Domenica , 17 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Italia-America Latina: Business e cocaina? Far finta di nulla...
17 Giugno 2015
 

Firenze, 13 giugno 2015 – VII Conferenza Italia America-Latina. Il nostro capo del Governo è intervenuto nel suo abituale stile di sprono perché tutte le energie siano utilizzate al meglio. Soprattutto verso il Messico, che accoglie il 40% dell'export italiano verso il subcontinente. E poi impegni più o meno generici su energia, tecnologia e lotta al crimine organizzato.*

Quello che ci ha colpito di più è l'assenza di riferimenti al maggior prodotto che l'America-Latina e il Messico esportano verso il nostro Paese e il nostro continente, la cocaina. Esportazione che vede la 'ndrangheta calabrese come maggior referente di import per lo Stivale e per l'Europa. Un prodotto, la cocaina, il cui valore economico va molto oltre quelli che sono i livelli delle altre merci che viaggiano tra i due continenti. La cocaina, il cui mercato ha un costo di riflesso per l'economia e le istituzioni che ha e continua a sconvolgere i minimi assetti di legalità di ogni Paese al mondo. Aver relegato questa economia e questo prodotto nel generico “lotta al crimine organizzato”, al di là delle buone e indiscutibili intenzioni dei vari capi di governo e ministri che ne hanno parlato in questa Conferenza, ci dà la percezione di come, in tutto il mondo, sia sottovalutato il fenomeno e, soprattutto, sottovalutato l'attuale sistema e metodo di lotta al business criminale (proibizionismo) gestito da bande criminali sempre più transnazionali, bande in cui l'Italia è tra i primi Paesi per presenza territoriale.

In questa Conferenza, l'unica nota che è stata evidenziata dai media come dissonante, è stato il rinnovato rifiuto del presidente boliviano, Evo Morales, al trattato di libero commercio tra i due continenti. Il resto, cioè il macigno della cocaina e delle droghe illegali e del narcotraffico, non ha trovato spazio. È stato il grande assente. E siccome stiamo parlando del principale business tra i due Continenti (business che coinvolge anche l'Africa come ponte tra i due, e coi suoi strascichi di illegalità e disastri istituzionali ed economici), non ci sembra di fare la parte di coloro che “cercano il pelo nell'uovo”. Questo “uovo” è marcio, ed è tale per responsabilità degli Stati, per come lottano contro di esso (proibizionismo) e per come fanno finta che non esista o -peggio- relegandolo a fenomeno di semplice e complessiva “lotta al crimine organizzato”.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

 

 

* Ci ha colpito il nostro presidente del Consiglio che, per avvalorare e storicizzare il suo entusiasmo ha citato Cristoforo Colombo e Amerigo Vespucci. Con tutto il rispetto storico per questi due personaggi, in termini economici è come se il presidente messicano Enrique Pena Nieto avesse citato il fatto che il pomodoro è originario del Messico e solo dal XVI secolo in poi, dopo la “scoperta” delle Americhe (o l'arrivo nelle Indie, dipende dai punti di vista); e quindi avesse avvalorato la rinomata cultura gastronomica italiana, in cui il pomodoro ha un posto determinante, come figlia della civiltà aztecha-messicana. Più di qualcuno avrebbe alzato un sopracciglio... proprio come probabilmente hanno fatto alcuni americolatini/messicani alle pronunce del premier italiano.


Articoli correlati

  Troppa cocaina in Italia?
  L'aggressività americana alla prova di Libia e Siria
  Matteo Renzi: “1.000 tavoli per l'Italia”
  Marco Perduca. Giustizia: Renzi lanci “contrordine compagni”
  “Sulle carceri l'Italia rischia un miliardo”
  Benedetto Della Vedova. Dopo il congresso si conclude la mia esperienza in Scelta Civica. Ecco perché
  Valter Vecellio. Vade retro amnistia
  Lidia Menapace. Il “nuovo” (?) mondo
  Carlo Forin. È sbagliato il quesito costituzionale
  Nonviolenza. Matteo Renzi scrive al responsabile del “Centro di ricerca per la pace” di Viterbo
  Il Presidente incarichi Enrico Letta
  Matteo Renzi, sindaco di Firenze. Biglietto gioioso di Anna Lanzetta
  Lidia Menapace. Identità
  Annagloria Del Piano. Il colpaccio di Renzi
  Marco Lombardi. À la guerre comme à la guerre
  Lidia Menapace. Primarie PD: quali prospettive?
  Arezzo-Firenze. Comitato 13 Maggio sui criteri di rappresentanza di Matteo Renzi
  L'irriverente. Le mimetiche dei potenti...
  Martina Simonini. “Non mi adeguo”. E sto con Civati
  Prostituzione e Sindaco di Firenze. Il vecchio che avanza... o i 'parchi del sesso'?
  “Un’altra Italia è già qui! Basta farla entrare!”
  Roberto Malini: Matteo Renzi è vicino alla comunità LGBT?
  Gianni Somigli. Renzi e la spina laicità
  Marco Perduca. Adesso Renzi smantelli il Dipartimento politiche antidroga
  Mellana. Il dubbio
  Roberto Malini. Arriva l'era di Matteo Renzi
  Amnistia: “Renzi fu durissimo contro, io sono a favore”
  Droghe: le deleghe restano a Renzi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy