Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando: Nota a margine su “Pudore” di Angelo Andreotti
Umberto Boccioni,
Umberto Boccioni, 'Stati d'animo: Gli addii', 1911 (Museo del Novecento, Milano) 
02 Giugno 2014
 

Lui e il volto nudo.

 

Pudore di Angelo Andreotti è un testo ricco di afflato spirituale in uno stile personalissimo ed affascinante.

Il tema è quello del silenzio, condizione ineludibile per accedere all’esperienza dello spirito (in ogni religione), ma qui vissuto sul piano laico-filosofico.

È quel silenzio che immette al cospetto della morte sulla scia dei grandi filosofi stoici (Epicuro, Seneca e poi Montagne, Spinoza fino a Wittgenstein, a Simone Weil) maestri di sapienza umana nell’accoglienza della morte.

E, non c’è sapienza che non nasca e non cresca nel silenzio, e non solo quello interiore (dell’io con se stesso), ma anche quello che favorisce la comunicazione, quando la parola muore sulle labbra, ci si guarda in silenzio e si dice tutto.

Allora la verità appare nuda, libera, sovrana come in Pudore, verità che l’autore vede sul volto nudo. La verità appare allora per quella che è in se stessa e permette la “comprensione” quale processo di interiorizzazione reciproca.

* * *

Un bianca stanza d’ospedale. Una porta chiusa, una finestra aperta, un lettino con accanto un comodino in metallo grigio come l’orizzonte al di là della finestra, fallimento di un viaggio.

Sul cuscino del letto un volto affossato, scavato, assente.

Un viaggio terreno sta per concludersi.

Ai piedi del letto lui, non per caso in quella stanza.

Tutto sembra immobile, quasi surreale e in un tempo sospeso.

Non c’è tempo, non c’è passato e futuro, ma un lungo, inesauribile presente sospeso, perennemente sospeso.

Nel silenzio della stanza s’intrecciano parole che l’aria non traduce in suoni, ma in leggere vibrazioni luminose.

Vibrazioni che diventano dialogo tra due persone che certamente si sono amate e si amano ancora.

Dialogo silenzioso. Ciascuno intuisce quel che l’altro sente e pensa,ma nessuno dei due sente il bisogno di dire.

Lui e il volto nudo sono anime di due corpi che si sono fatti sonori: dicono senza parlare, carichi di tutte le vibrazioni dello spirito… dice cose che solo così può dirgli, che mai gli ha detto, e che non gli direbbe se non avesse visto la nudità di quel volto e sentito quel pudore nel proprio sguardo… gli parla senza cercare le parole. Lasciando che queste parole liberamente versino nel significato quel che di più possiedono.

Silenzio, nudità, dialogo intimo: presa di coscienza del niente, della nudità, delle mani vuote, ma… non è il “nulla”.

Quelle poche cose salvate diventano pienezza ineffabile dell’essere.

È come vedere l’invisibile, udire l’inudibile, respirare il proprio essere, oltre l’orizzonte.

Le poche cose portate in salvo sull’orlo del precipizio, nel silenzio, non danno l’angoscia del Nulla, ma la vertigine dell’Essere che annienta.

L’angoscia abita soltanto nella tenebra dell’esistere e della realtà di ogni cosa, ma quando nelle parole del silenzio si coglie l’essenza di ogni cosa, sfiora la vertigine dell’Essere, s’avverte la certezza di essere salvati dal precipizio e di cadere nella pienezza dell’Essere stesso.

Svanisce il luogo? si dissolve il fallimento del viaggio? No.

Non ci divora il tempo, né ci assorbe lo spazio, non ci ingoia l’abisso.

Ci assorbe l’Essere.

 

Giuseppina Rando


Articoli correlati

  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ Pudore
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “A un passo” di Angelo Andreotti
  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ A un passo
  Giuseppina Rando. Le belle parole
  Giuseppina Rando. Sulla noia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Controvento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Se il presente colorando...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Albero stecchito...
  Vetrina/ Parvenze. Giuseppina Rando con Gianluca Moiser
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste il corpo alla ferita...
  In libreria/ Pina Rando. Attesa
  In libreria/ Giuseppina Rando. L’altra letteratura contemporanea siciliana di Carmelo Aliberti
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A sera
  Vetrina/ Pina Rando. Il volto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Dilata la giostra...
  Vetrina/ Pina Rando. ingiustizia dei giusti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Gli anni bianchi
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  Giuseppina Rando. Empatia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il gioco dei dadi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fluidoandare
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mutazione
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non sapeva il bambino dagli occhi neri...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Leggera l’ombra...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Stelle marine
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Corpo e mente afflizione...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vaga sui tetti...
  In libreria/ Pina Rando. Verità
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Adesso abiti dove...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Follia di sole
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La realtà è inganno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Pina Rando. A Patrizia
  Piera Isgrò. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tempo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce altra
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Variazione in gioco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce blu
  L’almanaccone impertinente. Tellus 34-38
  Vetrina/ Pina Rando. Esistenza che s’attarda...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sull’isola del silenzio (con Patrizia Garofalo)
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come l’erica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In processione...
  Giuseppina Rando. Rifrangenze
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Bianca salmodia del silenzio
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste al disincanto...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ofelia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trasparenze
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Némesis
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Al poeta Ashraf Fayadh*
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non abita il tempo...
  Giuseppina Rando. Era un angelo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del buio della terra...
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte basta un soffio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Occhi aperti non videro
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’apre il sipario...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Consummatum est
  Vetrina/ Giuseppina Rando, Ada Negri. Riflessioni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Due poesie di stagione
  Vetrina/ Giuseppina Rando (Due inedite poesie)
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La deriva
  Giuseppina Rando. La paura
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. L'angelo della sera
  Patrizia Garofalo. Dei Bioccoli di Giuseppina Rando
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tetra luce...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non odo più parole
  Giuseppina Rando. Un clone
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Altalena di giorni...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  Giuseppina Rando. Voci di mare
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A Mario Luzi
  Giuseppina Rando. Un alito metafisico
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oltre la pietra la voce
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel labirinto di parole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. All’alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. la mia alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Verso l'ignoto
  Pina Rando. Distacco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Odore d’abisso...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fuoco spento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Allo scoccare dell’ora...
  Giuseppina Rando. Misura
  Giuseppina Rando. L’America dei miracoli
  Premi e concorsi/ Giuseppina Rando. Vuoto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. E quel che è peggio
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Piccola silloge senza dedica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In basso continuo
  Vetrina/ Pina Rando. Di te
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  Vetrina/ Pina Rando. Nella nebbia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. l’ordine dell’esistere.
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte – al gelo...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oro filato
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Immane tu
  Patrizia Garofalo. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Spigolature/ Giuseppina Rando. Solitudine o isolamento?
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mormora il vento
  Giuseppina Rando. L’artista pellegrino
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Incompiuta
  Vetrina/ I maledetti. Giuseppina Rando con Patrizia Garofalo
  In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nella notte sempre più notte...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy