Giovedì , 15 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
29 Aprile 2017
 

Smarrimento, vertigine; sete di confrontarsi con un cieco e oscuro noumeno: macigno aguzzo, ostile e muto, attesa caparbia di una pur minima risposta, di uno straccio di giustificazione almeno “ai giorni disumani”, “alla voce dolente dell’umano vivente…”

C’è innanzi tutto questo in Geometria della rosa, la nuova silloge di Giuseppina Rando, artista dell’entroterra culturale di grande spessore nonché intellettuale avvezza a scandagliare pensiero e linguaggio, a estrarne linfa e segreti per farne medicina e annuncio.

I versi della raccolta sono un’ulteriore e significativa tappa di un percorso di ricerca iniziato da decenni e, insieme, una pausa di meditazione, utile a prendere fiato, a ricominciare, con un supplemento di tenacia e di energia a dialogare con l’Essere, l’esistenza e la nebbia indecifrabile e sovrumana che l’avvolge.

Il ritmo franto del pianto” fa da cupa colonna sonora alla “terra desolata” segnata dall’orrore, da detriti polverosi e “sangue d’innocenti” raggrumato. “Cresce a dismisura la morte” invisibile a chi, distratto da luci fittizie e dal frastuono di chiacchiere, non vede e non sente, e, “continuando a magnificare la Giustizia”, si fa complice ignaro dell’“ingiustizia dei giusti”. Nel prendere atto del “planetario dolore” Giuseppina Rando s’interroga sulle ragioni e sul senso del fare poetico. Serve ancora a qualcosa? Temeraria risulterebbe la risposta, priva di un supplemento di esplorazione delle risorse di cui la letteratura può ancora disporre. Per questo, di nuovo, riprende a indagare sulla parola, sulle possibilità di dare la forma adatta alla sofferenza, all’afonia dei reietti, al cancro divoratore dei sentimenti, alla crescita smisurata dell’egoismo, alla carica distruttiva della stupidità, al veleno devastante e invisibile dell’indifferenza, all’Enigma dell’inizio e della fine di un viaggio, involontario, crudele, effimero dal peso soverchiante, insopportabile…

Non s’arrende, la poetessa siciliana. Mette insieme i vocaboli; li seziona e assapora, testando nuove alchimie; ne assembla le tessere sparse, come si fa con un puzzle bizzarro, difficile da ricomporre in un disegno. Non è follia la sua. Sa che Heiddegger ha ragione : la parola “parla”: giunge da molto lontano e dice assai di più di quanto c’è nelle intenzioni di chi ne fa uso.

Rivela “messaggi nascosti” dell’Essere; va oltre i confini della ragione; sparge barbagli d’infinito e frammenti di verità, dalla sua singolare postazione liminare; conduce “nelle prossimità dei segreti dell’anima”; dimostra che «non ci sono fratture incolmabili tra il reale e l’immaginario, tra la vita e il sogno, ma soltanto una vasta gamma di forme e di fenomeni, talora strazianti, che pure danno un senso all’esistenza umana».

C’è dell’altro oltre il visibile, dunque. Non è vero che della “rosa” esiste il nome nudo. Non può e non deve essere così. Oltre il rasoio sottile della mente, l’essenza testarda, esplode e si annuncia nell’esistenza, come rosa che, nello schiudersi, svela il segreto della perfetta misura di verità, bontà e bellezza, facendosi emblema e viatico dell’ormai necessario e urgente riscatto dell’umanità.

Un libro intenso, ricco di sostanza e di musica, Geometria della rosa.

Organico come uno spartito musicale costruito con dosi sapienti di significato, poesia e formale rigore.

Un’opera da leggere piano, facendo attenzione ai semi che la poetessa sparge lungo il cammino con citazioni mirate a indicare le coordinate della sua poetica, nonché motivazioni e intenzioni sottese alla scrittura. Pagine che stimolano a riflettere sulla realtà con mente e cuore aperti alla prospettiva di dare un tributo forte e nobile alla palingenesi dell’uomo e del mondo.

Una riflessione filosofica in versi, infine, da rileggere, dopo averne interiorizzato il messaggio: per meglio gustarne l’eleganza, il ritmo e l’inconfondibile stile.

 

Pasquale Matrone

(da La Nuova Tribuna Letteraria, Anno XXVII n. 126, p. 50)

 

 

Pasquale Matrone (foto), critico letterario e critico d’arte, è il vicedirettore di La Tribuna Letteraria (Periodico di Lettere e Arte), Venilia Editrice, Lozzo Atesino (PD).

 

 

Giuseppina Rando, Geometria della rosa

Aletti Editore, 2017, pp. 100, € 12,00

In allegato locandina della presentazione della raccolta a Barcellona Pozzo di Gotto, cittadina dove abita l’autrice


Foto allegate

Articoli correlati

  Pina Rando. A Patrizia
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tetra luce...
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  L’almanaccone impertinente. Tellus 34-38
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Giuseppina Rando. Un clone
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Altalena di giorni...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  Giuseppina Rando. Misura
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy