Lunedì , 19 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. Per ogni donna, un racconto e un fiore
Storia del vento e della nuvola rosa. Illustrazione di Leonardo Vitiello
Storia del vento e della nuvola rosa. Illustrazione di Leonardo Vitiello 
07 Marzo 2018
 

Era un tardo pomeriggio. L’estate aveva da tempo reclinato il capo all’avanzare di un autunno impetuoso e il sole filtrava gli ultimi raggi. La natura indossava colori caldi e le foglie caduche creavano in giardino un manto brulicante di vite. Le nuvole, spinte dal vento, coprivano parte del cielo e intrecciandosi coi raggi del sole si tingevano di un rosa striato ma io preferivo quelle di colore grigio-argenteo che all’orizzonte mi creavano un’atmosfera fiabesca. Le adoravo, e identificandole con dame, cavalieri e streghe, le rincorrevo tra meandri e castelli e le rivestivo di vita.

Verso sera, il vento aveva intensificato la sua corsa e io ero rimasta a guardare affascinata le foglie che si componevano simili a “calligrammi”.

Il sibilo aumentava e il vento, in veste di un “cavaliere azzurro”, rincorreva le nubi stordite.

Mi sembrava di vedere in quel cavaliere Borea, figlio di Eos e di Astro, fratello di Zefiro, giungere di lena da una caverna della freddissima Tracia e abbattere con furia tutto ciò che incontrava sul suo cammino per rincorrere Orizia mentre danzava sui prati presso il fiume Glisso. Gli davo le sembianze di un uomo barbuto con i capelli scomposti e alato così come lo vidi in seguito raffigurato e che nel mio racconto si rivestì poi di realtà fantastica. Il vento mi spaventava e quel vecchio mi faceva paura. Erano tante le sevizie che venivano perpetrate e quel vecchio mi riportava a coloro che commettono soprusi e violenze a danno dei più deboli e specialmente dei bambini.

Intanto la mia fantasia già chiedeva aiuto alle parole che, componendosi, tessevano l’ordito di un racconto.

 

 

Storia del vento e della nuvola rosa

 

Aveva ululato tutta la notte, perché lei lo sentisse e lo vedesse.

Truce e rabbioso si alzava, si inabissava, correva, ora veloce e sibilante, ora piano, come un soffio di vita, che cerca la propria anima nell’infinito.

Nel cielo appena striato dall’alba, era apparsa ricoperta di trine e di pizzi di un pallido rosa.

Al soffio del vento danzava con i capelli intessuti di fiori e di perle.

Leggiadro il viso, tra i biondi capelli di seta, acerbe le tenere forme.

Una dea, pensava lui! E un brivido lo scuoteva.

E come dea di un mito antico, appariva dolce e leggiadra.

Dolce e leggera, si lasciava cullare la nuvola dal soffio del vento divenuto lieve, ma donava il proprio cuore a un timido raggio di sole.

Li vide rapiti, capì che il loro era amore e di nuovo furente, il vento squarciò il cielo con un grido di dolore.

L’abito di lei divenne lacero e scuro sotto il rimbombo dei lampi e dei tuoni e una coltre nera come la notte calò sul mondo.

Il suo pianto colpì il vento, come un sasso scagliato con forza.

Il timido raggio di sole era sparito, inghiottito dal buio più profondo, mentre egli pentito la cercava in ogni dove.

La vide da lontano, lacera e tremante. La raggiunse e la strinse a sé con ardore.

Ma troppo tardi!

La tragedia della sua follia ormai si compiva.

Impotente, la strinse con forza e la sentì sciogliersi, stanca e dolente, contro il suo petto.

Uno scroscio d’acqua gelida lo inondò.

Non morire! Per il mio cuore, non morire! Resisti alla mia insana follia. Diceva singhiozzando il vento mentre stringeva a sé l’ombra della nuvola morente.

Tra i singhiozzi il vento la implorava, ma invano.

La nuvola non poteva più sentirlo e i suoi occhi, quasi spenti, cercavano disperati il timido raggio di sole.

Lontano riecheggiava negli anfratti

il pianto disperato del vento innamorato.

 

Avevo negli occhi i colori dell’alba e nelle orecchie l’ululato del vento o il suo pianto d’amore, come poi lo definii. Mi hanno sempre affascinato l’“alba”, il primo biancheggiare del cielo e l’“aurora”, quel chiarore dalla parte d’oriente che precede lo spuntar del sole, avvolte da indistinti colori, fusi in un non colore brillante, luminoso, che rompe le tenebre della notte come una verità che squarcia il velo nell’attesa che si ripeta quel miracolo di continuità del mondo, della vita tutta.

Ci sono quadri in natura che sarebbe difficile per ogni artista eguagliare, come quello che dipinge il sole quando spande i suoi primi bagliori sul mondo e tinge l’orizzonte di un susseguirsi di colori che tagliano il respiro e muta la natura in “un tempio” che qualsiasi parola, se pronunciata, potrebbe infrangere.

Il mito mi trasportava in un’altra dimensione ma il racconto, appena scritto, mi traslava dal sogno alla realtà. Pensavo alla gelosia, come a un’insana follia.

Ĕ folle chi pensa di mutare un sentimento puro come l’amore. La violenza e l’arroganza vengono punite nel racconto dall’onestà e dall’innocenza, ma non sempre è così.

Se solo gli uomini potessero riflettere… Pensavo! Mentre nel mio cuore parteggiavo per la nuvola che aveva subito una violenza così crudele. Certo è che non ci sarebbero stati “Otello”, “Desdemona” e tanti altri infelici!.

Se gli uomini ascoltassero la propria ragione non ci sarebbero tante donne fatte a pezzi, visi deturpati, miriadi di armi affilate pronte a devastare l’intera umanità femminile e tante scarpe rosse disseminate in attesa che il loro colore venga convertito.

Ancora una volta l’ambiente mi accoglieva in grembo simile a un’antica cattedrale e mi faceva riflettere sulla violenza imperversante e sui comportamenti umani.

Un tempo il mondo viveva in pace e serenità, ma quando Pandora (la prima donna) per curiosità aprì, disubbidendo, il vaso avuto in dono da Zeus, liberò i mali del mondo e tutto mutò. Spiriti maligni si abbatterono sull’umanità: la vecchiaia, la gelosia, la malattia, la pazzia e il vizio si diffusero senza nessuna possibilità di salvezza dato che Elpis, la speranza, era rimasta sul fondo del vaso. Pandora allora per rimediare, riaprì il vaso e consentì alla speranza di uscire.

Se l’uomo vuole c’è sempre la possibilità di rinsavire e c’è sempre una speranza da rincorrere.

Nel mondo dovrebbe ritornare il rispetto verso se stessi, verso gli altri e verso l’ambiente.

 

Anna Lanzetta

 

 

(Tratto da: Armonie di un giardino toscano. Racconti, arte, mito e fantasia, Regione Toscana Consiglio Regionale, Edizioni dell’Assemblea, 2017. Il testo integrale è a disposizione dei lettori nel sito della Regione Toscana - Pubblicazioni)


Foto allegate

Articoli correlati

  Sondrio, 8 marzo 2008. Non tacere la violenza
  Bambini in carcere. Per la festa delle donne si approverà il nulla
  Paolo Diodati. Violenze sulla donna o violenze e basta?
  Vetrina/ Barolo, Dalle Grave, De Maestri. Per l'8 marzo
  Asmae Dachan. Horrie, la libertà ha un nome di donna
  OPERAIE dell'8 MARZO
  La Bambola birmana. Scandicci, Teatro Studio, l'8 marzo 2010
  Lidia Menapace. Viva la Repubblica!
  Alessandra Borsetti Venier. Lettera di Elvira Dones a Berlusconi
  Dee e Piratesse. Mostra di Serena Arcieri e Franca Vannoni a Sesto Fiorentino
  Luisa Mondo. 8 marzo
  Iniziative Associazioni/ Saffo a Morbegno per l'8 Marzo
  La mimosa dell'UDI per la libertà femminile. Il 7 e 8 marzo a Modena
  Dall'Egitto allo Yemen passando per l'Italia. L'8 marzo visto da Emma Bonino
  21 marzo, “staffetta poetica” per la Giornata mondiale della poesia Unesco
  Mimma Iannò Latorre. Questo “otto marzo” è diverso dagli altri
  Vetrina/ Otto marzo, Festa della donna
  Vetrina/ 8 marzo: Barbarah Guglielmana. Ridammela
  Dipingere e disegnare “da gran maestro”. Il talento di Elisabetta Sirani (Bologna 1638-1665)
  Anna Lanzetta. Storia del valzer delle lucciole
  Anna Lanzetta. Contro la disumanità, il cuore
  Anna Lanzetta. Il male della scuola: la dispersione
  Anna Lanzetta. Storia del sole e della luna
  Anna Lanzetta. I ragazzi delle “baby gang”
  Anna Lanzetta. Il peso delle parole. Il valore della “storia”
  Anna Lanzetta. Storia di una lira e di un violino
  Anna Lanzetta. Contro la violenza, la cultura
  Anna Lanzetta. Storia di una chiocciola e di un lumacone
  Anna Lanzetta. Viaggio a Varanasi tra luci e ombre
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.8%
NO
 27.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy