Sabato , 07 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Pina Rando. Attesa 
La corsa dei fuochi. Poesie per la musica di Ida Travi
19 Marzo 2015
 

...i lampi del giorno e lo scintillio delle stelle hanno il rigore dei concetti … il meditare dell’essere ha l’abbagliante impeto delle onde folgorate dal sole … il sapere ha un respiro e il vento che scuote gli alberi ha la forza di un’illuminazione interiore... (Antonio Prete)

 

 

Nella letteratura e nell’arte il sentimento dell’attesa, sempre intimamente legato al sentimento del tempo, viene coniugato dal poeta o dall’artista in rapporto alla propria sensibilità e cultura.

Tempo interiore – non cronologico, non oggettivo – è l’attesa.

Le emozioni che ne derivano si colgono nei versi che, come quelli della poetessa Ida Travi in La corsa dei fuochi. Poesie per la musica, si fanno frementi e vivi, non si dissolvono, fluiscono, hanno una meta. Sono testi poetici che, attraverso la lingua creativa e fantasiosa del “tempo primo”, s’inseriscono nel rapporto tra “oralità e scrittura” fondante la poetica dell’Autrice. Poesie scritte con l’intento di essere musicate, e in parte lo sono state.

Al lettore/ascoltatore, attento e sensibile, poesia e musica appaiono, soprattutto, come una sorta di universo dove ogni verso, ogni nota assumono la singolarità, la profondità dell’essere poeta, assieme a tutte le modulazioni musicali del pensiero: il pensiero che s’intreccia alla poesia e si esprime in canto.

Pensiero poetante ha definito Antonio Prete quello di Giacomo Leopardi, “pensiero che canta” si potrebbe definire la poesia di Ida Travi nella quale... i lampi del giorno e lo scintillio delle stelle hanno il rigore dei concetti … il meditare dell’essere ha l’abbagliante impeto delle onde folgorate dal sole … il sapere ha un respiro e il vento che scuote gli alberi ha la forza di un’illuminazione interiore... (Antonio Prete).

Sì perché è là,... nel buio di un luogo interiore... – scrive la Travi nella nota introduttiva – che... nasce la poesia. Nasce nel buio ma, sotto la spinta di un’energia totalizzante, si libra nell’estasi visionaria. È la forza che investe e anima la natura, gli uomini, le cose e scompagina l’ordine codificato: i fiori che bussano alla porta … l’onda che sale alla collina …

La riflessione poetica della Travi muove certamente da un luogo fisico che è quello natale, rappresentato soprattutto negli elementi del paesaggio della campagna lombarda, la cui natura potenzialmente idillica, viene frequentemente turbata da oscure presenze (... il verde è caduto dal petto in lacrime … tenete lontano l’esserino dalla terra impantanata, cullatelo più in alto …) che insinuano il disagio, negli uomini e nelle cose.

Uomini e cose sembrano muoversi nel vuoto, collocati in un tempo non-tempo, dove si affrancano dalla dimensione del reale per raggiungere consistenza nel persistere seducente del sogno. Il lettore, ascoltando le parole/canto della poetessa, si sente come avvolto da un’atmosfera argentea nella quale ogni luogo, ogni persona, ogni cosa assumono trasmutazioni cromatiche per dissolversi poi in struggenti dialoghi, in una lingua dalla preziosa orditura orfica: Madre, posso andare?... I fiumi se ne vanno … C’è un incensiere …

Con l’infanzia che torna (culla … tazza … cuscini bianchi...) nel doppio gioco della poesia/musica, che è anche visione e smarrimento, si può cogliere il messaggio di Ida Travi, un messaggio che mentre si colora di risonanze perturbanti, si profila anche come sogno profetico e sovrastorico, oltre la memoria del visibile, un messaggio che sa di attesa: … alla fonte la madre / aspetta, aspetta … nella casa il bambino aspetta, aspetta … aspetta il ramo, il ramo aspetta …

Un’attesa che potrebbe avere implicazioni metafisiche e, forse, anche religiose; ma… può anche essere solo l’attesa di chi si fa corpo nello sguardo rivolto verso il buio, dove si stratificano il timore, l’angoscia, la speranza. I significati dell’attesa, in realtà, si rincorrono e si allontanano inafferrabili ed enigmatici: per ritrovarli è necessario riflettere su se stessi, nel silenzio.

Dal silenzio ha origine la profondità della parola, e ciò che essa rappresenta diventa qualcosa di più del reale, diventa un mondo fatto di ricordi sedimentati, sepolti, selezionati: … il libro aperto lì, tra le ginocchia / non dirà mai l’oscurità del viso /... di lei che si allontana, mormorando appena … Tre o quattro pesci volanti / sfiorano le teste bambine, e sono uccelli …

Dal silenzio nasce la parola poetica dai sensi infiniti: diventa, nella voce della Travi, anche il canto nostalgico dell’anima.

I fuochi in corsa vorrebbero essere, quindi, un richiamo ai primordi del mondo, alle origini enigmatiche o alla luce perduta.

Il titolo, spiega l’Autrice, rimanda alla scena d’apertura dell’Orestea di Eschilo e sono quei fuochi che, uno dopo l’altro, si accendono sui monti per annunciare che Troia è caduta. Torna Agamennone. Ma chi darà la notizia alla regina?

A chi sa io parlo volentieri, a chi non sa io taccio dice la sentinella. Silenzio o parola? Solo Poesia: perché è dal silenzio che nasce la parola e dal silenzio si genera la poesia catartica.

A chi non sa io taccio … Non c’è comunicazione senza silenzio. Nei momenti più solenni della vita comunichiamo solo attraverso il silenzio. La parola disturba: taci!

Silenzio, parola, musica e canto sono annodati tra loro dal filo d’oro del Pensiero, del meditare, sono i momenti più alti e più pieni della nostra vita spirituale, sembra dirci Ida Travi, i più consolanti, anche se i più tormentati.

Un’opera, La corsa dei fuochi, altamente sinestetica, ma significativa sul piano poetico e artistico: un frammento dopo l’altro di suggestiva poesia, come tessere del mistero assoluto che ci circonda, introducono in un tempo sospeso, il tempo del sonno e del sogno, della discesa nell’inconscio. Un viaggio in un mondo struggente dove la poetessa, trasfigurando la natura stessa, diventa voce poetante/cantante di un inconscio individuale e collettivo nel quale stanno depositati i nuclei delle verità prime del nostro esistere.

 

Pina Rando

 

 

Ida Travi, La corsa dei fuochi. Poesie per la musica

Moretti&Vitali, Bergamo 2007, pp. 120, € 18,00

(Volume con CD Audio. Voce recitante: Ida Travi. Voce cantante: Patrizia Simone)

 

 

»» Ascoltate "I grilli", brano tratto da La corsa dei fuochi,
musica di Andrea Mannucci e voce di Patrizia Simone (da Youtube)

 

 


Articoli correlati

  Ida Travi. Diotima a Verona, 19-23 giugno
  Flavio Ermini. L’esperienza poetica del pensiero
  Nella povertà della parola, intervista a Ida Travi
  Ida Travi: "la terra è inferocita". Note di regia
  Eventi/ G37 il Summit mondiale della Poesia per affermare il potere della conoscenza
  Riviste/ Anterem 82. La responsabilità della parola poetica
  Biennale Anterem di Poesia. Motivazioni e finalità.
  Giuseppina Rando. Dialogo e ‘punti di vista’
  Ida Travi: Neo/Alcesti. Manifesto per un Teatro Poetico.
  In libreria/ Pina Rando. Verità
  Vetrina/ Giuseppina Rando. L'angelo della sera
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Variazione in gioco
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Gli anni bianchi
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La deriva
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come l’erica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Voci
  Vetrina/ Giuseppina Rando. l’ordine dell’esistere.
  Spigolature/ Giuseppina Rando. Solitudine o isolamento?
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Due poesie di stagione
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Consummatum est
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non abita il tempo...
  Giuseppina Rando. Misura
  Giuseppina Rando. Empatia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Némesis
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tempo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce altra
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non odo più parole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte – al gelo...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Luce blu
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Leggera l’ombra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In basso continuo
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tetra luce...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte basta un soffio...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Dilata la giostra...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. In processione...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Se il presente colorando...
  In libreria/ Giuseppina Rando. L’altra letteratura contemporanea siciliana di Carmelo Aliberti
  Vetrina/ Giuseppina Rando, Ada Negri. Riflessioni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Al poeta Ashraf Fayadh*
  Patrizia Garofalo. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’apre il sipario...
  Giuseppina Rando. Sulla noia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Controvento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ogni istante si muore...
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “Pudore” di Angelo Andreotti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  Vetrina/ I maledetti. Giuseppina Rando con Patrizia Garofalo
  Vetrina/ Pina Rando. Il volto
  Vetrina/ Pina Rando. Esistenza che s’attarda...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nella notte sempre più notte...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non cessa la vendetta
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ofelia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vaga sui tetti...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  Giuseppina Rando. Era un angelo
  Pina Rando. A Patrizia
  Giuseppina Rando. Un clone
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A sera
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Allo scoccare dell’ora...
  Piera Isgrò. Le belle parole di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nel labirinto di parole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Immane tu
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste il corpo alla ferita...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oro filato
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non sapeva il bambino dagli occhi neri...
  Vetrina/ Pina Rando. Nella nebbia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Corpo e mente afflizione...
  Patrizia Garofalo. Dei Bioccoli di Giuseppina Rando
  Premi e concorsi/ Giuseppina Rando. Vuoto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. la mia alba
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mormora il vento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del buio della terra...
  Giuseppina Rando. Sensibilità e delicatezza
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Odore d’abisso...
  Giuseppina Rando. La paura
  Vetrina/ Giuseppina Rando. La realtà è inganno
  Giuseppina Rando: Nota a margine su “A un passo” di Angelo Andreotti
  L’almanaccone impertinente. Tellus 34-38
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste al disincanto...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  Giuseppina Rando. Un alito metafisico
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Pina Rando. Distacco
  Vetrina/ Giuseppina Rando (Due inedite poesie)
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Oltre la pietra la voce
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Incompiuta
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il gioco dei dadi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fluidoandare
  Vetrina/ Pina Rando. Di te
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Piccola silloge senza dedica
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A Mario Luzi
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Fuoco spento
  “Bioccoli” di Giuseppina Rando in Limina di Anterem Edizioni
  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Giuseppina Rando. Voci di mare
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Adesso abiti dove...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. E quel che è peggio
  In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Giuseppina Rando. L’America dei miracoli
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mutazione
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  Vetrina/ Parvenze. Giuseppina Rando con Gianluca Moiser
  Giuseppina Rando. Rifrangenze
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Bianca salmodia del silenzio
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  Giuseppina Rando. L’artista pellegrino
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Verso l'ignoto
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sull’isola del silenzio (con Patrizia Garofalo)
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trasparenze
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Occhi aperti non videro
  Giuseppina Rando. Le belle parole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Follia di sole
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Altalena di giorni...
  Vetrina/ Pina Rando. ingiustizia dei giusti
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Stelle marine
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Eterna sinfonia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Invisibile quel fuoco...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Albero stecchito...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. All’alba
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy