Lunedì , 18 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
Sacco e Vanzetti
Sacco e Vanzetti 
27 Ottobre 2007
 

Nicola e Bartolomeo. Due nomi, due vite, una storia. Partiti dall’Italia per trovare fortuna in America si sono visti inchiodare ad una sedia elettrica nello stato del Massachusetts, precisamente ottant’anni fa nella notte del 23 agosto 1927. Come tutti i nomi, anche questi ci raccontano esistenze umane ricche e cariche di vissuto. Ma di Nicola e di Bartolomeo, nel loro Paese, nel nostro Paese, ce ne siamo dimenticati. E quanti ‘Nicola e Bartolomeo’ sono passati e passeranno ancora da questi gioghi della società civile e cosiddetta ‘democratica’, negli Usa, in Italia e nell’Occidente?!

Si sta parlando di questi due italiani immigrati negli States quand’avevano vent’anni, alla fine dell’800. Sono loro, Sacco e Vanzetti. Loro, forse non fanno nemmeno parte di quella storia contemporanea che qualcuno dovrebbe trasmettere alle future e giovani generazioni, mentre la nostra, sembra, averli fatti cadere nell’oblio…

Due nostri giovani, giovani italiani, che circa un secolo fa sono partiti da questo povero paese, dalla loro povera provincia italiana, per raggiungere ‘il lido della speranza lavorativa e sociale’ d’oltreoceano - come veniva di fatto concepita e sognata l’America -; con tutto l’entusiasmo di un ciabattino e di un operaio. Nicola Sacco aveva trentasei anni e Bartolomeo Vanzetti trentanove. L’uno dalla provincia di Foggia, Torremaggiore e, l’altro, dal cuneese, Villafaletto, un antico borgo sulle colline d’Alba. Uno del sud e l’altro del nord, ma tutti e due poveri. E a tutti e due è stata spenta quella voglia di vivere - per una vita nuova e diversa -, con la condanna alla sedia elettrica perché anarchici e considerati colpevoli di due omicidi. Lì, in quell’America, dove la costituzione gridava e grida alla libertà dell’uomo, ma condanna in nome di quella stessa libertà. Scriveva quest'estate Moshik Temkin su The Nation: «Oggi è chiaro che il processo e l’esecuzione di Sacco e Vanzetti furono un atto di barbarie, ingiusto e intollerabile. Con molte caratteristiche in comune con l’America di Bush» (si pensi allo sterminio degli Indiani, alle invasioni in mezzo mondo, alle prigioni dei dissidenti... di ieri e di oggi…, a Martin Luter King... e così via).

Quest’America che non ha ancora perso il vizio di credere alla propria sussistenza solo attraverso la morte del colpevole, dell’altro, del diverso: il nemico. Molti stati negli Usa adottano ancor oggi la pena di morte cercando di debellare così la delinquenza. Ma – statisticamente è stato appurato – dopo un primo periodo di flessione dei reati, da quando è stata inaugurata questa pena capitale, c’è stato un ritorno ‘normale’ alla delinquenza. Un gruppo di avvocati-investigativi americani si sono dedicati al riesame di casi di condannati a morte e sono riusciti a salvarne alcuni. La maggior parte di questi disgraziati sono per lo più poveri e ‘non-bianchi’. Non possono permettersi spesso un avvocato decente e quindi vengono assistiti da professionisti d’ufficio di bassissimo livello.

Allora i nostri Sacco e Vanzetti chi li avrà difesi? Quando all’epoca l’essere anarchici era peggio d’essere comunisti… Cioè non degni di vivere né socialmente né politicamente ma facili capri espiatori di una giustizia ingiusta che scambia(va) con facilità la libertà di parola e d’opinione con il terrorismo. E oggi gli americani cosa racconteranno, se lo faranno, alle loro giovani generazioni di questi due italiani? Diranno che sono stati terroristi? Rivoluzionari? Assassini? Solo i vincitori fanno la storia, i vinti invece la subiscono due volte, prima e dopo…

E in Italia che fine hanno fatto i nostri connazionali Sacco e Vanzetti? Non li ricorda più nessuno. Nemmeno le tv, pubbliche e private, mandano in onda films che li raccontino. In cambio, però, ci propinano serial hollywoodiani, dove violenza, droga e sesso occupano le ore del pomeriggio fino ad entrare ai bordi della nostra tavola da pranzo. Quando per una visione di culi e di tette, ci viene consigliano che il programma è per un “pubblico adulto”… (sic! e ri-sic!).

Provo commozione e rabbia di fronte a casi come questi. E a tutto quanto ci sta intorno. Nessuno vuol disconoscere le responsabilità politiche delle proprie idee. E nemmeno Sacco e Vanzetti l’hanno fatto. Due italiani veri e autentici. Uccisi più per conto di una morale e di una ideologia che per la vera responsabilità di un omicidio non ancora ben chiarito. Questi nostri due eroi, così voglio chiamarli, sono scomparsi dal calendario della liturgia storica e civica di questo nostro Paese. A distanza di oltre un secolo si continua ad uccidere il prossimo quando fisicamente, quando moralmente perché non la pensa come ‘i vincitori’. E per ricordarli anche dopo un secolo abbiamo dedicato loro questo breve pensiero.

Anche loro testimoni, i nostri Sacco e Vanzetti, di una libertà di parola e di pensiero che – nonostante la sopraffazione, la condanna e l’annientamento – continuano a vivere nei cuori di tutti quei ‘vinti’ che le epoche di tutti i tempi continuano a produrre sotto il segno della ‘democrazia’, della ‘legge’, della ‘giustizia’.

La loro memoria – comunque - ci resterà per sempre cara.

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
  Alberto Figliolia. Nicola and Bart
  Francesco Fortinguerra. “La storia si ripete”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy