Domenica , 16 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Vade retro amnistia 
Dopo Renzi, ecco i “renzini”: Petrolo, Sonego… A Perugia ancora un suicidio
16 Ottobre 2013
 

Provate a digitare su Google “patacca” o “pataccata”. Ne ricaverete che, in Romagna in particolare, ha due diversi significati. Lo si usa per indicare una bella donna; oppure, se riferito a un uomo, a un cretino, uno sciocco, un buffone o sbruffone. L’equivalente di quello che in Veneto è un mona, in Toscana un bischero, in Lombardia un pirla.

Di sicuro né Domenico Petrolo (che oggi impariamo essere nientemeno che componente del Dipartimento cultura e informazione del Partito Democratico; e questo chiarisce tante cose), e il senatore, sempre del PD, Lodovico Sonego, non sono belle donne. Resta dunque l’altro significato.

Non erano sufficienti le bischerate demagogiche di Matteo Renzi (Emanuele Macaluso ha detto sul suo conto qualcosa di definitivo: non risolverà i problemi del PD, ne procurerà, piuttosto: «Ragiona per sondaggi, per puro calcolo utilitaristico. Si preoccupa di acchiappare il massimo consenso possibile, da qualunque parte provenga, ma poi se ne frega delle conseguenze sulle persone»); ecco subito dei “renzini” che provano a imitarlo.

Che cosa fa Petrolo, del Dipartimento cultura e informazione del PD? Scrive una noticina sull’Huffington Post; argomenti davvero originali, per sostenere che il NO all'amnistia è cosa di sinistra, e che piuttosto occorrono – grande! – le riforme.

«Se il grado di civiltà di una società si misura dalle sue prigioni come affermava Dostoevskij allora il grado di civiltà dell'Italia è veramente basso», riconosce Petrolo, dotta citazione (è o no del Dipartimento cultura?), accompagnata dalla “notizia” che il livello civile del nostro paese è basso (è o no del Dipartimento informazione?).

Sempre per non smentire d’essere uomo di cultura e informazione, ecco altre “notizie”: i detenuti in Italia al 31 ottobre 2012 erano 66.685 a fronte di una capienza regolamentare dei 206 penitenziari italiani di 46.795 posti; che sono indice di «un disastro che rende disumane le condizioni di vita dei detenuti e trasforma questi luoghi deputati alla riabilitazione in vere e proprie università del crimine»; infine la rivelazione: «Non ci sono dubbi: esiste da anni una questione carceri in Italia».

A questo punto, che ne ricava un esponente del Dipartimento cultura e informazione del PD come appunto Domenico Petrolo? Che non è detto «che l'unica soluzione sia aprire le porte ogni 7 anni? L'ultimo provvedimento è del 2006 ed oggi ci ritroviamo da capo a dodici. E probabilmente ci ritroveremmo cosi anche fra 7 anni».

Capito l’argomento cultural-informativo di Domenico Petrolo, del Dipartimento Cultura e informazione del PD? Certo, conviene: «Non possiamo accettare che i detenuti vivano nelle condizioni attuali». Non possiamo. Perché non possiamo? Ma perché «siamo al limite del rispetto dei diritti umani». Al limite. Ma non è un limite sufficientemente limite, per Domenico Patrolo, del Dipartimento Cultura e informazione del PD. Anzi, non è un limite per nulla. Anzi, quello che non è “accettabile” è che la politica, non riuscendo a produrre soluzioni strutturali, proceda con le solite soluzioni tampone che lanciano sempre lo stesso messaggio: il rispetto delle regole in questo Paese è un'opzione possibile ma non necessaria.

Solite”. Ogni sette anni, sono “solite”. E il rispetto delle regole… Passa mai per la testa di Domenico Petrolo del Dipartimento cultura e informazione del PD che il primo a violare le regole, le leggi, in questo Paese è proprio lo Stato? Che al rispetto delle regole, delle leggi, ci richiama la CEDU e ci ha dato ancora solo qualche mese, per provvedere? Che rispetto delle regole, delle leggi significa uscire dalla flagranza di reato in cui siamo immersi da anni, e che il problema è l’intollerabile durata dei processi, non solo la situazione delle carceri?

Domenico Petrolo, del Dipartimento cultura e informazione del PD, si è occupato, dice, per qualche anno di sicurezza per il comune di Roma. Anche questo spiega qualcosa. Occupandosene ha visto «sul campo quanto la “Legalità” sia naturalmente un valore di sinistra. Una comunità si fonda sul rispetto delle regole che si è data e quando non c'è il rispetto di tali regole a farne le spese sarà sempre il più debole. E la famosa “Sinistra” con la S maiuscola non dovrebbe stare dalla parte dei più deboli?». La domanda sorge a questo punto spontanea: c’è, o ci fa? Valga per lui quello che disse Marco Pannella a proposito di Dario Franceschini a “Ballarò”.

Il senatore piddino Lodovico Sonego viene avanti, al pari di Walter Chiari quand’era chiamato da Carlo Campanini. Il suo pensiero lo affida al Messaggero Veneto: «amnistia o indulto sono una soluzione sbagliata, lo dico avendo ben presente la situazione drammatica dell'amministrazione della giustizia e la condizione inumana delle carceri». Ha ben presente.

Giustizia e organizzazione carceraria, assicura il senatore Sonego «manifestano problemi cui va data una risposta all'altezza di un paese moderno e civile». E però, anche se “manifestano”, la risposta “all’altezza” non può essere «l'atto di clemenza di cui si parla»; che sarebbe un alzare «bandiera bianca perché in questo modo i problemi si eludono e non si risolvono».

Fissato con questi solidi argomenti che «il presupposto l'indulto o l'amnistia non sono la soluzione e l'esperienza di analogo deliberato parlamentare varato con Prodi e Mastella lo conferma», cosa propone il senatore Sonego? Tenetevi forte, perché è davvero qualcosa che nessuno avrebbe mai detto: «È dalla riforma e dall'edilizia penitenziaria che si deve iniziare». Data la risposta, il senatore si pone la domanda: «Ma è pensabile si riesca a fare in tempi brevi una convincente riforma e a migliorare l'ospitalità delle carceri sì da consentire che il dibattito sulla clemenza offra sbocchi ravvicinati? Vorrei dire di sì proprio perché ho in mente le carceri italiane eppure so che se lo facessi sarei ingannevole. Se le cose stanno così, e così stanno, la clemenza non è un problema odierno».

E dunque? E dunque, il senatore Sonego assicura che parteciperà «alla discussione che sull'argomento si svolgerà nel gruppo senatoriale del Pd con queste considerazioni e sollecitando l'inizio di quel cammino di riforme che comunque vanno fatte».

Nel frattempo, una notizia “non notizia”, una decina di righe diffuse dall’ANSA: «La testa infilata in un sacchetto e, accanto, il fornellino a gas: è stato trovato morto così ieri dalla polizia penitenziaria, riverso sul pavimento della cella nel carcere di Perugia, il forlivese Davide Valpiani, 49 anni, condannato all'ergastolo per l'omicidio di Vincenzo Di Rosa, fratello della sua compagna avvenuto nel 2005 a Cervia (Ravenna). Due giorni prima, riferisce il Resto del Carlino, aveva parlato al telefono con il difensore, Gianluca Alni: “Sono innocente. Faccia qualcosa”».

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 15 ottobre 2013)


Articoli correlati

  Rita Bernardini. Proposte di legge per riforma giustizia e carceri
  Carceri. Il decreto-legge della ministra Cancellieri è in vigore da oggi
  Lettera del Partito radicale al Partito democratico
  Carceri. Rita Bernardini: “Io sarò in Calabria e in Sicilia”
  Carceri assassine: è avvenuto oggi il primo suicidio del 2014
  Stefano Santarossa. Referendum radicali: Casson favorevole alla responsabilità civile dei magistrati
  8 marzo a Salerno assieme alle Dame Bianche
  Emiliano Silvestri. Perché è importante un voto alla lista “Amnistia Giustizia Libertà”
  Alessandro Barchiesi. Convivenza carceraria
  Valter Vecellio. Giustizia giusta: la lezione di diritto che (ancora una volta) ci viene dall’Europa
  Carceri/San Vittore: Presidio radicale accoglie Napolitano al grido “Amnistia”
  Amnistia, giustizia e libertà: così il Garante dei detenuti di Sondrio
  Radicalweb. #iostoconMarco contro lo Stato fuorilegge
  Respinto dalla Corte Europea per i Diritti dell'Uomo il ricorso dell’Italia
  Mario Staderini. Caro Epifani, l'amnistia è per la Repubblica, non per Berlusconi
  Giorgio Napolitano: “La detenzione non deve umiliare la dignità delle persone”
  La clemenza necessaria. Amnistia, indulto e riforma della giustizia
  Rita Bernardini. Incontro con il Ministro della giustizia Annamaria Cancellieri
  Milano. Domani sit-in a San Vittore a conclusione della 5 giorni nonviolenta
  Rita Bernardini. A Regina Coeli con Marco Pannella e Roberto Giachetti
  Indulto e amnistia. Lo chiede il Presidente della Repubblica con un messaggio al Parlamento
  Vincenzo Donvito. Italia-America Latina: Business e cocaina? Far finta di nulla...
  Marco Perduca. Giustizia: Renzi lanci “contrordine compagni”
  Matteo Renzi: “1.000 tavoli per l'Italia”
  Marco Lombardi. À la guerre comme à la guerre
  Lidia Menapace. Il “nuovo” (?) mondo
  “Sulle carceri l'Italia rischia un miliardo”
  Amnistia: “Renzi fu durissimo contro, io sono a favore”
  Il Presidente incarichi Enrico Letta
  Carlo Forin. È sbagliato il quesito costituzionale
  Mellana. Il dubbio
  Nonviolenza. Matteo Renzi scrive al responsabile del “Centro di ricerca per la pace” di Viterbo
  Lidia Menapace. Identità
  Matteo Renzi, sindaco di Firenze. Biglietto gioioso di Anna Lanzetta
  Annagloria Del Piano. Il colpaccio di Renzi
  Prostituzione e Sindaco di Firenze. Il vecchio che avanza... o i 'parchi del sesso'?
  Lidia Menapace. Primarie PD: quali prospettive?
  Arezzo-Firenze. Comitato 13 Maggio sui criteri di rappresentanza di Matteo Renzi
  L'irriverente. Le mimetiche dei potenti...
  Benedetto Della Vedova. Dopo il congresso si conclude la mia esperienza in Scelta Civica. Ecco perché
  “Un’altra Italia è già qui! Basta farla entrare!”
  Marco Perduca. Adesso Renzi smantelli il Dipartimento politiche antidroga
  Martina Simonini. “Non mi adeguo”. E sto con Civati
  Roberto Malini. Arriva l'era di Matteo Renzi
  Roberto Malini: Matteo Renzi è vicino alla comunità LGBT?
  Gianni Somigli. Renzi e la spina laicità
  Droghe: le deleghe restano a Renzi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy