epoca pre-avvento del nazismo. Signori attenzione! In periodi torbidi e difficili i popoli hanno accettato anche la dittatura pur di uscire, come con Hitler, di uscire dai mali estremi per cadere poi, come in quel caso e non solo, in un male peggiore che ha prodotto quello che tutti sappiamo. Non voglio paventare niente di simile, ma attenzione a negativizzare il tutto e a illudere sulle prospettive. È difficile avere un equilibrio sano coerente. Mentre tutti stanno stringendo la cinghia per vari motivi c’è chi la allarga perché ‘ingrassa’ a spese dei popoli, dei disgraziati, della povera gente. Non parlo dei grandi operatori della finanza, parlo invece di chi specula sulle guerre, quelle vere, quelle che si fanno con le armi. Prendiamo un esempio che vale per tutti. Mi riferisco a quello che l’amministratore delegato di Finmeccanica Pierfrancesco Guarguaglini, toscano, ha detto a Il Sole24Ore il 29 maggio scorso in un’intervista a Mara Monti. La Finmeccanica, come qualcuno mi ha fatto notare, non è solo a partecipazione statale ma ci sono dentro anche altre società estere, praticamente è una multinazionale dove però lo stato italiano, quello con la S maiuscola, è uno dei maggiori soci della spa. Questa grande industria che si occupa di tutto dai trasporti ai satelliti, dalla sicurezza all’energia alle armi, soprattutto, ha chiuso – dai dati forniti dal quotidiano della Confindustria – il primo trimestre con un utile netto di 108 milioni di euro e ricavi per ben 3,911 miliardi di euro stimando per il 2009 un giro d’affari di circa 17,5 miliardi di euro con un utile operativo sui ricavi pari al 9,1%. Così per il 2010 il dr. Guarguaglini prevede ricavi intorno ai 18 milioni di euro, quando il 2008 Finmeccanica ha avuto ricavi in crescita del 12% pari a 15,037 miliardi di euro e un risultato netto a +19% a 621 milioni di euro. Che dire amici lettori? Questi sono affari a danno della ‘salute’ della gente! Leggetela tutta questa intervista e vedrete con quale soddisfazioni vengono snocciolati dati e conquiste di mercati internazionali dall’elicottero di Obama al caccia Eurofighter, all’aereo militare C-27j, tanto per gradire. Eppure i dipendenti di queste aziende se ne guardano bene di fare obiezione di coscienza perché dovrebbero dire basta allo stipendio: non è come i medici degli ospedali pubblici che benché facendo obiezione di coscienza per l’aborto poi percepiscono lo stipendio lo stesso!

 

E i vertici della Chiesa cattolica che dicono di questa storia delle armi? Perché non fanno una campagna di lotta politica contro la produzione ed il commercio delle armi italiane nel mondo a partire dal presidente della CEI card. Bagnasco invece ad intrattenersi su questioni etiche che non producono altro che risentimenti umani ed ecclesiali. E come al solito le banche ‘armate’ che regolano i contratti economico-finanziari tra le società e gli stati ‘armati’ sono anche quelle che si dicono ‘cattoliche’ come Intesa-sanPaolo al secondo posto dopo la BNL-Paribas, Unicredit al terzo e non mancano ‘banchette’ di provincia come la Cassa di Risparmio di La Spezia, Banca di Credito cooperativo di Bientina (Pisa), Banco di Sardegna, Banco san Giorgio, Credito Valtellinese ecc. ecc. Praticamente abbiamo in Italia un volume d’affari di circa 7.500.000.000 di euro con un aumento dei profitti in esportazioni autorizzate oltre 3.000.000.000 di euro: +29% rispetto al 2007 visto che la relazione riguarda il 2008. E questo non basta signori. Sappiate che dal nostro Parlamento è uscita una legge che finanzia l’acquisto di 131 cacciabombardieri F35 Joint Strike Fighters – quello che produce la Finmeccanica – che impegneranno il nostro Stato italiano in una spesa fino al 2026 per ben 15.000.000.000 di euro. Facendo passare il tutto molto sotto silenzio anche dagli organi di stampa e di informazione radiotelevisiva d’area ‘sinistra’ in tutto e per tutto!

 

Intanto però il governatore della Banca d’Italia Mario Draghi nella relazione consueta del 29 maggio, visto che il 31 era domenica, ha ‘dettato’ l’agenda al Governo. Quando abbiamo un ministro dell’economia come Tremonti che non vede l’ora di mandare fuori dalle balle il Draghi perché lo ama tanto, tanto! Io non tifo Tremonti né il governo Berlusconi, ma come si fa a pronunciare un discorso come quello che ha fatto Draghi all’assemblea del Direttorio di Bankitalia parlando quasi nulla delle banche e di come fare a controllarle sempre più e sempre meglio ma impartendo al governo il programma socio-economico dei prossimi anni di legislatura. Si farebbe meglio a metterlo al posto di Berlusconi e fargli governare l’Italia come successe con Ciampi anche se tra l’uno e l’altro ce ne passa! Il Governatore deve parlare della crisi economica e del sistema bancario italiano europeo e mondiale e dire come questo sistema può e deve contribuire allo sviluppo del Paese e come si deve riformare per meglio servire questo Paese ed interagire con il mondo finanziario per non raccattare ‘carta straccia’. Invece che fa dice al potere esecutivo come deve fare a governare l’Italia. Perché non chiediamo a la banca d’affari Goldman Sachs che ha perduto nel 2008 2,1 miliardi di $ e che esporta i suoi uomini in moltissimi vertici statali in giro per il mondo di piazzare il suo Draghi a capo del governo italiano? Anche la sinistra voleva un giorno puntare come primo ministro su un certo Mario Monti anch’egli uomo Goldman Sachs così come Romano Prodi e così come il dr. Letta segretario della presidenza del Consiglio di Berlusconi. Capite voi, amici cari come sia messo il mondo. Auguri a tutti!

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy