Martedì , 17 Luglio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > AgriCultura > Il mortaio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Dal Bitto al Matusc
Albaredo, 8 ottobre 2005
Albaredo, 8 ottobre 2005 
20 Ottobre 2005
 

«Il Bitto, indiscusso prodotto d’eccellenza, deve diventare il trascinatore delle produzioni casearie minori, anch’esse rappresentative di un territorio e di una economia che necessitano di una giusta e doverosa valorizzazione… Un patto tra montagna e fondo valle per un giusto sostegno verso le persone della nostra comunità che ancora oggi si dedicano a modo attivo all’agricoltura».

Credo di sintetizzare così, e in modo corretto il pensiero del sindaco di Albaredo, Patrizio Del Nero, che ha organizzato e ha introdotto i lavori del convegno “I sapori del Bitto” tenutosi ad Albaredo sabato 8 ottobre.

Un convegno sicuramente interessante , dove il protagonista è diventato un formaggio minore, il Matusc, poco conosciuto, ma sicuramente importante nell’economia della comunità e di tutta la valle di Albaredo.

Il giusto sottotitolo del convegno, «dal Bitto al Matusc, i prodotti tipici d’eccellenza per la tutela del consumatore e la valorizzazione del territorio montano», ne sintetizza l’obiettivo: i prodotti minori, i più autentici, i più legati al territorio devono essere maggiormente valorizzati e allora il Bitto, prodotto d’eccellenza ormai conosciuto da tutti, può diventare la locomotiva per trascinare gli altri prodotti.

La ricerca storica dell’agronomo Paolo Canale ha portato informazioni interessanti riguardanti la probabile etimologia del nome (da matte, parola tedesca, che significa telo?) ed anche sulla lavorazione (in Albaredo il Matusc è prodotto quasi esclusivamente dalle donne). Gli interventi di Walter Raschetti, presidente del Parco delle Orobie, di Marco Deghi, direttore della Latteria di Delebio e dello storico Mauro Rossetto hanno aggiunto altre considerazioni interessanti al convegno: la difesa della tipicità passa attraverso la valorizzazione del territorio che ne permette anche la salvaguardia, ma deve essere autentica, lontano dall’«invenzione della tradizione» che negli ultimi anni sta lentamente creando confusione tra i consumatori.

Il Matusc è autentico, è il tipico prodotto di una agricoltura sommersa, famigliare, microaziendale ancora particolarmente presente nella comunità di Albaredo, dove sono state contate 23 piccole aziende famigliari che continuano a perpetuare l’arte di produzione di questo semplice ed umile formaggio.

E chi ci vieta di valorizzare il Matusc come un formaggio dietetico, vista la sua tradizione di formaggio povero, fatto con un latte il più possibile magro per poter produrre anche quel mezzo chilo di burro che veniva subito venduto per poter avere qualche soldo?

Non solo Bitto, quindi, ma anche Matusc, il formaggio povero, e altri prodotti caseari che dal prossimo anno troveranno ad Albaredo la giusta valorizzazione nella nuova latteria Alpi Bitto, con l'apporto della Latteria di Delebio. Tutto perché la stagione casearia della valle non si limiti a 2 mesi all’anno negli alpeggi ma si completi anche per tutto l’anno.

Renato Ciaponi


Articoli correlati

  Sopruso inaccettabile contro il Bitto storico
  CTCB/Valli del Bittto. Collaborazione necessaria
  Alfredo Mazzoni. Cent’anni di Bitto e otto di prodotti regionali
  Alfredo Mazzoni. Il bel regalo da un compagno d'Africa
  Michele Corti. Bitto: una storia esemplare, una questione aperta
  BITTONOVELA
  Concorso dei formaggi: premiato il Bitto della Val di Lei e quello di Pescegallo
  Bitto e grano saraceno. I presidi Slow Food della Valtellina
  Alfredo Mazzoni. …‘Ndem avanti!
  Che le capre tornino sugli alpeggi!
  Bitto storico. A Cheese 2013 sempre da protagonista
  Mostra del Bitto. Piccoli assaggiatori scelgono il miglior “formaggio dei bambini”
  100ª Mostra del Bitto. Premi a casari, caricatori e allevatori
  Primo premio del Concorso Bitto all’Alpe Lago
  99ª Mostra del Bitto. Sinergia tra enti, istituzioni e associazioni la formula del successo
  Parchi e Riserve si fanno formatori alla Mostra del Bitto
  Renato Ciaponi. 110 anni, ma non li dimostra
  Renato Ciaponi. Bitto: l'Onaf da che parte sta
  Sondrio Festival: la stella assassina e i terribili tifoni di Taiwan
  Michele Corti. Il Bitto storico a New York per il “Food day” e il decennale delle Torri
  Museo del Bitto e dei formaggi orobici di Albaredo per San Marco
  La “Valli del Bitto” a un 'quadrobbio'...
  AmbriaJazz in Centrale: invenzioni e r’n’b. Domani in quota e poi a Sondrio
  CTCB: La “Valli del Bitto” disattende gli accordi e travisa la verità
  Albaredo. I sapori del Bitto
  Renato Ciaponi. Valtellina: un’a­gri­col­tura sempre più giovane e rosa
  99ª Mostra del Bitto. A Morbegno, dal 12 al 15 ottobre 2006
  Pieno successo per la 98ª mostra del Bitto
  Albaredo e i suoi formaggi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.9%
NO
 23.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy