Giovedì , 22 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nonviolenza. Matteo Renzi scrive al responsabile del “Centro di ricerca per la pace” di Viterbo
01 Gennaio 2015
 

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, ha scritto una lettera al responsabile del Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Peppe Sini, rispondendo ad una precedente lettera “Dalla parte di Abele” con cui si chiedeva la cessazione di sciagurate politiche di guerra, e l'avvio di un impegno concreto e coerente per la pace e il rispetto per la vita, la dignità e i diritti di tutti gli esseri umani.

Riproduciamo di seguito la lettera di Matteo Renzi e la risposta ad essa di Peppe Sini.

In calce riproduciamo altresì la lettera “Dalla parte di Abele” che ha dato origine al carteggio.

Ringraziamo il Presidente del Consiglio dei Ministri per l'ascolto e la gentilezza, mentre confermiamo quanto già abbiamo espresso, ovvero che occorre una politica concreta e coerente di pace, disarmo, smilitarizzazione, cooperazione internazionale, solidarietà e rispetto dei diritti umani: una politica nonviolenta.

Solo la nonviolenza può salvare l'umanità.

 

Il Centro di ricerca per la pace
e i diritti umani
di Viterbo

Viterbo, primo gennaio 2015

 

 

 

1. La lettera del Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi

 

Gentile Peppe,

la ringrazio per la sua lettera. Con piacere apprendo della vostra iniziativa e voglio dirle che, con tutto il cuore, come cittadino, come padre, come uomo, comprendo le ragioni e i sentimenti che muovono le vostre parole e le vostre azioni.

Come Presidente del Consiglio sento il dovere di dirle che ho una grande responsabilità: garantire la sicurezza del nostro Paese, anche rispettando gli accordi internazionali che garantiscono importanti e delicati equilibri, raggiunti con fatica, impegno e molti sacrifici.

Lei mi scrive che per abolire la guerra occorre abolire gli eserciti e le armi. Ma è come dire che per smettere di litigare bisogna smettere di parlare. Non è vero. Per abolire la guerra occorrono coerenza, dialogo, comprensione. E serve, soprattutto, vivere nella realtà, che non è fatta soltanto di desideri e speranze – che animano la nostra volontà! - ma anche di sofferenza e problemi complessi, che noi siamo chiamati a riconoscere ed affrontare nella loro sfacciata crudeltà.

Mi auguro che lei possa comprendere il mio punto di vista, così come io ho cercato di comprendere il suo. E spero che lei possa riuscire ad avere fiducia nell'operato della nostra Difesa e del Governo.

Un caro saluto,

Matteo Renzi

30 dicembre 2014

 

 

 

2. La risposta del responsabile del Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo, Peppe Sini

 

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri (o - se preferisce - gentile Matteo),

in primo luogo la ringrazio di cuore della sua lettera e della squisita cortesia con cui l'ha redatta.

In secondo luogo devo tuttavia confermare quanto già esposto nella mia lettera “Dalla parte di Abele” del 3 novembre sollecitando nuovamente la cessazione delle attuali sciagurate politiche di guerra ed insistendo nella richiesta di un impegno di pace e rispetto dei diritti umani adeguato e coerente.

Mi permetta infine di dirle in tutta sincerità ed in spirito di fraternità che la sua fiducia negli eserciti e nelle armi, ovvero la sua fiducia nella bontà dell'uccidere gli esseri umani (poiché a questo purtroppo eserciti ed armi servono) è davvero mal riposta. Uccidere non è mai un bene, ma la più inammissibile delle azioni. Ogni essere umano ha diritto alla vita.

La sicurezza comune, la civile convivenza, puo' essere garantita solo dalla nonviolenza, e dalle esperienze e gli istituti da essa ispirati, come il disarmo e la smilitarizzazione dei conflitti, i corpi civili di pace, la difesa popolare nonviolenta: esperienze ed istituti che in parte sono già entrati nel corpus legislativo e nella pratica amministrativa ma che occorre ulteriormente potenziare (come propongono ad esempio alcune recenti importanti iniziative promosse dal Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e dalla Tavola della pace, come dalla Rete della pace).

La invito pertanto nuovamente ad adoperarsi affinché il governo da lei presieduto receda da disastrose politiche di guerra e si impegni ad avviare una politica di pace con mezzi di pace, una politica che salvi le vite invece di sopprimerle.

Sarebbe un grande bene se il governo italiano volesse fare la vera e più urgente riforma di cui l'umanità ha bisogno: la scelta di una politica finalmente integralmente umana, la scelta della nonviolenza.

So che lei ha studiato la figura e l'opera di Giorgio La Pira: la esorto a trarne feconda ispirazione.

Augurandole ogni bene, le invio un cordiale saluto

Peppe Sini, responsabile del Centro
di ricerca per la pace e i diritti umani

Viterbo, primo gennaio 2015

 

 

 

3. La lettera “Dalla parte di Abele” che ha dato origine al carteggio

 

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri,

ricorre domani, 4 novembre, l'anniversario della conclusione della scellerata “inutile strage” della prima guerra mondiale.

E ricorre quest'anno altresì il centenario dell'inizio di quella scellerata “inutile strage”.

Alcune movimenti nonviolenti, antimafia, per i diritti umani, il 4 novembre ricorderanno in varie città d'Italia tutte le vittime di tutte le guerre con l'iniziativa “Ogni vittima ha il volto di Abele”, recando omaggi floreali e sostando in silenzio dinanzi alle tombe e alle lapidi che ricordano alcuni degli innumerevoli esseri umani che la guerra ha ucciso.

Queste commemorazioni esprimono una profonda e ineludibile verità: che la guerra è nemica dell'umanità; e che quindi è necessità, diritto e dovere dell'umanità intera abolire la guerra.

E per abolire la guerra occorre abolire gli eserciti e le armi.

 

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri,

in questo stesso 4 novembre in cui le persone amiche della nonviolenza esprimono il loro lutto per gli assassinati ed il loro impegno ad opporsi alla continuazione delle stragi, sciaguratamente lo stato italiano “festeggia” la guerra e i poteri assassini: così recando ancora un'estrema infame offesa alle vittime della guerra.

Non solo: lo stato italiano, in flagrante violazione del dettato della Costituzione della Repubblica Italiana che ripudia la guerra, continua a prendere parte a guerre in corso.

Non solo: lo stato italiano continua a consentire che in Italia si producano e si vendano armi che vengono poi utilizzate per minacciare, terrorizzare ed assassinare degli esseri umani in tante parti del mondo.

Non solo: lo stato italiano continua a sperperare immense risorse (70 milioni di euro al giorno) del popolo italiano per le spese militari, per il riarmo assassino, per la partecipazione alle guerre.

Non solo: lo stato italiano continua a far parte di un'organizzazione terrorista e assassina come la Nato.

Non solo: lo stato italiano continua ad essere alleato e quindi complice di paesi e coalizioni internazionali responsabili di crimini di guerra e di crimini contro l'umanità.

Non solo: lo stato italiano continua ad essere corresponsabile delle stragi nel Mediterraneo provocate dalle misure razziste italiane ed europee che impediscono ad esseri umani che ne hanno estremo bisogno e assoluto diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro e di esservi accolti in pienezza di diritti e dignità.

 

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri,

il primo dovere di ogni essere umano, e quindi anche di ogni istituzione democratica, è rispettare e salvare le vite.

Ascoltando il monito di questa dolorosa ricorrenza, nel lutto inestinguibile per le vittime della guerra di cui si fa memoria, il Governo e il Parlamento vogliano finalmente far cessare gli abominevoli scandali sopra richiamati ed impegnarsi ad avviare una concreta e coerente politica di pace.

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Pace, disarmo, smilitarizzazione.

Rispetto per la vita, la dignità e i diritti di tutti gli esseri umani.

Solo la nonviolenza può salvare l'umanità.

Peppe Sini, responsabile del Centro
di ricerca per la pace e i diritti umani

Viterbo, 3 novembre 2014


Articoli correlati

  Una iniziativa a Viterbo e una lettera al Presidente del Consiglio contro il massacro a Gaza
  Peppe Sini. “Una persona, un voto”. Una lettera aperta all'on. Bersani
  Peppe Sini. Finisca la cecità, si salvino le vite
  Peppe Sini. “Sono un vecchio militante...”
  Peppe Sini. Per la Giornata della Terra
  Peppe Sini. Una dichiarazione di voto
  Peppe Sini. Una franca parola ai governanti europei
  Peppe Sini. Quattro tranci di vite tranciate. Un racconto di Natale dal vero
  Peppe Sini. Dallo sciopero generale all'alternativa nonviolenta
  Peppe Sini. Nove ruminazioni per la Festa della Repubblica
  Peppe Sini. Per Enzo Jannacci
  Lidia Menapace. Il “nuovo” (?) mondo
  Roberto Malini: Matteo Renzi è vicino alla comunità LGBT?
  Gianni Somigli. Renzi e la spina laicità
  Marco Lombardi. À la guerre comme à la guerre
  Matteo Renzi, sindaco di Firenze. Biglietto gioioso di Anna Lanzetta
  Carlo Forin. È sbagliato il quesito costituzionale
  “Un’altra Italia è già qui! Basta farla entrare!”
  Marco Perduca. Adesso Renzi smantelli il Dipartimento politiche antidroga
  Roberto Malini. Arriva l'era di Matteo Renzi
  Lidia Menapace. Identità
  Annagloria Del Piano. Il colpaccio di Renzi
  Amnistia: “Renzi fu durissimo contro, io sono a favore”
  Lidia Menapace. Primarie PD: quali prospettive?
  Arezzo-Firenze. Comitato 13 Maggio sui criteri di rappresentanza di Matteo Renzi
  Vincenzo Donvito. Italia-America Latina: Business e cocaina? Far finta di nulla...
  L'irriverente. Le mimetiche dei potenti...
  “Sulle carceri l'Italia rischia un miliardo”
  Mellana. Il dubbio
  Martina Simonini. “Non mi adeguo”. E sto con Civati
  Prostituzione e Sindaco di Firenze. Il vecchio che avanza... o i 'parchi del sesso'?
  Matteo Renzi: “1.000 tavoli per l'Italia”
  Marco Perduca. Giustizia: Renzi lanci “contrordine compagni”
  Benedetto Della Vedova. Dopo il congresso si conclude la mia esperienza in Scelta Civica. Ecco perché
  Valter Vecellio. Vade retro amnistia
  Il Presidente incarichi Enrico Letta
  Droghe: le deleghe restano a Renzi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy