Sabato , 28 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. Sapere per Creare 
Esperienze di scrittura creativa nella scuola superiore - 1
13 Novembre 2008
 

Martedì 11 novembre 2008, nella Sala docenti dell’Istituto “A. Meucci” di Firenze è stato presentato il libro di Anna Lanzetta Sapere per Creare. Esperienze di scrittura creativa nella scuola superiore, Morgana Edizioni.

Sono intervenuti:

Elvio Pagano Dirigente dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “A. Meucci”

Matteo Renzi, Presidente della Provincia di Firenze

Fiorella Menna, insegnante

Ambra Banelli, ex allieva autrice di vari racconti.

Letture degli studenti coordinati dal regista Giovanni Esposito.

 

Il libro Sapere per Creare, una serie di racconti, divisi per generi, scritti da studenti adolescenti a conclusione del progetto didattico dal titolo "Interazioni" nato dall'esigenza di sperimentare concretamente un insegnamento che privilegiasse lo studente nella sua interezza a livello cognitivo ed emotivo.

I racconti testimoniano la valenza didattico-educativa della "scrittura creativa" che rende gli studenti soggetti attivi e interattivi col proprio sapere.

Il libro premia l’impegno degli studenti che hanno realizzato un lavoro di qualità.

 

«Quando la noia appare sui volti stanchi dei ragazzi», scrive Anna Lanzetta, «e nessun libro riesce più a soddisfare le loro curiosità, è tempo di cambiare musica e di mettere in moto intelligenza e cuore, in un gioco di scoperte e conoscenze che impegni in ruoli paritetici insegnante e studenti. Come incuriosire i ragazzi, sempre più lontani dal mondo della scuola? Come superare la loro apatia? Quali strategie attivare per risvegliare il loro interesse? Nella corsa frenetica per esaurire i percorsi didattici prefissati, l’insegnante perde spesso di vista l’obiettivo primario della formazione che è quello di privilegiare la personalità degli studenti, facendoli interagire con il proprio sapere. Diventa pertanto necessario individuare strategie che rendano lo studente soggetto attivo e interattivo del processo formativo che lo investe, associando al dato cognitivo la fase creativa; l’insegnante guida gli studenti verso il sapere, ma il processo formativo risulta parziale se privo della fase creativa: momento in cui gli studenti filtrano ciò che hanno acquisito, attraverso l’immaginazione e la fantasia fino a produrre, con estro, testi che diventano per l’insegnante strumenti di conoscenza».

 

Come superare la fase di abulia che rende gli studenti indifferenti a qualsiasi sollecitazione? Un metodo di insegnamento articolato anche su discipline non curriculari, accanto allo studio della Storia e della Letteratura, quali: l’Arte e la Musica e condotto con strumenti multimediali, più vicini agli interessi dei ragazzi, poteva rispondere a tale bisogno. E i risultati pubblicati in questo libro ne sono la dimostrazione. (Per la prima parte del progetto, Biennio Interazioni: info@itismeucci.it)

 

Il progetto è stato sostenuto dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione e Formazione della Provincia di Firenze, impegnato a seguire e a incentivare la ricerca didattico-pedagogica della scuola superiore al fine di individuare sistemi aderenti alla richiesta dell’utenza scolastica. Inoltre, in considerazione delle novità metodologiche di cui si avvale il volume, finalizzate a valorizzare il Sapere e il Saper fare, l’Assessorato ha contribuito alla pubblicazione del volume Sapere per creare perché venga distribuito nelle scuole della provincia a dimostrazione di ciò che gli studenti possono dare se stimolati e interessati a un apprendimento in cui il sapere diventi anche gioco e divertimento.

Per l’intervento del Presidente della Provincia, Matteo Renzi: www.matteorenzi.it

 

Di seguito si riporta l’intervento integrale della professoressa Fiorella Menna:

 

La scuola del rinnovamento:

riflessioni su un'esperienza didattica

 

Siamo oggi qui riuniti e vedo con piacere che siamo tanti, per presentare il libro Sapere per creare (Morgana Edizioni) che testimonia il lavoro svolto dalla professoressa Anna Lanzetta con i suoi studenti, nel biennio 2001/02 e 2002/03.

Il libro si struttura in tre parti: nella prima troviamo la presentazione delle varie fasi del percorso, dalle lezioni in classe e nella Galleria d'Arte Moderna col prof. Carlo Sisi all'organizzazione tematico-modulare di percorsi in cui interagiscono Arte, Musica, Storia e Letteratura, per giungere alla “scrittura creativa”; nella seconda parte leggiamo i racconti scritti dagli studenti, suddivisi per generi e con l'indicazione delle opere che hanno fornito lo spunto per la scrittura; nella terza parte troviamo cinque testimonianze di altrettanti studenti che sono stati protagonisti del percorso didattico e che rileggono l'esperienza a distanza di anni. Il libro presenta, inoltre, un suggestivo e prezioso apparato iconografico in continuo dialogo con i testi.

Ricordo che la pubblicazione del volume è stata possibile grazie all'Assessorato alla Pubblica Istruzione e Formazione della Provincia di Firenze, che ha creduto nella valenza educativa e formativa del progetto. Il contributo, quindi, che può essere dato per il libro sarà devoluto a due associazioni: - Associazione Galli, per acquisto protesi per ragazzi vittime di incidenti stradali e promozione corsi di educazione stradale nelle scuole; - Associazione Fili d'erba, che si occupa di bambini down.

Oltre all'intrinseco valore pedagogico-culturale, la proposta della prof.ssa Lanzetta rappresenta una risposta concreta al disagio che viviamo quotidianamente come insegnanti di fronte ad allievi che stentiamo a riconoscere e offre, quindi, lo spunto per riflettere ancora una volta sul ruolo della scuola nella società e sulla conseguente funzione del docente: intrattenitore, burocrate, tuttologo o mediatore di interpretazioni e di culture, un docente intellettuale, come ha tante volte ribadito il prof. Luperini?

Mi piace definire la scuola come un ponte tra tradizione e innovazione. Ma che cos'è la tradizione, se non il patrimonio culturale, storicamente codificato, che si sostanzia di sapere umanistico (non solo letterario) e sapere scientifico-tecnologico?

E l'innovazione? Dobbiamo sempre riferirla agli strumenti e alle tecniche o, piuttosto, sono gli studenti, frutto di una società in continua trasformazione, ad essere portatori, magari inconsapevoli, di nuovi saperi nell'universo multimediale e nella civiltà dell'immagine?

-La scuola deve formare il cittadino. Ma essere cittadino significa essere un soggetto, anzi un soggetto consapevole, che può esercitare un ruolo attivo, che ha diritto di parola e di scelta, che non si fa usare o strumentalizzare. Essere cittadini oggi significa anche costruire una cittadinanza plurale in cui culture diverse convivono, si confrontano, si incontrano.

Quale spazio trovano nella società e nella scuola queste istanze di protagonismo che danno senso al lavoro quotidiano e fiducia nella possibilità di migliorare l'esistente?

Il merito della prof.ssa Lanzetta è stato quello di interrogarsi sulle ragioni del disagio scolastico, di prestare ascolto, di riconoscere potenzialità e di avere il coraggio di fare una proposta. La sua sfida è stata quella di mettere in comunicazione gli universi di saperi di cui la scuola è depositaria e quelli dei giovani. Da un lato, ha lavorato non per aggiunte inerti al curricolo, ma dentro lo stesso curricolo di italiano e storia, aprendolo a campi di conoscenza che non gli sono stati assegnati per legge quali la musica e le arti figurative, ma che sono fortemente correlati nella storia della cultura, credendo fermamente che la cultura sia un diritto per tutti, anche per gli studenti di un istituto tecnico industriale. Dall'altro, ha accolto i saperi più vicini ai giovani, fornendo loro le chiavi per leggerli e usarli in modo non passivo, ma attivo e consapevole.

L'intuizione pedagogica fondamentale in questo percorso a mio avviso sta nel passaggio, richiamato dall'immagine di copertina del libro, tra “sapere e creare”, le due fasi della mente: da un sapere trasmissivo, o che si acquisisce nella pratica laboratoriale, alla creazione di un nuovo sapere, che diventa la sintesi tra cultura e vita. Come scrive la prof.ssa Lanzetta, gli studenti diventano non solo fruitori, ma anche produttori di saperi, che interagiscono col sapere dell'insegnante e costituiscono una verifica del suo operato, promuovendone un feedback.

Lo strumento che fa da tramite a questa operazione è la pratica della scrittura creativa, fondata sul sapere, ma che dà spazio alla soggettività, all' espressione profonda dell' essere di ciascuno. Una cifra importante di questo percorso è la -metodolgia- di lavoro: operando da soli o in coppie, a loro scelta, e inserendosi nel lavoro gradualmente, nel momento in cui si sentono maggiormente ispirati, anche gli studenti più introversi sono invitati a superare la fase del silenzio e a dare libero sfogo alle emozioni, al loro estro, attraverso cui filtrano le esperienze di vita senza essere costretti a mettersi a nudo. Si costruisce in tal modo un terreno neutro, lo spazio dell'immaginario, in cui ciascuno mette in gioco se stesso e la propria cultura ma attraverso la mediazione dell'elaborazione fantastica e vivendo da protagonista una forma di cittadinanza plurale. Non è un caso che in questo tipo di lavori interagiscano alla pari studenti italiani e di origine non italiana, dando un senso concreto all'“educazione interculturale”, che deve fare da sfondo integratore di tutte le discipline.

Infine, se ogni esperienza scientifica per essere significativa deve essere riproducibile, anche le esperienze didattiche innovative devono poter essere trasferibili in altri laboratori-classe, indipendentemente dal carisma del docente. In effetti, la modalità di lavoro della prof.ssa Lanzetta ha avuto -continuità- nel nostro istituto sia attraverso progetti cui ha collaborato anche dopo il pensionamento (a testimonianza di quanto sia importante per la scuola non disperdere il patrimonio di conoscenze ed esperienze accumulate nel tempo), sia con attività che sono state autonomamente condotte da altri docenti, ma che rispecchiano la filosofia di fondo del percorso presentato.

Per concludere, vorrei citare le parole suggestive che la scrittrice Doris Lessing ha pronunciato nel Discorso per l' accettazione del Nobel, dicembre 2007:

La scrittura, gli scrittori, non vengono fuori da case senza libri... Il cantastorie è nel profondo di ciascuno di noi... Sono le nostre storie che ci ricreano quando siamo lacerati, feriti, perfino distrutti.

 

Fiorella Menna


Foto allegate

Ambra Banelli, Elvio Pagano, Fiorella Menna e Matteo Renzi
Articoli correlati

  Anna Lanzetta: Contro l’analfabetismo della sicurezza
  Breve nota su Efeso per incorniciare le fotografie di Anna Lanzetta. Fotoalbum 10
  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  Anna Lanzetta: "Sapere per creare" al palazzo del Podestà del Galluzzo di Firenze
  Anna Lanzetta: Sul “Giorno della Memoria”. Riflessione per non dimenticare.
  Anna Lanzetta / Maria Lucia Querques. Un po' di educazione stradale a scuola?
  “Sapere per Creare” (Parte Seconda) a cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Una scuola senza sorriso
  Obama alla casa Bianca. Breve antologia per gli studenti sulle lotte dei neri d’America.
  Ricordando con Joyce Lussu la Shoah
  “Sapere per Creare” (Parte terza) a cura di Anna Lanzetta
  Ricordando con Primo Levi l'orrore dell'Olocausto nazifascista degli ebrei
  L’arte di raccontare. La meravigliosa storia di Shéhérazade. A cura di Anna Lanzetta 1
  Il Trovatore di Giuseppe Verdi. Melodramma per la scuola
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta
  Ricordo di Mario Luzi per tutti i lettori e per gli studenti
  L’ascesa al monte Ventoso nelle impressioni di Francesco Petrarca. A cura di Anna Lanzetta
  Anna Lanzetta: Noi diciamo NO! Dalle ronde fino alla stampa del CAPO
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Anna Lanzetta: Uniti contro ogni violenza come educatori.
  “Mai più guerra” con il viatico dei disegni di Käthe Kollowitz
  Anna Lanzetta: A proposito dell’immagine
  Anna Lanzetta: Viaggio a Matera
  MultiMedia presenta Anna Lanzetta: La Breccia di Porta Pia
  Anna Lanzetta: Il mio saluto a Evelina Simonelli ragionando di pensione e di scuola
  Aspettando Natale con Hans Cristian Handersen. Fiaba per studenti di ogni età
  Il Vesuvio nelle impressioni di Antonio Stoppani. A cura di Anna Lanzetta
  Geografia cristologica: Basilio Magno, Gregorio di Nazianzo in Cappadocia. Fotoalbum 7
  Il Vesuvio nelle impressioni di François-René de Chateaubriand
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  L’arte di raccontare. Il racconto di Shéhérazade. Sinbdad il Marinaio. A cura di Anna Lanzetta 3
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
  Il fantastico mondo del re degli Elfi
  Dal discorso tenuto da Barack Obama all'Università del Cairo. Proposta per gli esami.
  Anna Lanzetta: “Da Petra a Shawbad. Archeologia di una frontiera”
 
 
Immagini correlate

  Anna Lanzetta - Matera- Cattedrale di sant’Eustachio
  Anna Lanzetta - Matera, interno di casa
  Anna Lanzetta - Matera-Santa Maria di Idris
  Anna Lanzetta - Matera "I Sassi"
  Vesuvio 1 - Chateaubriand
  Vesuvio 2 - Chateaubriand
  Anna Lanzetta - Matera- La salita
  Anna Lanzetta - Matera-La Gravina
  Moschea Blu - Interno - Istanbul
  Santa Sofia - Istanbul
  Santa Sofia, interno - Istanbul
  Pamukkale, La cascata pietrificata - Turchia 5
  Commerci sul Bosforo
  Ada Negri - La danza della neve
  Istanbul - Palazzo Topkapi
  Efeso - Teatro
  La fortezza di Rumeli Hisari - Bosforo
  Efeso - Il bassorilievo della Nikè
  Istanbul - La Moschea Blu
  Palazzo Beylerbeyi - Bosforo
  Efeso - Via dei Cureti
  La danza dei dervisci - Anatolia 6
  La Cappadocia - Anatolia 1
  Efeso - La fontana di Traiano
  Efeso - La biblioteca di Celso
  Bosforo
  Ponte sul Bosforo
  Lago salato, Anatolia 3
  I camini delle fate, Cappadocia-Anatolia 2
  Le tessitrici dei tappeti - Anatolia 7
  Gabriela Mistral - E' scesa la neve
  Valle di Göreme - Cappadocia-Anatolia 4
  Efeso - Impronta di piede nel postribolo
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy