Sabato , 28 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta: da La Môme a La vie en rose. Una lezione di cinema e di vita.
Locandina del film
Locandina del film 
29 Maggio 2007
 

Il cinema è tra i linguaggi della comunicazione uno dei più efficaci per immediatezza espressiva e capacità di coinvolgimento. Nella diversità dei suoi generi, può soddisfare ogni aspettativa d’informazione sia storico-culturale che politico-sociale e diventare un efficace strumento educativo, finalizzato alla formazione...

 

Un’opera d’Arte si definisce tale se riesce a coinvolgere l’utente e a suscitare passioni ed emozioni.

In tal senso il film La vie en rose assolve pienamente questo compito e guida lo spettatore per 140 minuti tra situazioni che si compongono e si snodano con un gioco di elementi, magistralmente combinati. Il film è una lezione di vita e di cinema: non solo la biografia di Edith Piaf, ma una riflessione sul senso della vita, in un rapporto costante tra ciò che si è e ciò che si vorrebbe essere; tra una gioia immensa, ma momentanea, e un dolore infinito per ciò che si vorrebbe e ciò che ci è negato.

Il regista, Olivier Dahan, inizia il racconto della vita di Edith Piaf con toni narrativi che non sfiorano mai il patetico, pur toccando le sfere più intime dello spettatore, che assiste alla crescita di una vita simbolo di tante storie che si conglobano in quella della piccola Edith.

Sembra Cosette de I miserabili di Victor Hugo, quella bimba che si aggira per le vie di Parigi e nulla potrebbe contraddire la sensazione se non la contingenza del tempo storico e delle situazioni; quella bimba che vive dalle fasce tutte le avversità della vita: vestita miseramente, abbandonata dalla mamma e lasciata dal padre in un bordello, conoscerà solo privazioni e affetti occasionali; apparentemente fragile, però dimostra fin da piccola un carattere forte e volitivo.

La voce è l’unico tesoro che possiede e ne fa mostra, quando, costretta dal padre a esibirsi, canta per strada La Marsigliese. La sua voce è un canto forte e melodioso, che, apprezzato dagli intenditori, la porterà a calcare i migliori teatri. Arrivano il successo, gli affetti e l’amore: il “Passerotto” che traduceva così il suo nome diventa un “Usignolo” che canta al mondo la sua prospettiva di vita; è il 1946 e Edith, felice, scrive le parole de La vie en rose:

due occhi che fanno abbassare i miei/ Un sorriso che si perde sulla sua bocca/ Ecco il ritratto senza ritocchi/ Dell'uomo a cui appartengo/ Quando mi prende tra le sue braccia/ Mi parla piano/ Io vedo la vita in rosa/ Lui mi dice parole d'amore/ Le parole di tutti i giorni/ E in me questo provoca qualcosa/ Lui è entrato nel mio cuore/ Una parte di felicità/ Di cui conosco la causa/ Lui è per me e io per lui/ Nella vita/ Lui me l'ha detto, l'ha giurato, per la vita/ E da quando me ne sono accorta/ Allora io sento in me/ Il mio cuore che batte/ Notti d'amore a non finire/ Una grande felicità prende il suo posto/ I fastidi, i dispiaceri si cancellano/ Felice, felice da morire

Il 1948 è per lei un momento magico: incontra Marcel Cerdan, l’amore della sua vita e la sua prospettiva futura diventa realtà:

no! Niente di niente/ no! non rimpiango niente/ è pagato, spazzato, dimenticato/ Io mi stacco dal passato/ con i miei ricordi/ io ho acceso il fuoco/ i miei dispiaceri, i miei piaceri/ io non ne ho più bisogno/ spazzati gli amori/ e tutti i loro tremoli/ spazzati per sempre/ io riparto da zero.../ no! niente di niente…/ no! io non rimpiango niente... /né il bene che mi hanno fatto/ né il male, tutto ciò per me è uguale...!/ no! niente di niente.../ no io non rimpiango niente.../ perché la mia vita, perché le mie gioie/ oggi, tutto ciò comincia con te!

Ma un destino ineluttabile intesse fitte trame che imprigionano e soffocano i suoi sogni: Marcel muore e la sua morte stronca per sempre la vita di Edith che precipita in un baratro da cui non risalirà; chiusa in un dolore incomparabile, avvolta da una solitudine immensa, rivive in immagini oniriche il suo passato.

La regia, priva di eccessi drammatici, ma fortemente espressivi, guida lo spettatore verso la fine, chiudendolo in una visione delle cose tra il surreale e il metafisico: il volto di Edith, trasformato dal -suo male di vivere-, ricorda i personaggi di Théodore Géricault; un silenzio assordante avvolge le urla soffocate di Edith per la morte di Marcel nell’impotenza degli astanti; gli occhi di lei morente, in quel letto, sproporzionato alle sue fattezze, ripercorrono la sua breve vita e rivivono, in un lirismo intriso di una malinconia struggente, i fantasmi del passato dove l’immagine della bambola tanto desiderata, diventa simbolo di un’infanzia rubata e di una vita negata: a che il successo? A che l’amore? A che lottare? Sembrano dire i suoi occhi! L’ingiustizia della vita spegne ogni speranza.

Il regista compie un lavoro magistrale nel cogliere pensieri, reazioni e sentimenti, affidandone il ruolo alla sublime interpretazione di Marion Cotillard: non ci sono confini tra realtà e finzione, tra Edith e la sua interprete, tra teatro e vita, tra cinema e realtà.

Una storia quella di Edith, che riflette altre storie e altri pensieri: –A me la vita è male– dirà Leopardi nel Canto notturno, –Spesso il male di vivere ho incontrato– reciterà Montale, –vinta la Speranza piange– scriverà Charles Baudelaire nella lirica Spleen:

Quando il cielo basso e greve pesa come un coperchio sullo spirito che geme in preda a lunghi affanni, e versa, abbracciando l'intero giro dell'orizzonte, un giorno nero più triste della notte;

quando la terra è trasformata in umida prigione dove la Speranza, come un pipistrello, va sbattendo contro i muri la sua timida ala e picchiando la testa sui soffitti marci;

quando la pioggia, distendendo le sue immense strisce, imita le sbarre d'un grande carcere, e un popolo muto d'infami ragni tende le sue reti in fondo ai nostri cervelli, improvvisamente delle campane sbattono con furia e lanciano verso il cielo un urlo orrendo, simili a spiriti vaganti e senza patria, che si mettono a gemere ostinatamente.

E lunghi trasporti funebri, senza tamburi né bande, sfilano lentamente nella mia anima; vinta, la Speranza piange; e l'atroce Angoscia, dispotica, pianta sul mio cranio chinato il suo nero vessillo.

Ogni linguaggio della comunicazione, e tra questi il cinema, può narrare la vita ed esplicitarne il senso, sta all’individuo scoprirne l’essenza.

Edith, da piccola e da grande, affronta la vita a muso duro e ci regala un esempio di coraggio e di dignità.

In Edith il canto e la vita vivono un rapporto d’identità e di reciprocità e il suo ritorno, alla fine, in teatro è per lei un ritorno alla vita per dare a se stessa e a noi un messaggio – Non, Rien De Rien, Non, Je Ne Regrette Rien – di un domani di speranza.

 

La vie en rose

Des yeux qui font baisser les miens

Un rire qui se perd sur sa bouche

Voilà le portrait sans retouche

De l'homme auquel j'appartiens

{Refrain:}

Quand il me prend dans ses bras,

 Il me parle tout bas
Je vois la vie en rose,

 Il me dit des mots d'amour
Des mots de tous les jours,

Et ça me fait quelque chose
Il est entré dans mon cœur,

Une part de bonheur
Dont je connais la cause,

C'est lui pour moi,
Moi pour lui dans la vie

Il me l'a dit, l'a juré
Pour la vie.

Et dès que je l'aperçois
Alors je sens en moi

Mon cœur qui bat.

Des nuits d'amour à plus finir

Un grand bonheur qui prend sa place
Des ennuis, des chagrins s'effacent
Heureux, heureux à en mourir

{au Refrain}

{Nota: variante pour le dernier couplet:}

Des nuits d'amour à en mourir
Un grand bonheur qui prend sa place
Les ennuis, les chagrins s'effacent
Heureux, heureux pour mon plaisir

 

Je ne regrette rien

Non, Rien De Rien, Non, Je Ne Regrette Rien
Ni Le Bien Qu`on M`a Fait, Ni Le Mal
Tout Ca M`est Bien Egal
Non, Rien De Rien, Non, Je Ne Regrette Rien
C`est Paye, Balaye, Oublie, Je Me Fous Du Passe

Avec Mes Souvenirs J`ai Allume Le Feu
Mes Shagrins, Mes Plaisirs,
Je N`ai Plus Besoin D`eux
Balaye Les Amours Avec Leurs Tremolos
Balaye Pour Toujours
Je Reparas A Zero

Non, Rien De Rien, Non, Je Ne Regrette Rien
Ni Le Bien Qu`on M`a Fait, Ni Le Mal
Tout Ca M`est Bien Egal
Non, Rien De Rien, Non, Je Ne Regrette Rien
Car Ma Vie, Car Me Joies
Aujourd`hui Ca Commence Avec Toi

 

Spleen

Quand le ciel bas et lourd pèse comme un couvercle
Sur l'esprit gémissant en proie aux longs ennuis,
Et que de l'horizon embrassant tout le cercle
Il nous verse un jour noir plus triste que les nuits;

Quand la terre est changée en un cachot humide,
Où l'Espérance, comme une chauve-souris,
S'en va battant les murs de son aile timide
Et se cognant la tête à des plafonds pourris;

Quand la pluie étalant ses immenses traînées
D'une vaste prison imite les barreaux,
Et qu'un peuple muet d'infâmes araignées
Vient tendre ses filets au fond de nos cerveaux,

Des cloches tout à coup sautent avec furie
Et lancent vers le ciel un affreux hurlement,
Ainsi que des esprits errants et sans patrie
Qui se mettent à geindre opiniâtrément.

- Et de longs corbillards, sans tambours ni musique,
Défilent lentement dans mon âme; l'Espoir,
Vaincu, pleure, et l'Angoisse atroce, despotique,
Sur mon crâne incliné plante son drapeau noir.

 

 

Note biografiche

Edith Giovanna Gassino, in arte Edth Piaf nasce a Parigi il 19 dicembre 1915 e muore l’11 ottobre 1963.

Di aspetto fragile e spaurito, possedeva un carattere forte e brusco e una voce possente.

Grande interprete del filone realista (chanteuse réaliste), incantò le folle tra gli anni ’30 e ’60 e con le sue canzoni anticipò il senso d’inquietudine tipico di alcuni intellettuali del tempo come: Juliette Greco, Roger Vadim, Boris Vian, Albert Camus e altri.

Sullo sfondo di un'epoca irripetibile della canzone francese, sfilarono, intorno a lei nomi noti, Yves Montand, Charles Aznavour, Maurice Chevalier, Jean Cocteau, Gilbert Bécaud, Leo Ferré, George Moustaki e negli Stati Uniti: Marlene Dietrich, Charles Boyer e Orson Welles.

Non si sa quanto abbia guadagnato, ma non la si vide mai sfoggiare ricchezza; la sua casa e i suoi camerini erano frequentati da diversi uomini che contribuirà a lanciare come artisti nel mondo della canzone francese e mondiale. Alcuni nomi: Gilbert Bécaud, Charles Aznavour, Leo Ferré, Eddie Constantine; Georges Moustaki scriverà per lei la musica della famosa canzone Milord, Charles Aznavour Jezebel.

Vantò un entourage di amici fedeli (tra tutti Louis Barrier - l'attore Pascal Greggory), che la compresero e ne sopportarono le intemperanze caratteriali.

 

 

Informazioni sul film

Titolo: La Vie en rose
Titolo Originale: La Môme
Genere: Musicale
Anno: 2007
Nazione: Francia
Casa Distribuzione: Mikado
Durata: 140 minuti
Data uscita: 04-05-2007
Sito ufficiale:
tfmdistribut...om/lamome
Sceneggiatura:
Isabelle Sobelman, Olivier Dahan
Regista:
Olivier Dahan
Interpreti:
Pascal Greggory, Jean-Paul Rouve, Emmanuelle Seigner, Clotilde Courau, Catherine Allégret, Sylvie Testud, Jean-Pierre Martins, Marion Cotillard, Gérard Depardieu, Marc Barbé

 

Anna Lanzetta


Articoli correlati

  Anna Lanzetta. Mostra Fotografica: Ritratti della Memoria
  Anna Lanzetta: Letture per l'estate 1. Con il gioco della recensione...
  Anna Lanzetta: Contro l’analfabetismo della sicurezza
  Antonio Possenti dipinge Campana. Una fiaba triste. Mostra a Firenze in Palazzo Vecchio
  Anna Lanzetta: Sul concetto di "utile" insegnando. Pacato dissenso da Ugo Sentito
  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  Anna Lanzetta: Quando Filippo Lippi pittura narrando. Dipinti per gite scolastiche 1
  Anna Lanzetta. Per ricordare Dante
  Anna Lanzetta: Elementi del Neoclassicismo in Canova, David e Gros
  Mary Katherine Hamnett: A proposito di “Cenerentola, storia di una principessa”.
  Anna Lanzetta. Tra le meraviglie d’Italia: Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani
  Anna Lanzetta: Bestialità odierne. Razzismo e impronte digitali.
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Anna Lanzetta: Difendiamo i nostri valori
  Anna Lanzetta: "Sapere per creare" al palazzo del Podestà del Galluzzo di Firenze
  Anna Lanzetta: Il diritto all’Arte per gli studenti degli istituti tecnici.
  Anna Lanzetta: La forma del libro. Dal rotolo al codice, secc. III a.C.- XIX d. C.
  Anna Lanzetta: "Ritratti di famiglie delle dinastie cinesi" al Museo Bellini di Firenze
  Anna Lanzetta. Storia di una chiocciola e di un lumacone
  Anna Lanzetta: Sul “Giorno della Memoria”. Riflessione per non dimenticare.
  Anna Lanzetta. Contro la violenza: dignità e amore
  Anna Lanzetta / Maria Lucia Querques. Un po' di educazione stradale a scuola?
  Anna Lanzetta: Il mio angioletto azzurro
  La Locride. Sulle orme della storia. Viaggio tra arte e cultura 1
  Maria Lucia Querques: Quando emigravamo noi italiani con la valigia di cartone
  Anna Lanzetta. “Parole e pensieri di Bona Bianchi, donna di Piombino”
  Anna Lanzetta: Un amore impossibile
  Anna Lanzetta. Storia del sole e della luna
  Anna Lanzetta: Cenerentola, storia di una principessa
  Anna Lanzetta. Viaggio a Varanasi tra luci e ombre
  Anna Lanzetta. Un libro dedicato alla natura e all’ambiente
  Rigoletto: Storia tragica di un buffone di corte.
  Anna Lanzetta. Il peso delle parole. Il valore della “storia”
  Anna Lanzetta: Il miracolo di San Gennaro
  Anna Lanzetta: “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 1
  La letteratura insegna: Luigi Pirandello e Corrado Alvaro nel gioco della vita
  Anna Lanzetta: Sulle Lettere a Lucilio di Seneca, sulla mia lettera a Silvia Biancalani
  Anna Lanzetta: La Fotografia racconta. Firenze al tempo di Cézanne.
  Anna Lanzetta: Tra cuore e batticuore “Febbre d’Amore”. Recensione di Tellus 29
  Anna Lanzetta. Contro la disumanità, il cuore
  Anna Lanzetta: Invito all’opera “Elettra” di R. Strauss. Teatro Comunale di Firenze
  Anna Lanzetta: Un’estate insieme (divertendoci con la scrittura) 1
  Anna Lanzetta: L'ora di religione tra proteste e dissensi.
  “Sapere per Creare” (Parte Seconda) a cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta. Contro la violenza, la cultura
  Anna Lanzetta: Una scuola senza sorriso
  Maria Lucia Querques: Commento su il concetto di "utile" insegnando
  Anna Lanzetta. Sapere per Creare
  Anna Lanzetta: La Madonna dei Tramonti di Pietro Lorenzetti. Dipinti per gite scolastiche 2
  Anna Lanzetta: Medioevo romantico: Manzoni, Hayez, Verdi
  Obama alla casa Bianca. Breve antologia per gli studenti sulle lotte dei neri d’America.
  Anna Lanzetta: “ArteMobile. Dalla Pietra al Chip” una mostra per tutte le età
  Anna Lanzetta “La tragedia di un personaggio” di Luigi Pirandello
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  Anna Lanzetta. Il “sole” è vita, ma non il “sole di Adro”
  Anna Lanzetta: Pittura di Storia. Prima parte: Contesto storico-culturale
  “Sapere per Creare” (Parte terza) a cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: La pittura di Ottone Rosai a Palazzo Medici Riccardi
  Alessandra Borsetti Venier: “Addio, mia bella, addio…” il libro di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Dalla parte dei giovani
  Anna Lanzetta: Una proposta per l'estate. Leggere-inventare con il gotico
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  La Locride. Sulle orme della storia. Viaggio tra arte e cultura 2
  Breve nota su Efeso per incorniciare le fotografie di Anna Lanzetta. Fotoalbum 10
  Anna Lanzetta: I rischi degli adolescenti. Sui debiti di gioco e la baby prostituzione
  Anna Lanzetta. Un regalo per Natale? Un atto d’amore.
  Romeo e Giulietta. Dalla lettura alla ri-scrittura degli studenti
  L’arte di raccontare. La meravigliosa storia di Shéhérazade. A cura di Anna Lanzetta 1
  Il Trovatore di Giuseppe Verdi. Melodramma per la scuola
  Anna Lanzetta: La scuola modello Gelmini ovvero caos demenziale
  Anna Lanzetta: La scuola nella tana dei serpenti tra retrocessioni e pregiudizi
  Anna Lanzetta: Vi consiglio ‘A menesta ‘mmaretata
  Anna Lanzetta. Dalla sofferenza privata al dolore universale: la natura come simbolo
  Napoli. Il Rione Sanità
  Anna Lanzetta: Sono sempre più soli. Sulla morte di uno studente adolescente.
  Anna Lanzetta. I ragazzi delle “baby gang”
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta. Il male della scuola: la dispersione
  Ricordo di Mario Luzi per tutti i lettori e per gli studenti
  Il Fantastico. L’esempio del “Codice antico” con Kandinskij
  Anna Lanzetta: Scacchi e poi recitare, ballare e cantare la vita
  L’ascesa al monte Ventoso nelle impressioni di Francesco Petrarca. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Una fiaba per capire, una mostra per riflettere. Pinocchio a Palazzo Pitti.
  Anna Lanzetta: Sguardi d'artisti. Dal Neoclassicismo al Simbolismo. Mostra a Firenze.
  Anna Lanzetta. Storia del valzer delle lucciole
  Anna Lanzetta: Noi diciamo NO! Dalle ronde fino alla stampa del CAPO
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Alessandra Borsetti Venier. “Firenze nel cuore” di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Sullo Sportello Sostegno Studenti e lo stress degli studenti.
  Anna Lanzetta: Giudicati o giudicanti
  Anna Lanzetta: Uniti contro ogni violenza come educatori.
  Anna Lanzetta: Vincenzo Cabianca e la civiltà dei Macchiaioli tra Storia e Letteratura.
  “Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana ed europea”. Presentate da Anna Lanzetta
  “Mai più guerra” con il viatico dei disegni di Käthe Kollowitz
  Anna Lanzetta: A proposito dell’immagine
  Anna Lanzetta: Cézanne a Firenze e la mostra a Palazzo Strozzi
  Anna Lanzetta: “Pasqua a New York” di Blaise Cendrars
  Anna Lanzetta: Viaggio a Matera
  Anna Lanzetta. Omaggio a Matera 1
  MultiMedia presenta Anna Lanzetta: La Breccia di Porta Pia
  Anna Lanzetta. Il valore della parola e della cultura
  Anna Lanzetta. Armonie di un giardino toscano
  Anna Lanzetta. Storia di una lira e di un violino
  Anna Lanzetta: Il mio saluto a Evelina Simonelli ragionando di pensione e di scuola
  Aspettando Natale con Hans Cristian Handersen. Fiaba per studenti di ogni età
  Anna Lanzetta: Il noir di Silvia Ballestra su Chiavenna. Sugli studenti che lo leggono.
  Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani. A cura di Anna Lanzetta
  Geografia cristologica: Basilio Magno, Gregorio di Nazianzo in Cappadocia. Fotoalbum 7
  Il Vesuvio nelle impressioni di François-René de Chateaubriand
  Anna Lanzetta: Al mio amico Giovanni Frediani
  Anna Lanzetta: L'"Amore" di Emma
  “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 2.
  Anna Lanzetta: Integrazione e intercultura. Sugli studenti stranieri in classe.
  La professoressa Anna: studentesse e colleghe: Mary, Ambra, Laura, Elena, Lucia.
  Ionio e Locride. Fotoalbum come illustrazione
  Anna Lanzetta. Per ogni donna, un racconto e un fiore
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  Anna Lanzetta: qualcosa che so sulla maturità, qualcosa che ricordo del mio esame.
  “Romanzo storico e pittura di storia”. “Massimo D’Azeglio e Ippolito Nievo”. Arte per gli istituti tecnici 4
  Il Signore degli anelli, Harry Potter, Il cavaliere inesistente, La tempesta...
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta 3
  Anna Lanzetta. Con il filo spinato nel cuore
  Dalla lettura alla scrittura: Il morso eterno di Dracula
  Anna Lanzetta. Studiare con l’arte: Giovanni Pascoli
  Anna Lanzetta: "Noi ci rifiutiamo". Guerra e pittura. L'esempio di George Grosz (1)
  Anna Lanzetta: Favurit, Favurit. Tra versi e prosa, il pranzo è servito
  Anna Lanzetta: Madonna col bambino di Filippo Lippi a Palazzo Medici Riccardi di Firenze
  Anna Lanzetta: 31 Dicembre, Cenone di Capodanno: dalle otto a mezzanotte
  Anna Lanzetta: “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 3
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
  Il fantastico mondo del re degli Elfi
  Anna Lanzetta: Voto in condotta. Condanna (per gli adulti) senza appello
  Napoli. I giovani del Rione Sanità
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Anna Lanzetta: “Da Petra a Shawbad. Archeologia di una frontiera”
  Anna Lanzetta: Marco Polo. Una proposta per l’estate 2. Leggere e creare
  Anna Lanzetta. L’Italia divorata dai roghi
  Anna Lanzetta. Il sentimento del dolore. Affinità tra Pascoli e Munch
 
 
Immagini correlate

  Anna Lanzetta - Matera- Cattedrale di sant’Eustachio
  Anna Lanzetta - Matera, interno di casa
  Locride - San Giovanni Therestys
  Anna Lanzetta - Matera-Santa Maria di Idris
  Locride - La Cattolica di Stilo
  Anna Lanzetta - Matera "I Sassi"
  Locride - Le Dolomiti del Sud
  Locride - Santa Maria di Monte Stella - Locride
   Locride - Panorama
  Vesuvio 1 - Chateaubriand
  Vesuvio 2 - Chateaubriand
  Locride - La fiumara
  Anna Lanzetta - Matera- La salita
  Anna Lanzetta - Matera-La Gravina
  Notte d’estate - Silenzio cantatore
  Moschea Blu - Interno - Istanbul
  Santa Sofia - Istanbul
  Santa Sofia, interno - Istanbul
  Pamukkale, La cascata pietrificata - Turchia 5
  Commerci sul Bosforo
  Ada Negri - La danza della neve
  Istanbul - Palazzo Topkapi
  Efeso - Teatro
  La fortezza di Rumeli Hisari - Bosforo
  Efeso - Il bassorilievo della Nikè
  Istanbul - La Moschea Blu
  Palazzo Beylerbeyi - Bosforo
  Efeso - Via dei Cureti
  La danza dei dervisci - Anatolia 6
  La Cappadocia - Anatolia 1
  Efeso - La fontana di Traiano
  Efeso - La biblioteca di Celso
  Bosforo
  Ponte sul Bosforo
  Lago salato, Anatolia 3
  I camini delle fate, Cappadocia-Anatolia 2
  Le tessitrici dei tappeti - Anatolia 7
  Gabriela Mistral - E' scesa la neve
  Valle di Göreme - Cappadocia-Anatolia 4
  Efeso - Impronta di piede nel postribolo
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 20 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy