Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. A Cuba chi parla va in galera 
Arrestato giovane universitario dopo aver fatto domande ad Alarcón
Fausto Pallottini,
Fausto Pallottini, 'Cuba. Voglia di libertà' 
12 Febbraio 2008
 

Non era difficile prevederlo. Il sito internet www.payolibre.com riporta la notizia (a firma Juan Carlos González Leiva) che il giovane universitario Eliécer Ávila Cicilia è stato arrestato, alle otto del mattino del 9 febbraio, da agenti della Sicurezza di Stato. Ávila Cicilia vive a Puerto Padre, provincia di Las Tunas, ed è uno dei giovani studenti della facoltà di informatica che ha rivolto domande imbarazzanti a Ricardo Alarcón de Quesada, presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare. Il giovane studente è stato trasferito in un carcere della capitale cubana, ai familiari è stato proibito di accompagnarlo e adesso si teme per le sue condizioni di salute e per il suo futuro.

Eliécer Ávila Cicilia è soltanto un ragazzo di 21 anni che ha esposto alcuni problemi concreti sentiti da tutta la popolazione cubana. Adesso lo scopo principale della polizia politica sarà quello di ottenere una pubblica ritrattazione, metodo usuale della dittatura. Il destino di Ávila Cicilia è segnato: ritrattare oppure finire come Armando Valladares (si legga Contro ogni speranza edito in Italia da Spirali) e molti altri dissidenti che hanno passato anni nelle prigioni castriste. Lo studente aveva chiesto ad Alarcón de Quesada come mai esista il doppio cambio, perché la popolazione è tenuta in miseria, visto che riscuote salari in pesos nazionali e la maggior parte delle merci si vendono in pesos convertibili (parificati al dollaro). Ávila Cicilia aveva chiesto come mai esista la proibizione di uscire dal paese, perché non poteva viaggiare, per esempio, per andare a vedere la Bolivia dove era morto il Che. Un’altra domanda riguardava il divieto imposto ai cubani di entrare negli alberghi nazionali, riservati ai turisti stranieri. Alarcón ha risposto alle domande con visibile imbarazzo, affermando che non era la sede per affrontare certi problemi e che non aveva intenzione di scatenare una discussione. Non solo. Ha aggiunto che non è un esperto di economia e che non si occupa di questioni inerenti il cambio monetario. Considerazione risibile e arrogante. Cosa ci fa al governo un uomo che non conosce la differenza tra peso nazionale e peso convertibile? Possibile non sappia che la moneta nazionale cubana vale 25 volte meno del dollaro e che a Cuba il commercio è impostato a uso e consumo degli stranieri? Alarcón ha concluso dicendo che pure lui da giovane non poteva viaggiare, non andava al Tropicana, non conosceva Varadero e soprattutto che non è pensabile un mondo dove tutti prendono un aereo e viaggiano.

Incredibile sentire assurdità simili dalla bocca di un funzionario di Stato. Gli studenti hanno chiesto spiegazioni anche sulla limitazione di accesso a internet, ma su questo punto Alarcón non ha aperto bocca. In occasioni come queste si rimpiange Fidel Castro, che almeno aveva il dono dell’oratoria e sapeva raccontare migliori menzogne.

Alejandro Hernandez, un altro studente, ha chiesto: «Per chi abbiamo votato? Dei vostri candidati conosciamo solo la biografia, ma non so chi siano. Cosa significa il voto unito?» Alejandro, per il momento, è a piede libero. Non è dato sapere per quanto.

Ávila Cicilia e Alejandro Hernandez non avrebbero detto niente di strano se Cuba fosse un paese democratico, ma in un regime dittatoriale le loro affermazioni sono pericolose. In questo momento è importante che la comunità internazionale vegli sulla loro incolumità. Rocco Cotroneo sul Corriere della Sera scrive che l’accaduto può far pensare a un’apertura del governo verso il dibattito e questa cosa potrebbe essere interpretata sia come un segno di debolezza che di forza. Niente di tutto questo. L’accaduto rientra nell’imponderabile. Alarcón non avrebbe mai immaginato una contestazione da parte di studenti della Gioventù Comunista e non era preparato ad affrontare un dibattito. Si vede in maniera lampante dalla stupidità delle risposte. L’incontro è stato ripreso delle telecamere, divulgato dalla BBC e, come già segnalato, è visibile su YouTube.

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Cuba. Eliécer Ávila, un ingegnere condannato alla disoccupazione
  Yoani Sánchez a Praga
  “Ci aspettano momenti difficili, ma il sistema non durerà ancora per molto”
  Gordiano Lupi. Leggendo 14ymedio...
  Gaviotazalas. Una semplice partita a scacchi
  Amnesty Internacional adotta Carrión Álvarez
  Yoani Sánchez. Praga, Milan Kundera e una vecchia Primavera
  Cuba. La tecnologia erode il sistema totalitario
  Eliécer Ávila lancia Somos+, nuovo movimento politico
  Yoani Sánchez. I motivi di Eliécer
  Scambio di idee sul futuro di Cuba
  Gordiano Lupi. Arresto strategico per Yoani Sánchez
  Carlos Carralero (ULC). Libertà per Eliécer Ávila!
  Il “Festival Clic” all’Avana
  Garrincha, Santana, Lupi. Missili, moringa, viaggi aerei e tanti dubbi
  Gordiano Lupi. Yoani e il cambiamento
  A Cuba: «Per chi abbiamo votato?» «Perché non possiamo viaggiare?»
  Gli studenti ritrattano. Una manovra per eliminare Alarcón o semplice intimidazione?
  Raúl Castro: “Non rimettete troppe speranze nella Conferenza del Partito”
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  Yoani all'Università di Praga
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 6 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy