Lunedì , 17 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Guido Biancardi. Tibet-Cina, Italia-Europa. E Fiat e “Corriere della Sera”
23 Giugno 2008
 

Sabato, 21 giugno: due spunti sui media riguardanti il Tibet e l'Olimpiade cinese: il passaggio della fiaccola olimpica a Lhasa ed un curioso riquadro a colori a pagina 34 del Corriere della Sera intitolato “Le scuse di Pechino” in cui viene mostrato un innocente fotogramma di una recentissima pubblicità televisiva del gruppo Fiat.

Quel che colpisce del modo con cui il problema tibetano e cinese delle libertà civili concesse alle popolazioni delle minoranze etniche in quell'immenso Paese la cui costituzione (all'art. 35) le ammette esplicitamente mentre vengono negate di fatto, è che il fatto che la fiaccola sia portata nelle province come il Turkestan orientale (abitato dagli Uiguri) ed appunto in un militarizzato Tibet (per strade occupate solo da comparse di regime mentre le popolazioni sono confinate nelle case ed ogni esercizio commerciale è chiuso; così come l'accesso ai territori di ogni straniero), sia considerato e presentato come dimostrazione di un'ineluttabile realtà ormai indiscutibile che vedrebbe tutte le considerazioni di opportunità “giustificare” come realismo l'accettazione di una posizione per cui in campo internazionale siano i rapporti di forza che contano e nient'altro.

C'è come l'eco di una litania tanto dolente quanto scorata che trapela, infatti, dai servizi e dagli articoli di stampa, che ci conferma che “il mondo va così, purtroppo”. Mentre è il prodotto di un'intollerabile fuga dalla responsabilità di informare che i media così ripudiano impedendo che il cittadino si formi quell'opinione indispensabile per consentirgli di dare il suo possibile contributo (infatti, che “non c'è niente da fare” non occorre sostenerlo, basta “mostrarlo”). Oppure anche solo trascurare semplicemente ogni occasione per una diversa affermazione in merito; come quella della recente possibilità di una dichiarazione a livello europeo del rifiuto a partecipare all'apertura dei giochi di Pechino ed attribuita a “mancanza di tempo”. Che è stato l'ennesimo scandaloso ed irresponsabile rimpallo fra responsabili nazionali (vero Frattini?, ma in buona compagnia) ed istituzioni europee.

Ma il livello massimo di inqualificabile opportunismo l'ha toccato il binomio Fiat-Corriere della Sera. Qui l'ipocrisia ha raggiunto infatti vertici sin ora, credo, insuperati. Infatti prima sfruttando la popolarità di Gere-Indiana Jones, e poi confezionando quel ritaglio e collocandolo nel settore economia del giornale, ma con quel titolo, si è compiuta un'operazione di vera e propria mistificazione mascherando da notizia spot, qualificata come una specie di nuova rubrica (“testimonial e modelli”), quello che è certamente un comunicato commerciale “preteso”, con minaccia di chissà quali ritorsioni, dall'azienda torinese da chi non è certo così difficile da immaginare (vedi per questo il titolo: “le scuse a Pechino”).

Il testo che commenta il fotogramma in cui il testimonial buddista Richard Gere, noto estimatore del Dalai Lama, che, giunto nella capitale del Tibet si mette a giocare con alcuni giovanissimi monaci avvolti nel caratteristico manto granata, è il seguente: «Spot e equilibri globali. Fiat ribadisce la propria neutralità in merito a nazionale o internazionale e chiede scusa al governo e al popolo cinese. Nello spot Richard Gere arriva in auto in un tempio buddista e incontra i piccoli monaci tibetani».

Così il testo! Alla cui non agevole composizione è lecito ritenere si siano dedicati i migliori cervelli. Mi verrebbe di chiedere, ora, a Bruno Mellano, nella sua veste di Coordinatore di un gruppo interparlamentare prima ed ora di prestigiosi amministratori locali a sostegno della causa della richiesta di tutela dell'autonomia culturale del Tibet e per la garanzia delle libertà civili in Cina, se non si possa chiedere a costoro se anch'essi si considerino “neutrali” allo stesso modo; o se, invece non sia possibile che, alla luce di un tale così conclamato interessato agnosticismo politico e civile non sentano “doveroso e prudente” assumere invece una posizione di denunzia del fatto che prenda le distanze da quella Fiat che a prima vista non può non apparire che solo cinica; magari dimostrandolo con la sospensione di qualsiasi acquisto di auto di quella marca da parte delle rispettive Amministrazioni sino ad un doveroso chiarimento in merito.

Credo che tale atteggiamento sarebbe l'unico modo per testimoniare, nonviolentemente, anche solidarietà alle stesse aziende, nazionali o meno, che non trovano da sole la forza, e l'intelligenza, per resistere e contestare azioni di chiara intimidazione, quale, evidentemente, quella cinese.

Almeno “si porrebbe il problema“, cosa che imporrebbe alla Cina di uscire più allo scoperto.

Ed, inoltre, credo non si potrebbe più continuare ad ignorare allo stesso modo con cui lo si è fatto sin'ora, quali effetti può determinare in Italia, la “non indipendenza” degli organi di informazione (e dei loro editori).

 

Guido Biancardi

(da Notizie radicali, 23 giugno 2008)


Articoli correlati

  Il Volo Libero con il Tibet
  Tibet. Karma Chopel al Parlamento europeo: documentazione inedita sulle violenze
  Tibet. Sabato 30 agosto sciopero della fame simbolico di 12 ore proposto dal primo Ministro tibetano
  “Tibet libero” è sinonimo di “Cina libera”
  Marco Zacchera. Dalai Lama: la “businesspolitik” del Governo Prodi
  Matteo Mecacci. Pechino 2008: dopo le dichiarazioni di Berlusconi...
  Marco Pannella. «Tibet libero significa anche Cina libera»
  Pannella e i radicali festeggiano il compleanno del Dalai Lama. Oggi a Spoleto
  Roma: 10 marzo, “Tibet, ora più che mai”
  Francesco Pullia. Tibet. Arrestato il poeta e attivista nonviolento tibetano Tenzin Tsundue
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Tibet/India, polizia blocca marcia contro Olimpiadi Pechino
  Gabriele Corazza. Per Sonam Tsering
  Francesco Pullia. Tibet, gli antefatti
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Bruna Spagnuolo: Fiaccola olimpica in manette. Il Tibet piange 2
  Diritti Umani. Pannella e Mecacci hanno incontrato questa mattina il Dalai Lama
  Camera e Senato accolgono il Dalai Lama con il massimo degli onori
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Francesco Pullia. Tibet, uiguri, diritti umani in Cina. La situazione si aggrava
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Bruno Mellano. Tibet: È questo lo spirito olimpico di Pechino?
  Mariolina Nobili. Olimpiadi e libertà per il Tibet. Lettera aperta al Sindaco di Sondrio, Alcide Molteni
  Il discorso del Dalai Lama nel 49° anniversario dell’insurrezione nazionale tibetana
  Valter Vecellio. Tibet. Le “tentazioni” disperanti, disperate e suicide di Tsewang Rigzin
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Benedetto Della Vedova. Col Dalai Lama: pacificazione, autonomia
  Il Dalai Lama e Liu Xiaobo
  Francesco Pullia. Tibet. “Signor Sisci, per piacere, cambi mestiere”
  Valter Vecellio. Tibet, Satyagraha. L’importante articolo di Enzo Bianchi
  Manifestanti tibetani arrestati in India. Sit-in davanti al carcere di Javalamukti
  Nanni Salio. Per una trasformazione nonviolenta del conflitto Cina-Tibet
  «Siamo tutti tibetani». Manifestazione indetta da “Il Riformista” e “Radio Radicale” mercoledì 19 a Roma
  Benedetto Della Vedova. Le Olimpiadi, Pechino, e noi
  La Cina censura il sito internet del Partito Radicale
  Bruna Spagnuolo: Terremoto in Cina. Gocce piccole per speranze grandi.
  Guido Biancardi. “Quella Cina” siamo noi
  8 Agosto ad Assisi! Tibet, pace e nonviolenza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy