Martedì , 23 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > AgriCultura > Cosa bolle in culdera
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La “Valli del Bitto” a un 'quadrobbio'...
Alfredo Mazzoni, Giuseppe Ruffoni e Giuseppe Giovannoni, casari del Bitto...
Alfredo Mazzoni, Giuseppe Ruffoni e Giuseppe Giovannoni, casari del Bitto... 
23 Dicembre 2005
 

«Che l’associazione decida una volta per tutte: con e dentro il CTCB o fuori!»

Così avevo in mente di scrivere, l’altro ieri, sulla Bittonovela. La recente decisione dei produttori originari (perché storici? forse che i pastori ed i casari degli altri alpeggi valtellinesi e valchiavennaschi sono meno …antichi?) di essere sostenuti da Slowfood nel marchiare le forme che produrranno l’estate prossima, ha confermato una delle tesi che intendevo sostenere. E non penso proprio che il formaggio prodotto lassù, sugli alpeggi “ribelli” – perché di questo si tratta agli occhi del consumatore – possa essere chiamato «Bitto delle Valli del Bitto»: cari amici dello Slowfood e caro Paolo, questa è pura demagogia; se il ministero non ve lo lascia più chiamare «Valli del Bitto», come potete chiamarlo con quell’altro nome e sperare che il ministero vi dia il nulla osta? L’associazione (i 12 produttori rimasti fedeli a Ciapparelli, che sono poi per la maggior parte della Valgerola, se ho ben capito) era di fronte a un “quadrobbio” (a mio parere, naturalmente); doveva cioè scegliere quale strada imboccare trovandosi di fronte a quattro scelte cui consigliavo loro. Sciogliersi. Formare un altro Consorzio. Uscire dal CTCB. Un tacito accordo/scambio… (!!!) per portare la 100ª Fiera del Bitto a Gerola.

Per mettere fine a tutta ‘sta confusione che danneggia “l’immagine della filiera Bitto”, la soluzione migliore era che l’associazione si sciogliesse e, come dire, rientrasse nei ranghi. Forse il nocciolo della questione è capire cosa ha in mente Ciapparelli:

Paolo, che obiettivo hai?

Le tesi da lui sostenute che solo nelle valli del Bitto si produca il “vero Bitto”, lascia perplessi, perché (per intenderci e non farla …cattiva) se un casaro o ‘n cargadur hanno dei problemi col formaggio, non vanno certo a dire al presidente della loro associazione, come fanno a risolverli… Imporre una tecnologia “ideologica” appunto (per quale motivo poi?) anche dal punto di vista professionale è un “proibizionismo” che porterà al non rispetto del disciplinare sottoscritto dai produttori e detto fuori dai denti (la purezza, la verginità non è più un virtù…) peccati ne sono già stati compiuti. Ai “caricatori” i conti economici devono tornare, il resto sono chiacchiere da bar, legittime per carità, ma, una volta usciti dal locale, ognuno torna al suo calècc...

Un po’ improbabile formare un altro Consorzio, anche solo per i costi per métel ‘n pè, e mandàl avanti. Sostenevo all’inizio che quel formaggio non si sarebbe potuto, dal punto di vista giuridico, certo chiamare ancora Bitto; tuttalpiù consiglierei di chiamarlo Bitu. Facendo contenti i “celti” di quelle terre alte; e chissà se, in questo, il ministero non dia via libera. L’uscita dal CTCB da parte dei produttori gerolesi, comunque, comporta che il controllo sul prodotto finale spetti sempre al CTCB (confido in una conferma del direttore Pozzi); cioè il disciplinare va comunque rispettato: peso, misure, origine, scalzo, occhiatura, stagionatura, ecc. La marchiatura spetterebbe sempre e comunque al Consorzio, insomma.

E infine l’ultima possibilità. Che avvenga, un’intesa, un compromesso, un accordo, uno scambio, un ...ricatto (!)… chiamatela come volete. Quel che occorre è chiudere ‘sta vicenda che sta stufando. La cosa deve avvenire tra gli attori della Bittonovela, il più presto possibile. Io la butto lì: a voi decidere. Tra un paio d’anni la Fiera del Bitto compie 100 anni: cioè, e non so se vi rendete conto, sarebbero cento anni che la si tiene. Visto lo spazio, il risalto, la gestione… per farla breve, il declino di cui gode ultimamente all’interno della “Mostra dei prodotti della montagna lombarda” che si tiene al Polofieristico di Morbegno, in ottobre, proporrei che dalla Centesima Fiera del Bitto in poi, la stessa venga trasferita, magari e speriamo per altre cento edizioni, a Gerola. “In cambio”, Ciapparelli scioglie l’associazione e gli imprenditori agricoli della Valgerola, rientrano nel Consorzio. Starà poi al Comune di Gerola o a chi per esso, organizzare, gestire e portare avanti l’ambaradan.

Il tutto vi sembra improponibile?


Alfredo Mazzoni


Articoli correlati

  Che le capre tornino sugli alpeggi!
  CTCB/Valli del Bittto. Collaborazione necessaria
  CTCB: La “Valli del Bitto” disattende gli accordi e travisa la verità
  Renato Ciaponi. Bitto: l'Onaf da che parte sta
  Alfredo Mazzoni. …‘Ndem avanti!
  I formaggi principi delle Orobie a Cheese 2011
  BITTONOVELA
  “Cibo: diritto, identità, territorio”. Questa sera a Sondrio
  Sopruso inaccettabile contro il Bitto storico
  Bitto storico. A Cheese 2013 sempre da protagonista
  Museo del Bitto e dei formaggi orobici di Albaredo per San Marco
  Mostra del Bitto. Piccoli assaggiatori scelgono il miglior “formaggio dei bambini”
  Michele Corti. Il Bitto storico a New York per il “Food day” e il decennale delle Torri
  AmbriaJazz in Centrale: invenzioni e r’n’b. Domani in quota e poi a Sondrio
  Parchi e Riserve si fanno formatori alla Mostra del Bitto
  99ª Mostra del Bitto. Sinergia tra enti, istituzioni e associazioni la formula del successo
  Renato Ciaponi. 110 anni, ma non li dimostra
  Bitto e grano saraceno. I presidi Slow Food della Valtellina
  Dal Bitto al Matusc
  Pieno successo per la 98ª mostra del Bitto
  99ª Mostra del Bitto. A Morbegno, dal 12 al 15 ottobre 2006
  Primo premio del Concorso Bitto all’Alpe Lago
  Renato Ciaponi. Valtellina: un’a­gri­col­tura sempre più giovane e rosa
  Alfredo Mazzoni. Cent’anni di Bitto e otto di prodotti regionali
  Concorso dei formaggi: premiato il Bitto della Val di Lei e quello di Pescegallo
  Albaredo. I sapori del Bitto
  Michele Corti. Bitto: una storia esemplare, una questione aperta
  Alfredo Mazzoni. Il bel regalo da un compagno d'Africa
  100ª Mostra del Bitto. Premi a casari, caricatori e allevatori
  Sondrio Festival: la stella assassina e i terribili tifoni di Taiwan
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 6 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.2%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy