Giovedì , 18 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza 
A libro aperto: pensieri peregrini a sera… - 17
01 Marzo 2019
 

Tanti artisti e poeti lasciano nelle loro opere immagini di bellezza, di splendore, di speranza e di luce.

Emily Dickinson (1830-1886), statunitense, tra i maggiori lirici del XIX secolo, ha scelto, forse con maggiore incisione di altri, l’essenzialità, la parola poetica per un ineffabile e sommesso colloquio metafisico con le cose del quotidiano: il sole, le nuvole, gli uccelli, le albe e i tramonti e tanti altri soggetti che, per la loro brillantezza oggettiva, le permettono di porsi di fronte al mistero dell’esistenza con simboli capaci di raccogliere piccole, immense verità, frutto di un felice connubio tra emozioni e pensiero, sensi e intelletto.

Se io potrò impedire
a un cuore di spezzarsi
non avrò vissuto invano
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena
o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido
non avrò vissuto invano
.*

Limpidi versi di intensa spiritualità che inevitabilmente, per contrasto, richiamano la giostra delle volgarità, delle grossolanità e meschinità cui assistiamo quotidianamente.

La sensibilità è certamente un dono, un dono raro. Le persone che la possiedono, sono portatrici di un bene prezioso che non si acquisisce con lo studio, anche se lo si può affinare con l’esperienza. Oggi, però, pare che sensibilità e delicatezza siano considerate superflue e che nessuno, o pochi, si dolgano della loro progressiva scomparsa, come se il mondo potesse benissimo farne a meno.

Si ritiene che non siano qualità indispensabili. Il cittadino del terzo millennio, tutto proteso a conquistarsi il proprio spazio sociale, a ritagliarsi la propria fettina di visibilità, di successo (anche economico), di gratificazione esteriore sa bene che l’essere delicati e rispettosi non giova al proprio avanzamento sociale ed economico, anzi lo danneggia. Se si mira quasi esclusivamente alla soluzione di problemi pratici, a che cosa può servire la sensibilità e la delicatezza?

Ritengo invece che la sensibilità sia un atteggiamento di delicatezza e di profondo rispetto verso il mondo circostante, verso l’altro con cui l’io si rapporta, vedendo sempre in esso un soggetto di pari dignità e mai un semplice mezzo.

La persona dotata di sensibilità possiede una singolare ricchezza, che la mette in grado di cogliere aspetti del reale i quali sfuggono ad altri, alimentando così incessantemente la propria profonda umanità.

 

Non si è vissuto invano perché si sono realizzati grandi progetti, non per avere scritto libri o aver compiuto azioni pubblicamente acclamate, ma semplicemente per aver aiutato un pettirosso caduto / a rientrare nel nido… avere impedito a un cuore di spezzarsi.

Quanta semplicità nei versi di Emily Dickinson, eppure quanta difficoltà a dare loro vita!

Quanta indifferenza tra gli umani!

Prigionieri del nostro io, non vediamo né ascoltiamo le domande mute dei deboli e ignoriamo e persino disprezziamo qualsiasi forma di sensibilità e delicatezza.

 

Giuseppina Rando

 

 

* Da: Emily Dickinson, Tutte le poesie, n. 919, Mondadori, 1994.


Articoli correlati

  Un audiolibro in cofanetto nell'anniversario della morte di Emily Dickinson
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 838
  Emily Dickinson. Questo mondo non è Conclusione
  Patrizia Garofalo. Ruffilli nelle pagine dedicate ad Emily Dickinson
  Iniziative/ A Livorno un incontro su Emily Dickinson
  Gianfranco Cercone. “A quiet passion” di Terence Davies
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. 323
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. Where Ships of Purple - Dove Navi di Viola
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. La primavera ritorna sul mondo...
  Poesia d'autore/ Emily Dickinson. Serberò il canto!
  Nel deserto (con Emily Dickinson) 1.
  Vetrina/ Emily Dickinson. Come se il mare separandosi...
  Poesia d’autore/ Emily Dickinson. 603
  Giuseppina Rando. Banalità, malattia diffusa
  Giuseppina Rando. Crisi
  Giuseppina Rando. Tra reale e virtuale… avanza “la società liquida”
  Giuseppina Rando. Rumore
  Giuseppina Rando. Le poche cose necessarie...
  Giuseppina Rando. Il venticello… della calunnia
  Giuseppina Rando. Apelle e il calzolaio
  Giuseppina Rando. Violenza e verità
  Giuseppina Rando. L’ignoto fascino delle piccole cose
  Giuseppina Rando. I volti dell'invidia
  Giuseppina Rando. Nascondigli
  Giuseppina Rando. Verità e amicizia
  Giuseppina Rando. Senilità
  Giuseppina Rando. Le associazioni: luci e ombre
  Giuseppina Rando. Sulla coerenza
  Giuseppina Rando. Misura
  Giuseppina Rando. Quale cultura?
  Giuseppina Rando. Sulla noia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Invisibile quel fuoco...
  Vetrina/ Pina Rando. Esistenza che s’attarda...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In basso continuo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy