Giovedì , 12 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Francesco Pullia. Tibet. “Signor Sisci, per piacere, cambi mestiere” 
A proposito di destabilizzatori degli equilibri regionali e mondiali...
06 Dicembre 2007
 

Chiunque può leggere tramite internet le ridicolaggini sul Tibet e sul Dalai Lama scritte ieri (martedì 4 dicembre, per chi legge qui, ndr) da Francesco Sisci per il quotidiano La Stampa. Non è la prima volta che il corrispondente si distingue per il contenuto apertamente mistificatorio dei suoi articoli ma stavolta è arrivato a superare, oltre ad un limite di decenza, anche se stesso.

Ricordo che una ventina di anni fa inorridii dinanzi all’atteggiamento sprezzante con cui un giornalista come Ilario Fiore, per lungo tempo uomo della Rai a Pechino, liquidò la questione tibetana (che, come si sa, è direttamente collegata alla questione dell’assenza di democrazia, di diritto e di diritti in Cina). Confesso di non avere mai nutrito particolare ammirazione nei confronti di un uomo i cui servizi sembravano più che altro resoconti stesi per assicurarsi privilegi e considerazione in terra straniera. Non vi trovavo nulla, ad esempio, della sensibilità, della lucidità, della cultura di un grande testimone come Fosco Maraini. La mia sensazione fu avvalorata da una frase che mi giunse come estremamente rivelatrice di un certo modo di distorcere, ad usum delphini, i fatti, spargendo cioè intenzionalmente confusione e menzogna.

Dunque, ad una mia osservazione sulla gravità della situazione in Tibet e sul dramma che dal 1950 sta scontando una popolazione vittima del genocidio perpetrato dagli invasori cinesi mi fu risposto che in fondo si trattava, né più né meno, di rivendicazioni simili a quelle dei secessionisti sudtirolesi in Italia. Me ne andai disgustato dalla sala e anche, nonostante la meditazione che allora avevo cominciato a praticare, pieno di rabbia. Mi faceva ribollire il sangue pensare che un giornalista assurto a notorietà,come quello da me appena interpellato, potesse giungere a tanto cinismo, ignorando consapevolmente e colpevolmente, l’uccisione di un milione e duecentomila tibetani, sterilizzazioni forzate, torture e patimenti indescrivibili, fughe rocambolesche, purtroppo spesso dall’epilogo tragico, di intere famiglie tra tormente di neve e ghiacciai himalayani.

Io stesso già in quegli anni avevo avuto modo di ascoltare narrazioni terribili, rabbrividenti, visitando insediamenti di fuoriusciti in Nepal e avevo bene impressi nella memoria quei visi dai tratti marcati, decisi, rigati dalle lacrime, dimenticati da tutti per vigliaccheria e vomitevole opportunismo.

E adesso arriva il Sig. Sisci a dirci che..., voglio citarlo testualmente: «al di là dei problemi italiani forse il Dalai, re-dio del Tibet, e capo del buddismo lamaista, potrebbe avere qualcosa da imparare dall’Italia, L’Italia infatti è l’unico Paese che ha affrontato un problema simile a quello della Cina con il Dalai (fa tanto schifo aggiungere Lama?, nda): di occupazione di un territorio prima governato da un sovrano religioso. Nel caso nostro era il Papa, nel caso della Cina era il Dalai appunto. Tra le due esperienze ci sono moltissime differenze, l’Italia e il Vaticano condividevano la stessa capitale, Roma. La Cina ha invece per capitale Pechino e il Tibet si ferma a Lhasa. L’Italia ha una popolazione in maggioranza cattolica, fedele quindi nell’anima al Papa, in Cina solo una minoranza minuscola sono buddisti lambisti. Ciò detto, non c’è esperienza nel mondo così simile tra quella italiana e cinese, di dialettica e unità tra stato e chiesa».

No, non si tratta di allucinazione. Vi giuro, nell’articolo è scritto questo. E vado avanti: «I tibetani in esilio sottolineano che quella del Tibet fu una invasione, ma in ciò non fu diversa dalla occupazione italiana di Roma, presa con le cannonate di Porta Pia nel 1870, né si distinse molto dalle cariche di cavalleria dell’esercito americano contro i pelle rossa, all’incirca negli stessi anni. I tempi erano diversi episodi, ma forse nemmeno troppo».

Ma vi rendete conto? Ma certi giornalisti, prima di diventare corrispondenti, studiano o no un minimo, dico proprio un briciolo, di storia? Ma come caspita si fa ad equiparare i bersaglieri del generale Raffaele Cadorna ai contingenti inviati dal governo comunista di Pechino in flagrante violazione del diritto internazionale? Forse i bersaglieri hanno occupato, mutilato, vessato, distrutto un paese che era autonomo? Forse è stato distrutto, in seguito a Porta Pia, l’equivalente dei 6.400 monasteri rasi al suolo in Tibet dalle guardie rosse negli anni della cosiddetta “rivoluzione culturale” di Mao? Forse i bersaglieri hanno disperso, annientato, ridotto a cumuli di macerie e legna da ardere un patrimonio millenario, inestimabile per l’umanità dal punto di vista artistico, culturale, religioso? Stiamo delirando? Vergogna!

E volete sapere, poi, perché secondo Sisci la Cina non dovrebbe neanche ipotizzare l’autonomia tibetana? Perché, ascoltate bene, «un ritiro della Cina del Tibet sarebbe una concessione di fatto» all’India e al Pakistan, «potenti vicini» e in tal modo si destabilizzerebbero «gli equilibri della regione e del mondo avvicinando gli orizzonti di una guerra dove milioni potrebbero perdere la vita».

Di conseguenza, se ne deduce che i tibetani possono pure patire tutta la barbarie possibile e immaginabile, urlare, morire, sparire, come sta avvenendo nella propria terra dove sono già ridotti ad appena sei milioni rispetto ad otto milioni di cinesi. A noi, secondo questo tipo di mentalità, tutto ciò non dovrebbe interessare. Tutto dovrebbe restare così, per nostra convenienza.

Non avremmo mai voluto leggere simili articoli che squalificano chi li scrive e la testata che li ospita. Pensando non solo ai tibetani ma a tutti coloro che lottano per la democrazia e la libertà anche all’interno degli stessi confini cinesi non possiamo che provare sconforto e indignazione.

Un’ultima annotazione. Tanto per diradare un po’ la cortina di menzogne, vale la pena ricordare a chi non lo sa, o vuole ignorarlo, che il Dalai Lama non si ritiene affatto un re-dio e non ambisce ad essere monarca assoluto. Premio Nobel per la pace nel 1989, non perde occasione per ribadire che è un umile monaco buddhista e che, con convinzione, segue il percorso tracciato da un certo Gandhi, una via certamente difficile da attuare ma che occorre seguire se non vogliamo sprofondare nell’abisso. Una via che si chiama amore, nonviolenza, satyagraha, forza della verità.

Forse Gandhi, politico e religioso insieme, avrebbe dovuto desistere dal rivendicare la liberazione dell’India dal giogo colonialista inglese perché altrimenti si sarebbero “destabilizzati gli equilibri della regione e del mondo”?

Sig. Sisci, la prego, cambi mestiere.

 

Francesco Pullia

(da Notizie radicali, 5 dicembre 2007)


Foto allegate

Articoli correlati

  Tibet. Karma Chopel al Parlamento europeo: documentazione inedita sulle violenze
  Bruna Spagnuolo: Fiaccola olimpica in manette. Il Tibet piange 2
  Camera e Senato accolgono il Dalai Lama con il massimo degli onori
  Il Volo Libero con il Tibet
  Valter Vecellio. Diario del digiuno. 4
  «Siamo tutti tibetani». Manifestazione indetta da “Il Riformista” e “Radio Radicale” mercoledì 19 a Roma
  Tibet. Sabato 30 agosto sciopero della fame simbolico di 12 ore proposto dal primo Ministro tibetano
  Han Yuchen. Il Regno della Purezza
  Bruno Mellano. Tibet: È questo lo spirito olimpico di Pechino?
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Pannella e i radicali festeggiano il compleanno del Dalai Lama. Oggi a Spoleto
  Roma: 10 marzo, “Tibet, ora più che mai”
  Mariolina Nobili. Olimpiadi e libertà per il Tibet. Lettera aperta al Sindaco di Sondrio, Alcide Molteni
  Tibet/India, polizia blocca marcia contro Olimpiadi Pechino
  Diritti Umani. Pannella e Mecacci hanno incontrato questa mattina il Dalai Lama
  Francesco Pullia. Tibet, gli antefatti
  Francesco Pullia. Tibet. Arrestato il poeta e attivista nonviolento tibetano Tenzin Tsundue
  Valter Vecellio. Tibet, Satyagraha. L’importante articolo di Enzo Bianchi
  “Tibet libero” è sinonimo di “Cina libera”
  Matteo Mecacci. Pechino 2008: dopo le dichiarazioni di Berlusconi...
  Cremona. Dalle ore 18, veglia per il Tibet con Maurizio Turco e altri candidati del Partito democratico
  Il discorso del Dalai Lama nel 49° anniversario dell’insurrezione nazionale tibetana
  Valter Vecellio. Tibet. Le “tentazioni” disperanti, disperate e suicide di Tsewang Rigzin
  Benedetto Della Vedova. Col Dalai Lama: pacificazione, autonomia
  Gabriele Corazza. Per Sonam Tsering
  Il Dalai Lama e Liu Xiaobo
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Marco Zacchera. Dalai Lama: la “businesspolitik” del Governo Prodi
  Seconda Marcia internazionale per la Libertà, in Birmania, Iran, Tibet
  Marco Pannella. «Tibet libero significa anche Cina libera»
  Manifestanti tibetani arrestati in India. Sit-in davanti al carcere di Javalamukti
  Guido Biancardi. Tibet-Cina, Italia-Europa. E Fiat e “Corriere della Sera”
  Nanni Salio. Per una trasformazione nonviolenta del conflitto Cina-Tibet
  Francesco Pullia. Tibet, uiguri, diritti umani in Cina. La situazione si aggrava
  Luciano Pecorelli. La visita del Dalai Lama e Cristo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy