Domenica , 07 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
C. Ruscigno, G. Monti. Covid-19, una risposta europea
21 Marzo 2020
 

In questo momento ci troviamo di fronte ad una vera e propria guerra, la prima del terzo millennio, con caratteristiche del tutto diverse rispetto ai precedenti conflitti convenzionali: rischiamo il collasso sanitario oltre a quello socio-economico. Ma si tratta pur sempre di una guerra, da combattere però con armi differenti da quelle tradizionali e con unità d’intenti.

Il Covid-19 ha messo in evidenza la difficoltà della classe dirigente italiana e degli altri Paesi dell’Unione europea a saper guardare oltre il contingente e al di là dei propri confini. E l’emergenza coronavirus viene a sovrapporsi a quella migratoria, ai preoccupanti cambiamenti climatici, alle ormai croniche crisi economiche, con la disoccupazione giovanile in primo piano, nonché alla degenerazione della democrazia rappresentativa ed al costante pericolo rappresentato dal terrorismo internazionale.

Non c’è più tempo per attendere e tantomeno per pensare a se stessi con illusorie soluzioni populiste e sovraniste o nazionaliste che dir si voglia, semmai occorre rispolverare i contenuti della Resistenza – italiana ed europea –, condotta nel corso del secondo conflitto mondiale con un comune denominatore di valori declinati in chiave sovrannazionale. Vanno liberate energie e risorse sopite da troppo tempo per essere pronti, una volta superata l’emergenza, a riprendere ancora più spediti il cammino del progresso e dello sviluppo.

Nell’immediato, nei mesi prossimi e presumibilmente per diversi altri anni, con un gioco di squadra che coinvolga i Paesi dell’Ue, sostenuto da soggetti pubblici e privati, dovranno essere concordate diverse azioni concrete: gestione comune della crisi da coronavirus, protocolli e modalità d’intervento coordinati, così come approvvigionamento e distribuzione di materiali e strumentazioni fra gli stati, col divieto del boicottaggio delle merci delle singole nazioni da parte delle altre appartenenti all’UE, ricerca condivisa di un vaccino utile a debellare il Covid-19, sostegno all’economia, alle imprese e alle famiglie per difendere l’occupazione e sostenere la domanda.

Ursula Von del Leyen, presidente della Commissione europea, ha opportunamente dichiarato la massima flessibilità del patto di stabilità e l’apertura agli aiuti di Stato, non contemplati dalle attuali regole europee. Seppure in ritardo, le si è accostata la presidente della Bce Christine Lagarde, con l’annuncio del lancio di un quantitative easing da 750 mld di euro, rimediando così alla sua infelice dichiarazione che aveva escluso interventi sullo spread dei titoli italiani e innescato di conseguenza il crollo della nostra borsa, oltre a pericolosi sentimenti antieuropei in vasti settori dell’opinione pubblica. Forse anche per questo diversi leader europei, a partire da Angela Merkel, ora si dicono favorevoli all’emissione di eurobond, mentre Conte e Macron hanno invocato l’intervento del fondo salva Stati (Mes) e della stessa Bce.

Una cosa è certa: deve cadere il tabù della concorrenza, a vantaggio dei necessari aiuti senza di cui avverrà il collasso dell’intera economia del Vecchio continente. E l’unico federalismo possibile post-coronavirus sarà quello europeo: nell’Ue la politica sanitaria è attualmente di competenza nazionale e regionale e per fronteggiare pandemie quale quella in atto diviene necessario un centro di coordinamento in grado di gestirle, come avviene negli Usa, dove i governi dei vari stati hanno demandato molteplici competenze, inclusa quella sanitaria, allo stato federale. In definitiva, la diffusione del Covid-19 ci ha fatto comprendere che l’Ue in ordine sparso non è attrezzata per affrontare le crisi esistenziali che le si presentano. Dal canto suo l’Italia dovrebbe spingerla a scoprire un antivirus contro l’introversione intergovernativa, potenzialmente in grado di degenerare in forme populistiche e/o sovraniste, anacronistiche ed inutili per risolvere drammi epocali come quelli che stiamo vivendo sulla nostra pelle.

Quanto agli stati nazionali, hanno sempre preferito non assegnare poteri reali all’Ue su temi di tale portata e si limitano soltanto, quando conviene, a lamentare l’assenza europea in svariati settori per giustificare le loro lacune. Un’ipocrisia bell’e buona, dimostrata da un esempio d’attualità: l’Italia aveva chiesto alla Commissione europea di potersi dotare delle mascherine protettive e a sua volta la Commissione ha chiesto agli stati membri dell’Ue di attivarsi in tal senso. Ebbene, gli stati hanno fatto le orecchie da mercante non raccogliendo l’invito. Per sbloccare la situazione e modificare i provvedimenti statali la Commissione ha allora dovuto ricorrere agli strumenti consentiti dal mercato unico. Ha inoltre deciso di destinare congrui fondi europei alla ricerca per trovare un vaccino capace di sconfiggere il Covid-19.

Non c’è dubbio che l’Europa sia ad un bivio: o cambia o muore, per parafrasare le parole di Luigi Einaudi, primo presidente della repubblica italiana, che già oltre settant’anni fa sosteneva che o ci si unisce o si perisce tutti quanti assieme. Dopo il coronavirus l’Europa va rifondata con una politica comune, nel rispetto delle persone, che includa salute, welfare, sostegno alla ricerca, sostenibilità ambientale, gestione delle frontiere e delle scelte che vanno oltre i confini. Con la conferenza sul futuro dell’Europa, in calendario (salvo un possibile contrordine) a partire dal prossimo 9 maggio, giornata europea, si capirà se esiste davvero la volontà di avviare un vero processo costituente dell’Europa federale, sempre più necessario ed inderogabile.

 

Costantino Ruscigno, docente di diritto amministrativo e urbanistico al Politecnico di Lecco e Presidente della sezione di Lecco del Movimento federalista europeo

Guido Monti, giornalista d’ufficio stampa a Milano e responsabile del Comitato provinciale per l’Europa di Sondrio


Articoli correlati

  Mellana. Tutto andrà benissimo
  Emmanuela Bertucci. Coronavirus: Quando il diritto alla salute diventa dovere di salute
  Giuseppina Rando. Si riaprono i cancelli delle scuole, finalmente!
  Almor e Mellana. L’invenzione della ruota
  Vita da cani/ #PossoPor­ta­re­il­Ca­ne­Fuori
  Vetrina/ Michele Tarabini. In un incubo
  Michele Tarabini. Non raccontiamocela così tragica
  Agustín. Ponzio Pilato
  Mellana. Lo sballo in maschera
  Coronavirus oltre i numeri
  Sandra Chistolini. Il Coronavirus visto dai bambini della scuola dell’infanzia all’aperto
  Michele Usuelli. Regione Lombardia: Consiglio in auto-quarantena
  Mellana. Una mano lava le altre
  Laboratori virologici e ricerca nucleare: è necessario che operino alla luce del sole
  Michele Tarabini. Vivere o tirare a campare?
  Oltre le indicazioni
  Stati Uniti d'Europa. Coronavirus: prima gli italiani?
  Nel tempo angusto e oscuro del Coronavirus
  CIA Manzoni. La lezione si fa alla radio
  Mellana. Un vaccino very macho
  Linda Pasta. Inquinamento atmosferico e diffusione del virus
  Sandra Chistolini. Scuola con il “vademecum” senza “lockdown”
  Sopra la maschera investo me stessa
  “I sopravvisuti”
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Mellana. Coprifuoco
  Mellana. Ad ognuno come le pare
  Coronavirus: predisponete un piano per proteggere le persone anziane più indigenti
  Roberta De Horatis. Hic et nunc
  Mellana. Altro che resurrezione...
  Scescio. Ciao 2021
  Agustín. Le cose più importanti
  Maria Lanciotti. A tu per tu con il Covid-19
  «Gli uccelli» di Hitchcock, il progresso che implode e le logiche del virus
  Mellana. Il monumento all’eroe sconosciuto
  Roberto Malini. Ansia da pandemia
  Roberto Malini. Il coronavirus somiglia all’influenza di Hong Kong del 1968
  Mellana. In arrivo nuove mutazioni
  Mellana. Un settore ancora trainante
  Giuseppina Rando. Si recita a soggetto…
  Carlo Forin. Distanziamento
  Vetrina/ Michele Tarabini. Respiro corto
  Lombardia. Continua la quarantena del Consiglio Regionale
  Giuseppina Rando. Movide selvagge del “bel paese”
  Paola Mara De Maestri. Corona Virus
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Mellana. Tutti a sciare!
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune con­si­de­ra­zio­ni geo­eco­no­mico-sociali. (II parte)
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Enrico Bernardini: Enoturismo. Esempi di buone pratiche ai tempi del coronavirus
  Carlo Forin. Primavera 2020
  Mellana. Vignetta peripatetica
  Maria Lanciotti. In quarantena con l’istrice
  Giovanni Maria di Lieto. I tempi correnti, l’etica privata, l’etica pubblica
  Michele Tarabini. La rinascita interiore
  Michele Tarabini. Retoriche banalità
  Vetrina/ Michele Tarabini. Il grande nemico
  Vita da cani/ Come comportarsi con i cani delle persone in quarantena
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune considerazioni geo-sociali. (I parte)
  Renato Ciaponi. Un grazie sentito ai negozi di vicinato
  Vincenzo Donvito. Coronavirus/ Occhio al ‘giorno del vaccino’, quando ci sarà…
  Vincenzo Donvito. Il populismo sanitario
  Giuseppina Rando. Covid 19: “lectio magistralis”
  Mellana. Quel che è fatto è reso
  Mellana. Un tampone fiscale
  Rosella Reali. I nostri eroi quotidiani
  La maestra Mara e le sue storie per i bambini
  Mellana. Diogene
  La scuola a prova di coronavirus
  Linda Pasta. La corrida del coronavirus
  Mellana. Stretti tra scienza a superstizione
  Sergio Caivano. Maledetto coronavirus covid 19
  La sanità divisa nell’Europa unita
  Linda Pasta. Covid-19: “Mission possible: limitare il contagio”
  Mellana. La negatività che ci piace
  Enrico Bernardini. Turismo in Italia: alcuni riflessioni a seguito dell’emergenza Covid-19
  Giulia Crivellini. Dividersi in tifoserie persino su un virus?
  Stati Uniti d'Europa. Iniziamo con il libero mercato. Lettera a Sassoli
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  +Europa. Liste transfrontaliere alle prossime elezioni Ue
  Guido Monti. È di nuovo l'ora di una Resistenza europea
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d’Europa: Più difficili senza la UK, ma possiamo e dobbiamo farcela
  Carlo Forin. Migranti: l'ira del Papa
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d’Europa: Per non vivacchiare… pensiamo europeo a partire dall’Esercito
  Sondrio. Oltre l'Unione europea, verso gli Stati uniti d'Europa
  MFE. A Morbegno nel nome di Vedovelli
  Schuman day, Giornata dell'Europa. A Sondrio, mercoledì 9 maggio
  Carlo Forin. Rispondete a Carola Rackete!
  Sondrio. Genocidio in Siria e il silenzio delle coscienze
  Sondrio. Verso le elezioni europee
  Davvero sono i popoli che non vogliono gli Stati Uniti d'Europa?
  Stati Uniti d'Europa. Elezioni olandesi: un caso interessante
  Sondrio si prepara alla Convention delle forze democratiche ed europeiste
  Olivier Dupuis. L’Europa delle monetine
  Vincenzo Donvito. Riflessioni di un patriota alla vigilia del 20 Settembre
  Guido Monti. Celebrazione del 60° anniversario dei trattati di Roma
  Carlo Forin. “Posso aspirare a una carta d'identità europea?”
  L’irriverente degli Stati Uniti d’Europa. Dimmi cosa fai e saprò chi sei
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Un'Europa a due velocità per fare la Difesa comune?
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d'Europa: Ceta e Ue. C'è più di qualcosa che non funziona
  Vogliamo gli Stati Uniti d’Europa!
  Stati Uniti d'Europa. Pensare europeo
  Guido Monti. Sandro Gozi e la cittadinanza... europea
  Pietro Moretti. Mediazione civile: eliminare l'obbligo dell'avvocato
  Carlo Forin. Che l’Europa svolti sui suoi cittadini
  Marcia per l'Europa, a Milano sabato 12 maggio
  Federica Mogherini, alta rappresentanza internazionale e cittadinanza Ue
  Mfe, Sondrio. Verso il 25 marzo, per l'Europa
  Lidia Menapace. Autonomie ed Europa
  Vincenzo Donvito. Il potere e la forza dell’euro
  Carlo Forin. Che cosa è urgente per l’Europa?
  Carlo Forin. Allargare l’anima europea
  Rosario Amico Roxas. Per gli Stati Uniti d’Europa
  Vincenzo Donvito. Stati Uniti d’Europa. Siamo europei più che mai e fieri di esserlo
  Carlo Forin. Cives europei estote
  Pietro Yates Moretti. Tutta colpa dell'Europa?
  Lidia Menapace. Primarie PD: quali prospettive?
  Morbegno e Sondrio. “La mia piazza è l'Europa”
  Lidia Menapace. Cittadina europea di nazionalità italiana
  Giovedì 14 a Morbegno con l’europarlamentare Danti
  Sondrio. “L’Europa e i Corridoi Umanitari”
  Guido Monti. Quale federalismo?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy