Lunedì , 18 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
15 Marzo 2009
 

In un documento riservatissimo della Commissione europea si è scritto che le banche del Vecchio continente sono infettate da titoli tossici per la rocambolesca cifra di circa 18.000.000.000.000 di euro. Che in dollari significa 18 trilioni, un po’ di più dello stesso prodotto lordo Usa. Vi rendete conto? Questo è la cifra che i ministri delle finanze europei hanno inserito in questo documento discusso in sede Ecofin. Cosa vuol dire tutto questo?

Vuol dire che c’è tanta di quella robaccia finanziaria dentro i caveau delle nostre banche europee che non sa ancora nessuno come fare per smaltirla e renderla impotente e quindi liquidarla dal mercato finanziario. Purtroppo è così e nessuno lo sa. C’è chi addirittura pensa di creare una banca ad hoc la quale possa accogliere e raccogliere tutta questa immondizia americana e piano piano farla digerire al sistema. Ma la forma non può essere né parziale, né indolore. Chi dovrà togliere dal proprio portafoglio questi valori dovrà anche chiudere i bilanci in rosso. Significa rischiare la bancarotta e quindi il fallimento.

Se ce ne fossero solo alcune di banche così malmesse da questo patrimonio finanziario, non sarebbe un problema grave. Perché quelle banche, se non sapessero come fare a sopravvivere, verrebbero d'altronde incorporate da altre che stanno meno peggio e con l’aiuto delle Stato – se ce la facesse – riuscirebbe a ripartire con un carico da 90 sulle fragili spalli, in un momento storico difficilissimo e con una prospettiva che non sembra far vedere la luce se non dopo il 2010. Pessimisti? Terroristi? Realisti, purtroppo.

In America del nord continuano a fallire banche infettate da quella specie di paccottiglia finanziaria che non riescono a far digerire a nessuno e quindi sta lì a far impoverire giorno dopo giorno il patrimonio e quindi la capacità di movimento e la capacità di liquidità per operare sul mercato finanziario. L’imbarazzo è grande. La paura altrettanto. Intanto Obama cerca di finanziare le case costruttrici di automobili e statalizzare le banche in fallimento, pensando di risollevare l’economia. Glielo auguriamo. Ma secondo noi il passo dovrebbe essere combinato ad una logica di impegno pubblico non indifferente: rendere trasparente gli impegni di tutti, dello Stato come pure degli imprenditori. Sapere cosa si deve fare con quei soldi e renderne conto al fine di vedere se i dollari sono serviti per ripianare solo le perdite oppure sono stati investiti per dare lavoro ai dipendenti e far ripartire piano piano il circuito virtuoso dei consumi. Se non si chiude il cerchio degli aiuti statali diventa difficile avere risultati sull’economia. Perché sono i cittadini-consumatori a permettere la produzione grazie ai loro acquisti. Ma se la gente non ha in tasca i soldi chi è che compra le merci?

Come vedete il ragionamento si sposta da un posto per approdare ad un altro ma il problema è più a monte: questo sistema del ‘mercato libero’ non regge più così come è stato congegnato perché troppo attaccato dall’infezione dei titoli tossici e dai banditi della finanza senza scrupoli di cui se ne scopre sempre più le malefatte sia in America, sia in Europa. Mancanza di controlli, spregiudicatezza imprenditoriale, consulenze artefatte e manipolabili. Tutti soggetti deleteri ma utili ad un sistema che non ha mai voluto ‘controllare’ i meccanismi e i ‘prodotti’ messi sul mercato. E ora se ne pagano le spese. Chi paga però è la gente – e lo sarà sempre più – specialmente quella dei paesi più poveri come l’Africa e l’America del sud i quali si prendono tutti i contraccolpi a livello internazionale fino all’ultimo.

Questo nostro sistema economico-finanziario che i grandi del mondo hanno instaurato non può più andare avanti. E come scrivemmo diversi mesi fa su queste pagine di I Care, il problema altro è che l’Internazionale Socialista, il mondo della sinistra mondiale, non ha creato un’alternativa dopo la caduta del muro di Berlino e la fine dell’URSS. Si è messa alla stregua del capitalismo pensando di riformarlo. Non ci sono riusciti ed oggi siamo qui a subirne le conseguenze senza vedere niente di alternativo all’orizzonte che valga per poter scommettere una convivenza civile, pacifica e fruttuosa.

Intanto però nessuno parla di ridurre dell’80% le spese degli armamenti ed investirle in ambiti più necessari in questo momento sempre più drammatico per i cittadini del pianeta terra.

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy