Lunedì , 18 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
Piero della Francesca: Resurrezione
Piero della Francesca: Resurrezione 
31 Ottobre 2007
 

2 novembre “Commemorazione dei Defunti”. Non ce la faccio. Non riesco a concepire una vita che finisce nella tomba e che non ha altro in cui sperare. Scusate, ma il senso della Vita innerva ogni neurone del mio cervello e ogni fibra del mio corpo. Mi ribello, ma accetto, accolgo, maledico questa inevitabile storia di declino e di fine. Abbasso la testa. Eppure sento che qualcosa mi sorregge, mi sostiene di fronte al dramma inevitabile della morte. Sento il mio cuore che batte più forte e anche i miei occhi si stanno bagnando di calde tenere lacrime. Non è sentimentalismo. Sono emozioni interiori che vanno oltre il particolare. Ti senti parte di quel Corpo Umano che ti comprende, che ti raccoglie in quell’Universo della Vita e della Storia che non ha bisogno di darti un nome importante per contare: conti, vali per quel che sei. Inesorabilmente il tuo essere te stesso è il tuo valore, sei una Donna, sei un Uomo che vali per il tuo essere persona umana nella storia del Cosmo: piccini, inutili, fragili, fallaci ma creature capaci di provare sentimenti di grande profondità esistenziale che toccano il Divino con un gesto, una parola, un sorriso d’Amore. È qui che si gioca tutta la storia umana, nel saper Amare. Si perché l’amore come parola in se dice tutto e niente. Ma è il saper amare che conta. E ognuno sa amare a modo suo. È la sua caratteristica che ha valenza: come te non ama nessun altro e solo te puoi amare e puoi amare così. L’altro, anche se non intende subito e con i suoi sensi, può ben comprendere con i sensi del Cuore, dell’Anima, della propria spiritualità che lega persona a persona in un mondo di relazioni quasi magico, colmo di bellezza e splendore, di soavità e desiderio di Gioia e di Eternità che va ben oltre le nostre piccolezze, le nostre “finitudini”, la nostra caducità, il nostro morire...

 

Così, tutti gli anni ci ritroviamo qui ad ossequiare i nostri Cari. Un giorno tutto per loro. Fatto a posta per loro. Ma quanti modi, quanti pensieri in questo giorno? Quanti ricordi, belli e dolorosi insieme ci tornano alla mente, di loro: di babbo, mamma, fratelli, figli, zii, amici, parenti. Eppure, nonostante questo giorno ci aiuti ad avere la consapevolezza che questa vita non ha che una fine in un sepolcro, il nostro corpo fisico finisce lì inerme, a volte deturpato dalla vecchiaia o dalla malattia o, peggio, bello e giovane per chi ci lascia nel pieno della vita per un incidente..., nonostante questo non sappiamo perdere la Speranza che ‘dopo’ questa morte ci sia un’altra Vita…

Allora forse si diventa tutti un poco più buoni: sia perché sappiamo questo, sia perché si rinnova il nostro affetto per chi – e tutti noi abbiamo qualcuno in un cimitero del mondo… ci è morto e non è più con noi e condividiamo con gli altri viventi – chiunque essi siano ‘fratelli nella mortalità’ – questo legame con qualcuno che ci ha preceduto nell’esperienza della morte. È come se i nostri Cari defunti fossero tutti, tra loro, ‘parenti’. Finisce tutto così? O può rinascere qualcosa?

E chi può dire di non avere pensato anche solo per un attimo ad una ‘Vita oltre la vita’, ad una Vita immortale, oltre questa vita mortale?

Come privare questo me stesso di una Speranza oltre la speranza: io, che cosa sono?

Come rinchiudere nel sarcofago della mia mortalità l’insondabile bisogno di Vita che promana da questo mio essere vivo nel mondo? Che cosa faccio, io qui?

Come scacciare il grande Desiderio di eternità che sembra alimentare il senso profondo della mia Vita, al di là del tempo, al di là dello spazio, in una dialettica infinita tra il mio essere qui ed ora ed il mio essere Vivente per i secoli eterni? Dove andrò a ‘ricominciare’ il mio Tempo?

Ma poi non è tanto il pensare a noi. Sì, forse, anche questo. Quanto invece lo sperare questo per loro, per i nostri Cari che sono lì nella nuda terra, nel freddo loculo. Loro, i nostri Cari, quelli che se ne sono andati dall’esperienza di questo nostro mondo che non è più il loro. Ma loro, dove sono andati a finire? Forse è importante non chiedere alla fantasia di cavalcare chissà quale sogno, ma di fare esperienza nel sentire come i nostri cari Defunti ci stanno vicino nonostante siano scomparsi fisicamente da questa terra. Sentirli, vuol dire averli vicino in maniera diversa, non più fisica, ma spirituale con la loro Presenza che si fa per noi affetto, aiuto, forza, sostegno, carica, memoria intangibile e sublime. Entrare in contatto con loro, parlare con loro come se fossero ancora qui non è follia è storia dell’essere in comunione spirituale – di cuore – con loro. Come se quel loro modo di essere trasformati, da semplici viventi a Viventi, gli permettesse di non abbandonare la terra, ma soprattutto di non abbandonare noi coloro che amano e che stiamo camminando sulle loro orme di questa storia umana zeppa di tante angosce ma anche ricolma di tante gioie profonde.

È proprio un mistero, questa nostra Vita, questa nostra Morte. Un mistero già qui tra noi e ancora di più con loro, con quelli che abbiamo amato e che ci hanno amato con coraggio, forza, sincerità, con dolcezza. E ora riposano altrove…

Questa nostra terra è inzuppata di miserie e di grandezze, di sangue e di morte come pure di gioie e di speranze che ci sospingono continuamente ad andare oltre. Quell’oltre che non è solo il superamento della dimensione fisica del nostro esistere, ma quanto del nostro ‘morire’, già qui l’uno vicino all’altro: saper riuscire ad accogliere l’altro per come è, un piccolo morire a noi stessi. Che ci aiuta a saper ascoltare il suono della Vita che passa con serenità. Senza odio e senza rancori. Dove il silenzio di una Voce che si fa Fede ci pervade il cuore e l’anima, in profondità per guardare oltre la tomba, in un arcobaleno di speranza e di fiducia, in un abbandono totale all’Eterno...

È lì che andiamo ad incontrare nel Mistero della Vita e della Morte i nostri Cari defunti, quelli che non dimenticheremo mai e che portiamo eternamente nel nostro cuore.

Ecco, è qui in questo ricordo che si fa Memoria. Dove si consuma ogni giorno – e oggi più che mai – la storia più feconda del nostro esistere e dove non potrà finire questa mensa della vita terrena. Ma ci schiude quell’abisso pieno di Luce che è la Vita al di là del tempo e della Storia.

Un caro e affettuoso augurio di un giorno di Memoria per i vostri Cari, guadagnati a nuova Vita.

 

Piero Cappelli

 

P.S. - Vi faccio partecipi delle strofe che ho dedicato alla mia cara Mamma Rina nel giorno della sua morte.

 

 

20 febbraio 2006

 

Al tesoro della mia cara mamma,

 

Rifulgi come stella luminosa nel firmamento dell’Amore..

Ti sei adagiata nel mio cuore dolcemente per infondermi coraggio e forza…

Sei presente nella profondità della mia anima risorgendo ogni giorno per donarmi il meglio di te…

Niente e nessuno ci separerà: il Bene che ci unisce rifiorisce ogni attimo e rimane per sempre…

Ora tu vivi mamma nella Gioia eterna, dove il Sole della Vita risplende senza tramonto…

È lì che mi aspetti insieme a babbo per vivere uniti nell’Eternità di Dio…

Il mio amore è nato dalla vita che tu mi hai dato: grazie mamma!

 

il tu’ bimbo, Piero


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy