Lunedì , 13 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Covid 19: “lectio magistralis”
22 Maggio 2020
 

Non dalle aule accademiche, non dalla voce altisonante di un cattedratico, ma dall’oscuro abisso della misteriosa natura, ancora una volta giunge una lectio magistralis, ma così semplice che, abituati alle dotte prolusioni, forse …non la si valuta.

È la lezione del microscopico Virus “coronato” di fronte al quale la scienza continua a mostrarsi inefficace.

I virologi continuano ad essere vaghi e a volte discordi nella lettura della attuale pandemia, nella definizione e nelle previsioni.

Manifesto segno di lacunosa, quasi inesistente conoscenza.

Dalla natura, invece, ancora una volta ci proviene una lezione di umiltà e un invito a riflettere sui limiti umani, non solo scientifici, ma anche mentali.

Il pensiero corre a “La ginestra” del nostro Leopardi, ove si evoca la potenza della natura e la miseria e debolezza umana.

Quando e di notte, seduti sulle rovine e sulle lande deserte del monte, guardiamo la volta stellata, appare chiara la piccolezza della creatura umana e della terra stessa:

...questo oscuro

granel di sabbia, il qual di terra ha nome.

È soltanto un minuscolo pulviscolo di una delle infinite galassie dell’universo, così piccolo e marginale che, per la visione del Poeta, è assolutamente impossibile dare un qualche significato alla stessa vita umana. La quale, d’altra parte, sul pianeta terra, ha una analoga posizione di trascurabilità e marginalità: basta un maremoto, un terremoto, una eruzione vulcanica, un virus (un fiato/ d’aura maligna) per rendersi conto che l’uomo può sì violentare e sfruttare la natura, ma a questa basta poco per prendersi inevitabili rivincite.

A nessuno può sfuggire quella percezione di precarietà che oggi è messa in evidenza dalla rapida diffusione del contagio. Eppure l’uomo, troppo sicuro di sé, sembra non rendersene conto e continua a giocare a “fare l’onnipotente”… con gli occhi bendati.

Cecità a livello sociale, politico, finanziario, culturale e commerciale: ci si sente padroni della vita.

E poi padroni della nascita, padroni della morte, padroni della verità, padroni dell’educazione dell’umano.

Ma una vicenda come quella del coronavirus – per il modo in cui mette in rapporto la piccolezza del virus e la grandezza della nostra presunzione – permette di riflettere quasi di schianto sulla reale (in)consistenza di alcune visioni. Anche a livello strettamente politico. Da un lato il modello dell’uomo globale, disegnato dal pensiero dominante, che proprio mentre pretende di mettere in connessione tutto, il bene come il male, dimentica il valore autentico della persona umana, con la sua unicità storica, culturale e morale, come pure con la sua fragilità. E da un altro lato anche il modello dell’uomo sovrano che, nel nome di una sua presunta autosufficienza, predica e difende l’isolamento, trovandosi poi rapidamente in crisi di fronte a emergenze simili a quella attuale, che vanno ben aldilà di un problema nazionale.

Recita il salmista :

Come l'erba sono i giorni dell'uomo, come il fiore del campo…

Lo investe il vento e più non esiste e il suo posto non lo riconosce (Salmo 112, 15).

Siamo tutti fiori di campo, al mattino belli e vigorosi, a sera già appassiti.

Rileggere questi versi oggi, in tempo di pandemia da coronavirus, dà la misura della nostra piccolezza e vulnerabilità.

Una vulnerabilità fisica e morale che genera angoscia e solitudine forse mai sperimentate così.

Forse dovremmo riscopriamoci capaci di dare reale valore all’amore, quello possibile ogni giorno: alle azioni, alle parole, ai sorrisi e alle lacrime dell’amore.

Perché questa è la nostra natura più profonda, di essere stati creati per vedere l’altro, per fargli posto accanto, per camminare insieme.

Per amare ed essere amati.

 

Giuseppina Rando


Articoli correlati

  Mellana. Stretti tra scienza a superstizione
  CIA Manzoni. La lezione si fa alla radio
  Michele Tarabini. Retoriche banalità
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Maria Lanciotti. In quarantena con l’istrice
  La maestra Mara e le sue storie per i bambini
  Enrico Bernardini: Enoturismo. Esempi di buone pratiche ai tempi del coronavirus
  Lombardia. Continua la quarantena del Consiglio Regionale
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune considerazioni geo-sociali. (I parte)
  “I sopravvisuti”
  Mellana. Un settore ancora trainante
  Oltre le indicazioni
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune con­si­de­ra­zio­ni geo­eco­no­mico-sociali. (II parte)
  Renato Ciaponi. Un grazie sentito ai negozi di vicinato
  Mellana. Tutto andrà benissimo
  Sergio Caivano. Maledetto coronavirus covid 19
  Roberto Malini. Il coronavirus somiglia all’influenza di Hong Kong del 1968
  Mellana. Lo sballo in maschera
  La scuola a prova di coronavirus
  Enrico Bernardini. Turismo in Italia: alcuni riflessioni a seguito dell’emergenza Covid-19
  Roberto Malini. Ansia da pandemia
  «Gli uccelli» di Hitchcock, il progresso che implode e le logiche del virus
  Coronavirus: predisponete un piano per proteggere le persone anziane più indigenti
  Sandra Chistolini. Il Coronavirus visto dai bambini della scuola dell’infanzia all’aperto
  Vincenzo Donvito. Il populismo sanitario
  Mellana. Una mano lava le altre
  Sopra la maschera investo me stessa
  Mellana. La negatività che ci piace
  Emmanuela Bertucci. Coronavirus: Quando il diritto alla salute diventa dovere di salute
  Paola Mara De Maestri. Corona Virus
  Mellana. Ad ognuno come le pare
  Mellana. Il monumento all’eroe sconosciuto
  Agustín. Le cose più importanti
  Agustín. Ponzio Pilato
  Coronavirus oltre i numeri
  Michele Tarabini. Vivere o tirare a campare?
  Carlo Forin. Primavera 2020
  Linda Pasta. Inquinamento atmosferico e diffusione del virus
  Nel tempo angusto e oscuro del Coronavirus
  Mellana. Altro che resurrezione...
  Linda Pasta. Covid-19: “Mission possible: limitare il contagio”
  C. Ruscigno, G. Monti. Covid-19, una risposta europea
  Mellana. Diogene
  Roberta De Horatis. Hic et nunc
  Rosella Reali. I nostri eroi quotidiani
  Laboratori virologici e ricerca nucleare: è necessario che operino alla luce del sole
  Michele Usuelli. Regione Lombardia: Consiglio in auto-quarantena
  La sanità divisa nell’Europa unita
  Giulia Crivellini. Dividersi in tifoserie persino su un virus?
  Vita da cani. #PossoPor­ta­re­il­Ca­ne­Fuori
  Vetrina/ Michele Tarabini. In un incubo
  Mellana. Quel che è fatto è reso
  Carlo Forin. Distanziamento
  Stati Uniti d'Europa. Coronavirus: prima gli italiani?
  Vetrina/ Giuseppina Rando. parvenze di giorni
  Giuseppina Rando. Sulla statua di Indro Montanelli
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Il silenzio della fine...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Vertigine mortale
  Giuseppina Rando. I dipinti di David
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Trovino rifugio le lacrime
  Vetrina. Giuseppina Rando. Geografie dell’io
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy