Mercoledì , 18 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
I blogger cinesi parlano di Birmania
12 Ottobre 2007
 

Da quanto riferiscono alcuni corrispondenti dei giornali italiani e stranieri, e scorrendo le versioni online (in inglese) dei giornali cinesi disponibili anche qui da noi, si capisce che i cinesi poco o niente hanno potuto sapere sui fatti di Birmania di queste settimane. Nulla, pare, hanno saputo delle prime grandi manifestazioni nonviolente dei monaci buddisti e niente ancora sulla ferocia della repressione militare. I blogger cinesi invece hanno avuto e stanno avendo un ricco dibattito sui fatti di Birmania, e non mancano le critiche verso il regime di Pechino. Lo testimonia globalvoicesonline.org, che è un aggregatore, cioè una sorta di raccoglitore di diversi blog, organizzato per aree territoriali. A quanto se ne sa i blog in Cina sono circa 70 milioni, su una popolazione di un miliardo e mezzo di persone. Per capire quanti sono i cinesi che hanno voglia di partecipare, di dire la loro, di esprimere la propria opinione, occorre riferirsi alle popolazioni che vivono nelle città più industrializzate e moderne, popolazioni che dovrebbero essere quantificate intorno ai 200 milioni. Nelle città cinesi la situazione è nettamente più in movimento, più fluida rispetto alle campagne, dove l'oppressione del regime è più forte e più efficace. Se questa proporzione ha un qualche senso, il numero dei blogger cinesi è molto significativo. Stando inoltre ad alcune segnalazioni di questi giorni sull'uso della rete in Cina, uno strumento molto usato per scambiarsi informazioni sui fatti di Brimania è stato anche Facebook, che è altro dai blog, e che stando ai dati che circolano pare sia molto usato dalle stesse fasce di popolazione cinese.

Lo sviluppo economico che ha travolto la Cina, così come altri paesi delle regioni asiatiche, ha portato con sé alcuni degli strumenti, dei mezzi che riescono a sfuggire in alcune occasioni e per tempi limitati alle strette maglie della censura cinese, con la quale, ricordiamolo, giganti del web quali Google e Yahoo sono scesi volentieri a patti, pur di lasciarsi aprire gli immensi giacimenti di utenti rappresentati da quei paesi. Internet sarà il tramite per qualcosa di nuovo? Staremo a vedere.

Intanto nei giorni che hanno visto l'azione dei monaci buddisti, tutto il mondo ha potuto vedere l'immediato effetto di cronaca e di testimonianza messo in campo da alcuni blogger birmani, i quali per altro sono subito stati messi a tacere. Però i naviganti ricordano, memorizzano nelle loro teste, e anche nei loro computer, memorizzano le foto, i racconti, le testimonianze raccolte dai blogger che hanno potuto essere presenti in Birmania. E la memoria, anche quella digitale, può avere un futuro.

Per chi vuol saperne di più può trovare una vasta raccolta di commenti apparsi sui blog cinesi (in lingua inglese) cliccando qui.

 

Michele Lembo

(da Notizie radicali, 11 ottobre 2007)


Articoli correlati

  Tutti contro la dittatura che opprime la Birmania. Però gli affari sono affari
  Bruna Spagnuolo: Birmania. Figli di nessuno del 3° millennio.
  Piero Cappelli: Birmania, i monaci fulcro storico della liberazione.
  Marcia Perugia-Assisi: raccogliamo l'appello per la pace e la democrazia del governo birmano in esilio
  Guido Biancardi. Sangue e democrazia
  Mao Valpiana. Il metodo nonviolento dei monaci buddisti birmani
  Myanmar. Un appello di Amnesty International
  Peter Popham. Birmania. “Vincere i cuori”
  Valter Vecellio. Punti e appunti per un possibile dibattito. Due
  Cynthia Boaz e Shaaka Beyerle. La rivoluzione color zafferano
  Quale politica verso Pechino?
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  Benedetto Della Vedova. Le Olimpiadi, Pechino, e noi
  Maria G. Di Rienzo. Le madri di Tiananmen
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 7. Pechino / Le tombe dei Ming
  Matteo Mecacci. Pechino 2008: dopo le dichiarazioni di Berlusconi...
  Francesco Pullia. Tibet. Arrestato il poeta e attivista nonviolento tibetano Tenzin Tsundue
  Alessandra Borsetti Venier. Ai Weiwei, artista dissidente, arrestato
  CINA. D’Elia: Da quale pulpito viene la predica
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 6. Pechino / La Città Proibita
  Commercio Cina. Sì alla globalizzazione ma con sicurezza e regole
  Valter Vecellio. Tibet, Satyagraha. L’importante articolo di Enzo Bianchi
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Bruno Mellano. Tibet: È questo lo spirito olimpico di Pechino?
  La Cina censura il sito internet del Partito Radicale
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 8. La grande muraglia e Commiato
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 3. Dentro e fuori i magnifici templi...
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 4. La preghiera nel tempio delle ruote
  DIARIO CINESE / 2. Crescita del mercato e trasformazione politica
  Mellana. La via della sete
  Mellana. La Cina è più vicina
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 1. Ganzu
  Il discorso del Dalai Lama nel 49° anniversario dell’insurrezione nazionale tibetana
  Nobel per la Pace al cinese Liu Xiaobo
  Bruna Spagnuolo: Terremoto in Cina. Gocce piccole per speranze grandi.
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 5. Pechino / Piazza T' ien-an-men
  Benedetto Della Vedova. Col Dalai Lama: pacificazione, autonomia
  Sandra Chistolini. L’educazione alla cittadinanza in Cina tra memoria e magnificenze
  DIARIO CINESE / 1. Internet censurata
  Francesco Pullia. Tibet. “Signor Sisci, per piacere, cambi mestiere”
  Guido Biancardi. Tibet-Cina, Italia-Europa. E Fiat e “Corriere della Sera”
  Guido Biancardi. “Quella Cina” siamo noi
  8 Agosto ad Assisi! Tibet, pace e nonviolenza
  Marco Pannella. «Tibet libero significa anche Cina libera»
  Manifestanti tibetani arrestati in India. Sit-in davanti al carcere di Javalamukti
  Nanni Salio. Per una trasformazione nonviolenta del conflitto Cina-Tibet
  Luciano Pecorelli. La visita del Dalai Lama e Cristo
  Bruna Spagnuolo: La grande Cina (la 'mia' / 1991) – 2. Tongyuang, Xining e i templi
  “Tibet libero” è sinonimo di “Cina libera”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy