Lunedì , 12 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. Storia di una chiocciola e di un lumacone
Storia di una chiocciola e di un lumacone. Illustrazione di Leonardo Vitiello
Storia di una chiocciola e di un lumacone. Illustrazione di Leonardo Vitiello 
26 Marzo 2018
 

I bisbigli sulle cime diventavano striduli.

Il piccolo uccello dal ramo gioiva nel vedere la mamma intenta a cercare.

Lei avanzava con grazia nel fresco del mattino verso i piccoli garofani gialli e ne pregustava la prelibatezza mentre lui ne seguiva cauto la scia.

Le corolle si aprivano lentamente come per magia e al primo raggio si chiudevano le belle di notte iridate.

Lei, assiepata sotto una fresca foglia di fico, ne spiava l’arrivo, mentre lui, timoroso, si poneva ai margini.

Doveva o non doveva? Sarà un giorno mia? E il dilemma lo struggeva!

Bisbigli frenetici, mutati in striduli, annunciavano il nuovo giorno. Furtiva l’ape si insediava e la primavera del giorno iniziava: i tulipani salutavano galanti le pervinche, i dolci anemoni si univano alle giunchiglie, le tenere mammole ricoprivano la terra di fitti strati, le calendule strizzavano l’occhio agli iris, le margheritine bianche facevano da manto alle laboriose formiche e un gorgheggio rimbalzava da cima in cima.

La chiocciola avanzava accanto al lumacone, tra una schiera di bruchi e millepiedi.

I fiori occhieggiavano lieti e le pansè intrecciavano i teneri steli. Le rose si piegavano timide ai garofani rossi e i bianchi screziati facevano capolino.

Egli si avvicinò con fare timido.

La chiocciola lo guardò a lungo e restò pensierosa. – Non ha il guscio elegante come il mio, ma i suoi occhi sono buoni. Che importa, pensò, se la nostra forma è diversa, sento che i nostri cuori non lo sono –.

Tirò fuori completamente la testa dal guscio ed egli trattenne il respiro.

Era bellissima!

Lo guardò con tenerezza ed entrambi sentirono che un tam tam irrefrenabile li univa.

Avanzarono felici verso un ciuffo d’erba freschissimo, un’alcova per due.

 

Che felicità è l’amore! Quel sentimento che inebria i cuori e dona la vita per la continuità del mondo.

Nessuna differenza li avrebbe più divisi ora che nell’unione avevano sentito di essere un solo elemento nella speranza di una nuova vita.

 

Tutto il giardino esultava felice.

Un’orchestra di insetti allietava il giardino e su tutti si levava la musica del flauto tenuto da piccolissime mani, mentre la viola strimpellava nelle braccine della cicala e un pianoforte di anemoni spandeva intorno la melodia dei due cuori.

 

Anna Lanzetta

 

 

(Tratto da: Armonie di un giardino toscano. Racconti, arte, mito e fantasia, Regione Toscana Consiglio Regionale, Edizioni dell’Assemblea, 2017. Il testo integrale è a disposizione dei lettori nel sito della Regione Toscana - Pubblicazioni)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy