Mercoledì , 13 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
I cubani sperano che Raúl Castro conceda libertà di viaggiare
23 Dicembre 2011
 

Sono molto alte le aspettative tra i cittadini cubani sulle possibili aperture in tema di libertà di movimento annunciate dal governo di Raúl Castro. La cautela accompagna l’euforia, perché dopo mezzo secolo di restrizioni sembra impossibile che venga concessa piena libertà di uscire dal paese.

«Sarebbe un bel regalo di Natale poter viaggiare senza limiti», dice Luis Peña, un ingegnere di 37 anni che da trent’anni vive lontano dalla madre, rifugiata a Miami. «Sono rimasto senza amici perché sono fuggiti tutti, ma io non ho mai pensato di emigrare, anche se mi piacerebbe lavorare un po’ di tempo all’estero per migliorare la mia situazione economica, soprattutto adesso che è nato il mio primo figlio», conclude.

Secondo la normativa vigente, i cubani possono recarsi all’estero solo dopo aver ricevuto una carta d’invito da un cittadino straniero, ma prima devono chiedere un permesso d’uscita ufficiale e affrontare un procedimento burocratico lungo e dispendioso, che può costare fino a 500 dollari tra tasse e documenti, senza contare il biglietto aereo. Inoltre occorrono i visti d’ingresso rilasciati dal paese che li dovrà ospitare, ma senza il permesso del governo cubano sono documenti inutili.

Il 1° agosto 2011 Raúl Castro, ha annunciato che avrebbe modificato la politica migratoria per porre fine ad alcune restrizioni che perdurano “senza motivo” e che sono in vigore dal 1961. Per questo le aspettative cominciano a crescere.

Adonis González, un cuoco di 38 anni, è uno dei 200 cubani che questo venerdì 23 dicembre attende il suo turno davanti al consolato spagnolo dell’Avana per ottenere la cittadinanza spagnola in virtù della legge della Memoria Storica, che semplificherebbe parecchio le pratiche per viaggiare all’estero.

«Tutti aspettano la nuova legge migratoria, ma è un argomento complesso che ha diviso le famiglie cubane e messo contro Cuba e Stati Uniti per cinquant’anni. Non si può sapere come verrà approvata e neppure se diventerà legge dello Stato. In ogni caso se verrà approvata oggi, non credo che potremo partire domani», dice González.

Alcuni cubanologi dicono che Raúl Castro vuole eliminare i permessi di uscita (per i cubani residenti sull’isola) e di entrata (per gli emigrati), ma anche la condizione di “emigrato definitivo”, al quale secondo la normativa vigente sono confiscati i beni ed è negato il rientro definitivo nel suo paese.

«Se, come dicono, tutto questo sarà eliminato, mia madre potrà venire a Cuba con maggior frequenza», ha detto Peña, che dal 1980 - anno della Crisi del Mariel, massiccio esodo migratorio che vide fuggire circa 140.000 cubani - ha potuto vederla soltanto una volta.

La riforma migratoria è un motivo di discussione per strada, ma la stampa cubana non scrive niente e i soli ad affrontare l’argomento sono i blog non governativi e alcuni blog rivoluzionari.

Il ben informato blogger rivoluzionario Yohandry afferma che «il cambiamento è imminente», anche se non è sicuro che il tema sia stato affrontato nelle recenti riunioni delle commissioni parlamentari. La nota blogger indipendente Yoani Sánchez, che ha tentato di recarsi all’estero ben 18 volte senza essere mai autorizzata, dice che la sua valigia è pronta e che non riesce a dormire per l’agitazione con cui attende il cambiamento.

L’eliminazione del permesso di uscita è una richiesta che proviene da tutta la popolazione cubana, è sostenuta dalla Chiesa cattolica e da intellettuali e artisti come i cantautori Silvio Rodríguez e Pablo Milanés.

«Voglio un socialismo sempre più democratico e partecipativo. Attendo una riforma migratoria che costituisca un primo tentativo per migliorare la situazione», afferma Silvio Rodríguez nel corso di un’intervista al settimanale Trabajadores.

La riforma migratoria rientra nella politica di Raúl Castro volta a eliminare proibizioni “eccessive”, come quelle che hanno impedito ai cubani per oltre mezzo secolo di vendere case e automobili, di frequentare gli alberghi e di poter acquistare liberamente computer ed elettrodomestici.

Va da sé, come dice González, che «con un salario medio di 20 dollari al mese, la maggior parte dei cubani non potrà uscire neppure per fare una passeggiata al parco». Eunice Placeres, che di mestiere fa il ballerino di strada, concorda con il tassista: «La misura sarà molto positiva, ma per viaggiare bisogna avere denaro».

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  “Scusate il mio scetticismo...” Ma Y. Sánchez non rinuncia al “dibattito precongressuale”
  Yoani Sánchez ancora prigioniera di Papà Stato
  Opinione di uno scrittore cubano sulla “riforma migratoria”
  Riforma migratoria cubana. Tra chi parte e chi resta
  I Cubani possono viaggiare. Da oggi, forse
  Di nuovo arrestato Luis Felipe Rojas Rosabal
  Cuba. Sul caso Sánchez i senatori radicali interrogano la Farnesina
  Gordiano Lupi. La riforma migratoria tra fughe e incertezze
  Finisce in una bolla di sapone la libertà di viaggiare
  Gli Stati Uniti chiedono libertà di movimento per Yoani Sánchez
  Gordiano Lupi. Cuba elimina il permesso di uscita, ma restano i limiti...
  Liberato Fariñas
  L'insistenza sui permessi d'uscita, la bellezza di sorridere e la tecnologia per comunicare
  I cubani potranno viaggiare per turismo?
  “Violazione sistematica dei diritti umani”
  Jardim. Il salto con l'asta di Yoani e le insidie di Raúl
  Yoani Sánchez ha ricevuto il Premio Principe Claus
  Yoani Sánchez ringrazia per il Premio Donne Coraggiose
  Yoani Sánchez: “La visita di Dilma Rousseff non dovrà essere soltanto un incontro istituzionale”
  Yoani prigioniera dei Castro
  Yoani Sánchez, ancora una volta 'assente'
  Gordiano Lupi racconta la Cuba di Yoani Sánchez. Piombino, 18 ottobre 2008
  Yoani Sánchez: Non mi sembra vero. Potrò viaggiare!
  A Cuba si parla ancora di riforma migratoria
  Riforma migratoria cubana umoristica
  Yoani Sánchez non esce da Cuba
  Yoani Sánchez e Guillermo Fariñas in attesa di un permesso
  Così la Farnesina sui 'niet' cubani a Yoani Sánchez
  Roberto Pereira. Lettera alla stampa di un ragazzo cubano
  Appello a Raúl Castro per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Papà Stato non mi lascia uscire
  Garrincha. La fattoria di Fidel
  Il governo cubano nega a Yoani Sánchez il permesso di viaggio per recarsi in Brasile
  Massimo Campo. Il paradosso cubano: essere ignoranti per essere liberi
  Il fantasma di Yoani Sánchez alla fiera di Torino
  Yoani, ancora senza permesso di uscita
  Claudia Cadelo. Confessioni su un viaggio utopico
  Yoani Sánchez ricorre al Ministro degli Interni
  “Vogliamo essere liberi di entrare e uscire dal nostro paese”
  Yoani e la punizione di non poter uscire da Cuba
  Yoani Sánchez. “Tutti i cubani sono prigionieri politici”
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez ancora bloccata a Cuba
  Raúl Castro e la nuova politica migratoria
  Oswaldo Payá. Adesso abbia fine la cortina di spine
  Yoani Sánchez. Il tritadiritti
  Yoani Sánchez. In nessun posto, però ovunque
  Yoani Sánchez ospite virtuale alla Fiera del Libro di Miami
  Tessera del partito e voglia di fuga
  Riforma migratoria a Cuba: due vignette di Garrincha
  Cuba. Il Governo nega il visto per l'Italia alla blogger Sánchez. Interrogazione alla Farnesina
  Yoani Sánchez. Secondo viaggio negato
  Yoani Sánchez. Tre tazze e niente brodo
  Un nuovo premio per Yoani Sánchez
  Yoani Sánchez. Sulla linea di partenza
  Cuba. La nuova politica sui viaggi all'estero è frutto della paura
  Oswaldo Payá rilancia il Progetto Heredia
  Yoani Sánchez ottiene il passaporto!
  Yoani Sánchez. Sotto pressione, no… ma senza pressione nemmeno
  Yoani non potrà ritirare il Premio iRedes in Spagna
  Nuovo premio per Yoani Sánchez
  La riforma migratoria cubana tra dubbi e incertezze
  Se andrò in Olanda sarà merito del nove!
  Il regime cubano vieta l’uscita dal paese alla blogger Claudia Cadelo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy