Giovedì , 21 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Ci aspettano momenti difficili, ma il sistema non durerà ancora per molto” 
Karen Caballero intervista Yoani Sánchez
Amsterdam. Nella sede di
Amsterdam. Nella sede di 'Amnesty International' nel corso del viaggio di Yoani 
11 Aprile 2013
 
   Karen Caballero ha intervistato Yoani Sánchez per conto di Radio Tv Martí. Il video in spagnolo si può vedere al sito: www.martinoticias.com. Riassumo con uno sforzo di sintesi domande e risposte. L’intervista a Yoani è intervallata da rapide apparizioni di Antonio G. Rodiles – direttore di Estado de Sats – che illustra il programma politico “Por otra Cuba” (porotracuba.org) e dalla lettura di alcuni articoli fondamentali tratti dalla Dichiarazione dei Diritti Umani.
 
   – La separazione familiare è il destino di tutti cubani. Tu come l’hai vissuta?
   La separazione familiare fa parte del dolore di ogni famiglia cubana. Un dolore difficile da sopportare ma è la nostra vita. Ho riabbracciato mia sorella dopo due anni di separazione ed è stato un abbraccio doloroso. Cuba è vicina a Miami, un braccio di mare di pochi chilometri, ma è lontana per colpa di una folle ideologia e della repressione governativa. Poche miglia marine si trasformano in un abisso.
   – Miami è proprio come viene raccontato a Cuba?
   No davvero. La propaganda governativa racconta una Miami dove vivono persone che odiano Cuba. Il discorso retorico parla di gusanos, di mafia, di nemici. In realtà la maggior parte delle famiglie cubane vive grazie ai parenti emigrati a Miami, sono i nostri esiliati a sostenere l’esistenza quotidiana di chi è rimasto in patria. Da un punto di vista architettonico, Miami è stupenda. Una grande città, pulita e moderna, con una vita culturale intensa, simile all’Avana, nonostante la differenza tra splendore e decadenza.
   – Cosa manca a Cuba per realizzare un vero cambiamento?
   Il popolo cubano deve svegliarsi e lottare, perdere la paura, gettare la maschera e chiedere di essere ascoltato. Il vero nemico è l’apatia. Il governo fonda la sua forza sulla maggioranza silenziosa, che tace e va avanti, senza occuparsi di politica. Lo so bene perché anch’io sono stata apatica, ma dall’apatia ci si può svegliare, grazie all’informazione. Diffondere notizie a Cuba serve anche per sognare la libertà.
   – Spiegaci cos’è successo nella tua vita nel 2002, quando sei andata in Svizzera. Si parla di un matrimonio con un cittadino tedesco…
   Se c’è una cosa che ho imparato da Fidel Castro è a non parlare della mia vita privata. Ci sono cose della mia vita che sono soltanto la mia vita, non devono appartenere ad altri. Alcuni studenti di tedesco, ai quali impartivo illegalmente lezioni di spagnolo, mi aiutarono a comprare il biglietto per andare in Svizzera, dove ho fatto un’esperienza meravigliosa. Ho lavorato in una libreria latinoamericana dove ho imparato a conoscere gli scrittori che a Cuba mi impedivano di leggere. La Svizzera mi ha dato molte opportunità, mi ha insegnato a programmare le mie attività con precisione, mi ha insegnato a lavorare con metodo. Ma io volevo tornare a Cuba. Provavo troppa nostalgia del mio paese e della mia famiglia. Per questo ho preso la folle decisione di tornare e di gettare la maschera, cominciando il mio esorcismo personale nel blog Generación Y.
   – È vero che sei favorevole alla eliminazione dell’embargo?
   Certo, ma a condizione che tale provvedimento venga concordato con tutte le parti in causa, non è una cosa che riguarda solo il governo cubano e quello nordamericano, devono essere coinvolti anche il popolo residente sull’isola e l’esilio. L’embargo è solo un baluardo ideologico che va rimosso. Serve solo come motivazione per compattare il popolo contro un presunto nemico. Non è servito allo scopo.
   – Cosa pensi di Eliecer Ávila e Rosa María Payá?
   Tutto il bene possibile. Sono due grandi risorse per il futuro. Cuba non è completamente rossa o verde oliva, come pensano molti stranieri che sono stati a Cuba solo per una breve visita. Non è una nazione monocolore. Le sfaccettature sono molteplici. Eliecer Ávila è un giovane che si è formato all’interno del Partito Comunista, eppure si è reso conto che la libertà è importante, che non è possibile crescere come paese se non si procede a un cambiamento radicale. Quando mi accorgo che a Cuba ci sono giovani come lui e come Rosa María Payá, ho molta speranza nel futuro. Il popolo cubano è stanco del discorso monocorde. Servono persone giovani e responsabili. A Cuba va depenalizzata la discrepanza, questa è la cosa più importante da fare. Io non possiedo le soluzioni a ogni problema, ma so che senza libertà di espressione e di associazione, senza la libertà economica, non potremo ottenere niente. Prima la libertà. Il resto verrà di conseguenza.
   – Nel 2007 hai cominciato a scrivere il blog Generación Y per parlare della realtà cubana. Tutti hanno cominciato a conoscerti nel mondo, ma non a Cuba.
   Sono più conosciuta fuori dalla mia terra che a Cuba, ma non importa. A Cuba il governo detiene il monopolio informativo. Tu pensa che non conoscevo i Buena Vista Social Club: è stato uno straniero a parlarmene per la prima volta. In ogni caso mi rendo conto che la conoscenza dei cubani sulle mie attività sta aumentando, perché ci sono persone che mi fermano per strada, mi pongono domande e mi incoraggiano. A me piace lavorare in équipe e scambiare idee con gli altri. Il giornalismo è la mia carriera. Voglio continuare a comportarmi come una persona libera. Spero solo che Papà Stato non mi punisca per quel che ho fatto e che non decida di non lasciarmi più uscire da Cuba.
   – Per tuo figlio speri in un futuro migliore? Non temi che voglia espatriare come fanno molti giovani cubani?
   Il problema di ogni madre cubana è che un figlio possa emigrare. Siamo nati e cresciuti in un simile situazione, purtroppo. Non credo che il sistema che stiamo vivendo durerà ancora per molto tempo, ma so che ci aspettano momenti difficili. In compenso sono sicura che avremo una Cuba pluralista che non penalizzerà più la discrepanza e la prosperità. Sono sicura soltanto di una cosa: tornerò a Cuba per lavorare a un cambiamento che porti l’isola verso la democrazia.
 
Gordiano Lupi

Articoli correlati

  Yoani Sánchez presenta il suo libro a San Paolo
  Yoani all'Università di Praga
  El País: Intervista degli internauti a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez a Madrid
  Yoani Sánchez negli USA
  Yoani Sánchez bloccata dai filocastristi [video]
  Yoani, una figura fragile con spirito d’acciaio
  Yoani Sánchez si pronuncia contro l’embargo
  Brasile. Yoani Sánchez risponde alle critiche
  Yoani Sánchez: “Credo che il cambiamento sia sempre più vicino”
  Yoani Sánchez incontra Vargas Llosa in Perù
  “Yoani Sánchez. In attesa della primavera” di Gordiano Lupi
  Cuba. Twitter di Yoani in attesa di partire
  Yoani Sánchez. Praga, Milan Kundera e una vecchia Primavera
  Yoani Sánchez davanti al Senato brasiliano
  Le minacce a Yoani. Intervista di Jorge Ramos Avalos
  Gordiano Lupi. Sulla conferenza stampa di Y. Sánchez alle Nazioni Unite
  Yoani Sánchez ricevuta dal Ministro degli Esteri svedese
  Madrid. Yoani riceve (e assegna) il Premio “Ortega y Gasset”
  Yoani Sánchez. Museo del comunismo
  Yoani Sánchez a Praga
  Dal Congresso US al giornale telematico cubano diretto da Y.S.
  Simanca. Senza parole
  Yoani contestata in Messico
  Gordiano Lupi. Yoani in Brasile
  Yoani Sánchez parla all’Onu nonostante la censura cubana
  Yoani premiata a Miami per la difesa dei diritti umani
  Yoani Sánchez. El mito
  Yoani Sánchez. Il cambiamento verrà per merito dei cittadini
  Premio iRedes a Burgos, in Spagna. Seconda Giornata
  Yoani: Fonderò un giornale libero!
  Gordiano Lupi. Attendendo Yoani
  New York. Yoani Sánchez teme il ritorno a Cuba
  “Vorrei la si facesse finita con la scusa dell'embargo”, Yoani a Washington
  Yoani a Miami-mon-amour
  Vargas Llosa elogia la blogger Yoani Sánchez
  Monza. “In attesa della primavera” Incontro con Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez in Olanda: “Non mi faranno più uscire da Cuba...”
  Gordiano Lupi. Foto storiche e Italia... distratta?
  Enea Sansi. Yoani Sánchez, “Soy la otra Cuba”
  Antonio G. Rodiles resta in galera
  Cuba. Premiato padre Conrado
  Antonio Rodiles, il nemico dello stato
  Liberato Antonio Rodiles dopo 19 giorni di detenzione
  Cosa va a fare Zucchero a Cuba?
  Gli studenti ritrattano. Una manovra per eliminare Alarcón o semplice intimidazione?
  Eliécer Ávila lancia Somos+, nuovo movimento politico
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  Gordiano Lupi. Leggendo 14ymedio...
  Gordiano Lupi. A Cuba chi parla va in galera
  Cuba. Eliécer Ávila, un ingegnere condannato alla disoccupazione
  Gordiano Lupi. Arresto strategico per Yoani Sánchez
  Raúl Castro: “Non rimettete troppe speranze nella Conferenza del Partito”
  Cuba. La tecnologia erode il sistema totalitario
  Amnesty Internacional adotta Carrión Álvarez
  Carlos Carralero (ULC). Libertà per Eliécer Ávila!
  Gaviotazalas. Una semplice partita a scacchi
  A Cuba: «Per chi abbiamo votato?» «Perché non possiamo viaggiare?»
  Yoani Sánchez. I motivi di Eliécer
  Garrincha, Santana, Lupi. Missili, moringa, viaggi aerei e tanti dubbi
  Scambio di idee sul futuro di Cuba
  Il “Festival Clic” all’Avana
  Gordiano Lupi. Yoani e il cambiamento
  Rosa María Payá: «Cuba si dissangua con Obama che prende il volo dall’Avana»
  La morte di Oswaldo Payá è stata un delitto di Stato?
  Rosa María Payá vola in Spagna e a Ginevra
  Vetrina/ Rosa María Payá Acevedo. Al padre
  Rosa Maria Payá e Orlando Luis Pardo Lazo in visita a Radio Tv Martì
  Carlos Alberto Montaner. Un anno senza Fidel
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 6 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy