Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Tibet, Satyagraha. L’importante articolo di Enzo Bianchi
20 Marzo 2008
 

Le agenzie di stampa hanno diffuso ieri un sintetico commento di Marco Pannella, raccolto mentre a campo de’ Fiori a Roma era in corso la manifestazione promossa da Radio Radicale e da Il Riformista in solidarietà con la lotta dei monaci tibetani. «Tibet libero in Cina libera in un’Italia che torno a essere più libera», ha detto Pannella. Ed è perfetta sintesi dell’iniziativa che vede impegnati in queste ore Pannella e i radicali, il Satyagraha mondiale per la pace, la libertà e la democrazia; e comincia a essere anche più chiaro come questa lotta, questo impegno, queste iniziative “leghino” il “fare” in Italia con il “fare” altrove e fuori dai confini nazionali. In perfetta continuità e identità con quel che prefiguravano e disegnavano Ernesto Rossi e Altiero Spinelli confinati a Ventotene: quel loro essere “visionari” era la cosa più concreta che poteva allora essere concepita; così come oggi la cosa più concreta è appunto costituita dal Satyagraha.

Una conferma – una delle tante – la si ricava dalla lettura del lungo e bell’articolo del priore della comunità di Boso Enzo Bianchi (foto), pubblicato su La Stampa. Articolo che va accostato a un intervento, pubblicato il 17 marzo scorso sempre su La Stampa, di Guido Ceronetti (“Israele e Palestina, la bugia dei due Stati”).

Enzo Bianchi è una delle voci più autorevoli e più interessanti di quell’“oceano” di credenti che sono silenziati e privi di visibilità. Quel “mondo” capace di parlare e di ascoltare, e che nei fatti, oggettivamente, si contrappone alla chiesa ufficiale incarnata dalle gerarchie vaticane e che quotidianamente viene sponsorizzata dai grandi mezzi di comunicazione. Così accade che da una parte vi sia il silenzio e la reticenza vaticanesca (seguita da imbarazzatissime e patetiche spiegazioni) sulle vicende tibetane – del resto, si tratta di “silenzi” e mancate condanne in perfetta coerenza con altri che pure ce ne sono stati –; dall’altra abbiamo accorate e partecipate prese di posizione da parte appunto di quel mondo di credenti “sommersi” che non sono solamente “salvati”, ma salvano.

 

L’articolo di Enzo Bianchi è importante, anche perché segnala e sottopone alla nostra attenzione un rischio di deriva che merita attenzione e riflessione da parte di tutti noi, che non da ora “siamo tutti tibetani”. Scrive Bianchi:

«…È in questa prospettiva che mi paiono drammaticamente preoccupanti le notizie sulle violenze compiute non tanto dai monaci - infatti, nonostante la meticolosa cernita delle immagini compiuta dalla televisione di Stato cinese per imputare esclusivamente ai tibetani le violenze, l'unico gesto violento di cui è co-protagonista un monaco è l'abbattimento di una porta a calci - quanto da giovani tibetani nei giorni scorsi. Temo sia una crepa pericolosa nella cultura tibetana della nonviolenza, un sintomo di una certa presa che la violenza quotidianamente istillata in maniera più o meno esplicita comincia ad avere anche in un popolo a essa fondamentalmente alieno. Non ci è lecito giudicare dall'alto del nostro distacco fisico, emotivo e personale il comportamento di alcuni, relativamente pochissimi, manifestanti, ma dobbiamo temere il possibile degenerare della “forza” della nonviolenza in azioni violente: sarebbe davvero un tragico salto di qualità del “genocidio culturale” denunciato dal Dalai Lama.

Estremamente significativo in questo senso l'atteggiamento che sta tenendo il Dalai Lama in questi giorni: reiterata domanda di dialogo, riaffermazione della volontà di autonomia e non di indipendenza, nessun boicottaggio delle Olimpiadi e perfino disponibilità a dimettersi se la situazione dovesse finire fuori controllo: la verità della pace non può accettare di farsi servire dalla violenza. Sì, l'uccisione della diversità ostinata di una cultura di pace è quanto anche i tibetani temono ancor più della morte fisica».

 

Bianchi oggi, come Ceronetti ieri, coglie perfettamente, nell’essenza, i termini delle questioni: quelle questioni che, ostentatamente e clamorosamente, sono nei fatti – e nei silenzi – ignorati e dunque combattuti, da tanti: in nome di interessi forse non completamente (oggi) percepibili, ma che certamente “pesano”, e che non mancheranno fin dalle prossime ore, di farsi valere.

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 20 marzo 2008)


Articoli correlati

  Bruno Mellano. Tibet: È questo lo spirito olimpico di Pechino?
  Tibet. Karma Chopel al Parlamento europeo: documentazione inedita sulle violenze
  Tibet. Sabato 30 agosto sciopero della fame simbolico di 12 ore proposto dal primo Ministro tibetano
  “Tibet libero” è sinonimo di “Cina libera”
  Marco Zacchera. Dalai Lama: la “businesspolitik” del Governo Prodi
  Marco Pannella. «Tibet libero significa anche Cina libera»
  Pannella e i radicali festeggiano il compleanno del Dalai Lama. Oggi a Spoleto
  Roma: 10 marzo, “Tibet, ora più che mai”
  Francesco Pullia. Tibet. Arrestato il poeta e attivista nonviolento tibetano Tenzin Tsundue
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Tibet/India, polizia blocca marcia contro Olimpiadi Pechino
  Gabriele Corazza. Per Sonam Tsering
  Francesco Pullia. Tibet, gli antefatti
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Bruna Spagnuolo: Fiaccola olimpica in manette. Il Tibet piange 2
  Diritti Umani. Pannella e Mecacci hanno incontrato questa mattina il Dalai Lama
  Camera e Senato accolgono il Dalai Lama con il massimo degli onori
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Francesco Pullia. Tibet, uiguri, diritti umani in Cina. La situazione si aggrava
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Guido Biancardi. Tibet-Cina, Italia-Europa. E Fiat e “Corriere della Sera”
  Matteo Mecacci. Pechino 2008: dopo le dichiarazioni di Berlusconi...
  Mariolina Nobili. Olimpiadi e libertà per il Tibet. Lettera aperta al Sindaco di Sondrio, Alcide Molteni
  Il discorso del Dalai Lama nel 49° anniversario dell’insurrezione nazionale tibetana
  Valter Vecellio. Tibet. Le “tentazioni” disperanti, disperate e suicide di Tsewang Rigzin
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Benedetto Della Vedova. Col Dalai Lama: pacificazione, autonomia
  Il Dalai Lama e Liu Xiaobo
  Francesco Pullia. Tibet. “Signor Sisci, per piacere, cambi mestiere”
  «Siamo tutti tibetani». Manifestazione indetta da “Il Riformista” e “Radio Radicale” mercoledì 19 a Roma
  Manifestanti tibetani arrestati in India. Sit-in davanti al carcere di Javalamukti
  Nanni Salio. Per una trasformazione nonviolenta del conflitto Cina-Tibet
  Il Volo Libero con il Tibet
  Benedetto Della Vedova. Le Olimpiadi, Pechino, e noi
  Bruna Spagnuolo: Terremoto in Cina. Gocce piccole per speranze grandi.
  Guido Biancardi. “Quella Cina” siamo noi
  8 Agosto ad Assisi! Tibet, pace e nonviolenza
  La Cina censura il sito internet del Partito Radicale
  Elisa Merlo. Atei, credenti, e l'inquietudine che suscita il mistero
  Giuseppina Rando. Senilità
  Francesco Pullia. Animalismo e vegetarianesimo, il nuovo possibile
  Memoriale Villa Pisa­ni: Intervista al sindaco di Monte­bel­luna, Marzio Favero
  V. Vecellio. Guido Ceronetti, l’impostura di due Stati, Israele e Palestina, l’allarme di Colombo, il possibile unico antidoto
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy