Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Spigolature/ Giuseppina Rando. Solitudine o isolamento?
24 Giugno 2016
   

«Vivo in quella solitudine che è penosa in gioventù, ma deliziosa negli anni della maturità» ha detto Albert Einstein in un’intervista concessa negli ultimi anni della sua vita. Una frase che sollecita riflessioni sui due volti della solitudine: quella interiore e creatrice e la solitudine dolorosa dell’isolamento. In realtà la solitudine è una condizione ineliminabile della vita.

«Ognuno sta solo sul cuor della terra/ trafitto da un raggio di sole:/ ed è subito sera» ricorda, in uno dei suoi componimenti più famosi, Salvatore Quasimodo. E ...la poetessa Emily Dickinson: «Forse sarei più sola/ senza la mia solitudine»; sì, perché la solitudine è un’esperienza interiore che aiuta a vivere meglio la propria spiritualità.

Ma esiste anche il peso dell’isolamento di vecchi, malati, abbandonati, stranieri, emigranti… isolamento determinato spesso dall’emarginazione, dall’indifferenza e dall’egoismo.

Le forme di isolamento sono tante.

Eugenio Borgna, in La solitudine dell’anima,1 esamina i due aspetti tematici con cui si manifesta nella nostra vita l’esperienza radicale della solitudine, analizza gli aspetti e i modi con cui l’una e l’altra solitudine si intrecciano e si separano nella vita di ogni giorno, nelle esperienze del dolore e della paura, della felicità perduta e della vita ascetica, ma anche la malattia depressiva, la mancanza o la perdita di persone amate, la dissolvenza di ruoli sociali significativi... non trascurando «la nostra indifferenza e la nostra noncuranza, la nostra desertificazione emozionale, il nostro rifiuto dell'amore».

E ancora il dolore fisico, le crisi di fede, la timidezza, «i sensi di colpa, l'acutizzarsi di conflitti sociali, l'angoscia»... o il prendere coscienza che anche il successo e la gloria sono «un nulla se un segno umano, una parola, una presenza non lo accoglie, lo scalda» scriveva Cesare Pavese in Il mestiere di vivere, verità autobiografica la sua: Pavese era uno scrittore di successo, circondato da una folla di conoscenti, ma a sera, spenti gli echi degli applausi, si ritrovava solo, insoddisfatto, circondato dal nulla. Si sa quale sia stato il tragico approdo della sua esistenza, così come era accaduto e accadrà a molti che pure hanno raggiunto il picco della fama. Ma qui si attraversa il “soggettivo”, il personale modo di vivere la solitudine.

«Uno degli studi principali dei giovani dovrebbe essere quello di imparare a sopportare la solitudine», scriveva in Aforismi sulla saggezza del vivere il filosofo Arthur Schopenhauer, «perché questa è fonte di felicità e di tranquillità d’animo». E c’è ancora chi afferma che la solitudine è la dieta dell’anima che si libera dalla pesantezza delle chiacchiere, dalla banalità, esteriorità e vanità per dirigersi verso la profondità, il mistero, l’intimità.

Rainer Maria Rilke: «…una sola cosa è necessaria: la solitudine, la grande solitudine interiore. Andare in se stessi e non incontrarvi chi ti distrae...»

Saggio colui che saprà distillare il bene che fluisce dall’essere soli: quiete, pacatezza, contemplazione e riflessione, indispensabili per un equilibrio tra la propria identità e l’ambiente sociale in cui si è chiamati a vivere.

 

Giuseppina Rando

 

 

1 Giangiangiacomo Feltrinelli Editore, Milano, 2011.


Articoli correlati

  Maria Lanciotti. Quattro anni dopo le api
  Carlo Forin. Onda
  Caputh: una cittadina della Marca
  Poesia d’autore/ Meleagro. A.P. VII 196
  Poesia d’autore/ Salvatore Quasimodo. I Ritorni
  Domenico Pisana. Viaggio intorno a Quasimodo
  Poesia d'autore/ Salvatore Quasimodo. Specchio
  Giuseppina Rando. Le parole che aiutano a vivere
  Poesia d'autore/ Cesare Pavese. Verrà la morte e avrà i tuoi occhi...
  Pavese e Fenoglio. Viaggio nelle Langhe col partigiano Johnny
  Gianfranco Cordì. Dal sogno al pessimismo: i “Millennials” alla luce del sole
  Enrico Marco Cipollini. Arthur Schopenhauer, l’angoscia del vivere e le influenze sulla sua filosofia
  Sandra Chistolini. L’Asilo nel bosco
  Giuseppina Rando. Verità e amicizia
  Poesia d'autore/ Rainer Maria Rilke. Esordio
  Da Goethe padre, a Hesse e Kafka: i viaggiatori tedeschi raccontano Milano
  RILKE, a 90 anni dalla morte
  Gli abeti di Rilke nel tempo dell’Avvento
  Giuseppina Rando. Dove persiste oscurità
  L’Albero della filosofia. Rainer Maria Rilke
  Poesia come resistenza e innovazione. Il sonetto “Tardo autunno a Venezia” di R. M. Rilke
  Lenka Reinerová: l’ultima autrice ceca che scriveva in tedesco
  Poesia d’autore/ Rainer Maria Rilke. Io temo tanto la parola degli uomini...
  Riviste/ Anterem 95 (dicembre 2017) è in distribuzione!
  Patrizia Garofalo: Flavio Ermini. Rilke e la natura dell’oscurità
  Giuseppina Rando. Le belle parole
  Giuseppina Rando. Sulla noia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Controvento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Se il presente colorando...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Albero stecchito...
  Vetrina/ Parvenze. Giuseppina Rando con Gianluca Moiser
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste il corpo alla ferita...
  In libreria/ Pina Rando. Attesa
  In libreria/ Giuseppina Rando. L’altra letteratura contemporanea siciliana di Carmelo Aliberti
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Altalena di giorni...
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A sera
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Dilata la giostra...
  Vetrina/ Pina Rando. ingiustizia dei giusti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Gli anni bianchi
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  Giuseppina Rando. Empatia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il gioco dei dadi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fluidoandare
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  Vetrina/ Pina Rando. Il volto
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mutazione
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non sapeva il bambino dagli occhi neri...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Leggera l’ombra...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Stelle marine
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Corpo e mente afflizione...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vaga sui tetti...
  In libreria/ Pina Rando. Verità
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Adesso abiti dove...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Follia di sole
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La realtà è inganno
  Pina Rando. A Patrizia
  Piera Isgrò. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tempo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce altra
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce blu
  L’almanaccone impertinente. Tellus 34-38
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “Pudore” di Angelo Andreotti
  Vetrina/ Pina Rando. Esistenza che s’attarda...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sull’isola del silenzio (con Patrizia Garofalo)
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come l’erica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In processione...
  Giuseppina Rando. Rifrangenze
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Bianca salmodia del silenzio
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste al disincanto...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ofelia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trasparenze
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Némesis
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Al poeta Ashraf Fayadh*
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non abita il tempo...
  Giuseppina Rando. Era un angelo
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “A un passo” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Variazione in gioco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte basta un soffio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Occhi aperti non videro
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’apre il sipario...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Consummatum est
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Due poesie di stagione
  Vetrina/ Giuseppina Rando (Due inedite poesie)
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La deriva
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del buio della terra...
  Giuseppina Rando. La paura
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. L'angelo della sera
  Patrizia Garofalo. Dei Bioccoli di Giuseppina Rando
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tetra luce...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non odo più parole
  Giuseppina Rando. Un clone
  Vetrina/ Giuseppina Rando, Ada Negri. Riflessioni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. E quel che è peggio
  Giuseppina Rando. Voci di mare
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A Mario Luzi
  Giuseppina Rando. Un alito metafisico
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oltre la pietra la voce
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel labirinto di parole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. All’alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. la mia alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Verso l'ignoto
  Pina Rando. Distacco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Odore d’abisso...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fuoco spento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Allo scoccare dell’ora...
  Giuseppina Rando. Misura
  Giuseppina Rando. L’America dei miracoli
  Premi e concorsi/ Giuseppina Rando. Vuoto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Piccola silloge senza dedica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In basso continuo
  Vetrina/ Pina Rando. Di te
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  Vetrina/ Pina Rando. Nella nebbia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. l’ordine dell’esistere.
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte – al gelo...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oro filato
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Immane tu
  Patrizia Garofalo. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mormora il vento
  Giuseppina Rando. L’artista pellegrino
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Incompiuta
  Vetrina/ I maledetti. Giuseppina Rando con Patrizia Garofalo
  In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nella notte sempre più notte...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy