Martedì , 19 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Violazione sistematica dei diritti umani” 
Yoani Sánchez denuncia il governo cubano
29 Settembre 2012
 

Uno studio legale ha denunciato giovedì scorso (27 settembre) lo Stato cubano per aver violato sistematicamente i diritti umani di Yoani Sánchez e ha sollecitato la Commissione Interamericana per i Diritti Umani a prendere misure cautelari urgenti che garantiscano la sicurezza dell’attivista cubana.

L’avvocato Jaime Aparicio ha detto alla stampa che da sei mesi sta lavorando con la Sánchez per raccogliere la documentazione necessaria per formulare l’accusa. «Temiamo per la sua integrità fisica, perché la repressione da parte delle autorità cubane si è fatta più dura dopo la visita di papa Benedetto XVI».

Jaime Aparicio prosegue: «È molto difficile ottenere documentazione scritta su detenzioni a Cuba, ma adesso tutto è più semplice grazie ai cellulari e alle nuove tecnologie».

Yoani Sánchez scrive un blog molto critico come Generación Y (tradotto in Italiano su La Stampa di Torino), tiene una simile rubrica sulle colonne de El País (Cuba Libre), quotidiano per cui lavora come reporter dall’isola caraibica. Questa attività come polemista democratica che non trattiene il suo pensiero, ma esprime liberamente le cose che non vanno e che sarebbero da cambiare, le procura insulti a mezzo stampa e televisione, controlli di polizia, repressione continua. La cosa più grave è che il governo cubano le nega il diritto di uscire dal paese per partecipare a conferenze, dibattiti, presentazioni e ricevere premi. Yoani è stata arrestata nel 2009, dopo aver ricevuto percosse e intimidazioni.

«Non mi fanno uscire perché sanno che farò ritorno. Il mio posto è qui, tra la mia gente, dove sono nata. Non voglio vivere altrove ma in un’altra Cuba. E contribuire a cambiarla», dice la blogger cubana.

Yoani Sánchez ha ricevuto il premio “Ortega y Gasset” nella categoria Giornalismo Digitale nel 2008, ma il governo dell’Isola la ritiene (accusa tipica per i “non conformi”) uno strumento nelle mani dei nemici imperialisti per screditare i successi rivoluzionari.

L’avvocato Bjorn Arp, che fa parte dello studio legale Aparicio, Arp, Schamis & Associates Inc., si è detto ottimista sul fatto che la Commissione Interamericana dei Diritti Umani emetta presto la dichiarazione sulle misure cautelari.

«Spero anche che nei prossimi 18 mesi venga decisa una deliberazione contenente raccomandazioni allo Stato cubano. Il documento avrà un grande valore morale e potrà essere incluso nella valutazione periodica sulla situazione dei diritti umani a Cuba, in programma davanti alle Nazioni Unite nel maggio 2013».

La Commissione può sollecitare che uno stato adotti misure cautelari per prevenire danni irreparabili alle persone.

La Commissione Interamericana per i Diritti Umani non può inviare delibere alla Corte Interamericana per i Diritti Umani, perché Cuba non ha sottoscritto la Convenzione Americana per i Diritti Umani. Il governo dell’Isola è comunque soggetto all’autorità della Commissione perché ha firmato la carta costitutiva dell’Organizzazione degli Stati Americani e ha sottoscritto la Dichiarazione Americana dei Doveri e dei Diritti dell’Uomo (Bogotá, 1948). Cuba, in ogni caso, non ottempera mai a nessuna delibera che proviene dalla commissione e rifiuta sistematicamente le decisioni prese dall’Associazione degli Stati Americani.

L’avvocato Arp ha spiegato che sarà semplice dimostrare la violazione sistematica del diritto della Sánchez a uscire dal paese, la violazione del diritto di uguaglianza, di accesso alla giustizia, le detenzioni arbitrarie e la violazione della libertà di espressione. «Abbiamo presentato alla Commissione Interamericana dei Diritti Umani le 40 pagine del passaporto della Sánchez che includono i visti di Brasile, Spagna, Stati Uniti,Germania, Norvegia, Argentina, Cile, Canada e Polonia. In tutti questi casi il governo cubano non ha concesso il permesso di uscita, nonostante il paese ospite avesse autorizzato l’ingresso della blogger», afferma Arp.

I cittadini cubani che vogliono viaggiare all’estero devono ottenere un visto d’uscita dal governo cubano, per ottenerlo devono mostrare il visto del paese dove sono diretti. Si tratta della famigerata carta bianca, che viene concessa con criteri puramente discrezionali e rappresenta un modo per punire i non conformi e per premiare chi tiene un comportamento in sintonia con le idee governative.

«Yoani Sánchez ha presentato - dal 2009 a oggi - ben 20 domande per viaggiare fuori dal paese e non ha mai avuto il permesso di uscita. La risposta scritta si è sempre limitata a un laconico: per il momento non può viaggiare, privo di motivazioni».

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  L'ineffabile Garrincha e il Venerdì Santo a Cuba di Omar Santana
  La polizia cubana diventa sempre più violenta
  Yoani Sánchez: “La visita di Dilma Rousseff non dovrà essere soltanto un incontro istituzionale”
  “A Cuba una sola via di comunicazione”
  Omar Santana. Notte cubana
  Dilma Rousseff a Cuba. Ma non parla di diritti umani
  Cosa va a fare Zucchero a Cuba?
  Cuba. Accoltellata una ragazza che difendeva le Damas de Blanco
  Esiliati chiedono al Papa di rivedere il programma del viaggio a Cuba
  La dittatura di Cuba
  Il regime cubano ha fatto un’altra vittima
  Gordiano Lupi. Cuba elimina il permesso di uscita, ma restano i limiti...
  Yoani Sánchez perseguitata dalla Sicurezza di Stato [video]
  Aumenta la repressione a Cuba
  Dissidenti cubani uniti chiedono diritti civili e politici
  “Vogliamo essere liberi di entrare e uscire dal nostro paese”
  Massimo Campo. Cuba. Piccoli orrori quotidiani
  “Yoani Sánchez deve essere tutelata”
  Cuba. La nuova politica sui viaggi all'estero è frutto della paura
  Gordiano Lupi. Il giorno dei diritti umani nella Cuba di sempre...
  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Yoani Sánchez ancora prigioniera di Papà Stato
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Yoani Sánchez. “Tutti i cubani sono prigionieri politici”
  Yoani Sánchez ricorre al Ministro degli Interni
  Il regime cubano vieta l’uscita dal paese alla blogger Claudia Cadelo
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  Gli Stati Uniti chiedono libertà di movimento per Yoani Sánchez
  Se andrò in Olanda sarà merito del nove!
  Cuba. Sul caso Sánchez i senatori radicali interrogano la Farnesina
  Yoani Sánchez ringrazia per il Premio Donne Coraggiose
  Liberato Fariñas
  Yoani prigioniera dei Castro
  L'insistenza sui permessi d'uscita, la bellezza di sorridere e la tecnologia per comunicare
  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  Yoani Sánchez ha ricevuto il Premio Principe Claus
  Jardim. Il salto con l'asta di Yoani e le insidie di Raúl
  Yoani Sánchez ottiene il passaporto!
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Gordiano Lupi racconta la Cuba di Yoani Sánchez. Piombino, 18 ottobre 2008
  Yoani Sánchez: Non mi sembra vero. Potrò viaggiare!
  A Cuba si parla ancora di riforma migratoria
  Così la Farnesina sui 'niet' cubani a Yoani Sánchez
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Un nuovo premio per Yoani Sánchez
  Appello a Raúl Castro per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Papà Stato non mi lascia uscire
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
  Il governo cubano nega a Yoani Sánchez il permesso di viaggio per recarsi in Brasile
  Massimo Campo. Il paradosso cubano: essere ignoranti per essere liberi
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  Claudia Cadelo. Confessioni su un viaggio utopico
  I cubani sperano che Raúl Castro conceda libertà di viaggiare
  Yoani e la punizione di non poter uscire da Cuba
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  Raúl Castro e la nuova politica migratoria
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Yoani Sánchez. Il tritadiritti
  Yoani Sánchez. In nessun posto, però ovunque
  Yoani, ancora senza permesso di uscita
  Yoani Sánchez, ancora una volta 'assente'
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Tessera del partito e voglia di fuga
  Nuovo premio per Yoani Sánchez
  Cuba. Il Governo nega il visto per l'Italia alla blogger Sánchez. Interrogazione alla Farnesina
  Yoani Sánchez. Secondo viaggio negato
  Yoani Sánchez. Tre tazze e niente brodo
  Yoani Sánchez. Sulla linea di partenza
  Yoani Sánchez. Sotto pressione, no… ma senza pressione nemmeno
  La riforma migratoria cubana tra dubbi e incertezze
  I Cubani possono viaggiare. Da oggi, forse
  Yoani non potrà ritirare il Premio iRedes in Spagna
  Riforma migratoria cubana umoristica
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 13 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy