Martedì , 16 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Voci di mare
(fotografia di Elisabetta Andreoli)
(fotografia di Elisabetta Andreoli) 
24 Aprile 2014
 

Un tempo pauroso maniero, affidato a guardiani feroci, è ora un cumulo di rovine, una stamberga, dimora di un ragazzo alto e stecchito, ma pieno di forze, di coraggio e d’intelletto.

Tra quelle mura cadenti, un ammasso di pietre, qualche sedia sbilenca e una cassapanca raccattata, Antonio ha sistemato il proprio giaciglio, il nido che lo accoglie e gli dà ristoro dopo la fatica delle notti trascorse sulle barche a pescare.

Cullato dal mormorio delle onde, nella bonaccia, o stordito dal fragore dei marosi sulle rocce, nelle tempeste, il ragazzo trova sempre la via dei sogni che sciolgono il gelo del suo cuore.

Attorno e più in giù altre baracche di pescatori, dietro una cintura di monti dai colori variegati come il mare, che muta d’abito ad ogni passaggio di nuvole in cielo.

Un sentiero, simile ad una lunga serpe pietrificata, conduce dal maniero alla riva, all’ampia cala ove stanno attraccati le barche e i pescherecci. Su per quel sentiero e lungo la bianca spiaggia fluisce silenziosa la vita di Antonio e quella del migliore, anzi, unico amico Andrea, mozzo anche lui, nel grande peschereccio del padrone.

Conoscono palmo a palmo i villaggi vicini e il centro cittadino lussuoso, fiero e smagliante, ma ai loro occhi, quel luogo appare meschino: non conoscono né capiscono i ragazzi che abitano nelle lussuose dimore del centro… il fulgore, l’arcano del mare.

Vanno ovunque le loro gambe giovani, anche nel buio, nelle radure dei monti. Non hanno paura, sanno che la vita umana è una corsa contro l’oscurità del mistero, contro la crudeltà, l’ingiustizia, l’ipocrisia, una gara disperata che tenacemente affrontano perché è viva la speranza.

Il padrone e gli anziani del villaggio marino regolano le loro giornate, ma la bellezza del mare e dei monti regna sui loro pensieri.

Il mare è il loro destino. Odiano e amano il mare. Niente è più bello del mare nelle giornate e nelle notti serene, quando anche lui sogna abbracciato alla luna, niente è più detestabile quando le onde, come le braccia di un mostro infuriato, investono le piccole imbarcazioni, inghiottono vite umane.

Mugghia la perversità e il male, il mare in tempesta, quando gli uomini non possono spostarsi da una baracca all’altra e scompare il cielo, l’orizzonte, il tempo stesso.

Il pesce allora sta al sicuro dalla minaccia degli uomini, nei calmi abissi dove non penetrano le intemperie e gli unici uomini che si vedono sono gli annegati.

Antonio e Andrea hanno impresso nella mente il loro ultimo saluto, quelle braccia agitate nell’aria e poi più nulla.

Narrano le onde che gli annegati riposano felici nei fondali, tra oro e tanti preziosi inutili, narrano che nel buio delle notti tranquille, è la voce del mare dagli abissi, ad accendere le stelle del cielo.

 

Antonio e Andrea, seduti sulla panchina di pietra, ciascuno nel proprio cumulo di pensieri, ascoltano le voci del mare che da sempre li attende.

Andrea pensa ai remi, ripassa mentalmente tutto il lavoro del giorno prima, prevede quello del domani e si smarrisce nel folto labirinto dei pensieri.

Antonio riascolta placato la storia narrata dalle onde, la stessa narrata dalla madre prima che morisse: è la storia della luna, dell’universo, delle stelle.

Sapeva molte cose sua madre, nonostante fosse vissuta da serva nella famiglia del ricco proprietario di barche; era stata anche punita per la sua sete di sapere, ma aveva imparato a leggere lo stesso ascoltando, appiattata, dietro la finestra della scuola del villaggio. Poi aveva letto tutto quello che le capitava tra le mani, di nascosto, nella casa del padrone.

Morì, prima ancora che potesse insegnare a leggere al figlio. A lui ha insegnato a leggere il mare

Il mare gli ha insegnato a leggere il mondo. Il mare è stato il suo maestro.

Il padre naturale – gli hanno raccontato – è morto annegato durante una tempesta e così l’ha immaginato felice, negli abissi marini.

I due ragazzi si cercano con lo sguardo l’uno conosce i pensieri dell’altro. Si tengono per mano.

È bello stare soli nelle notte, si diventa tutt’uno con la quiete che diventerà cosmica solitudine.

Riecheggiano musiche nel silenzio: l’anima cerca di captare l’essenza dell’energia che scorre nelle loro vene, la stessa che sulla barca, durante il mare in tempesta, fa loro gridare: è bello esistere!

È l’energia vitale delle loro coscienze, della loro vita.

L’energia vitale è ovunque, nel mare, sui monti, in cielo; è l’elemento costante di ogni essere e la sostanza fondamentale dell’universo.

È la bellezza dell’Universo,la bellezza allo stato puro… è la potenza insormontabile… – canta il mare.

Andrea lo sa, l’ha letto in uno dei tanti libri che si trovano nella sua casetta, ormai squallida, lassù in paese, dove adesso va soltanto a dormire, dopo che la madre è andata via per seguire il suo compagno, lontano. Del padre, Andrea non sa, non l’ha conosciuto e nessuno mai gli ha parlato di lui né in paese né giù alla marina.

Per chi erano quei libri che adesso lui legge e a che cosa sono serviti? Si chiede spesso Andrea.

“…i libri dovrebbero rendere gli uomini migliori…” pensa il ragazzo “ma non sempre è così”.

Nel borgo vivono poco più di quattrocento pescatori, ma differenti i pensieri e molti i sogni che s’inseguono nelle loro anime.

Una moltitudine di avvenimenti d’eroismo e di vigliaccheria, di tradimenti e fedeltà, momenti belli e brutti s’intrecciano nello scorrer della vita degli uomini che vivono di mare e per il mare. Molti vivono inosservati, rimangono appesi alla propria vita senza muovere niente, il tempo li trasforma giorno dopo giorno ed ecco che arriva la morte; vengono sepolti, dimenticati.

Altri esseri rimangono al mondo poco più di una giornata, ma nessuna vita è vana, nessuna vita senza scopo. Andrea ha sempre desiderato di vivere intensamente.

Sogno divenuto realtà una notte di abituale pesca, quando salva Marco un bambino di dieci anni dalle braccia della morte.

Il piccolo si trovava sul barcone dello zio per assistere alla cattura di pesci.

Il mare calmo e l’orizzonte sereno non facevano certo prevedere quella improvvisa bufera di tramontana omicida. In breve le onde, increspandosi divengono gigantesche e incominciano ad assalire l’imbarcazione da tutte le parti, l’equipaggio, come in questi casi, si attiva subito per la difesa dell’imbarcazione: nel rumore assordante delle onde le voci umane si annullano e nel caos nessuno s’è accorto dell’assenza del piccolo Marco, ma quando lo zio lo chiama ripetutamente e il ragazzino non risponde, Andrea non ci pensa due volte, si lancia tra i marosi e scompare nel buio. Tutti temono anche per lui durante le interminabili ore di lotta contro il fortunale e la pioggia tra strepiti, lamenti e preghiere.

Antonio sta per tuffarsi in aiuto dell’amico, ma le braccia possenti di alcuni marinai lo fermano.

Non gli resta che piangere rannicchiato nella stiva, dove viene rinchiuso.

Alla fine Andrea, grazie al suo corpo magro e robusto, riesce a vincere la forza delle onde impetuose e a riportare sulla barca il bambino privo di sensi, ma in vita. È salvo.

 

Il giorno dopo il salvataggio Andrea dorme con Antonio sul giaciglio, nella stamberga all’antico maniero. Entrambi sono immersi nel sonno. Sognano la vita e sognano la morte, non sanno distinguere la realtà dal sogno, la vita dalla morte.

Quando poi il vento si placa e torna il sereno, a sera, scendono lungo il serpente di pietra alla marina, tutt’intorno è coperto di alghe.

È tornata la calma. Le piume degli angeli scendono a terra volteggiando, si adagiano sulla spiaggia come una coltre bianca.

Antonio e Andrea seduti sulla rena ascoltano le piccole onde che si rompono con lieve sciabordio, simile al battito del loro cuore che batte all’unisono.

È un seducente giaciglio il mare… là sognano, un giorno di riposare per sempre.

Antonio pensa al padre che riposa nei fondali, Andrea a tutti quelli che il mare ha voluto con sé.

Nel mare, che non ha mai pace, i due amici trovano pace.

Sarà il mare per sempre a raccogliere come un cielo capovolto, lacrime e sorrisi.

 

Giuseppina Rando

 

 

Giuseppina Rando è nata a Sant’Agata Militello (Messina). Poetessa, saggista, docente di Lingua e letteratura italiana. È presente in numerosi volumi di poesia, antologie e saggi. Tra le sue opere poetiche più recenti: Duplice veste, Immane tu, Figura e parola, Vibrazioni, Bioccoli. Tra i saggi: Profili di donne nel Vangelo, Chiara. Una voce dal silenzio, Le belle parole. Nel Segno (racconti) ha ricevuto il “Premio Letterario Città di Offida Joyce Lussu” (Sesta edizione).


Articoli correlati

  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel labirinto di parole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Bianca salmodia del silenzio
  Vetrina/ Pina Rando. Di te
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Se il presente colorando...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce altra
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nella notte sempre più notte...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A sera
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fluidoandare
  Vetrina/ Pina Rando. Nella nebbia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. All’alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oltre la pietra la voce
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il gioco dei dadi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sull’isola del silenzio (con Patrizia Garofalo)
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
  Giuseppina Rando. Empatia
  Giuseppina Rando. Le belle parole
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Altalena di giorni...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vaga sui tetti...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  In libreria/ Giuseppina Rando. L’altra letteratura contemporanea siciliana di Carmelo Aliberti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Verso l'ignoto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del buio della terra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Stelle marine
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mutazione
  Vetrina/ Giuseppina Rando (Due inedite poesie)
  In libreria/ Pina Rando. Verità
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non abita il tempo...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Immane tu
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Adesso abiti dove...
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “Pudore” di Angelo Andreotti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non odo più parole
  Vetrina/ I maledetti. Giuseppina Rando con Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Pina Rando. Esistenza che s’attarda...
  Piera Isgrò. Le belle parole di Giuseppina Rando
  L’almanaccone impertinente. Tellus 34-38
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
  In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Gli anni bianchi
  Giuseppina Rando. Era un angelo
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “A un passo” di Angelo Andreotti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte – al gelo...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Invisibile quel fuoco...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte basta un soffio...
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Pina Rando. Il volto
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Giuseppina Rando. La paura
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Corpo e mente afflizione...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oro filato
  Vetrina/ Pina Rando. ingiustizia dei giusti
  Patrizia Garofalo. Dei Bioccoli di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tetra luce...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La realtà è inganno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In processione...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’apre il sipario...
  Pina Rando. A Patrizia
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Variazione in gioco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Occhi aperti non videro
  Giuseppina Rando. Un alito metafisico
  Giuseppina Rando. Rifrangenze
  Pina Rando. Distacco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Consummatum est
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Follia di sole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. E quel che è peggio
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Némesis
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Due poesie di stagione
  Giuseppina Rando. L’America dei miracoli
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A Mario Luzi
  Vetrina/ Giuseppina Rando. la mia alba
  In libreria/ Pina Rando. Attesa
  Premi e concorsi/ Giuseppina Rando. Vuoto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non sapeva il bambino dagli occhi neri...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Albero stecchito...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Allo scoccare dell’ora...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Piccola silloge senza dedica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Dilata la giostra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce blu
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. l’ordine dell’esistere.
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Odore d’abisso...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tempo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste il corpo alla ferita...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. L'angelo della sera
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste al disincanto...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In basso continuo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Al poeta Ashraf Fayadh*
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Leggera l’ombra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Controvento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fuoco spento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La deriva
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Incompiuta
  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Patrizia Garofalo. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  Spigolature/ Giuseppina Rando. Solitudine o isolamento?
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trasparenze
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  Giuseppina Rando. L’artista pellegrino
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Vetrina/ Giuseppina Rando, Ada Negri. Riflessioni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mormora il vento
  Giuseppina Rando. Un clone
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ofelia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come l’erica
  Vetrina/ Parvenze. Giuseppina Rando con Gianluca Moiser
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  Giuseppina Rando. Sulla noia
  Giuseppina Rando. Misura
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy