Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Rifrangenze
Chiara Caccamo, “Insolito tramonto”
Chiara Caccamo, “Insolito tramonto” 
03 Agosto 2016
 

Come avvolta da un velo dorato, l’isola appare sospesa tra due fasce di luce.

L’aria della sera profuma di ricordi.

Lui pedala allontanandosi dalla casa e dalla ombrosità degli alberi che la circondano.

Allo slargo di una strada della costa, nel punto in cui le palme ondeggiando si piegano in avanti e inizia la striscia di sabbia, si ferma.

Appoggia la bici alla palma, si toglie le scarpe, con i lacci le annoda al manubrio. Va a passi lenti verso la battigia attratto dall’azzurro intenso delle onde echeggianti richiami.

È come se la sabbia dorata si trasformasse in un mantello di seta giallo, fluttuante come le onde del mare. Il pensiero apre le finestre del corpo, si sporge verso quella luce trasparente che penetra ogni cosa, segue le nuvole va oltre l’orizzonte, si perde nel cobalto del cielo, oltrepassa il limite labile dei sensi, si scioglie nel mare e abbraccia l’immergersi lento del sole.

 

Fiumi di luce s’incrociano, si separano, sommergono la mente.

 

Nell’andare la luce vaneggia, l’oscurità lentamente la risucchia, la profondità abissale la dissolve.

I pensieri vagano incerti nei sentieri tracciati da piccole, misteriose fiaccole: le riconosce, non sono stelle; le finzioni di ieri hanno bruciato, lasciato ferite sbocciate in corolle bollenti d’amore.

Sono maschere-nude, presenze in movimento cariche di energia.

 

Riaffiora l’indistinto transitorio apparire. L’insidia l’accerchia nelle trame ritorte.

Nel recinto continuano ad ardere segni d’implacata materia, i sensi feriti. Qualche filamento s’appressa aspro e chiaro, si confonde col flusso dell’onda in un soffio magico.

Dal blu del mare traspare una danza di colori che disegna il movimento di una luce cristallina da dove emerge luminosa una sagoma di donna, vestita di raso lattescente.

È lei.

 

Un mormorio intorno aggroviglia la sua mente e lo confonde.

Volge lo sguardo in basso.

Accanto ai suoi piedi scalzi vibra qualcosa di rosato che lentamente assume la forma di stella marina, rossa.

Si abbassa per prenderla tra le mani… non c’è più, è svanita.

 

Silenzio. Le onde tacciono. La luce si è incarnata nel buio.

Il mare quasi nero risale nel magma della nebbia che avvolge memoria e tempo.

 

Turbato e svigorito si dirige verso la bicicletta sbiancata sotto la palma scura dondolante al vento.

Rimette le scarpe e riprende la strada verso casa.

 

Le pareti della sua stanza scricchiolano sotto il fardello del vuoto che egli porta in sé.

Supplici voci s’inerpicano sul suo corpo, vorrebbero avvinghiarlo. La mente attraversata da fremiti, echeggia di sirene, in raggi ondulanti, si dilata in cerca di fuga.

 

Il nulla davanti a sé, il nulla dietro e dentro la massa informe di una percezione oscura.

 

Entra nel tempo dell’attesa, tempio del tempo che torna ad offrirsi.

 

L’ombra della notte scende leggera e, come immenso lenzuolo di seta, tutto avvolge.

Sulla bianca parete della stanza, di fronte al letto ove il suo corpo svuotato s’è disteso, riappare la stella marina, rossa.

Lentamente trascolora in una duplice tessitura di corpo e di soffio vitale.

Lo penetra con uno sguardo d’amore.

È lei.

La stringe a sé con tutte le vibrazioni dell’anima.

Sensi, voci e visioni tornano ad aprire nuovi orizzonti alla vita che in ogni dove zampilla.

 

Rifrangenze dal silenzio insieme alla pienezza arcana musicata dalle onde.

 

Giuseppina Rando


Articoli correlati

  Vetrina/ Giuseppina Rando. Dilata la giostra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Gli anni bianchi
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il gioco dei dadi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Leggera l’ombra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Corpo e mente afflizione...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vaga sui tetti...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Adesso abiti dove...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La realtà è inganno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce altra
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Al poeta Ashraf Fayadh*
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Variazione in gioco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte basta un soffio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’apre il sipario...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Consummatum est
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La deriva
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del buio della terra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. L'angelo della sera
  Vetrina/ Giuseppina Rando. la mia alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Verso l'ignoto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oro filato
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Immane tu
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy