Domenica , 24 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
17 Giugno 2008
 

Potrebbe essere anche uno slogan ed invece è un confronto culturale sull’evoluzione sociale della specie umana, da continente a continente. Dal Che’ al Cia’ non vuol essere altro che la registrazione dei cambiamenti sociali: un tempo si pensava al Che Guevara oggi si pensa al Cialis.

Infatti come potete notare circa quarant’anni fa cosa faceva kult era il Che Gevara: ideali, lotte, manifesti. Oggi invece va di moda il Cialis, la pasticca che serve per avere prestazioni sessuali maschili al top. E che fa parte di quel ‘mondo’ dei surrogati utili a sentirsi giovani, prestanti, scattanti, belli, atletici, potenti sessualmente e socialmente, dove l’immagine impéra e il ‘prodotto-persona’ sia ben pubblicizzato per sé, per gli altri. Poi la sostanza può aspettare…Godot!

Cari amici lettori. Sembra uno scherzo, ma non lo è. È purtroppo una realtà dove domina l’apparenza a tutti i livelli mentre la qualità lascia molto a desiderare. Questo fenomeno lo viviamo oggi nel nostro continente, specie in Italia – paese ancora molto lento nell’evoluzione sociale non consumistico-pubblicitaria , quando negli Usa si sta invertendo la rotta. Siamo sempre alla ‘periferia dell’impero’ in tutto e per tutto: dall’insegnamento, alla cultura in genere, alla gestione aziendale, alla pubblica amministrazione, all’economia, alle banche. Ovunque riscontriamo – fatta eccezione per alcune ‘isole’ di ‘benessere organizzato’ approssimazioni di ogni genere con la pretesa di ‘saper essere’ e ‘saper dare’. Essere chi e dare che cosa?

Siamo in conclusione il paese con il massimo del provincialismo nel governo della vita privata e della vita pubblica: dalla famiglia allargata come familismo deleterio, alla gestione dell’‘azienda Italia’ in tutti i suoi connotati.

Non sono un personaggio pessimista, ma solo realista. Basta guardarsi intorno. Fatta eccezione per quel poco che a volte si nota, poi con i grandi nomi, rubacchiati un po’ dall’inglese e un po’ dalla tecnologia, che alla fine ci siamo riempita la bocca di belle e a volte mal pronunciate parole. Solo per sentirci meglio, ovvero ‘superiori’, all’altro che ci sta vicino al ristorante o alla partita o alla mutua in attesa del nostro turno. Ovunque snoccioliamo caratteristiche e qualità spesso inesistenti o manipolate o surrogate. Dove il ‘contrabbando’ non riscuote che la stessa fattura avendo creduto di aver compiuto un buon affare. Di che? Del niente… non abbiamo più menti pertinenti alle nostre attività perché la maggior parte se ne vanno altrove e quelle che restano sono colluse con un regime politico per lo più scandaloso, comprato e venduto senza ritegno al miglior offerente (vedi un caso per tutti la clinica santa Rita di Milano), il ‘dio quattrino’. 

Per cui se svanisce il Che’ non può che subentrare il Cia’, il Cialis, quella pasticchina giallina che ha oramai preso il posto dell’altra azzurrina detta Viagra e che oggi sembra risolvere la maggior parte dei problemi erettili dei maschi italici e non solo. Facendo la felicità anche delle rispettive donne, non dimentichiamolo! Ed il passaggio da un ideale politico (da polis governo della città), ad uno del benessere privatistico la dice lunga sul cambiamento dei riferimenti culturali che le nuove e le vecchie generazioni stanno vivendo. Il Che’ era un simbolo reale, concreto, una vita vissuta e consumata per le lotte di liberazione sociali. E con la sua fine è finita, in realtà anche tutta quella Sinistra non solo europea ma anche internazionale, per non parlare di quella italiana. Il Cia’, o Cialis, invece è il simbolo d’immagine e di vita personalizzata, intenta solo a ‘godere’ di se stessa in quell’espressione più comune e più condivisa qual è l’orgasmo sessuale. Rimasto, a quanto pare, l’unica chance per farsi sentire ancor oggi un uomo all’altezza delle sue ‘prestazioni’ sessuali con la femmina. Non la donna. Questa è un’altra ‘cosa’ che avrebbe bisogno veramente di un altro discorso. Così non conta altro, pare. Solo la voglia di apparire dell’uomo-maschio, comunque sia, migliore, bello e forse anche intelligente. Purtroppo che il paragone si svolga su altri piani e su altri livelli. È da questi che poi non possiamo esimerci di sentirci offesi se confrontati con il ‘resto del mondo’ e quindi se ci relegano in fondo alle classifiche post-moderne, dove brilla l’astro lucente del nuovissimo telefonino e la voglia (indotta) delle belle e tante ‘puttane’…

 

Piero Cappelli

cappellipiero@virgilio.it


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy