Venerdì , 13 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L'insistenza sui permessi d'uscita, la bellezza di sorridere e la tecnologia per comunicare 
Yoani Sánchez risponde alle domande dei lettori di “Diario de Cuba” - 8. / 9. / 10.
22 Dicembre 2010
 

8. El Lapón Libre: Sono ancora io, Yoani. Scusami se faccio troppe domande, ma sono un giornalista professionista e approfondire le cose è un mio vizio, soprattutto perché non sempre capita la fortuna di scambiare opinioni con un’eroina in carne e ossa e in prima linea di combattimento. Ho letto le tue cronache e mi sono arrivate tutte al cuore. Tuttavia, ho notato che da un po’ di tempo a questa parte ti sei rinchiusa - forse inconsciamente - in una sorta di ossessione per l’eliminazione del permesso di uscita per i cubani che abitano sull’isola. Non hai pensato che questa fissazione tematica potrebbe essere il tuo tallone di Achille? Il governo cubano sa che ti fa disperare negando un diritto legittimo come cittadina libera e sovrana, per questo non ti concede la famosa e irritante carta bianca.

 

Yoani: Ti ringrazio per questa osservazione critica, ma non mi sono “rinchiusa”, né possiedo un’ossessione, né si tratta di una fissazione tematica. Credo che la violazione del diritto di entrata e di uscita dal paese sia il tallone di Achille del governo, il punto dove risulta più vulnerabile. Non possiedo l’ansia di viaggiare provata da molti miei compatrioti che non sono mai usciti da questa isola. Di fatto la mia insistenza è soprattutto un desiderio di abbattere il muro dell’assurdo sistema migratorio perché altri possano muoversi liberamente, che una ricerca del beneficio personale di uscire. Conosco cosa c’è fuori, ho viaggiato, il mio orizzonte è più ampio di questo arcipelago. Ogni giorno che mi lasciano qui sono 24 ore che guadagno in tema di progetti personali e collettivi da realizzare nel mio paese. Come mi ha detto il mio amico Dagoberto Valdés: “Se mi lasciano uscire perdono, se non mi lasciano uscire perdono lo stesso”.

 

9. Gotenberg Boy: Yoani, se Cervantes ha scritto che dove c’è musica non può esserci niente di male, io ti dico che vale la stessa cosa dove c’è il tuo sorriso che rischiara il futuro. Perdona il complimento prima della domanda, ma è inevitabile. Sarà possibile che con te l’opposizione - dissidenza - cittadinanza cubane abbiano recuperato, dopo tanti decenni di disciplina seria color seppia, quel colore umano che aborre ogni totalitarismo, e che è la bellezza libera di sorridere, persino davanti a un germoglio e in mezzo al filo spinato?

 

Yoani: Grazie per il complimento. La mia generazione giunge all’età adulta nel periodo in cui è svanito l’incantesimo che ha ipnotizzato la gioventù degli anni Sessanta. Il tempo è trascorso e dal cappello del mago non esce più il miracoloso coniglio promesso. Il volto severo e austero del disciplinato soldato disposto sempre a obbedire senza chiedere, era soltanto una maschera. Non solo dobbiamo recuperare il sorriso, ma dovremo anche acquisire nuove virtù cittadine per poter abitare la Cuba del futuro. Dobbiamo ritornare a provare il gusto per la vita, credo che la fonte principale della mia energia per portare a termine questo compito derivi dal fatto che sono una persona molto felice nell’ambito personale, all’interno della mia famiglia. Amo e sono amata, ho un figlio meraviglioso con cui ho un dialogo ampio e rispettoso, i miei genitori mi appoggiano in quel che faccio, ho una cagna meticcia e un gatto tigrato che mi donano il loro affetto. Questa corrente d’amore mi aiuta a non avere l’aspetto sobrio e amareggiato che esibiscono i governanti del mio paese. Nessuno può togliermi il sorriso, neanche se mi facessero salire un’altra volta con la forza sopra una camionetta della polizia, mi minacciassero con la prigione e alzassero il livello degli insulti intorno alla mia persona. Nessuna di queste azioni ha acceso alla fonte reale dove nasce la mia allegria.

 

10. David Hernández: Come fai a pubblicare i post del tuo blog? So che non deve essere facile e ho letto qualcosa al proposito, ma mi piacerebbe che lo raccontassi. Ti ammiro molto e scrivo dal Canada.

 

Yoani: I dettagli tecnici di come riesco a pubblicare su Internet li ho descritti frequentemente nel mio blog e in realtà il sistema non è cambiato molto in questi due anni. Da marzo 2008 il governo cubano ha inserito un filtro che mi impedisce l’acceso a Generación Y dagli alberghi e dagli altri siti pubblici. Quando digito l’indirizzo web che dovrebbe condurre al mio blog compare uno schermo bianco. Ho dovuto escogitare percorsi paralleli per tenere in vita il mio spazio virtuale. Uno di questi consiste nello scrivere diversi testi a casa, senza paura che le tematiche diventino vecchie perché GY ha un carattere riflessivo e di opinione. Quando ho da parte tre o quattro testi vado in un albergo, e compro una tessera di connessione per inviare per posta elettronica i post a diversi collaboratori del mio blog che si sono trasformati nei miei editori. Quando non posso collegarmi da un albergo, sia perché la connessione non funziona - cosa che accade frequentemente -, perché la polizia non mi lascia avvicinare, oppure non possiedo abbastanza denaro per farlo, allora invio un sms a qualcuno di questi amici perché mi chiami e registri il testo che leggo al telefono. Negli ultimi mesi ho scoperto un altro percorso che mi piace spiegare con una frase: se noi cubani siamo stati capaci di fare il ragù di carne senza la carne - con bucce di banana - possiamo creare anche internet senza internet. Scrivo il post, una volta terminato premo il tasto Prt SC che scatta una foto allo schermo del computer, metto l’immagine in un programma dove la taglio e la salvo in formato .gif, infine la inserisco nel mio telefono mobile. Tramite il servizio MMS di Cubacel, invio le immagini ai miei editori che trascrivono il testo e lo pubblicano. In questo modo sono usciti la maggior parte dei testi degli ultimi mesi e così ho aiutato gli altri a conoscere il cammino alternativo verso la grande ragnatela mondiale.

Twitter è tutta un’altra storia. Da agosto dell’anno passato ho appreso che il servizio di microblogging ha un metodo di pubblicazione a mezzo sms riservato a persone senza accesso al Web. Ciò mi ha permesso di completare i testi riflessivi del mio blog con l’immediatezza caratteristica di questi messaggi in 140 caratteri. Ho impartito già tre corsi di attivismo mobile per far conoscere certe tecniche ad altri blogger, giornalisti indipendenti e persone che stanno facendo un lavoro civico o culturale. Ogni nuovo trucco informatico che apprendo è come un codice aperto, un software a licenza libera al quale tutti possono avvicinarsi.

 

Traduzione di Gordiano Lupi

 

(segue...)


Articoli correlati

  Tomás Hernández. Sui blogger dissidenti pagati dal governo americano
  Come reagire al danno antropologico, riuscire a fare informazione e... vivere felice
  Wired. Arriva a Milano la mostra di Internet for Peace
  Julio García su Zoé Valdés e libertà di movimento. El Lapón Libre sulla forza di Yoani e i suoi progetti per il futuro
  Margarita Fabelo sull'onorificenza ottenuta a Miami. Jorge Macías sull'intervista a Lamrani
  Delfini o successori 'democratici', ancora Zoe, vocazione e progetto di stampa libera...
  Quando la democrazia a Cuba? Non appena tutti noi l'avremo richiesta
  Yoani Sánchez ancora prigioniera di Papà Stato
  Gordiano Lupi. Cuba elimina il permesso di uscita, ma restano i limiti...
  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Yoani prigioniera dei Castro
  Un nuovo premio per Yoani Sánchez
  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  “Violazione sistematica dei diritti umani”
  Jardim. Il salto con l'asta di Yoani e le insidie di Raúl
  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Yoani non potrà ritirare il Premio iRedes in Spagna
  Il governo cubano nega a Yoani Sánchez il permesso di viaggio per recarsi in Brasile
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Raúl Castro e la nuova politica migratoria
  Se andrò in Olanda sarà merito del nove!
  Gordiano Lupi racconta la Cuba di Yoani Sánchez. Piombino, 18 ottobre 2008
  Yoani Sánchez: Non mi sembra vero. Potrò viaggiare!
  Così la Farnesina sui 'niet' cubani a Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez ha ricevuto il Premio Principe Claus
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Appello a Raúl Castro per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Papà Stato non mi lascia uscire
  A Cuba si parla ancora di riforma migratoria
  Yoani, ancora senza permesso di uscita
  Nuovo premio per Yoani Sánchez
  Massimo Campo. Il paradosso cubano: essere ignoranti per essere liberi
  Yoani Sánchez. “Tutti i cubani sono prigionieri politici”
  Yoani Sánchez ringrazia per il Premio Donne Coraggiose
  Liberato Fariñas
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Yoani Sánchez: “La visita di Dilma Rousseff non dovrà essere soltanto un incontro istituzionale”
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  Claudia Cadelo. Confessioni su un viaggio utopico
  Il regime cubano vieta l’uscita dal paese alla blogger Claudia Cadelo
  I cubani sperano che Raúl Castro conceda libertà di viaggiare
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  “Vogliamo essere liberi di entrare e uscire dal nostro paese”
  Yoani e la punizione di non poter uscire da Cuba
  Cuba. La nuova politica sui viaggi all'estero è frutto della paura
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  Riforma migratoria cubana umoristica
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Yoani Sánchez. Il tritadiritti
  Yoani Sánchez. In nessun posto, però ovunque
  Cuba. Sul caso Sánchez i senatori radicali interrogano la Farnesina
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  Tessera del partito e voglia di fuga
  Yoani Sánchez, ancora una volta 'assente'
  Cuba. Il Governo nega il visto per l'Italia alla blogger Sánchez. Interrogazione alla Farnesina
  Yoani Sánchez. Secondo viaggio negato
  Yoani Sánchez. Tre tazze e niente brodo
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Yoani Sánchez. Sulla linea di partenza
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Gli Stati Uniti chiedono libertà di movimento per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Sotto pressione, no… ma senza pressione nemmeno
  I Cubani possono viaggiare. Da oggi, forse
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  La riforma migratoria cubana tra dubbi e incertezze
  Yoani Sánchez ottiene il passaporto!
  Yoani Sánchez ricorre al Ministro degli Interni
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy