Lunedì , 17 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nanni Salio. Per una trasformazione nonviolenta del conflitto Cina-Tibet
25 Marzo 2008
 

Per ipotizzare una possibile trasformazione nonviolenta del conflitto tra Cina e Tibet, possiamo partire dai “cinque punti” che Galtung ha individuato come essenziali nell'esperienza delle lotte gandhiane (“Gandhi e la lotta contro l'imperialismo: cinque punti).

 

Punto 1: Non temere mai il dialogo.

È quanto va dicendo e cercando da tempo il Dalai Lama, con grande pazienza e tenacia, anche se la controparte sinora si è negata. La disponibilità al dialogo non è mai qualcosa di semplice e scontato e quando non c'è va sostenuta da parti esterne.

La richiesta di dialogo è sostenuta da tempo dai più autorevoli studiosi (Tashi Rabgey, China and the Dalai Lama must negotiate; Tsering Shakya, Solving the Tibetan Problem. Before it's too late, China and the Dalai Lama musr teach a compromise) e un invito al dialogo è rivolto esplicitamente nella “Lettera al governo cinese in 12 punti sulla situazione in Tibet”, sottoscritta in questi giorni da diversi intellettuali cinesi, tra cui il noto dissidente Wang Lixiong.

Questo è pertanto uno degli obiettivi fondamentali che il movimento internazionale della pace e tutte le forze politiche e religiose interessate alla questione, debbono proporsi: continuare a premere sul governo cinese affinché accetti di avviare un dialogo con la controparte tibetana.

 

Punto 2: Non temere mai il conflitto: è un'opportunità piuttosto che un pericolo.

Il conflitto in Tibet esiste e non può essere nascosto sotto la cenere, dove anzi rischia di covare sino a nuove esplosioni di violenza. L'analisi del conflitto e le proposte di soluzione e mediazione sono state oggetto di riflessione da parte di Transcend e sono state pubblicate su Azione nonviolenta, novembre 2004, insieme a un contributo sulla “montagna sacra”, il Kailash, montagna di pace immersa in un oceano di violenze.

 

Punto 3: Impara la storia, o sarai destinato a ripeterla.

Come tutte le vicende storiche, anche quella del Tibet è controversa e alcuni punti sono tuttora oscuri. Esistono tuttavia alcuni buoni contributi scritti da autorevoli studiosi, ai quali si può fare riferimento per avere un quadro sufficientemente preciso della questione. (Si veda ad esempio: Wang Lixiong, “Reflections on Tibet”, New Left Review 14, march-april 2002 e la replica di Tsering Shakya, “Blood in the snows”, New Left Review 15, may-june 2002. Di questo stesso autore si veda: Tibet. Il fuoco sotto la neve, Sperling & Kupfer, Milano 2006, scritto insieme a Palden Gyatso).

I punti più controversi riguardano la natura dello stato teocratico tibetano, prima dell'invasione cinese, che aveva creato una condizione di gravissimo sfruttamento della popolazione contadina più povera, e il ruolo che ampi settori della popolazione ebbero durante l'invasione e nel successivo periodo della rivoluzione culturale, schierandosi a favore dei cinesi.

 

Punto 4: Immagina il futuro, o non ci arriverai mai.

Nonostante alcuni indubbi miglioramenti nel livello di vita dei tibetani, la politica cinese non è riuscita a conquistarne il consenso. A più riprese, ciclicamente, sono esplose forti contestazioni. Il tentativo di sradicare il sentimento religioso profondamente presente nella popolazione, insieme alla demonizzazione del Dalai Lama hanno sortito effetti contrari.

A tutt'oggi, la proposta più significativa per il futuro delle relazioni tra Cina e Tibet è quella, già citata, avanzata da Transcend (Johan Galtung, “Il conflitto tra Cina e Tibet: una prospettiva di soluzione”, Azione Nonviolenta, novembre 2004) che prevede una federazione che comprenda anche le altre regioni oggetto di conflitto (Taiwan, Xinjang, Mongolia interna, Hong Kong), ognuna delle quali godrebbe di una ampia autonomia. Per facilitare la possibilità di giungere a questa soluzione, è necessario agire con determinazione e cautela, evitando di creare ostilità preconcette e arroccamenti da parte cinese.

 

Punto 5: Mentre combatti contro l'occupazione, pulisci anche casa tua!

Cosi' come Gandhi lottò contro il sistema castale indiano e contro la discriminazione delle donne, anche i tibetani debbono riconoscere che «il lamaismo fu brutale e che la Cina ha anche aspetti positivi» (Galtung).

Per quanto riguarda la politica internazionale, non ci si può certo aspettare che siano gli Usa a richiedere il rispetto dei diritti umani e il dialogo in Cina, visto quanto stanno facendo in varie parti del mondo e soprattutto in Iraq. È semplicemente scandaloso che si punti il dito contro la Cina, quando gli Usa hanno invaso l'Iraq con motivazioni pretestuose e false e hanno provocato la morte di un milione di iracheni. La “pulizia in Occidente” è condizione necessaria per poter esigere che anche la Cina faccia altrettanto.

La lotta nonviolenta richiede pazienza, determinazione e molta coerenza per trasformare il conflitto, ovvero trasformare attori, strutture, culture. Non ci sono facili scorciatoie e così come la lotta in India è durata oltre mezzo secolo e in Sudafrica oltre un secolo, non ci si può aspettare che nel caso del Tibet si riesca a proceder molto più speditamente. La trasformazione investe non solo il Tibet, ma un paese di oltre un miliardo di persone, appena uscito da una storia difficile e complessa. Sta anche a noi favorire questa transizione esplicitando sempre più cosa intendiamo per cultura della nonviolenza e inventando man mano “strutture internazionali nonviolente”. Un cammino ancora lungo e impervio, ma possibile e indispensabile.

 

Nanni Salio

 

 

Giovanni (Nanni) Salio, torinese, nato nel 1943, ricercatore nella facoltà di Fisica dell'Università di Torino, segretario dell'Ipri (Italian Peace Research Institute), si occupa da alcuni decenni di ricerca, educazione e azione per la pace, ed è tra le voci più autorevoli della cultura nonviolenta in Italia; è il fondatore e presidente del Centro studi “Domenico Sereno Regis”, dotato di ricca biblioteca ed emeroteca specializzate su pace, ambiente, sviluppo (sede: via Garibaldi 13, 10122 Torino, tel. 011532824 - 011549005, fax: 0115158000, e-mail: info@cssr-pas.org, sito: www.cssr-pas.org).

Opere di Giovanni Salio: Difesa armata o difesa popolare nonviolenta?, Movimento Nonviolento, II edizione riveduta, Perugia 1983; Ipri (a cura di Giovanni Salio), Se vuoi la pace educa alla pace, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1983; con Antonino Drago, Scienza e guerra: i fisici contro la guerra nucleare, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1984; Le centrali nucleari e la bomba, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1984; Progetto di educazione alla pace, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1985-1991; Ipri (introduzione e cura di Giovanni Salio), I movimenti per la pace, vol. I. Le ragioni e il futuro, vol. II. Gli attori principali, vol. III. Una prospettiva mondiale, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1986-1989; Le guerre del Golfo e le ragioni della nonviolenza, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1991; con altri, Domenico Sereno Regis, Satyagraha, Torino 1994; Il potere della nonviolenza: dal crollo del muro di Berlino al nuovo disordine mondiale, Edizioni Gruppo Abele, Torino 1995; Elementi di economia nonviolenta, Movimento Nonviolento, Verona 2001; con D. Filippone, G. Martignetti, S. Procopio, Internet per l'ambiente, Utet, Torino 2001.

 

(da Voci e volti della nonviolenza, 25 marzo 2008)


Articoli correlati

  Il Volo Libero con il Tibet
  Tibet. Karma Chopel al Parlamento europeo: documentazione inedita sulle violenze
  Tibet. Sabato 30 agosto sciopero della fame simbolico di 12 ore proposto dal primo Ministro tibetano
  “Tibet libero” è sinonimo di “Cina libera”
  Marco Zacchera. Dalai Lama: la “businesspolitik” del Governo Prodi
  Matteo Mecacci. Pechino 2008: dopo le dichiarazioni di Berlusconi...
  Marco Pannella. «Tibet libero significa anche Cina libera»
  Pannella e i radicali festeggiano il compleanno del Dalai Lama. Oggi a Spoleto
  Roma: 10 marzo, “Tibet, ora più che mai”
  Francesco Pullia. Tibet. Arrestato il poeta e attivista nonviolento tibetano Tenzin Tsundue
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Tibet/India, polizia blocca marcia contro Olimpiadi Pechino
  Gabriele Corazza. Per Sonam Tsering
  Francesco Pullia. Tibet, gli antefatti
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Bruna Spagnuolo: Fiaccola olimpica in manette. Il Tibet piange 2
  Diritti Umani. Pannella e Mecacci hanno incontrato questa mattina il Dalai Lama
  Camera e Senato accolgono il Dalai Lama con il massimo degli onori
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Francesco Pullia. Tibet, uiguri, diritti umani in Cina. La situazione si aggrava
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Guido Biancardi. Tibet-Cina, Italia-Europa. E Fiat e “Corriere della Sera”
  Mariolina Nobili. Olimpiadi e libertà per il Tibet. Lettera aperta al Sindaco di Sondrio, Alcide Molteni
  Il discorso del Dalai Lama nel 49° anniversario dell’insurrezione nazionale tibetana
  Valter Vecellio. Tibet. Le “tentazioni” disperanti, disperate e suicide di Tsewang Rigzin
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  Benedetto Della Vedova. Col Dalai Lama: pacificazione, autonomia
  Il Dalai Lama e Liu Xiaobo
  Francesco Pullia. Tibet. “Signor Sisci, per piacere, cambi mestiere”
  Valter Vecellio. Tibet, Satyagraha. L’importante articolo di Enzo Bianchi
  Manifestanti tibetani arrestati in India. Sit-in davanti al carcere di Javalamukti
  «Siamo tutti tibetani». Manifestazione indetta da “Il Riformista” e “Radio Radicale” mercoledì 19 a Roma
  Bruno Mellano. Tibet: È questo lo spirito olimpico di Pechino?
  Benedetto Della Vedova. Le Olimpiadi, Pechino, e noi
  La Cina censura il sito internet del Partito Radicale
  Bruna Spagnuolo: Terremoto in Cina. Gocce piccole per speranze grandi.
  Guido Biancardi. “Quella Cina” siamo noi
  8 Agosto ad Assisi! Tibet, pace e nonviolenza
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy