Giovedì , 25 Aprile 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. L’artista pellegrino
06 Agosto 2014
 

Con la sacca scolorita, ora l’artista pellegrino si ferma sotto la tettoia, cerca riparo dal sole, allenta i lacci dei sandali silvestri.

Si porta alle labbra, amare d’erbe selvatiche, la borraccia spinosa. Si disseta.

Stanche le membra, stanca la mente. S’adagia sulla pietra levigata.

Un uomo in fuga dal mondo, non da se stesso, anzi è se stesso che cerca.

Supino sotto il cielo turchino, gli fanno da schermo le colline e i rami di una quercia sulle cui ampie foglie, magicamente, rivede – in flashback – ad una ad una, tutte le sue esperienze emotive, tragiche ed angoscianti.

 

Arruolato volontario, come tiratore scelto, nella missione in Afghanistan, ha conosciuto l’umiliazione dell’isolamento; ha visto disperdersi i contorni delle belle figure di amici nelle movenze oscure dell’uguale rosario dei giorni e nel buio che muta la scena; ha atteso inutilmente il sorgere delle torri incantate dell’uguaglianza e della democrazia.

Mosso dalla passione per la libertà di quello Stato e desideroso di conoscere tutti gli abissi della vita, ha affrontato serenamente paure e sangue, escrementi e sguardi imploranti di uomini accecati dalla sabbia rovente. Ha stretto al suo cuore la disperazione di mani che chiedevano aiuto, le grida assordanti dei prigionieri tormentati.

 

Ora nel raggio che fende le pallidi absidi celesti, scorge le ferite aperte dell’umanità smarrita. Anche nei suoi dipinti vibra la maestosità della morte di massa, ove le luci degli scoppi sono immortalati in un trionfo abbagliante di linee e cromatismi esplosivi.

Voce umile la sua, cantico sommesso di perenne pellegrino del dolore, nei tempi.

Ovunque giunge, però, assiste alla dissoluzione dei suoi ideali: si vanifica l’arte, si distrugge la musica, diventa pianto il canto.

 

L’artista pellegrino ritorna a casa svuotato, ossessionato dal massacro bellico.

Riprende l’attività pittorica con il tentativo di dipingere i soggetti con distacco, con obiettività, ma viene accusato di essere un fanatico della verità.

La verità non esiste, dicono i negatori della realtà.

Ma l’artista è mosso da un bisogno intimo di calarsi nei fatti tangibili, libero e felice di non appartenere a nessuna ideologia.

Libero di essere se stesso va… oscilla nell’immenso, attratto dai venti raminghi su per solchi astrali, tra bagliori zodiacali. Tutto confluisce nella sua arte.

 

Ombre, però, dai mille tentacoli, salgono da profondità oscure, gli avvelenano l’anima che scende, come scafo immemore, su acque infide; erra il suo pensiero tra chiarori senza luce, ascolta parole senza suono.

L’artista pellegrino si muove tra la vita e la morte, tra dissoluzione di valori ed intimi spiragli di splendore.

 

Sotto la quercia, nel silenzio profumato di muschio e grondante gocce di tempo, sfilano pallide le ore.

S’abbandona al sonno ma il suo respiro fluttua tra il verde della campagna, s’aggrappa ai rami degli alberi, ne beve l’essenza.

Nel silenzio notturno si sfrangiano le attese e le stelle in discesa aprono un varco alla luce.

L’aver respirato la morte dà all’artista pellegrino, la consapevolezza che, calarsi nel fango dell’orrore e dell’errore, è verità: il mondo è varietà e l’ibrido che ci sta di fronte rimanda al negativo che sta dentro di noi.

 

Un trasalir di vento con sapore d’Ignoto sveglia l’uomo.

Lungo la spirale del cammino s’è dilatata la mente, rotte le spire del letargo.

Non più sgomento. L’arcano, intessuto con i fili sottili dell’argentea luna, l’avviluppa.

Sa bene di non essere vate né voce messianica di salvezza, ma egli – come il poeta – vuole andare sempre alla ricerca della verità contro l’appiattimento delle menti.

 

Si riveste di senso il suo pellegrinare.

 

Riprende il suo “andare”. Altrove si volge e dove incontra brune macchie, ostacoli o pericolosi scogli, basta che l’occhio s’alzi verso l’Alto e cambi rotta.

Nuovo vigore affiora dal suo profondo, in serbo le fuggitive impronte di magie vagabonde per la conta dei giorni e delle notti, per sedare il tumulto della luce infranta.

 

Si riveste di senso il suo pellegrinare.

 

Giuseppina Rando

 

 

 

Immagine:

Paul Gauguin, Da dove veniamo? Che siamo? Dove andiamo?

olio su tela 139 x 374,5 cm, 1897 (Museum of Fine Arts, Boston)


Articoli correlati

  Giuseppina Rando. Le belle parole
  Giuseppina Rando. Sulla noia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Controvento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Se il presente colorando...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Albero stecchito...
  Vetrina/ Parvenze. Giuseppina Rando con Gianluca Moiser
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste il corpo alla ferita...
  In libreria/ Pina Rando. Attesa
  In libreria/ Giuseppina Rando. L’altra letteratura contemporanea siciliana di Carmelo Aliberti
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A sera
  Vetrina/ Pina Rando. Il volto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Dilata la giostra...
  Vetrina/ Pina Rando. ingiustizia dei giusti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Gli anni bianchi
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  Giuseppina Rando. Empatia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il gioco dei dadi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fluidoandare
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mutazione
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non sapeva il bambino dagli occhi neri...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Leggera l’ombra...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Stelle marine
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Corpo e mente afflizione...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vaga sui tetti...
  In libreria/ Pina Rando. Verità
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Adesso abiti dove...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Follia di sole
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La realtà è inganno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Pina Rando. A Patrizia
  Piera Isgrò. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tempo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce altra
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Variazione in gioco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce blu
  L’almanaccone impertinente. Tellus 34-38
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “Pudore” di Angelo Andreotti
  Vetrina/ Pina Rando. Esistenza che s’attarda...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sull’isola del silenzio (con Patrizia Garofalo)
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come l’erica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In processione...
  Giuseppina Rando. Rifrangenze
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Bianca salmodia del silenzio
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste al disincanto...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ofelia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trasparenze
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Némesis
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Al poeta Ashraf Fayadh*
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non abita il tempo...
  Giuseppina Rando. Era un angelo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del buio della terra...
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “A un passo” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte basta un soffio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Occhi aperti non videro
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’apre il sipario...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Consummatum est
  Vetrina/ Giuseppina Rando, Ada Negri. Riflessioni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Due poesie di stagione
  Vetrina/ Giuseppina Rando (Due inedite poesie)
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La deriva
  Giuseppina Rando. La paura
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. L'angelo della sera
  Patrizia Garofalo. Dei Bioccoli di Giuseppina Rando
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tetra luce...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non odo più parole
  Giuseppina Rando. Un clone
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Altalena di giorni...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  Giuseppina Rando. Voci di mare
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A Mario Luzi
  Giuseppina Rando. Un alito metafisico
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oltre la pietra la voce
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel labirinto di parole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. All’alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. la mia alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Verso l'ignoto
  Pina Rando. Distacco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Odore d’abisso...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fuoco spento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Allo scoccare dell’ora...
  Giuseppina Rando. Misura
  Giuseppina Rando. L’America dei miracoli
  Premi e concorsi/ Giuseppina Rando. Vuoto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. E quel che è peggio
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Piccola silloge senza dedica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In basso continuo
  Vetrina/ Pina Rando. Di te
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  Vetrina/ Pina Rando. Nella nebbia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. l’ordine dell’esistere.
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte – al gelo...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oro filato
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Immane tu
  Patrizia Garofalo. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Spigolature/ Giuseppina Rando. Solitudine o isolamento?
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mormora il vento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Incompiuta
  Vetrina/ I maledetti. Giuseppina Rando con Patrizia Garofalo
  In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nella notte sempre più notte...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy