Venerdì , 14 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. I dipinti di David 
Per non dimenticare…
David Olere,
David Olere, 'Colonne di gassazione nel crematorio II' 
26 Gennaio 2020
 

David ormai da tempo trascorre ore e ore nel suo piccolo appartamento tra tele e pennelli, libri e quaderni, fogli sui quali disegna schizzi o qualcosa da ricordare, da captare nell’interrotto fluire di pensieri.

Ogni tanto si affaccia alla finestra e punta lo sguardo lontano, verso un punto indefinito dell’orizzonte, da dove vede elevarsi figure che colmano il vuoto che avverte intorno.

Il silenzio lo avvolge, lo riscalda, lo trasporta verso luoghi mai visti, tra infinite braccia che lo circondano.

Un cerchio immenso. Dalle braccia affiorano visi noti, familiari e anche visi sconosciuti che emanano odori e sapori di una vita perduta, di una vita che torna alla memoria.

Memoria del passato. Ma quale passato? Quello fisico della materia o quello dello spirito ? Entrambi.

Nitida appare la figura della madre, consunta dal dolore, morta da qualche mese nel freddo e nella nebbia di una città del nord. Alta, bruna, in una nuvola di veli bianchi Matilde gli si presenta accanto al padre Jvan Jawlensky, un ebreo russo che, convertitosi al cattolicesimo, ella aveva sposato nel lontano 1935 nella cattedrale di Palermo.

La nube bianca che avvolge la madre si sperde nella luce infuocata del tramonto.

Vede il porto e ricorda l’imbarco su una nave che agli occhi del piccolo David appariva immensa e poi, uno dopo l’altro, sfilano nella sua mente i quartieri di Brooklyn .

Compaiono e scompaiono i compagni d’infanzia, i giuochi, l’aria di quella terra con le sue fragranze, le sue ore mattutine affollate di ragazzi e ragazzine che andavano a scuola.

Ecco apparire il capo canuto e l’indimenticabile sorriso del maestro di pittura.

Visione e dramma, passato e memoria che David ha fermato sulle tele, dominate dalla tragedia e dal silenzio, dal buio e dalla bellezza.

La realtà storica – ripete David a stesso – non esiste più, esistono le immagini, i sentimenti che ho fissato in questi quadri, esiste la memoria.

Ed io – si chiede – io esisto?

Aspetta la risposta. Non viene.

Gli uccelli volteggiano in cielo e sull’immensa tela azzurra si disegna un’effige umana che ha una fisionomia interna e sepolta, quella del padre ucciso nel forno crematorio di Auschwitz nel 1943.

Il padre s’alza dalla cenere, di là dalla maschera del tempo prende forma, cerca il volto che aveva prima che il mondo fosse creato, si muove, avanza: è vivo!

David sente la sua voce: – Sono spirito, figlio mio!

Il pittore posa lo sguardo sui quadri appoggiati alle pareti.

Con i pennelli ha trasformato quei ricordi, quella morte o ogni dissolvimento in tagli di lame. Il fumo acre, che saliva dai campi di sterminio e invadeva le città, è disceso sulle sue tele.

Tu, figlio mio, sei testimone di un amore che vince la barbarie, tu dirai anche la nostra verità.

David guarda ancora verso il cielo, la figura del padre resta là.

È una statua.

Manda messaggi che non arrugginiscono. Come le statue dei giardini parla solo agli uccelli, parla solo agli alberi, ma parla. Basta ascoltare. Parlano tutti i morti, basta saperli ascoltare.

Ti riconosco, padre, e ti conoscono gli alberi, i monti, le acque profonde, tu sei “altro”.

Sono spirito! figlio mio. E spirito è anche l’uomo che ricorda. La Storia è spirito.

Pure la Storia che riferisce gli avvenimenti di Auschwitz è spirito.

Ti ho visto, padre, mentre scrivevi in cielo il tuo nome con lettere di fumo.

Non ci sono segni per scrivere quei nomi.

Non ci sono parole per narrare gli orrori di quel male.

Crea tu, figlio mio, pezzo per pezzo, quel linguaggio con i colori, con i pennelli, con la musica, crea tu, perché tutto ciò che lo spirito non esprime, resta materia inerte, resta notte eterna.

 

***

 

I dipinti di Davide sono là, appesi alle pareti delle più prestigiose gallerie d’arte: raffigurazioni compatte, inquiete, dense di pensieri invitano all’ascolto, ma non sempre trovano, nella città distratta, assordante, volontà d’ascolto.

Un vuoto lo circoscrive.

Quei corpi senza colore continuano a girare su se stessi e intorno a noi. Diventano ombre su ombre che avanzano e fuggono, si confondono nei viali, tra i rami solenni e scuri degli alberi.

Dai dipinti traspare una tetra luce, quale segno di autentica, viva sofferenza ed un illimitato bisogno di dialogo; si trasforma in voce dalla consistenza del diamante che non potrà svanire nel vuoto.

Zampilla con l’acqua dalla fonte e va… va… a… fluire nella terra arida.

È nel vento che soffia in tutte le stagioni, è nell’aria che respiriamo, nel ritmo delle ore, giorno e notte.

È nel cinguettio dell’uccello solitario sulla pietra, nel muschio umido del muro, nei sentieri dei giardini invasi dall’erba.

Nelle strade chiama per nome ogni passante, si pone accanto al suo incedere con il silenzio della fame, del gelo e del dolore.

Fa irruzione in ogni anfratto e non si stanca mai di narrare a tutti, uomini e cose, ciò che è avvenuto e quello che non dovrebbe più accadere.

 

Giuseppina Rando

 

(Da Nel segno, Pungitopo editrice, Marina di Patti, 2010)

 

 

David Olère, pittore, era nato a Varsavia il 19 gennaio 1902, naturalizzato francese nel 1937. Arrestato il 20 febbraio del 1943 dalla polizia francese, venne deportato da Drancy ad Auschwitz-Birkenau. Evacuato di nascosto il 19 gennaio 1945 a fronte dell’avanzata dell’Armata rossa, sopravvisse alla “marcia della morte” che lo condusse a Mauthausen ed Ebensee (Austria), dove venne liberato dall’esercito americano il 6 maggio 1945. Tornato dai campi, non smise di testimoniare – con i disegni e i quadri – l’orrore di quegli anni. È morto il 2 agosto 1985 nei pressi di Parigi.


Articoli correlati

  Morbegno. Giornata della memoria 2020
  Poesia d’autore/ Daniel Vogelmann. Da “Cinque piccole poesie per Sissel”
  Poesia d'autore/ Dan Pagis. Testimonianza
  Enrico Peyretti. Memoria della com-passione
  Roberto Malini. Il 20 settembre 1992 è morto Kadish, artista e testimone della tragedia umana
  Il 19 aprile è "Yom HaShoah", il Giorno della Shoah
  Roberto Malini. Il 18 settembre 1926 è nato Joe Kubert, genio del fumetto
  Doriana Goracci: Giornata della Memoria con Gaza e Lucca nel tempo storico presente
  Matteo Moca. “Shoah”, Lanzmann e la memoria
  Milano, binario 21
  Milano. Il radicale Lucio Bertè rende omaggio alle vittime della Shoah nel cimitero “ad Martyres”
  Liceo Ceccano. Giornata della Memoria 2009
  Vetrina/ Roberto Malini. In morte di Shlomo Venezia, testimone della Shoah
  Giornata della Memoria: Le vostre orme leggere
  I giovani ricordano la Shoah
  Vetrina/ Paola Mara De Maestri. Poesie per non dimenticare
  Benedetto Della Vedova. Fame... iraniana
  L’artista santhiatese Ennio Cobelli dona al poeta Roberto Malini la sua opera “Holocaust”
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Vetrina/ Patrick Sammut. Giorno della memoria
  Erveda Sansi. Ricordare per conoscere
  SHOAH RIFLESSIONI & OMAGGI
  L’8 giugno alla Rocca di Sassocorvaro inaugurazione della mostra “Artisti dell’Olocausto"
  Guido Bedarida. Per il Giorno della Memoria
  Festival Fare Memoria 2016
  Una poesia di Roberto Malini dedicata ad Anne Frank
  Gigi Fioravanti. Giorno della memoria. Domande
  Arvangia. Dare voce alla memoria che tace…
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  Pesaro, arte e Shoah: Wanda Coen
  Vincenzo Donvito. Reato di negazionismo? Reato di opinione!
  In libreria/ Susanne Raweh. La storia della nonna bambina
  Pietre in cui inciampa la coscienza: i “Stolpersteine”
  La ragazza con la fisarmonica
  TEREZIN: frammenti di vite in attesa dello sterminio
  Gli ebrei sotto il regno sabaudo - incontro a Santhià (Vercelli)
  Lidia Menapace. Sull'ignoranza religiosa
  Anne in the Sky: un grande messaggio di pace
  Yom HaShoah. Dall'Italia in regalo la App che ricorda Helga Deen e l'Olocausto
  Arcigay Arezzo per la Giornata della Memoria ricorda l'Omocausto
  Giornata della Memoria a Vercelli: le donne della Shoah
  Shoah: tavole rotonde, commemorazioni, concerti per ricordare
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  Eugenio de' Giorgi. “Affittasi monolocale zona Ghetto” con il Teatro Olmetto
  Federica Bonzi, Enrico Marco Cipollini. Memoria, memorie...
  Ionne Biffi. Gusen: infanzia negata
  Roberto Malini. È morto Wiesel
  “L’oro di Milcik”. Un concerto per la Giornata della Memoria 2009
  Donazione di una foto firmata da Gino Bartali dall'Italia al Museo Yad Vashem
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  L’ultima stazione. Per non dimenticare al Teatro Laboratorio
  “Gli scomparsi” di Daniel Mendelsohn
  Biblioteca della Valchiavenna. La Shoah in casa
  Giorno della Memoria 2016: poeti e musicisti a tavola con Anne Frank
  Giorno dell’Indipendenza di Israele a Vercelli
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il silenzio della fine...
  Giuseppina Rando. Sulla statua di Indro Montanelli
  Giuseppina Rando. Movide selvagge del “bel paese”
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel variar di vento...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. parvenze di giorni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trovino rifugio le lacrime
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vertigine mortale
  Giuseppina Rando. Covid 19: “lectio magistralis”
  Vetrina. Giuseppina Rando. Geografie dell’io
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy