Domenica , 24 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Dopo 45 anni dal Concilio vaticano II ormai dimenticato...
07 Febbraio 2008
 

Un Nuovo Concilio Mondiale Cattolico. Per verificare e rilanciare una Chiesa a servizio dell’umanità.

Aggiornamento”. È la parola chiave che ha caratterizzato il Concilio Vaticano II, cioè la Chiesa cattolica. Quel concilio che si è andato delineando negli anni come l’opportunità di “dialogo” verso un mondo che fino a quel momento veniva considerato dalle gerarchie ecclesiastiche ‘altro’ da sé anche se immerse nello stesso in mille modi e in mille maniere. Eppure è trascorso quasi mezzo secolo da allora e proprio da allora non si è fatto alcuna ‘verifica’ ufficiale su cosa abbia voluto dire – fino ad oggi e dopo tutto questo tempo – conoscere, comprendere, interpretare e applicare questa nuova impostazione metodologico-contenutistica dell’essere e del ‘fare’ Chiesa nella società mondiale.

Oggi, e da tempo, molti vescovi e curiali sanno lamentarsi molto della ‘secolarizzazione’, cioè di quella che allora al Concilio non ha trovato posto esplicito, ma che in realtà è stato il fantasma che ha aleggiato su quell’assise: apertura al mondo nel quale la Chiesa è immersa totalmente “pur non essendo del mondo”.

E quindi la Chiesa – che si trova a vivere e operare nel mondo – è qui che deve trovare il modo di testimoniare il suo Signore. E anche la Chiesa – cioè gli uomini e le donne di questa comunità credente, dal papa fino all’ultimo fedele – dovrebbe ‘perdersi’ (leggi ‘donarsi’) nei percorsi umani di questa nostra società per annunciare il Messaggio di salvezza a tutte le persone e ‘ritrovarsi’ (riconoscersi) nell’amore di tutti gli uomini. Ma i limiti – proprio perché umani – non mancano. E ciò che viene detto a parole non sempre è pensato e ancor meno attuato. E questo vale anche per molti uomini di Chiesa.

Nel 1995 la Chiesa italiana fece svolgere dall’Università Cattolica di Milano una ricerca sociologica – l’ultima più vasta e professionalmente valida, pubblicata perfino da Mondadori, con nomi altisonanti del mondo accademico – sulla situazione e la risposta che questa ha e riceve nel nostro Paese. I risultati non sono stati entusiasmanti. Ma dal card. Ruini all’ultimo prete ben pochi si sono preoccupati di presentarla e discuterla soprattutto nei luoghi addetti cioè le parrocchie, le diocesi, nei media cattolici. Poteva essere un’occasione per fare una riflessione comune e dialogata su un’analisi sociologica interessante; anche da completare semmai con altri contributi inter-disciplinari come la comunicazione, la psicologia, la didattica, la pedagogia. Cioè quelle branche del mondo scientifico non confessionale alle quali la Gaudium et spes e la Lumen gentium fanno riferimento per valorizzare le qualità della società secolare anche a fini di una conoscenza e di una crescita ecclesiale nell’interesse della persona della comunità umana nella comune ricerca della Verità. E invece no. Tutto è rimasto lì ben scritto e basta. Perché analizzarsi disturba. Mettersi di fronte alla realtà delle cose e delle relazioni crea disagio sulle responsabilità pratiche e sui criteri dottrinali e teologici dell’istituzione proprio di fronte ai drammi personali dell’essere cristiani cattolici sia come singoli, sia come gruppi, come chiese locali. E quindi si scantona, si evita e si ‘domina’ anziché di ‘servire’ perché tanto chi decide è ancora e sempre il papa, i vescovi e i preti secondo la strutturazione gerarchico-piramidale che la Chiesa si è data utilizzando tipologie di ‘società’ medioevali in cui il potere è assoluto nelle mani di pochi, cioè un’oligarchia ecclesiastica e maschile. Quindi occorre almeno inquadrare bene i problemi reali e fondamentali dell’essere Chiesa oggi nel mondo.

Fare il punto della situazione di una Chiesa cattolica – dopo la perdita di Giovanni Paolo II –, significa registrare un notevole vuoto. Non tanto un vuoto di contenuti, che pur ci sono stati ma che non hanno molto influito se non come conseguenze logiche di un’impostazione ecclesiastica ‘conservatrice’ (si pensi solo alle centinaia di ‘processi dottrinali’ avanzati contro teologi non in linea con la teologia polacco-ratzingeriana…), quanto d’immagine. E ora Benedetto XVI annaspa freneticamente per limitare questo divario tra la personalità di Wojtyla e la sua. E che il grande marketing massmediologico cattolico doc non riesce a colmare nonostante l’enfasi con cui i media ‘controllati’ continuino a ‘lanciare’ ovunque nello spazio comunicativo libri e articoli, con trasmissioni radio-televisive – anche in campo nazionale grazie ad aziende pubbliche come la Rai –, ma concretamente asservite al potere ecclesiastico. Anche se il tono teologico più puntuale dà per certi aspetti una qualificazione più specialistica che pastorale, a papa Ratzinger manca una vera mission del suo pontificato: cosa vorrà fare ‘da grande’ per contraddistinguere – e lasciare il segno – nella storia del suo governo ‘universale’ cattolico?

Vedremo cosa ci rivelerà. Per ora non lo ha dato a vedere chiaramente e non l’ha nemmeno detto se non di camminare sulle orme del suo predecessore. Ma anche Giovanni Paolo II aveva detto lo stesso: ma tra Montini e Luciani con Wojtyla c’è stato in comune solo il nome, nient’altro. Poi la ‘politica’ che ha svolto è stata tutta all’insegna di una novità contraddittoria tra le aperture e le chiusure, l’originalità ed un ritorno al passato. Benedetto XVI – dopo essere stato circa un ventennio sulla sedia di Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, l’ex sant’Ufficio (Santa Inquisizione) fondato da Pio V, ora si trova in prima persona a cercare di ‘governare’ questa Chiesa cattolica in questo mondo del XXI secolo.

Ecco alcuni punti cruciali di fronte ai quali occorre interrogarsi dopo decenni dall’ultimo concilio e di fronte ad un mondo che in questo tempo ha sviluppato dei cambiamenti a tutti i livelli tali da non poter non condizionare ogni persona e ogni comunità tra cui anche la Chiesa cattolica. E di fronte al quale ogni cattolico ed ogni struttura ecclesiale ed ecclesiastica si sarebbe dovuta adeguare. Ma si è adeguato il ‘mondo cattolico’ a questo nuovo messaggio conciliare?

È proprio vero e reale che ogni cattolico – laico o prete o religioso – conosca i documenti del Concilio Vaticano II e soprattutto li abbia messi in pratica e come nella sua vita e nella parrocchia, nella diocesi, nelle congregazioni, nel monastero, nella curia Romana, in Italia, in Europa, come in Africa, in Asia, nelle Americhe e in Oceania?

Quale formazione – per metodo e contenuto – abbiamo ed abbiamo avuto – nel dopo concilio – nei seminari cattolici di fronte alla varietà dei candidati al presbiterato per cultura, età, provenienza geo-politica?

Quale “dialogo” la Chiesa ha avuto col ‘mondo’ a livello interculturale, interreligioso, interspirituale, interdisciplinare e intercomunicativo?

A tali quesiti bisognerebbe che la Chiesa ufficiale rispondesse, non tanto per noi quanto per se stessa. E per rispondere non bastano le visite ad limina che i vescovi di una regione, di una nazione fanno al papa per riferirgli la situazione del loro territorio e della loro popolazione, quanto un nuovo Concilio mondiale. Preparato da milioni di sinodi (assemblee dei vari ambiti di una chiesa diocesana dalle associazioni, alle parrocchie, ai gruppi, ai fedeli tutti) delle chiese locali, i cui ‘prìncipi-vescovi’ (per il dominio assoluto che hanno – in termini di fede e morale – su tutti e su tutto), sono molto restii ad interrogarsi e mettersi in discussione. Sinodi che si organizzino in autentici luoghi di reale confronto, dialogo e comunione inter-umana ed inter-ecclesiale. Dove il metodo e i contenuti siano ancorati all’Evangelo e al Concilio.

Ma dopo Paolo VI ed il breve pontificato di papa Luciani è saltato fuori il papa polacco. E dopo i 28 anni di questo ‘globtrotter’ della fede in giro per il mondo è stato scelto il ‘guardiano’ dell’ortodossia di germanica estrazione: papa Ratzinger. E i segnali che il ‘numero Uno’ della Chiesa cattolica manda – anche a livello subliminale – si fanno sempre più consistenti. Dopo la riscoperta e la riproposta della messa in latino – quale segno di uno strisciante ritorno alla rivalorizzazione di concetti, metodi e prassi ecclesiastiche dell’epoca pre-concialire – si colgono le occasioni più a vasto raggio. La riprova di ciò la ritroviamo nel messaggio urbi et orbi di Benedetto XVI nel giorno di Pasqua: un messaggio che pone lo spartiacque tra Chiesa e mondo. Per Ratzinger la Chiesa non sta ‘dentro’ la storia come dice il Concilio, dove sentirsi parte integrante e indivisa con l’umanità; ma la ‘guarda’ separandosene e indicando la Chiesa come ‘unico’ luogo di salvezza. Il dolore umano lo considera come ‘tramite’ e ‘mezzo’ di conversione per la redenzione escatologica. I “segni dei tempi” di Giovannèa memoria, sono qui con Benedetto XVI squalificati a mera cronologia storica e non come ‘rivelazione’ del divino nell’umano. Quindi il messaggio è un messaggio di pericolo: “il male è causa vostra, state sbagliando, la strada giusta è un’altra, la nostra”. Noi – potrebbe dire – non condividiamo questa storia umana. Ciò capovolge completamente il messaggio di Giovanni XXIII: non una Chiesa per il mondo, ma un mondo per la Chiesa con una Chiesa al di sopra – cioè fuori – del mondo. L’incitare al ‘timor di Dio’, non fa che creare paure. Ed il ‘Papa buono’ ebbe modo di bollare come “prevaricazioni e rovina” ciò che “i profeti di sventura” annunziavano come eventi infausti annunzianti la fine del mondo: eppure nel 1962-65 Joseph Ratzinger – che sedeva al Concilio come consulente dell’arcivescovo di Colonia – scriveva libri inneggiando alla teologia conciliare.

Oggi, sembra che la Provvidenza come la Misericordia, cioè la Grazia e l’Amore – nonostante i ‘messaggi’ etichettati come tali ed inviati al mondo cattolico e non – vengono concretamente riposte nell’arcano spazio della dottrina anticonciliare.

Mentre nel mondo si stanno sempre più aprendo spazi nuovi di opportunità comunicative e in divenire, dove i nuovi paradigmi dell’universo umano si stanno ridisegnando, i vertici della Chiesa cattolica cercano il futuro nella ragione di se stessi e dei propri principi dottrinali: dalla immutabilità, alla perfezione alla all’indefettibilità.

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Sinistra postconciliare e Chiesa Corpo Mistico"
  Piero Cappelli: Nel ‘Vietnam’ afghano i morti valgono più di quelli in terra italiana?
  Piero Cappelli: Sulle elezioni, sulla sinistra da ripensare
  Piero Cappelli: Vi segnalo da Alba Magica: Rivolte per la crisi. Islanda e Svizzera.
  Piero Cappelli: La coscienza dell’occidente e le chiese nel XXI secolo post-cristiano
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: "Due lettere sul Vaticano II e l’attuale papato"
  Piero Cappelli: Come salvare questo mondo?
  Gianni Baget Bozzo - Piero Cappelli: Chiesa per i giusti o per i peccatori? Due lettere.
  Piero Cappelli: Ciao Gianni! AdDio… caro Amico e Padre spirituale
  Piero Cappelli: Atei alla riscossa, Chiesa in difesa. Ma dove siamo?
  Piero Cappelli - Anteprima: “Lo scisma silenzioso” tradotto in portoghese, in Brasile
  Piero Cappelli: Sacco & Vanzetti. Uccisi due volte, ieri e oggi.
  Piero Cappelli: Piove? No... Ma è lo stesso. Governo ladro.
  Piero Cappelli: La casta Ecclesiasticae, lo "scisma silenzioso" nella Chiesa
  Piero Cappelli: La Chiesa del futuro.
  Piero Cappelli: Ritornando dopo aver scritto un libro sulla Chiesa-casta
  Piero Cappelli: Classe dirigente nazionale e locale
  Piero Cappelli: Poveri unitevi, anzi ribellatevi! Ma come?
  Cristina Cappellini. Di sole non ce n'è mai abbastanza
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Piero Cappelli: Essere genitori ed essere figli: Quando ce ne accorgiamo? Letture per gli studenti
  Piero Cappelli: Come intendo "I Care... communication"
  Piero Cappelli al Festival di Internazionale a Ferrara (1): ottimo risultato! Ma…
  Piero Cappelli : L’opinione pubblica e la Chiesa
  Piero Cappelli – “Lo scisma silenzioso” (citato da Vito Mancuso su Repubblica) e il dialogo con il mondo del dissenso critico
  Piero Cappelli: Scuola di Barbiana. Il metodo di scrittura collettiva.
  Piero Cappelli: Lamentarsi non basta più. Lavoriamo per noi... per ciascuno di noi!
  Piero Cappelli: Una cultura del turismo in Italia
  Piero Cappelli: Chiesa e linguaggio
  Piero Cappelli: Come costruire il dopo-Veltroni, per battere il dopo-Berlusconi?
  Velletri. 2° Incontro Orchestrale Europeo Giovani Chitarristi
  Piero Cappelli: oltre la morte: l’eternità ci appartiene
  Piero Cappelli: La restaurazione della liturgia di Pio V. Messa in latino.
  Piero Cappelli: Lo scandalo dello scandalo: le nostre armi nel mondo
  Piero Cappelli: Lettera aperta al Papa-teologo Benedetto XVI
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Piero Cappelli: Persona Umana & Culture
  Piero Cappelli: È la fine di un mondo ‘capitalista’?
  Piero Cappelli: Don Milani e il cattocomunismo
  Piero Cappelli – Dal Che’ al Cia’: come si evolve il kult...
  Piero Cappelli – Internazionale a Ferrara (2). Economia e Conflitti nel mondo
  Piero Cappelli
  Don Oreste Benzi: Devozione e Rivoluzione
  Piero Cappelli: Crisi. Dal capitalismo alle armi, da Bankitalia a Goldman Sachs
  Piero Cappelli: Napolitano & Spinelli
  Piero Cappelli – Il fallimento della morale: Cicciolina + Marrazzo + Berlusconi...
  Milva Maria Cappellini. “L'ultima sposa di Palmira” di Giuseppe Lupo
  Piero Cappelli: Morale Privata & Affari Pubblici
  Piero Cappelli: La mancanza di un'alternativa. Elezioni 2008
  Piero Cappelli: “Cosa ne penserebbe oggi Don Milani?” Lettera aperta a Walter Veltroni
  Piero Cappelli. Dopodomani, che futuro avremo noi italiani?
  Piero Cappelli: Pedofilia, Chiesa e censura. Perché?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy