Venerdì , 22 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Sulla noia 
A libro aperto: pensieri peregrini a sera… - 18
Vincent van Gog,
Vincent van Gog, 'Il ritratto del Dottor Paul Gachet', 1890 - olio su tela 
09 Aprile 2019
 

La noia è un mostro delicato

che senza strepito, con uno sbadiglio inghiotte il mondo.

Charles Baudelaire

 

Se il sonno è l’apogeo del rilassamento fisico,

la noia è l’apogeo del rilassamento mentale.

Walter Benjamin

 

Due concezioni o visioni della noia; due modi diversi di vivere o relazionarsi al mondo circostante.

Nei versi di Baudelaire che il poeta colloca in premessa al suo capolavoro, I fiori del male, la noia è vista come un mostro che con uno sbadiglio inghiotte il mondo.

Quel male sottile che assale il pensiero, spegne la gioia, la meraviglia, ogni desiderio ogni interesse per sé e gli altri, ogni attesa e speranza. Quel disagio esistenziale o tedium vitae ricorrente in alcuni poeti e scrittori della letteratura latina (Orazio, Seneca, Lucrezio), medievale (Petrarca), rinascimentale (Tasso), romantica (Leopardi).

Proprio nello Zibaldone il grande recanatese definisce la noia “come la più sterile delle passioni umane. Com’ella è figlia del nulla così è madre del nulla; giacché non solo è sterile per se ma rende tale tutto ciò a cui si mesce e si avvicina”.

Per il filosofo Martin Heidegger, invece, la noia è una malattia dell’anima, e la descrive ricorrendo ad un’immagine poetica: “La noia profonda è come una nebbia silenziosa che si raccoglie negli abissi del nostro esistere. Essa accomuna uomini e cose, noi stessi con tutto quanto ci circonda, in una singolare indifferenza”.

A tante negative, anche se autorevoli, affermazioni fanno da contraltare studi e ricerche di non meno autorevoli psicologi, filosofi, ricercatori che tessono invece l’Elogio della noia, ritenuta come un passaggio quasi necessario per liberare la mente, rinfrancarla ed aprire alla creatività.

In un saggio del 1930 intitolato La conquista della felicità, Bertrand Russell scriveva: “Una generazione che non riesce a tollerare la noia è una generazione di uomini piccoli, nei quali ogni impulso vitale appassisce”.

Oggi, a più di 80 anni di distanza, una serie di studi psicologici sembra dare ragione al filosofo inglese. Teresa Belton, ad esempio, scienziata inglese esperta di problemi dell'infanzia e dell'apprendimento afferma: “preziosa ed impalpabile sostanza della vita, la noia potrebbe essere considerata come la matrice di un'attività fantastica…” e la dottoressa Sandi Mann della University of Central Lancashire, dopo aver condotto una serie di esperimenti volti a studiare l’effetto di noia e distrazioni sul lavoro creativo, ritiene la stessa come requisito fondamentale per la crescita del soggetto. “E se si soffoca la noia, si soffoca anche la creatività…”, sostiene.

In altre parole, nei momenti di noia il nostro cervello avrebbe spazio a sufficienza per perdersi in divagazioni e sogni a occhi aperti, ruolo cardine nei processi cognitivi.

Nessuna paura dunque della noia se, alla luce della ragione, essa viene vissuta con consapevolezza dal soggetto, unico artefice della propria vita, nel bene e nel male. Bisogna semplicemente riuscire a conoscere e valorizzare le infinite risorse insite in ciascuno di noi e metterle a frutto per allontanare il pericolo della noia, altrimenti anticamera del nichilismo.

 

Giuseppina Rando


Articoli correlati

  Gianluca Moiser. Imitando Baudelaire...
  Premi e concorsi/ “Anterem”. Presto gli esiti della 23ª edizione del Premio “Lorenzo Montano”
  Roberto Malini. Che cosa pensava degli ebrei Giacomo Leopardi
  Fuori misura (il Leopardi come non ve l'ha mai raccontato nessuno)
  Maria Lanciotti: Giacomo, non guardare!
  Gianfranco Cordì. L’orizzonte del vagheggiamento
  Pesia d’autore/ Tadeus Różewicz. “Der Tod ist ein Meister aus Deutschland”
  Gianfranco Cordì. Noi umani non possiamo fare a meno di chiederci cosa sia la nostra vita
  Gianfranco Cordì. «La fine della modernità» e l’inizio del pensiero «dell’erranza»
  Gianfranco Cordì. L’incontenibile stupidità altrui
  Giuseppina Rando. Banalità, malattia diffusa
  Giuseppina Rando. Le poche cose necessarie...
  Giuseppina Rando. Crisi
  Giuseppina Rando. Rumore
  Giuseppina Rando. Apelle e il calzolaio
  Giuseppina Rando. Sulla coerenza
  Giuseppina Rando. Verità e amicizia
  Giuseppina Rando. Il venticello… della calunnia
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
  Giuseppina Rando. L’ignoto fascino delle piccole cose
  Giuseppina Rando. Dialogo e ‘punti di vista’
  Giuseppina Rando. Senilità
  Giuseppina Rando. Violenza e verità
  Giuseppina Rando. I volti dell'invidia
  Giuseppina Rando. Nascondigli
  Giuseppina Rando. Tra reale e virtuale… avanza “la società liquida”
  Giuseppina Rando. Quale cultura?
  Giuseppina Rando. Le associazioni: luci e ombre
  Giuseppina Rando. Misura
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Eterna sinfonia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ogni istante si muore...
  Vetrina/ Pina Rando. Esistenza che s’attarda...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In basso continuo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Voci
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Invisibile quel fuoco...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy