Mercoledì , 11 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Yoani Sánchez ha ricevuto il Premio Principe Claus 
Il discorso di Yoani davanti all’ambasciatore olandese
08 Gennaio 2011
 

La nostra Isola ha bisogno vitale di argomenti, polemiche e informazioni. Non possiamo limitarci soltanto a denunciare l’intolleranza, descrivendo ciò che non funziona e indicando con il dito quel che non ci piace. È venuto il tempo di cominciare a cambiare.

Credo nella medicina della libertà informativa, della democrazia imperfetta che un giorno o l’altro noi cubani riusciremo a mettere in pratica nel nostro paese.

Il sogno più difficile da realizzare - e per questo anche il più ricorrente - riguarda la creazione di un nuovo mezzo di stampa.

 

 

Una volta tanto Yoani Sánchez ce l’ha fatta! La blogger ideatrice di Generación Y ha potuto emozionarsi in diretta ricevendo il premio giornalistico Príncipe Claus dalle mani dell’ambasciatore olandese a Cuba, Ronald Muysert. Il governo cubano non le aveva concesso il permesso di uscita dal paese per recarsi ad Amsterdam, il 17 dicembre scorso, e riceverlo personalmente.

Yoani si è presentata alla cerimonia con i genitori, la sorella e tutti gli altri blogger cubani, tra i quali ricordiamo il marito, il giornalista Reinaldo Escobar, Dagoberto Valdés, direttore della rivista Convivencia, e il sacerdote cattolico Padre Conrado, da noi recentemente intervistato a Piombino durante la sua visita in Italia. Riportiamo la traduzione del discorso pronunciato da Yoani.

 

Buona sera a tutti:

All’ambasciatore olandese, che ha prestato così generosamente la sua casa per questa cerimonia, ai membri della Fondazione Principe Claus che hanno organizzato la consegna di questo premio, al corpo diplomatico, ai miei familiari, ai miei amici, ai blogger qui presenti e anche ai lettori, commentatori e traduttori del mio blog che seguono questo momento dal ciberspazio. Un saluto speciale agli altri premiati nell’edizione 2010 di questo importante riconoscimento. Infine ringrazio tutti per avermi sostenuta fisicamente, virtualmente o spiritualmente nel corso di questa giornata.

Le parole che dirò davanti a voi questa sera in parte sono influenzate dalle esperienze che ho vissuto negli ultimi tre anni, da quell’aprile del 2007 in cui ho cominciato a scrivere il mio blog Generación Y. Potrei dedicare molta parte di questo discorso a insistere sugli scenari che compongono ciò che definisco “il mio percorso del dolore”; il sentiero tortuoso che ho percorso per essermi comportata liberamente in un paese dove abbondano le maschere. Potrei anche limitarmi a raccontare la penosa stigmatizzazione, la sorveglianza costante, la pressione sulla mia famiglia, la demonizzazione nella comunità, le denunce di polizia e persino l’aggressione fisica. Tuttavia, non voglio concentrarmi su questi ostacoli, ma mi interessa raccontare un altro percorso, quello della gratificazione, della realizzazione personale e dei progetti futuri.

La parte bella del sentiero comincia quando esco per strada e qualcuno vince la paura, mi si avvicina e mi dice “ti leggo”, “continua”, “resisti”. Non solo, mi sento anche gratificata dal fatto che ogni giorno un numero maggiore di compatrioti cerca le mie opinioni, ribatte o simpatizza con i miei punti di vista. Infine, sono sempre di più coloro che usano lo strumento del blog per esprimere nella Cuba virtuale una diversità di opinione che è ancora penalizzata nella Cuba reale. Voglio condividere con voi il percorso di crescita professionale e civica.

Il Premio Principe Claus è un riconoscimento che fa guardare avanti, uno stimolo che invita a realizzare sogni e a progettare mete più elevate. Questo 2011 può essere lo scenario per rendere effettive alcune reti giornalistiche sulle quali da un po’ di tempo a questa parte sto facendo alcuni progetti. La nostra Isola ha bisogno vitale di argomenti, polemiche e informazioni. Non possiamo limitarci soltanto a denunciare l’intolleranza, descrivendo ciò che non funziona e indicando con il dito quel che non ci piace. È venuto il tempo di cominciare a cambiare. Per noi che non vogliamo subire un nuovo periodo di esasperazione e di sfiducia, è giunto il momento di fare qualcosa, anche se può sembrare poco. Mi piace lavorare con la scrittura, la notizia, il testo e sento che il mio posto è proprio nei kilobytes, nelle pagine dei giornali, con il mouse e la tastiera. Questo non vuol dire che voglia rinchiudermi nella torre eburnea della scrittura, ma tutto il contrario. La parola non deve comportarsi sempre come una barricata o come una pietra scagliata; fortunatamente la parola riesce a trasformarsi anche in un balsamo efficace per una nazione angosciata. Credo nella medicina della libertà informativa, della democrazia imperfetta che un giorno o l’altro noi cubani riusciremo a mettere in pratica nel nostro paese. Sono una sognatrice, ormai lo so, ma anche voi che mi ascoltate lo siete… e non siamo i soli.

Quest’anno il monopolio statale sull’informazione vedrà spuntare nuove crepe. Ogni blogger della provincia, armato soltanto del suo telefono mobile, potrà dare scacco ai periodici ufficiali, potrà trasmettere direttamente su Web i suoi testi, foto, documenti audio e video. Mi piace dire, tra il serio e il faceto, che se noi cubani siamo stati in grado di inventare il ragù di carne senza carne, negli anni più duri del Periodo Speciale - quando lo facevamo con la buccia di banana - adesso stiamo inventando Internet senza Internet. Dai piccoli telefoni cellulari, abbiamo imparato a completare lo spettro informativo che viene fuori da questa Isola. Mi sento investita del ruolo di missionaria di un credo conoscitivo, devo diffondere per tutto il territorio nazionale le conoscenze e gli strumenti che ci renderanno liberi. Perché ognuno di noi potrà diventare un’agenzia di stampa indipendente, senza padroni o censori. Ho dedicato gli ultimi mesi a questo lavoro, con la magnifica esperienza di un’accademia nella quale si sono laureati 27 studenti e cinque professori, senza contare i laboratori, le conferenze a tema e l’assistenza data ai blogger che aprono un novo spazio web. Nei prossimi mesi penso di ampliare anche la portata di questi corsi. Il virus blogger finirà per contagiare migliaia di cubani.

Il sogno più difficile da realizzare - e per questo anche il più ricorrente - riguarda la creazione di un nuovo mezzo di stampa. Molti di coloro che oggi si trovano presenti in sala sono, senza saperlo, i futuri redattori, fotografi e corrispondenti di quel periodico. Senza di voi non sarà possibile. Senza il talento e l’energia che potrete conferire alle pagine del progettato spazio informativo, tutto resterebbe soltanto il sogno di una piccola blogger.

Queste brevi parole servono anche a dirvi: aiutatemi, sostenetemi nell’incerta avventura di diventare cittadini, di comportarci liberamente in un paese pieno di paure, ma fatelo senza perdere lungo il percorso le diversità che alimentano la nostra pluralità ed evitando di cadere nel ben noto errore dell’unanimità. Oggi c’è spazio per tutti in questo progetto. Non solo, senza di voi non potrei mai metterlo in pratica.

Molte grazie,

 

Yoani Sánchez

L’Avana, 7 gennaio 2011

Traduzione di Gordiano Lupi

 

 

GENTE LINDA CUBANA” di Orlando Luis Pardo Lazo

Qui altre foto della cerimonia di consegna del Premio “Principe Claus”

Volti di blogger cubani all'Ambasciata olandese all'Avana


Articoli correlati

  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Yoani Sánchez ancora prigioniera di Papà Stato
  Nuovo premio per Yoani Sánchez
  Yoani non potrà ritirare il Premio iRedes in Spagna
  Gordiano Lupi. Cuba elimina il permesso di uscita, ma restano i limiti...
  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  Il regime cubano vieta l’uscita dal paese alla blogger Claudia Cadelo
  Yoani Sánchez ottiene il passaporto!
  Yoani prigioniera dei Castro
  L'insistenza sui permessi d'uscita, la bellezza di sorridere e la tecnologia per comunicare
  Yoani, ancora senza permesso di uscita
  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  “Violazione sistematica dei diritti umani”
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Jardim. Il salto con l'asta di Yoani e le insidie di Raúl
  Yoani Sánchez ringrazia per il Premio Donne Coraggiose
  Il governo cubano nega a Yoani Sánchez il permesso di viaggio per recarsi in Brasile
  Gordiano Lupi racconta la Cuba di Yoani Sánchez. Piombino, 18 ottobre 2008
  Yoani Sánchez: Non mi sembra vero. Potrò viaggiare!
  Così la Farnesina sui 'niet' cubani a Yoani Sánchez
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Appello a Raúl Castro per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. “Tutti i cubani sono prigionieri politici”
  Yoani Sánchez. Papà Stato non mi lascia uscire
  A Cuba si parla ancora di riforma migratoria
  Massimo Campo. Il paradosso cubano: essere ignoranti per essere liberi
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  Liberato Fariñas
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  Yoani Sánchez: “La visita di Dilma Rousseff non dovrà essere soltanto un incontro istituzionale”
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Claudia Cadelo. Confessioni su un viaggio utopico
  I cubani sperano che Raúl Castro conceda libertà di viaggiare
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  “Vogliamo essere liberi di entrare e uscire dal nostro paese”
  Yoani Sánchez, ancora una volta 'assente'
  Yoani e la punizione di non poter uscire da Cuba
  Cuba. La nuova politica sui viaggi all'estero è frutto della paura
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  Raúl Castro e la nuova politica migratoria
  Riforma migratoria cubana umoristica
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Yoani Sánchez. Il tritadiritti
  Yoani Sánchez. In nessun posto, però ovunque
  Cuba. Sul caso Sánchez i senatori radicali interrogano la Farnesina
  Tessera del partito e voglia di fuga
  Cuba. Il Governo nega il visto per l'Italia alla blogger Sánchez. Interrogazione alla Farnesina
  Yoani Sánchez. Secondo viaggio negato
  Yoani Sánchez. Tre tazze e niente brodo
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Yoani Sánchez. Sulla linea di partenza
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  I Cubani possono viaggiare. Da oggi, forse
  Gli Stati Uniti chiedono libertà di movimento per Yoani Sánchez
  Se andrò in Olanda sarà merito del nove!
  Yoani Sánchez. Sotto pressione, no… ma senza pressione nemmeno
  Un nuovo premio per Yoani Sánchez
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  Yoani Sánchez ricorre al Ministro degli Interni
  La riforma migratoria cubana tra dubbi e incertezze
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy