Mercoledì , 17 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > AgriCultura > Il mortaio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pieno successo per la 98ª mostra del Bitto
Il libro aperto della 98ª Mostra del Bitto
Il libro aperto della 98ª Mostra del Bitto 
21 Ottobre 2005
 

Pieno successo per la 98ª mostra del Bitto conclusasi a Morbegno domenica 16 ottobre. Successo decretato da più di 50.000 visitatori, numero comunicato dagli organizzatori e cifra sicuramente credibile vista la ressa di persone che domenica pomeriggio si è spinta nei larghi corridoi dell’esposizione fieristica.

Successo di pubblico, di espositori, 120, ma soprattutto successo per un’immagine nuova che ha cercato di uscire dalla spettacolarizzazione del passato, creando un’immagine vera di una provincia che produce in agricoltura prodotti di eccellenza ormai riconosciuti da tutti.

Il grande libro centrale, nella piazza dei sapori, con slogan significativi ha richiamato l’attenzione dei visitatori e la curiosità degli stessi ad assaggiare questi prodotti particolari. La piazza allora trasformata in un grande vetrina delle produzioni di una valle che non ha ancora abbandonato la sua identità e cultura agricola. Il grande libro aperto per raccontarci la storia di una agricoltura di montagna ancora viva, ancora autentica.

Ma forse, l’effetto scenico più bello, più autentico si è potuto notare dall’alto, dal soppalco, da dove apparivano le montagne dei grandi pannelli, messi tutto attorno alla piazza, le donne e gli uomini del gruppo di Piatta in costume che senza sosta hanno proposto le lavorazioni e preparazioni di un tempo. Un’immagine corale che abbraccia la piazza per ricordarci che l’eccellenza dei nostri prodotti deriva da quel territorio, da quella tradizione autentica, da quelle lavorazioni di un tempo che si sono lentamente affinate per proporre oggi prodotti ancora legati alla tradizione, non omologati, diversi dalle grosse produzioni industriali.

L’artigianalità delle donne e degli uomini in costume si sposta lentamente nel grande libro dove nel terzo millennio persone vestite normalmente ci fanno conoscere ed assaggiare questi prodotti. Ed allora possiamo sicuramente innamorarci al primo morso del sapore unico di un mela di montagna, o sentire il gusto e la delicatezza della bresaola, o il profumo della montagna assaggiando un pezzo di Bitto, o ancora sentire le grandi anime dei vini valtellinesi.

L’orgoglio di offrire prodotti di eccellenza e lì, tra le pagine di quel libro, in quelle persone che sorridendo ci fanno conoscere ed assaggiare la nostra agricoltura.

Ma se usciamo da quel libro che merita di essere ricordato anche per aver consolidato un’immagine corale dei vari consorzi, purtroppo non posso non registrare l’unica nota stonata della manifestazione: la mancata partecipazione della maggior parte dei produttori storici del Bitto. Ma questa è un'altra storia che merita un approfondimento maggiore e che forse è meglio oggi non analizzare per non rovinare il successo della manifestazione.

Mi piace sperare che il grande libro rimanga ancora aperto, e che possa diventare ancora più grande fra due anni quando avremo la 100ª edizione della mostra del Bitto.

Renato Ciaponi


Articoli correlati

  Bitto e grano saraceno. I presidi Slow Food della Valtellina
  CTCB/Valli del Bittto. Collaborazione necessaria
  Che le capre tornino sugli alpeggi!
  La “Valli del Bitto” a un 'quadrobbio'...
  Alfredo Mazzoni. Cent’anni di Bitto e otto di prodotti regionali
  CTCB: La “Valli del Bitto” disattende gli accordi e travisa la verità
  Bitto storico. A Cheese 2013 sempre da protagonista
  Museo del Bitto e dei formaggi orobici di Albaredo per San Marco
  Sondrio Festival: la stella assassina e i terribili tifoni di Taiwan
  Mostra del Bitto. Piccoli assaggiatori scelgono il miglior “formaggio dei bambini”
  Michele Corti. Il Bitto storico a New York per il “Food day” e il decennale delle Torri
  AmbriaJazz in Centrale: invenzioni e r’n’b. Domani in quota e poi a Sondrio
  Albaredo. I sapori del Bitto
  Parchi e Riserve si fanno formatori alla Mostra del Bitto
  99ª Mostra del Bitto. Sinergia tra enti, istituzioni e associazioni la formula del successo
  Renato Ciaponi. 110 anni, ma non li dimostra
  Renato Ciaponi. Bitto: l'Onaf da che parte sta
  Dal Bitto al Matusc
  99ª Mostra del Bitto. A Morbegno, dal 12 al 15 ottobre 2006
  Primo premio del Concorso Bitto all’Alpe Lago
  Concorso dei formaggi: premiato il Bitto della Val di Lei e quello di Pescegallo
  BITTONOVELA
  100ª Mostra del Bitto. Premi a casari, caricatori e allevatori
  Sopruso inaccettabile contro il Bitto storico
  Alfredo Mazzoni. …‘Ndem avanti!
  Alfredo Mazzoni. Il bel regalo da un compagno d'Africa
  Michele Corti. Bitto: una storia esemplare, una questione aperta
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.2%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy